Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Ludovico Ariosto
I cinque canti

IntraText - Concordanze

(Hapax - parole che occorrono una sola volta)


abban-calar | calas-dolce | dolci-inett | infam-ondeg | onest-rifan | rifer-tagli | tago-zucch

                                                               grassetto = Testo principale
     Canto,  Ottava                                            grigio = Testo di commento
2502 1, XCIII | ascose~i Maganzesi, avendo riferite~del dono a chi 'l donò grazie 2503 1, XXXIII | di nuovo piglia;~poi la rifiuta et ad un'altra passa;~muta 2504 2, XXVII | e scenda ne la terra~che riga il Po, l'Ada, il Ticino 2505 3, XVI | Francia, non avrei tanti riguardi;~benché, né senza ancor, 2506 4, LVII | senza aver all'onor mio riguardo~che quivi ero signor, egli 2507 5, XLIX | e l'altro la figura~d'un rilevato scoglio avea ritratta,~che 2508 5, LXVII | aperta;~e la testa che l'elmo rilucente~tenea difesa, gli fe' più 2509 4, III | concedo che v'ha offese la mia rima:~ma per una ch'in biasmo 2510 2, XXIV | Gli promesse ella indietro rimandarlo~senza alcun danno; e in 2511 2, VII | di tormentarle mai non rimanea.~Or dirò il nome, ch'io 2512 5, XIII | arroganza:~e potea Carlo rimaner disfatto~se Dio, che salva 2513 1, XXX | l'Imperio spento;~e non rimanga segno né vestigi,~né pur 2514 1, XXV | prigion, sì ch'un non vi rimase.~ ~ 2515 4, XLVI | XLVI~Ci rimasi io già solo, e poscia dui,~ 2516 2, LXXXII | A Villafranca Penticon rimena~il suo desio, che 'l giorno 2517 1, CIV | Fermato il patto, Gano si rimise~nel fantastico legno con 2518 3, XXXII | eletti,~e gl'insti che, rimossa ogni dimora,~veduto il successor 2519 1, CIII | di lingua dagli altri sì rimota~ch'a nigromante alcun non 2520 4, LXIV | la gente, in loco assai rimoto;~donde a me senza indugio 2521 1, XXXIII | ad un'altra passa;~muta e rimuta, e ad una alfin s'appiglia:~ 2522 4, XXXVIII | esterno;~ma poi l'esser rinchiuso in questo fondo~fa ch'io 2523 4, X | più che morte par che gli rincresca;~e fin ch'altro di lui s' 2524 2, CXV | ch'ad ogni suo piacer si rinovella,~e da sé caccia ogni vecchiezza 2525 5, XLII | con quei di Villanova e di Rione,~da San Macario, l'Aspara 2526 5, I | dubbio ch'aver debbia cosa~da ripararsi il suo nimico ascosa.~ ~ 2527 5, II | lasciar voglia gli ordini e i ripari~che faria avendo uomini 2528 5, LXXVI | dotti~de la milizia avean riparo alcuno;~anzi, i primi che ' 2529 3, LXIII | dia la gente a Balduino,~ripassi l'Alpi, e a Francia corra 2530 2, CVI | fiera:~indi a grand'agio ripensando a tanti~a' quai fatt'avea 2531 1, XI | gran Collegio inchina,~e si ripon nel luogo più di sotto;~ 2532 4, LXXX | nimico suo dipoi venisse~a riportar di sua fatica il merto.~ 2533 3, CVIII | avea per Gano ordita, et il riporto;~pur gli travolse in tal 2534 4, LVIII | me s'allenti o che giamai riposi;~et uso atti e parole in 2535 3, XCVIII | giorno mangia e dorme e sta riposta,~la notte al camin suo poi 2536 2, XLVI | ogni timore,~godeano esser riposti al primo onore.~ ~ 2537 5, LXXIX | per forza l'un, l'altro riprende,~che 'l nemico veder non 2538 2, III | fama, aver onor divino;~che riputar non si potrian defunti,~ 2539 2, XXVI | temerità sua mal contento~si riputò a mal termine condotto.