Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per attivare i link alle concordanze

2123. Er prete capr’e ccavoli

 

«Viè, ffa’ ppresto, cazzeo, ché ppassa er morto».
«E cche cc’è da vedé? ssarà incassato...».
«No, nno, è scuperto». «Oh ccristo! è er zor Donato!».
«Oh ccazzo! è vvero. E cchi sse n’era accorto?»

 

«Uh cche mmiseria! che mmortorio corto!
Eppuro era parente der Curato!...».
«Sí, mma cquesto è ll’arède e ha ggià mmaggnato,
e mmó vvò sparaggnà ssu lo straporto.

 

«E ar beccamorto je lo tara er prezzo?»
«Ôh, in quant’ar beccamorto, don Grigorio
ce sta ssempre d’accordo e ffann’a mmezzo».

 

«Ma er morto nun ce perde d’interresse?»
«Nōo; ssi er prete arisega in ner mortorio,
fa un dindarolo e jje lo sconta a mmesse».

 

2 gennaio 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License