Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1270. Li Prelati e li Cardinali

 

Pìjjete gusto: guarda a uno a uno
tutti li Cardinali e li Prelati;
e vvederai che de romani nati
sce ne 1 ppochi, o nnun ce n’è ggnisuno.2

 

Nun ze3 sente che Nnapoli, Bbelluno,
Fermo, Fiorenza, Ggenova, Frascati...
e cqualunque scittà lli ppiú affamati
li manna4 a Rroma a ccojjonà er diggiuno.

 

Ma ssaría poco male lo sfamalli
er pegg’è cche de tanti che cce trotteno5
li somari ppiú de li cavalli.

 

E Rroma, indove viengheno6 a ddà ffonno,
e rrinnegheno Iddio, rubben’e ffotteno,
è la stalla e la chiavica der Monno.

 

27 maggio 1834

 




1 Ce ne sono.

2 Nessuno.

3 Non si.

4 Manda.

5 Ci trottano. Trottare, per «accorrere».

6 Vengono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License