~ 2540 1, XXIX | polo,~fra quanto il sol riscalda e affredda il vento,~tutte 2541 1, CXI | atta~a stimularlo e far più risentire,~d'una che nacque quando 2542 1, CXI | fatta,~ne l'altro Canto mi riserbo a dire,~dove farò, per quanto 2543 2, XXXIII | a cavallieri i giochi e' risi,~e mutar le leggiadre in 2544 5, LXXXIII | perché, da terra a gran pena risorto,~avea da contrastar con 2545 2, CV | ogn'arbor avea pieno,~che rispingean con morti e con percosse~ 2546 2, CXXIII | da l'aiuto di Dio quivi rispinta,~ch'a lui non nocque, né, 2547 3, LXXXI | LXXXI~Così risponde, e tuttavia dirizza~a far 2548 5, LXX | construtto:~come si suol rispondere di cose~donde quel che dimanda 2549 3, XLV | XLV~Quando Gano ha risposto, ogn'altro chiude~la bocca, 2550 2, LXXXVII | a trovar, ma non gli fa ritegno;~et è sì inferior nel gran 2551 3, LXXXVIII| tutto il resto de l'armi ritenea:~ché Gano, per alzar sua 2552 5, LIV | LIV~All'accostarsi, al ritener del passo,~all'abbassar 2553 2, XCVIII | E fe' che Carlo andò più ritenuto~et ebbe miglior guardia 2554 3, XXXV | Ché, quando l'avarizia gli ritiene~di render premio a chi di 2555 2, LXXXI | luna in mezo 'l ciel, che ritond'era,~vien lor mostrando 2556 2, CIX | in noia,~cento serian per ritornarla in gioia.~ ~ 2557 4, XCIII | negligente;~e parea quasi ritornata in gioco~la guerra ch'a 2558 4, LIII | più d'una~e di due volte ritornati furo,~l'un l'altro dimandò 2559 5, VI | gente ne li ordini raccolta~ritrarre ai monti et alla strada 2560 5, LXXII | questo fur d'accordo di ritrarsi~e diferir la pugna al nuovo 2561 5, XLIX | un rilevato scoglio avea ritratta,~che sembra dal mar cinto, 2562 5, LXVII | di spada di gran pondo~si ritrovava altro che Orlando al mondo.~ ~ 2563 4, LXV | verso la torre ascosa via ritrovo;~e dove è più solinga e 2564 3, XXV | ch'era a campo a Morlante, ritrovosse~prima che giunto al fin 2565 3, LIV | LIV~Come si arruota e non ritruova loco~né in ciel né in terra 2566 1, CX | è bisogno al fin ch'ella ritruovi,~per far muover di passo 2567 1, XXIV | l'altra colonna a tener ritto,~sì che tra lor Ruggier 2568 4, XXIII | vento, venne~ad investire, e riuscì il disegno:~ché tutto a 2569 5, V | diligenzia, che si trova,~tutta rivede e gli ordini rinova.~ ~ 2570 4, LXXXIX | successi.~Finch'io ritorno a rivederli, ponno~cenare ad agio, e 2571 5, LXVI | il spazio in volta,~pur rivenne la mente al suo discorso,~ 2572 4, III | III~ché, com'io tutte riverisco et amo,~e fo di voi, quanto 2573 5, LXXXV | il Paladino fiede;~e lo riversa sì, che de l'elmetto~una 2574 4, VIII | la spada crudel, dritti e riversi,~quanti ne sveni, quanti 2575 1, LV | populo gli è aviso,~che si rivolga a lui con grand'oltraggio,~ 2576 1, XXXIII | pensieri una gran massa~rivolge Alcina, e lenta si consiglia;~ 2577 5, LXXXIV | tornato, e gli avria ancor rivolti:~ma che speme può aver perché 2578 4, VII | volte uscì il colpo acre e robusto~sotto la poppa dal contrario 2579 3, LXXVIII | gagliardi,~era già in ripa al Rodano venuto,~e fermati a Valenza 2580 1, XXXIV | più tosto l'intestine~a roder debba a questa peste fella,~ 2581 5, XLII | altri che dal mar fino in Rodonna~tra Cantello s'albergano 2582 2, XXV | papa né interdetto~alla Romagna avea dato di piglio;~po' 2583 1, XLV | cacciata fu da l'aquila romana;~et indi al Reno, ove in 2584 2, CXXII | in terra mette~il capo, e rompe all'altre braccia e lombi.