Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1278. Er motivo prencipale

 

A gguardà bbene, er Papa, appress’a ppoco,
è un omo fatto d’ossa, carne e ppelle,
co la bbocca, li denti e le bbudelle,
e li membrucci sui tutti ar zuloco.

 

Èccheve1 la raggion de le gabbelle:
pe vvia che2 li quadrini che ddà ar coco
acciò jje metti3 un po’ de pila ar foco,
nun je ponno fioccà ggiú dda le stelle.

 

Paga poi lavatura e stiratura,
lumi, vestiario, spie, preti d’ajjuto,
stalla, e ddufronne4 de villeggiatura;

 

com’ha da vive5 er povero Siggnore?
Manna6 un editto, e ddisce: «Ho rrisoluto,
popolo mio, de rosicatte7 er core».

 

5 giugno 1834

 




1 Eccovi.

2 Imperocché.

3 Gli metta.

4 Due fronde: un tantino.

5 Vivere.

6 Manda.

7 Rosicarti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License