Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per attivare i link alle concordanze

1798. Er rifresco der zor Giachemo1

 

Serva sua, siggnor Giachemo. È ppremesso?2
Se pò entrà?3 Ccome va la partoriente?
Oh mmanco male, via, nun zarà ggnente.
Dio la conzòli co mmill’antri4 appresso.

 

E er pupetto? Che nnome j’hanno messo?
Perché, inzomma, vedenno tanta ggente,
me vojjo figurà nnaturarmente
che ll’hanno, dico, bbattezzato adesso.

 

E cchi ha aúto,5 s’è lléscito, l’avvanto6
d’èsse7 er compare? Ih, gguardi, er zor Cassciano!
Me n’arillegro tanto, tanto, tanto.

 

Dunque lei je lo dàssivo8 pagano
e llui cor un po’ d’acqua e dd’ojjo santo,
eccolo llí, vve l’aridà9 ccristiano.

 

22 febbraio 1836

 




1 Il rinfresco del signor Giacomo.

2 È permesso?

3 Si può entrare?

4 Con mille altri.

5 Avuto.

6 Il vanto.

7 D’essere.

8 Glielo daste.

9 Ve lo ridà.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License