~ 2585 3, LVIII | vedesse~pensata meno, e romperli il disegno:~quel duol, quell' 2586 4, XIX | d'amore;~ma, con disir di romperlo e sommerso~quivi lasciar, 2587 4, LXXXVII | ch'una o due~volte non si rompesson legni quivi;~donde i prigion 2588 3, XCIV | braccia,~sopra un debol roncin l'iniquo Gano~traea legato 2589 1, CVII | l'altrui bontà fu da lui rosa,~ché poco dianzi il simigliavo 2590 1, XL | quella ferrata porta, mezzo rósa~da' tarli e da la rugine 2591 4, XXVI | assalse!~Fe' di negra parer rossa la pece,~e rosseggiar intorno 2592 4, XXVI | negra parer rossa la pece,~e rosseggiar intorno l'acque salse:~ché 2593 4, LXXXV | pesci varie le vivande~a rosto e lesso al foco erano poste.~ 2594 1, LXXIV | un picciol monticel quasi rotondo,~sì facile a montar, che 2595 5, LXV | sciolti e con aperte braccia,~roverscio a dietro, e parea morto 2596 5, XCI | bestie a monte,~nel fiume è rovesciato giù del ponte.~ ~ 2597 2, XVIII | da seicento braccia,~di rovinose balze cinto intorno,~e da 2598 1, XV | ebbe preso mia sorella,~rubbata, afflitta e in ogni via 2599 3, LXXII | non sa ancora~che Rinaldo rubel sia de l'Impero,~veduto 2600 3, LXII | mar ratto venisse;~et il rubello e truffator stendardo~di 2601 1, III | di zafiro,~di diamante e rubin splendono in giro.~ ~ 2602 1, XLIII | allegri);~ha lunghi i denti, rugginosi e negri.~ ~ 2603 1, LXXVI | prendendo d'ascoltar diletto~da' rugiadosi rami d'arbuscelli~il piacevol 2604 1, XL | mezzo rósa~da' tarli e da la rugine più guasta.~L'Invidia, che 2605 4, XVII | che colui sia venuto~per ruinarlo, e non per darli aiuto.~ ~ 2606 1, XXXIV | l'alto Impero occidental ruine;~faccia ch'a punto sia come 2607 2, LXIV | poste~ch'a Desiderio si rupper le coste.~ ~ 2608 5, LXXVIII | LXXVIII~Con gran cavalleria russa e polacca,~l'esercito di 2609 4, XCIV | Valachi,~Bulgari, Servian, Russi e Polachi.~ ~ 2610 5, XLIII | campagna;~gli Cotueni e gli Ruteni, e quelli~de le vallee che 2611 3, LII | resistenza~o il guasto o saccheggia o mette a taglia:~gli 2612 2, XXXIII | leggiadre in scure veste.~De' saccheggiati populi et uccisi~per ferro, 2613 2, XXXII | ladre:~mettendo terre a sacco, capitano~di ventura era 2614 2, LIII | santo Pastor meritamente~sacrato imperador fu di Ponente.~ ~ 2615 2, CII | non noti~si facean empi sacrifici e voti.~ ~ 2616 2, CXX | che si facea contesa~di saettar dinanzi alla sua chiesa.~ ~ 2617 4, XIV | bramar d'essere a riva.~Saette e sassi e foco acceso in 2618 4, LI | che fatto avea l'artefice sagace,~che per lungo condutto 2619 2, XV | XV~Si consigliaro i saggi de l'inferno~come potesse 2620 2, CXXI | Battista~si ponean tutti i sagittari in schiera;~né colpo uscia 2621 4, XXXIX | Tu sei d'Alcina, se non sai, captivo:~ella t'ha il laccio 2622 3, XCIV | ambascia,~tutta l'empie di sal, e a pena fascia.