Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
P. Fabio Ciardi, OMI
Il carisma dei Fondatori e delle Fondatrici...

IntraText CT - Lettura del testo

  • 1. La dimensione evangelica della vita religiosa
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1. La dimensione evangelica della vita religiosa

È noto come uno dei primi nomi con cui è stata designata la vita religiosa è “vita evangelica”. È nata dal Vangelo, dal desiderio di vivere con radicalità gli insegnamenti di Gesù, di condividere appieno la sua stessa vita in comunione di ideali e di destino.

Possiamo, ancora una volta, lasciare che i nostri Padri ci raccontino la loro esperienza al riguardo?

Il primo è certamente Antonio del deserto, padre del monachesimo. La sua storia, e con essa la storia di ogni successiva espressione di vita religiosa, quindi anche la nostra storia, inizia quando un giorno, in chiesa, ascolta la parola di Cristo: «Se vuoi essere perfetto, va’, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; poi vieni e seguimi» (Mt 19,21). L’avventura di Antonio il Grande inizia con l’obbedienza alle Scritture, come dirà espressamente in una delle sue lettere, parlando dei monaci: «Quando la parola di Dio li raggiunse, non ebbero la minima esitazione, ma la seguirono prontamente» (Lett 1,1). È la parola di Dio che motiva la sua scelta. Le prime pagine della Vita Antonii continuano ad attestare la centralità della Parola nell’itinerario spirituale: «stando attento alla lettura ne custodiva in sé il frutto copioso» (1,3); «stava così attento alla lettura delle Scritture, che nulla di quanto vi è scritto ricadeva sterile in terra della sua mente» (3,7). San Girolamo dirà che Antonio «con la lettura assidua e lunga meditazione aveva fatto del suo cuore la biblioteca di Cristo» (Ep 60,10).

La Bibbia è, a tutti gli effetti, il libro del monaco; e questo anche materialmente. Secondo Evagrio Pontico il monaco poteva possedere solo «la cella, il mantello, la tunica e il Vangelo»1.

Le prime Regole sono semplici norme pratiche, senza alcuna pretesa di contenuti spirituali. La sola Regola del monaco, come per ogni cristiano, è semplicemente la Scrittura. «Sono le Scritturescriveva Orsiesi, discepolo e successore di Pacomio – che ci guidano alla vita eterna e il nostro padre [Pacomio] ce le ha consegnate e ci ha ordinato di meditarle continuamente (...)» (Libro, 51). Anche per Basilio unica Regola è la Scrittura. Non ha mai chiamato Regola, quella che fino ad oggi è ritenuta tale. Il suo punto di riferimento sono piuttosto un suo altro libro, i Moralia, che consiste semplicemente in una raccolta di testi biblici ordinati per temi: circa 1500 versetti del Nuovo Testamento. Ecco la sua vera regola: la Parola di Dio!

Anche in seguito gli iniziatori delle diverse famiglie religiose continueranno ad essere animati da un unico anelito: vivere il Vangelo.

Tutta la Regola di Benedetto è posta all’insegna dell’ascolto della Parola di Dio: «Ascolta, figlio…» (RB Prologo 1); «Ascoltiamo la voce di Dio che ogni giorno si rivolge a noi…» (RB Prologo 9); «Che cosa vi può essere di più dolce per noi, fratelli carissimi, di questa voce del Signore che ci chiama?» (RB Prologo 19). Si tratta di diventare discepoli della Parola, di ascoltarla, di accoglierla, di metterla in pratica: «Il Signore aspetta che noi ogni giorno rispondiamo con i fatti ai suoi santi ammonimenti» (RB Prologo 35). Benedetto stima la sua Regola come una semplice iniziazione per i principianti, per il resto rimanda alla Scrittura quale «norma rettissima per la vita dell’uomo» (RB 73,2-5).

