Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1276. Li dilitti d’oggiggiorno

 

Don Marco fu cconvinto d’adurterio,
e er Papa l’assorvé ccome innoscente.
Diede in culo a li fijji de Saverio,
e er Papa disse: «Nun è vvero ggnente».

 

Ha ffatto stocchi,1 furti, e un diavolèrio
de fede farze contro tante ggente,
e er Papa se n’e usscito2 serio serio:
«Nun ci vojjamo crede un accidente».

 

Arfine jjeri pe vvoler divino
una spia je soffiò ste duparole:
«Santo Padre, don Marco è ggiacubbino».

 

E er zanto Padre, in ner momento istesso,
sentennose3 toccà ddove je dole,
lo condannò da lui4 senza proscesso.

 

4 giugno 1834

 




1 Trufferie di danano.

2 Se n’è uscito: se n’è disimpegnato col dire, ecc.

3 Sentendosi.

4 Da sé medesimo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License