~ ~ 2623 2, XC | Olivier guardò Fiandra, Salamone~Bretagna, Picardia Sansone 2624 2, CXXIV | per questo avvien ch'al saldo e fermo~valor di Carlo abbia 2625 1, LXXIV | Era di dal bosco una salita~d'un picciol monticel quasi 2626 1, LXXIV | che prima il piede~d'aver salito, che salir si vede.~ ~ 2627 4, XXVI | rosseggiar intorno l'acque salse:~ché da prora e da poppa 2628 4, XXIX | vasselli~a trar i suoi dei salsi flutti amari:~che per fuggir 2629 1, CVIII | che a sue genti unisse,~saltasse in Francia; e che Marsiglio 2630 3, CX | dritto il loco si trovaro,~saltò Marfisa con la lancia in 2631 4, XXX | detto, il suo mandato avea~a salutar Ricardo et allegrarse~di 2632 3, CVII | L'oste giunse tra lor e salutolle~cortesemente, e mostrò far 2633 2, LVI | cavallieri ogni via chiusa;~sopra Saluzzo i monti difendea~un suo 2634 4, XXX | Ruggier non avea schiffo ove salvarse,~ché, come ho detto, il 2635 1, XCIV | prese~l'util partito, et a salvarsi attese.~ ~ 2636 2, XVI | tutt'uno,~come in ceppo salvatico s'inesta~pomo diverso, e ' 2637 2, XLIII | battaglia,~che 'l piè gli salvi a più sicuro loco.~La mercenaria 2638 | salvo 2639 1, CVI | l'armiraglio avendo avuto~salvocondotto, al Cairo andò diritto,~ 2640 4, LXXXI | senza che mal gli faccia,~sana gli infermi e gli demoni 2641 2, XC | Salamone~Bretagna, Picardia Sansone ardito:~dico per terra; 2642 1, LXVIII | trattar con essi, che le terre sante~dove Dio visse in carne 2643 2, LXVI | preso e ferito era, non sanza~grandissimo periglio de 2644 3, XCVI | quanto ella gli desse;~né sapendolo ancora a chi fu dato,~con 2645 5, XXIX | non che 'l scudier virtù sapesse in quello,~ma perché il 2646 1, XXX | segno né vestigi,~né pur si sappia dir: «Qui fu Parigi». -~ ~ 2647 3, XVII | ho per eccellenti;~ma non sappiàn così le prove loro.~Questo 2648 | sarà 2649 | sarai 2650 4, XII | Vandali già sede;~Malica, Saravigna, fin dove~la strada al 2651 2, LVII | segnar pari le botte.~Ma sarebb'ita in lungo e forse cassa~ 2652 5, LX | cavallier di Brava,~gli suoi sarebbon vincitori, quando~sol Durindana 2653 | saremo 2654 | saresti 2655 3, XIV | baldanza~di restar vincitor, si sarian messi.~Poi disse il suo 2656 2, CXXX | il Boemme e l'Ungaro e il Sassone~restava in preda alla francesca 2657 2, CII | alcuna,~né Pane mai, né Satir, né Sileno~si venne a ricrear 2658 2, CXIV | in molta fame e sete,~tal satolle e sì fatte prendereste,~ 2659 2, III | III~Tal fu in terra Saturno, Ercole e Giove,~Bacco, 2660 5, XLIII | già natura alzò per muro e sbarra~al furore aquitano e di 2661 4, LXXXI | gli infermi e gli demoni scaccia.»~ ~ 2662 1, XLVI | gli avea dato il domino~scacciando, a parte a parte ha il tutto 2663 2, XXXVII | un piccolin candelo~fuoco scaldar dov'alta neve agghiaccia?~ 2664 5, LXIV | amendui le fatagion fur scampo,~che non potero entrarvi 2665 3, XXIV | seminando~dovea gir sempre scandali e litigi.~Presa che di Terigi 2666 5, XIX | ambi sian posti;~e che si scanni, tronchi, tagli e fenda~ 2667 5, XC | non si può levar se non si scarca,~o nel fondo tra via cade 2668 2, LIV | gli suoi più d'armatura scarchi;~ma trovar ch'i nemici vigilanti~ 2669 5, IV | IV~Né si scema sua colpa, anzi augumenta,~ 2670 2, XLV | che a' nimici l'impeto non sceme.