Nella Regola attribuita a san Bruno troviamo scritto: «Il Vangelo di Nostro Signore Gesù Cristo, interpretato dai dottori della Chiesa cattolica, servirà da regola a tutti i Certosini»2. Anche per Francesco d’Assisi la Regola è «la vita del vangelo di Gesù Cristo» (Regola non bollata, Titolo: FF 2,2). La Regola bollata inizia con lo stesso tenore: «La Regola e la vita dei frati minori è questa, cioè osservare il santo vangelo del Signore nostro Gesù Cristo... » (I, 2: FF 75), avendogli l’Altissimo rivelato che avrebbe dovuto vivere «sotto la forma del santo vangelo» (Testamento, 17: FF 116).

Ma veniamo agli ultimi secoli, visto che la maggior parte di noi appartengono a congregazioni religiose. Ci introduciamo in un terreno minato. È noto infatti che alla fine del medioevo si è operato un progressivo distanziamento tra la vita spirituale e la Parola di Dio, fino a parlare di “divorzio3. «Con l’emergere della teologia sistematica all’epoca scolastica e poi con l’emanciparsi di una esegesi critica come scienza autonoma, l’unità di queste discipline si rompe, fino a radicalizzarsi con l’avvento dell’epoca moderna. Con il Rinascimento e l’Umanesimo infatti, l’esegesi si stacca dalla teologia, la teologia si stacca dall’esegesi, la spiritualità è staccata dalla dogmatica e dall’esegesi, la predicazione ignora spesso l’esegesi e la dogmatica, divenendo moralizzante; si arriva cioè ad una progressiva separazione e rottura delle discipline teologiche (...)»4.

Per gli ultimi secoli si è potuto parlare, almeno per la Chiesa cattolica, di “esilio” della Parola di Dio, soprattutto tra i laici ai quali l’accesso alla Sacra Scrittura era di molto limitato, quando non era addirittura precluso. È un giudizio severo, condiviso da molti autori, tra cui H. de Lubac, H. Urs von Balthasar, S. Marsili, B. Calati, E. Bianchi.

Anche i fondatori e le fondatrici di questo periodo, hanno abbandonato la Scrittura? Oppure, con la tradizione monastica e mendicante, hanno continuato a cercare in essa la sorgente e l’alimento costante della loro ispirazione e della loro opera?

Certi giudizi sommari, se pur indicano delle tendenze comuni, vanno presi con beneficio d’inventario. E in questo caso l’inventario è ricco di testimonianze positive. Mentre alcuni teologi come Melchior Cano asserivano che le donne non avrebbero dovuto mai prendere in mano la Bibbia perché per esse la Scrittura è un cibo pericoloso, Teresa d’Avila attingeva abbondantemente alla fonte della Parola di Dio, convinta che «tutto il danno che si trova nel mondo dipende dal non conoscere la verità della Scrittura con chiara verità» (Vita 40,1). Mentre da un lato la Parola di Dio va in “esilio”, lasciando tanta parte del popolo di Dio, dall’altra trova piena accoglienza e pone la sua dimora in uomini come Ignazio di Loyola (1500), Francesco di Sales (1600), Alfonso de Liguori (1700). Anche in questi secoli nei quali la Parola di Dio sembra sia stata oscurata essa ha continuato ad essere sorgente di sempre nuove forme di vita evangelica. P. Barré, fondatore delle Suore del Bambino Gesù, nel 1600 poteva scrivere: «La mia vita è tutta Vangelo vissuto».

Cosa dire poi dell’Ottocento, il periodo più fecondo di congregazioni? Il mio desiderio sarebbe quello di coinvolgere tutti voi nella condivisione dei doni di cui siamo eredi e custodi. Potrò sperare di ricevere ciò che hanno detto e scritto i vostri fondatori e fondatrici sull’ispirazione evangelica della loro fondazione? Mi limito ad alcuni esempi significativi.

