Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1250. L’assciutta1 der 34

 

C’è antro2 da penzà cche a ffà li pianti
perché nnun piove in nell’Agro-romano,
perché la secca manna3 a mmale er grano,
e pperché mmoriremo tutti quanti.

 

Questi ttutti guai pe l’iggnoranti.
Quello che ddeve affrigge4 oggni cristiano
è ccher Zagro Colleggio nun è ssano5
e ccià ttredisci Titoli vacanti.6

 

Su’ Santità vorebbe provedelli,
ma, ffra ttanti prelati, indove azzecchi
pe ddà le teste a ttredisci cappelli?

 

Però, cquanno de mejjo nun ze trovi,
in ner pesà li cardinali vecchi
sc’è7 da pijjà ccoraggio pe li novi.

 

27 aprile 1834

 




1 La siccità.

2 C’è altro.

3 Manda.

4 Affliggere.

5 Non è intiero.

6 Nessuno ignora ogni cardinale essere incardinato ad una chiesa, donde trae il suo Titolo.

7 Ci è.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License