~ ~ 2671 4, XLIII | XLIII~Tu vederai qua giù, scendendo al basso,~degli infelici 2672 4, XLIX | groppi scorse:~al salir et al scendere la mano~ai stretti passi 2673 1, LXX | armasse in Catalogna,~e scendesse in Provenza e in Acquamorta,~ 2674 5, LXXIV | LXXIV~Scendono a basso a Basilea et al 2675 2, CXXXV | dal finto il vero amico~scernere, in tal error misero incorre.~ 2676 4, XXXIV | oscurissimo ventre ove era sceso:~sente che sotto i piedi 2677 5, LXV | di canne, in tronchi e in schegge rotto:~messe le groppe Brigliador 2678 4, XIII | dal mar scopria tutta la schena.~ ~ 2679 5, LXXX | Anselmo: il primo è di sua schiatta,~ché di don Buovo nacque, 2680 3, V | dar consiglio~come possa schifar tanto periglio.~ ~ 2681 4, XXVIII | difendean il loco,~andò alli schiffi e fe' gettarli all'acque:~ 2682 2, LXIII | dietro gli colse~dove i schinchi e le cosce hanno giuntura;~ 2683 2, LXIII | stretto passo il colse per sciagura:~il cavallo al voltar dietro 2684 2, LXXVII | come saggia, intanto al sciocco amante~prometta largamente 2685 3, CIX | alla difesa,~ch'alcun nol sciogliafaccia fuggire;~e che 2686 4, LXVIII | messaggera;~che dal ch'io mi sciolsi dai suoi ceppi,~sempre venuta 2687 1, X | con chiome rabuffate e sciolte,~alfin comparve squalida 2688 1, XLIX | forte,~che non lo potria sciòrre altro che morte.~ ~ 2689 1, LXXXIV | ad Alcina sia rimesso~tra'Sciti e l'Indi ai suoi regni opulenti,~ 2690 4, XXXVI | giunge,~che senza barca a sciutto piè veniva.~La barba alla 2691 3, LXXXVIII| quel ch'a Termodonte in Scizia fenno.~ ~ 2692 5, II | veder qualche secreta~fraude scoccar, ch'ogni suo onor confonda:~ 2693 1, LVII | che vide dormendo gli è scolpito~già ne la mente, e non l' 2694 2, C | guerra,~che con velette e scolte a nissun'ora~lassassino 2695 5, LXXXIX | LXXXIX~Carlo, che vede scompigliata e sciolta~venir sua gente 2696 2, LXXI | di non voler, però non si sconforta;~et è disposto di far altre 2697 5, XXIV | spirti aerii e stigi,~ché scongiurati avendoli due notti~gli lor 2698 5, XXVIII | rinova~preghi, minacce e gran scongiurazioni,~possenti a far che Belzebù 2699 5, XXV | provar il terzo suo maggior scongiuro.~ ~ 2700 3, LXXXVI | petto;~e se l'asta allo scontro era più forte,~gli seria 2701 4, LXXIII | suoi ch'io conoscessi~prima scopersi che sul legno fui;~ove lasciando 2702 4, XVI | Lisbona, un'altra cura:~ché scoperson l'armata di Ricardo~che 2703 3, CVIII | in fretta armar, ch'eran scoperte,~de le vicine insidie amendue 2704 3, LXXX | che giusto e pio,~fu per scoppiar, perché volea celarlo,~come 2705 1, CVI | pieno e d'onore,~che ne scoppiò quasi il ventoso core.~ ~ 2706 1, XC | miglia,~e non potendo ben scorgere i visi,~ebbon di lor diversi 2707 3, XXXVI | bando o gli faccia altri scorni~(ché, come contra voi, così 2708 5, LI | presso, intorno alle bandiere~scorrono il pian con lungo avvolgimento;~ 2709 4, XLIX | Ruggier per strani groppi scorse:~al salir et al scendere 2710 2, LXXXI | Baldovin se ne va con buona scorta~de cavallieri armati alla 2711 3, XIII | quanto può che 'l termine più scorti:~perché, successo che lor 2712 3, XXIII | alcun ch'io dirò tu pigli scorza. -~ ~ 2713 4, LXXXVIII| mostro, il grano macinava a scosse,~il quale o in barcia o 2714 4, XIX | ne vien senza rumore;~e scostandosi in mar, l'aura seconda~si 2715 2, X | però dal mio sentier mi scosto;~anzi farò questo ch'or 2716 4, LXXV | inducendogli alcun verso~de la Scrittura, di trovar conforto.