Pier Giuliano Eymard, fondatore di una congregazione maschile e di una femminile, ancora da semplice sacerdote, afferma: «Un prete che passa un giorno senza leggere la Scrittura ha perso la sua giornata». Lui non perdeva la sua giornata. Al termine di un’esperienza particolare vissuta il 25 maggio 1845, aveva infatti scritto: «Ho domandato a Nostro Signore lo spirito delle Lettere di S. Paolo, questo grande amante di Gesù Cristo. Da oggi inizierò a leggerle, almeno due capitoli al giorno». Quando fonda la congregazione del SS. Sacramento, mantiene questa attenzione per la Scrittura, tanto che nelle Costituzioni porrà come dovere del religioso leggerla e meditarla; quelli impegnati nella predicazione dovranno nutrirsene, esserne “pieni”; quelli che svolgono il ministero della confessione dovranno prepararsi con “frasi della Sacra Scrittura”. Ma è soprattutto la sua esperienza personale che fa testo. Il 24 febbraio del 1865, durante il Ritiro di Roma, Eymard si appunta questa meditazione: «Gesù è la parola del Padre, il “Verbo del Padre”. Egli ripete la parola divina con rispetto: essa è divina, essa è santa. La ripete con amore: essa è una grazia, “sono spirito e vita”. La ripete con efficacia - perché essa deve santificare il mondo, ricrearlo alla luce della verità, riscaldarlo con il fuoco dell’amore, e un giorno giudicarlo, “Non ci ardeva forse il cuore nel petto mentre conversava con noi lungo il cammino?”. La parola di Gesù Cristo è “spirito e vita”, è onnipotente, “se le mie parole rimangono in voi, chiedete quel che volete e vi sarà dato” – “egli parla e tutto è fatto” - Le parole di Gesù Cristo sono i raggi di questo sole di verità “io sono la luce del mondo” - esse sono la luce in mezzo alle tenebre». Da questa riflessione, trae una conclusione interessantissima: «Ora io devo essere per i miei confratelli e per il prossimo la “parola di Cristo”». E qui Eymard si rivela per quello che è autenticamente, un fondatore, ossia la “parola di Cristo” fatta vita.

«Oh Gesù - prega durante un ritiro alle Ancelle del SS. Sacramento -, sii la mia luce, la mia nube del deserto, mio unico Maestro. Non desidero altro! Sii la mia unica scienza; al di fuori di te, tutto è niente per me. Parlami come ai discepoli di Emmaus: che il mio cuore si infiammi ascoltandoti».

L’ispirazione missionaria di Antonio Maria Claret, fondatore di più Istituti, è radicata in un’esperienza della Parola di Dio che potremmo definire mistica. «Le vite dei santi che ogni giorno leggevamo a tavola, e le letture spirituali, in particolare, mi aiutavano a questo – racconta nella sua Autobiografia, riferendosi alla comprensione della sua vocazione -. Ma quello che più mi muoveva e incitava era la lettura della Sacra Bibbia, alla quale sono stato sempre molto affezionato». Una affezione che si esprimeva concretamente nella lettura quotidiana di due capitoli della Bibbia, quattro in Quaresima, nel portarla sempre con sé durante i viaggi, nel raccomandarne la lettura, nella pubblicazione di una edizione bilingue. Ma in questa esperienza degli inizi c’è qualcosa di più. Non è lui che ama e vuol penetrare la Parola di Dio, è la Parola di Dio che ama lui e gli si rivela. «Vi erano passicontinua nel suo racconto - che mi facevano un’impressione così viva, che mi pareva di udire una voce che ripeteva per me quello che leggevo». Ci riporta quindi tutta una serie di versetti dall’Antico come del Nuovo Testamento che si riferiscono alla missione evangelizzatrice e che lo ispirano nella vocazione. Li introduce con frasi che indicano un manifestarsi di Dio stesso nella sua Parola: «Da tali parole comprendevo che il Signore mi aveva chiamatoConobbi… Il Signore mi diceva… Con queste parole il Signore mi faceva conoscere… il Signore mi fece capire… In modo tutto particolare, il Signore mi fece intendere quelle parole: Spiritus Domini super me et evangelizzare pauperibus misit me Dominus et sanare contritos corde… In molti passi della Sacra Scrittura sentivo la voce del Signore che mi chiamava perché andassi a predicare» (Autobiografia, 113-120). Sono frasi che indicano la profonda origine e motivazione biblica di un carisma.

