Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per attivare i link alle concordanze

2031. L’innustria der mestiere

 

Ve do pprima du’ essempi, eppoi me spiego.
Che addopra in ne le cammere er pittore?
colori senza colla. Er muratore?
dà ccarcia senza carcia e ssenza sprego.

 

Er cerarolo spaccia all’aventore
cannelotti coll’anima de sego.
Fin quer zervo-de-ddio de mastro Diego
lavora leggno fresco e sse fa onore.

 

Ecco: io dunque, che ssò mmatarazzaro,
m’ingeggno co le scímisce, e a ’ggni letto
ar men’ar meno sce ne ficco un paro.

 

Lassa che ppoi la scimiscetta covi,
e in cap’a un mese o ddua co sto ggiuchetto
vedi si ffai li matarazzi novi.

 

13 agosto 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License