Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1254. La bbona nova*

 

Dunque nun c’è ppiú inferno! alegramente.
Ecco er tempo oramai de fasse1 ricchi.
Dunque er dellà2 è un inzoggno3 de la ggente,
e nnun resta ch’er boja che ccimpicchi.

 

Sgabbellato4 l’inferno, ar rimanente
se saperà ttrovà chi jje la ficchi.
Li ggiudisci nun 5 Ddio nipotente,
e cqui abbasta a spartí bbene li spicchi.6

 

La lègge, è vvero, è una gran bestia porca;
ma l’inferno era peggio de la lègge,
e ffasceva ggelà ppiú dde la forca.

 

L’onor der monno? e cche ccos’è stonore?
Foco de pajja, vento de scorregge.7
Er tutto è nnun tremà cquanno se8 more.

 

29 aprile 1834

 




* Va subito appresso al precedente.

1 Di farsi.

2 Il di-là.

3 Sogno.

4 Evitato.

5 Non sono.

6 Basta a far bene le porzioni.

7 Peti (con riverenza parlando).

8 Si.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License