Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per attivare i link alle concordanze

1454. La Rufinella

 

L’avocato marchese mi’ padrone
disce che a ggiorni vò stampà in un puscolo1


che all’ombra de le scerque2 de l’Attuscolo3
sce spasseggeno4 Marco e Cciscerone.

 

Se5 dà un spropositone ppiú mmaiuscolo
compaggn’a sto su’ gran spropositone?
Volemo dí6 er calor de la staggione
che jj’abbi fatto dà de vorta ar muscolo?7

 

Io sò stato co llui pe ppiú d’un mese
fisso a la Rufinella, e, amico caro,
ortr’a ppochi villani e quarch’ingrese,

 

ecco quelli che cciò8 ssempre incontrati:
l’arciprete e la serva, e cquer zomaro
der maestro de scòla de Frascati.

 

22 gennaio 1835

 




1 Opuscolo.

2 Quercie.

3 Tuscolo.

4 Ci passeggiano.

5 Si.

6 Vogliamo dire.

7 Un servitore, da noi conosciuto, per dire il cerebro, diceva sul serio il muscolo celebre; e ciò per la bella ragione della muscola del naso.

8 Ci ho.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License