Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1267. Er battesimo der fijjo maschio

 

Cosa 1 sti fibbioni sbrillantati,2
sto bber cappello novo e sto vistito?
Sta carrozza ch’edè?3 cchedè stinvito
de confetti, de vino e dde ggelati?

 

E li sparaggni tui4 l’hai massagrati,
cazzo-matto somaro sscimunito,
perché jjeri tu’ mojje ha ppartorito
un zervitore ar Papa e a li su’ frati?!

 

Se5 fa ttantalegria, tanta bbardoria,6
pe bbattezzà cchi fforzi7 è ccondannato,
prima de nassce,8 a cojje9 la scicoria!

 

Poveri scechi!10 E nnun ve sete accorti
ch’er libbro de bbattesimi in sto Stato
se potería11 chiamà llibbro de morti?

 

22 maggio 1834

 




1 Sono.

2 Brillantati, non già adorni di brillanti, ma lavorati a faccette forbite e rilucenti.

3 Che è?, cosa è?

4 I risparmi tuoi.

5 Si.

6 Baldoria: esultanza strepitosa.

7 Forse.

8 Di nascere.

9 A raccogliere.

10 Ciechi.

11 Si potrebbe.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License