Diverso eppure sempre profondamente biblico è l’itinerario di don Giovanni Bosco. Non possiamo attenderci da lui – non è nella sua natura – che ci racconti la sua esperienza mistica a contatto con la Parola di Dio. Basta vederne il vasto impiego nel campo dell’educazione dei giovani per rendersi conto che, a monte, vi è un’assiduità costante con la Scrittura: un’ispirazione. La Bibbia è stata una delle fonti privilegiate della sua impostazione educativa - nella predicazione, nella catechesi, nella liturgia, nella comunicazione, nei Regolamenti - e quindi delle sue fondazioni. Raccontando di una sua discussione con il suo parroco su un passo evangelico, il biografo nota che «Don Bosco sapeva a memoria e aveva meditato tutto il Nuovo Testamento»5.

La parola di Dio è per lui «luce perché illumina l’uomo e lo dirige nel credere, nell’operare e nell’amare. [Possiamo ascoltare qui una eco della sua esperienza personale?] È luce perché sminuzzata e ben insegnata mostra all’uomo quale strada debba battere per giungere alla vita eterna e felice. È luce perché calma le passioni degli uomini, le quali sono le vere tenebre, tenebre folte e pericolose tanto da non potere essere diradate se non dalla parola di Dio. È luce, perché a dovere predicata infonde i lumi della grazia divina nel cuore degli uditori e fa loro conoscere la verità della fede»6. È quindi in essa che attinge per la sua attività catecheticoeducativa. Sa infatti che «il cristiano [il fondatore? possiamo domandarci] è colui che ha la Divina Parola per guida». Don Bosco nella sua attività evangelizzatrice ed educativa si dimostra consapevole di questo compito: riferirsi innanzitutto alla Parola di Dio. Volle che iscrizioni tratte dalla Sacra Scrittura fossero dipinte a diverse riprese sotto i portici di Valdocco. La prima serie di scritte bibliche apparve sotto il portico accanto alla chiesa di S. Francesco di Sales nel 1856. Il biografo commenta: «Don Bosco fu molto contento quando Enria ebbe finito la pittura di queste iscrizioni. Nei sermoni della sera egli soleva spiegarle brevemente; e passeggiando con qualche forestiero sotto il porticato, si dilettava spesso a leggere quelle massime bibliche, qualificandole articoli del suo codice, che costituiscono, come diceva, l’arte di ben vivere e di ben morire». Si tratta di 30 citazioni bibliche, scritte in latino con relativa traduzione italiana. Alle citazioni scritte sui muri occorrerebbe aggiungere le costanti citazioni nei suoi scritti e nelle sue conversazioni: a volte in italiano, a volte in latino; citazioni esplicite o implicite che possono risultare una “conflazione” di più testi; citazioni anche errate o approssimative, oppure a carattereaccomodatizio”. «Don Bosco non si faceva problema di fedeltà al dettato della Bibbia, quando erano in gioco la complessità e la sensibilità etica e pedagogica sua e dei suoi interlocutori» (Stella). Il suo costante ricorso alla Bibbia ha una finalità morale, educativa, didattica; serve ad indirizzare e a motivare la risposta dell’uomo all’azione di Dio, che è come presupposta e scontata. Lo si potrebbe esprimere con le sue parole famose nella prefazione alla prima edizione della Storia Sacra: «Illuminare la mente per rendere buono il cuore».

Potremmo proseguire lungo tutto il Novecento. Don Luigi Orione sembra anticipare il documento conciliare Perfectae caritatis n. 2 quando scrive: «Nostra prima Regola e vita sia di osservare, in umiltà grande e amore dolcissimo e affocato di Dio, il Santo Vangelo»7. Don Giacomo Alberione asserisce, senza alcun’ombra di dubbio, che la Famiglia Paolina «aspira a vivere integralmente il vangelo di Gesù Cristo»8. E la piccola sorella Magdeleine: «Noi dobbiamo costruire una cosa nuova. Una cosa nuova che è antica, che è l’autentico cristianesimo dei primi discepoli di Gesù. È necessario che riprendiamo il Vangelo parola per parola»9.

