Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1260. L’omo e la donna

 

«», strillava, «è ggiustizzia da galerra1


che nnoi povere donne disgrazziate
sempre avemo da èsse soverchiate
come fússimo statüe de terra.

 

Voiantri purcinelli de la Scerra
date fora l’editti, predicate,
dite messa, assorvete, ggiustizziate,
e, ppe gionta de ppiú, ffate la guerra.

 

Cos’ha, ppiú de la donna, un galeotto
d’omaccio, pe pprotenne2 in oggni caso
de stà llui sopra e dde tiené3 llei sotto?

 

Cos’ha dde ppiú? una mano, un piede, un stinco,
una bbocca, un’orecchia, un occhio, un naso?».
Allora io: «Nu lo sapete? un pinco».4

 

30 aprile 1834

 




1 Dalla massima parte del popolo galera è pronunziata galerra.

2 Pretendere.

3 Di tenere.

4 Vedi il Sonetto..., al quale questo vocabolo può servire di appendice.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License