Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1282. La ggiustizzia pe li frati

 

In primo logo, un frate, anche a vvolello
pien de dilitti e ccarico de fijji,
un governo eccresiastico è ppe cquello
senz’occhi, senz’orecchie e ssenzartijji.

 

Inortre li Conventi hanno un fraggello1


d’arberinti2 e dde tanti annisconnijji,3
che mmànnesce4 qualunque bbariscello5
e mme tajjo la testa si6 lo pijji.

 

Finarmente, te vojjo anche concede
ch’er frataccio sii trovo e ccarcerato
quer ch’imbrojjeno poi come se7 vede?

 

Malappena er bisbijjo s’è acquietato,
je muteno convento, e cche ssuccede?
Chi ha aúto ha aúto,8 e cquer ch’è stato è stato.

 

7 giugno 1834

 




1 Una infinità.

2 Di laberinti.

3 Nascondigli.

4 Mandaci.

5 Bargello.

6 Se.

7 Si.

8 Chi ha avuto ha avuto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License