~- Non 2717 4, LXIX | gli fa andar in mani.~Io scrivea a un mio, ch'ivi tenea a 2718 2, XLV | suoi regni soggetta,~fa scriver gente, e poi la piglia e 2719 3, LXXII | arrivar quest'arte,~che non si scuopre a vista di Marsiglia~prima 2720 3, XCI | capo, e due e tre volte il scuote;~et alza il brando nudo 2721 5, LXII | l'acqua saltar fangosa e scura~se da vestigio uman l'erba 2722 2, XXXIII | e mutar le leggiadre in scure veste.~De' saccheggiati 2723 4, XLIII | degli infelici amanti i scuri avelli,~de' quali è alcun 2724 5, XXXIII | alcuna entrar nel core,~che scusi il suo cugin di tanto errore.~ ~ 2725 2, CV | che non verria per molti secol meno;~e per potervi star 2726 2, CXVI | populo boemme~ebbe per tanti secoli governo,~che 'l tempo si 2727 5, LXXVI | che 'n fuga erano volti,~i secondi e i terzi ordini avean sciolti.~ ~ 2728 5, II | Sempre gli par veder qualche secreta~fraude scoccar, ch'ogni 2729 1, CVI | compagni, in un legno minuto,~secretamente, e in abito di Egitto.~Dal 2730 2, CI | sentito colpo d'inimica~secure non avea né d'altri ferri:~ 2731 4, LXXII | LXXII~Vicino a questo mar sedea la rocca,~dove aspettava 2732 2, XLIV | guerra,~fuor che fanciul da sedici anni in giuso,~o quel che 2733 1, XLVII | discacciata gente,~a cui le sedie or questi or quelli han 2734 2, CXXV | vedendo alli lor Dei gli seggi tolti.~ ~ 2735 4, LXXXIX | Astolfo e Ruggier più non vi sego:~diròvvi un'altra volta 2736 4, LXII | LXII~Quindi segretamente alcune some~de le sue miglior 2737 4, LXXI | pregò che gli armasse in segreto~un legno di fedele gente 2738 4, XXXII | balena, che per lunga tresca~segue Ruggier perché di lui si 2739 5, XXI | ir gli convenne.~Ma il seguente Alardo entrò nel ponte~di 2740 2, XXXII | XXXII~Tutto seguì ciò ch'avea ordito Gano,~ 2741 2, CVIII | era forza che 'l destin seguisse;~pensò come d'amor ogni 2742 3, XCIII | Gano, per veder ciò che seguissi~de la sua donna, e per poter 2743 2, XXIX | quella poi non era oltre seguita,~e fin qui stava ne' principii 2744 2, LXXXV | pregava che col resto il seguitassi.~Benché non piacque al Conte 2745 3, XXXV | parer ch'un vostro error seguito~quel ben che far voleano 2746 2, XVIII | soggiorno~è dal mar alto da seicento braccia,~di rovinose balze 2747 5, IX | le file cento, con cavai seimila.~ ~ 2748 3, XCII | per lunga strada or dietro sel condusse,~or cacciò innanzi 2749 5, XVIII | Bradamante, e appresso~col Selvaggio Guidon, ch'ivi era allora:~ 2750 3, XCIX | XCIX~Come animal selvatico, ridotto~pur dianzi in gabbia 2751 3, LXXXV | con sì fiero e terribile sembiante~l'assalto cominciò, per 2752 3, XXVII | che di Terigi avean chiara sembianza,~Rinaldo fa carezze in infinito~ 2753 1, XXXVIII | inaccessibili d'Imavo,~che 'l ciel sembran tener sopra le spalle,~fra 2754 3, XXIV | e dopo in altre facce, e seminando~dovea gir sempre scandali 2755 4, XVII | e non che, per zizanie seminate~da Gano, l'una l'altra abbia 2756 5, LXVIII | LXVIII~Per l'aspro colpo il senator romano~si piegò fin del 2757 5, XXIX | anello~che Sinibaldo avea sendo