Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1255. Li dannati

 

Fijji, a ccasa der diavolo se1 vede,
tutt’in un mucchio, facce, culi e ppanze,
e ggnisuno llaggiú ppò stacce a ssede2
co le duvute3 e ddebbite distanze.

 

Figurateve ccosa succede
fra cquelle ggente llà ssenza creanze!
carci4 spinte, cazzotti: e ss’ha da crede5
scànnoli6 d’oggni sorte e ggravidanze.

 

, ggravidanze: e cchi ppò ddí er contrario?
quanno se sa ccar giorno der giudizzio
ce s’annerà cco ttutto er nescessario?

 

Ommini e ddonne! oh ddio che ppriscipizzio!
Come a l’inferno er Cardinal Vicario
troverà mmodo da levajje7 er vizzio?

 

29 aprile 1834

 




1 Si.

2 Starci a sedere.

3 Dovute.

4 Calci.

5 Da credere.

6 Scandali.

7 Levargli, levar loro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License