Veramente possiamo dire, con il Concilio Vaticano II, che il seguire Cristo come viene proposto nel Vangelo è la «norma ultima della vita religiosa», «la regola suprema» di tutti gli istituti (Perfectae caritatis, n. 2).

Si comprende così anche l’insegnamento di Vita consecrata dove parla della presenza e del valore della Parola di Dio. Il documento pontificio legge la storia della molteplicità delle forme di vita consacrata «come una pianta dai molti rami, che affonda le sue radici nel Vangelo e produce frutti copiosi in ogni stagione della Chiesa» (5). Riconosce quindi che fondatori e fondatrici nell’accoglienza della vocazione e nel discernimento del carisma e della missione del proprio Istituto si sono costantemente riferiti ai testi evangelici e gli altri scritti neotestamentari (94). Ed è grazie alla frequentazione della Parola di Dio che «hanno tratto la luce necessaria per quel discernimento individuale e comunitario che li ha aiutati a cercare nei segni dei tempi le vie del Signore» (94). Ugualmente, sulle orme di fondatori e fondatrici «tante altre persone hanno cercato, con la parola e con l’azione, di incarnare il Vangelo nella propria esistenza» (9).

Perché nata dal Vangelo e vivendo di Vangelo l’Esortazione apostolica riconosce alla vita consacrata il compito peculiare «di tener viva nei battezzati la consapevolezza dei valori fondamentali del Vangelo» (33), di essere di stimolo alle altre componenti ecclesiali nel quotidiano impegno di testimonianza al Vangelo (53), di operare quella funzione di segno, già segnalata dal Concilio Vaticano II, che «si esprime nella testimonianza profetica del primato che Dio ed i valori del Vangelo hanno nella vita cristiana» (84). Citando poi Paolo VI ricorda che «senza questo segno concreto, la carità che anima l’intera Chiesa rischierebbe di raffreddarsi, il paradosso salvifico del Vangelo di smussarsi, il “sale” della fede di diluirsi in un mondo in fase di secolarizzazione». Per poi concludere che «alla Chiesa sono necessarie persone consacrate le quali, prima ancora di impegnarsi a servizio dell’una o dell’altra nobile causa, si lascino trasformare dalla grazia di Dio e si conformino pienamente al Vangelo» (105).

La vita religiosa si radica dunque, fin dal suo inizio e lungo tutta la sua storia, sulla Parola di Dio e ne è una sua espressione. È la più chiara l’attestazione che non di solo pane vive l’uomo, ma della Parola di Dio (cfr Mt 4, 4).





1 Citato da G.M. Colombás, El Monacato primitivo, II. La espiritualidad, BAC, Madrid 1975, p. 81.



2 Citato da Y. Gourdel, Chartreux, in Dictionnaire de spiritualité, II, 714.



3 Cf. F. Vandernbroucke, Le divorce entre théologie et mystique. Ses origines, “Nouvelle Revue théologique” 82 (1950) 372389; J. Leclercq, Jalon dans une histoire de la théologie spirituelle, “Seminarium”, NS 14 (1974) 111–121.



4 I. de la Potterie - G. Zevini, L’ascolto “nello Spirito”. Per una rinnovata comprensionespirituale” della S. Scrittura, in Ascolta...!, “Parola, spirito e vita”, 1, EDB, Bologna 1979, p. 10.



5 Memorie Biografiche II, 510-511.



6 Il cattolico nel secolo, in Opere Edite XXXIV, pp. 369-370.



7 Lettere di Don Orione, Ed. Piccola Opera, Roma 1969, vol. II, p. 278.



8 «Abundantes divitiae gratiae suae». Storia carismatica della Famiglia Paolina, Roma 1977, n. 93.



9 Piccola Sorella Magdeleine, Il padrone dell’impossibile, PIEMME, Casale Monferrato 1994, p. 201.





Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License