nascosto~(sapete già come 2758 2, LVI | LVI~A Mon Ginevra, al Mon Senese avea,~e a tutti i monti 2759 1, XXXII | tre volte e più tutta la Sensa,~e va mirando in ogni lato, 2760 5, III | gli avea così occupati i sensi,~ch'altro non è che ascolti, 2761 2, XXVI | XXVI~Indi sentendo ch'era il foco spento,~morto 2762 3, XII | suoi seco raguna,~ché lor sentenzie sopra la proposta~de l'araldo 2763 2, XXXVI | taciturni sospirando,~né si sentiano ancor chiari lamenti:~qual 2764 1, XCII | India avendo e Tartaria il sentiero,~quella di città piena e 2765 5, XLI | e gli parea~che di febre sentissero ribrezo:~sì la giunta d' 2766 3, IX | con molti, mai tenerse~non sentisti fra l'opere eccellenti.~ 2767 2, LXXV | che non fosse nel partir sentita,~la condurrebbe salva al 2768 5, LXIII | ferri.~Gli dui destrier, che senton con ch'acuti~sproni alli 2769 1, L | farebbe.~Gli suoi ministri ha separatamente,~che ciascun sa per sé quel 2770 4, XLIV | consunto,~et io gli giunsi a sepelire a punto.~ ~ 2771 2, CXXVI | così dura vendetta~ch'a sepelirli il populo si stanchi.~Com' 2772 4, LXVIII | Conietturando, similmente, seppi~esser costei d'Alcina messaggera;~ 2773 4, LXXXIX | se pane ebbono o no, lo seppon essi.~Gli dui fedel, de' 2774 5, XXII | ne fan sembianti, al fin seranno:~diciam del messo il qual 2775 5, XXXVIII | prese, alcun non volle~vivo serbar, ma impicca e i capi taglia.~ 2776 5, XXVI | instante,~eccetto pochi, che serbati fòro~da quelle Fate alli 2777 2, LV | fuochi avampar tutte le sere,~di qua e di , per quelle 2778 2, XXXIV | Il tuo gioir è come aria serena,~ch'alla fredda stagion 2779 1, LXXVII | di donne, e dietro alcun sergente~che palafreni vuoti avean 2780 1, LXXXIV | gli compagni insieme e gli sergenti.~Così far quivi agli altri 2781 2, CXIII | tormenta~gli nostri cor, serìa cacciata e spenta.~ ~ 2782 1, LI | donne tentano son tanti,~che seriano a fatica noverati.~Ella 2783 1, LXXXIX | lascian Casia a dietro e Sericana.~ ~ 2784 5, L | con efficace~et ornato sermon, chiaro e prudente,~cercato 2785 2, CIV | scese:~il che a negar non serò pertinace;~ma dirò ben ch' 2786 2, CXVII | bella forma~in bruttissima serpe avea a mutarsi.~Per questa 2787 2, XXII | vel stende,~che tiran duo serpenti c'hanno l'ali;~poi verso 2788 3, XXVI | e Rinaldo gli avea fatto serraglia,~pien di speranza, in uno 2789 1, LXXXVI | suoi tutti fur presi,~e serrati in un ceppo duro e grave,~ 2790 2, CI | n'apri il né quando il serri,~né al solstizio, né al 2791 2, CXXVIII | voltato, per la dritta via~di Servia e di Belgrado, in Ungheria.~ ~ 2792 4, XCIV | Traci e di Valachi,~Bulgari, Servian, Russi e Polachi.~ ~ 2793 1, CII | possa avello~com un suo servitor de' più soggetti:~Vertunno 2794 2, CXII | l'un, da l'altro l'altro sesso;~indi levati i lumi, a corsi 2795 3, LXXXIII | LXXXIII~Gano per l'acque Sestie, indi pel monte~alla man 2796 1, CV | era;~sì che, fra spazio di sett'ore, lieto~si ritrovò ne 2797 5, XI | dui fiumi ai canti.~Cento settanta mila era il preciso~numer, 2798 2, XIX | guardie una fortezza;~la settima de l'altre è la più forte.~ 2799 3, CI | pietosa,~salta a cavallo, e la sferza e 'l calcagno~adopra, e 2800 3, LXXVII | per la qual captiva~la sfortunata giovane veniva.