Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per attivare i link alle concordanze

368. Er marito de la serva

 

Nun zerv’a ddí: cquann’uno è ddisgrazziato
tutti strilleno ar lupo e ddanno sotto.
Si Cchecca va ppulita e ss’è avanzato
cuarche bbajocco, è pperché vvince all’Otto.1

 

Cuer pettine che ttiè sott’ar cappotto,
sissignora, je l’hanno arigalato:
e ha ppreso a la padrona er manicotto,
acciò nu jje l’avessino arubbato.

 

Nun c’è da dajje un cazzo farzamento2
pe onore a Cchecca: e ssi cce vò pperzone
pe ttestimoni, pò pportanne scento.

 

In cuanto ar fatto poi de le corone,
cuanno sce sò le medajje d’argento
bbenedette, le vò ppe ddivozzione.

 

22 gennaio 1832 - De Pepp’er tosto

 

 




1 Al lotto.

2 Dar falsamento a chicchessia, vale: «vincerlo a confronto».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License