~ ~ 2801 1, XCVIII | scorno, un fuggitivo~del sfortunato figlio di Troiano,~Ruggier, 2802 4, LIX | eran meco;~pur pensai di sforzarlo, ma l'effetto~coprire, e 2803 4, IV | preterir mai lassi;~e mi sforzerò ancor farla venire,~acciò 2804 5, LXXXVIII| ponte;~e però a quella via sgombran la valle~con li pedoni i 2805 4, XXII | leva mai da la riviera il sguardo;~e vista alzar la preda 2806 | siamo 2807 | siate 2808 1, LV | coraggio;~e con batter di man, sibilo e riso,~s'oda beffar con 2809 2, XXVII | popul già troiano e poi sicambro,~et apra l'Alpi e scenda 2810 5, XXXIV | l nimico aspetta:~tanto sicur di quello si tenea~ch'in 2811 3, XLIII | figlia~del duca Amon che stia sicuramente:~che né da terra né da mar 2812 3, XXV | di sua mano.~Postole il sigil sopra, dipartisse~Vertunno, 2813 1, XLVII | lungamente;~puoi tu patir ch'or signoreggi molte~provincie, e freni 2814 2, CIV | venne~o dopo o allora, e signoria vi tenne;~ ~ 2815 1, LXXV | lo circonda,~d'un alto e signoril palazzo sponda.~ ~ 2816 2, CII | né Pane mai, né Satir, né Sileno~si venne a ricrear all'ombra 2817 5, XXIV | avendoli due notti~gli lor silenzi ancor non avea rotti.~ ~ 2818 5, XXX | XXX~E perché il silinguagnolo avea rotto,~narrò di Gano 2819 1, XXVI | Poi l'Aquilina e poi la Silvanella,~poi la Montana e poi quella 2820 1, CVII | rosa,~ché poco dianzi il simigliavo a un tarlo;~ira, odio, sdegno, 2821 1, XCI | acciò ne l'onde~di stupri e simonie non si profonde. -~ ~ 2822 3, XXII | Quella mostrò nel monte Sina Dio~a Moise suo, sì che 2823 3, XXXIV | parer vostra men che sincera;~e che più creda alle false 2824 2, XXV | battaglia~e Pesaro avea preso e Sinigaglia.~ ~ 2825 2, VI | qual fu sotto i Dionigi Siracusa,~qual Fere in man del suo 2826 5, LXXXVI | scudo, e chi l'altre arme slaccia.~Al duca di Sansogna al 2827 3, LXXXVII | indi ritorna e la cugina slega.~ ~ 2828 2, XXXVII | cielo~le palme giunte e la smarrita faccia,~pregandoli che, 2829 1, III | più s'apprezza;~et esse di smeraldo e di zafiro,~di diamante 2830 5, LXV | prato,~ma, come un caprio snel, sorse di botto.~L'uno e 2831 2, LX | LX~Avea un cavalsnello e sì gagliardo,~che par 2832 4, VIII | quanti ne sveni, quanti snervi e spolpi,~quanti ne tronchi 2833 1, LXXIV | proda avea fiorita~dei più soavi odor che siano al mondo.~ 2834 1, LXXVII | luogo eminente,~diversa e soavissima armonia~da l'alta casa insino 2835 1, XV | tra noi mai violar; né ci soccorre~il dir che forza altrui 2836 2, XCIII | ch'avean per questo avuto, sodisfesse;~ ~ 2837 1, XII | l'onta ria che già più sofferse;~quel ch'ella non può far, 2838 2, CVI | inanzi sera,~all'ingiurie sofferte, affanni e lutto,~vid'esser 2839 1, CIV | lucidi Indi e gli Cimerii bui~soffiando, ferì in guisa ne l'antenna,~ 2840 1, VII | volte e cento~con mantici soffiar si facean dietro,~che mai 2841 2, XLV | ogni terra a' suoi regni soggetta,~fa scriver gente, e poi 2842 1, CII | un suo servitor de' più soggetti:~Vertunno è il nome, che 2843 3, XXXVI | esso ancor), senza far più soggiorni~per me vi esorta a prender 2844 3, XXXIII | la carta, il spirto gli soggiunge,~pur da parte d'Orlando: - 2845 4, LXV | le selve ove meno ir si soglia,~verso la torre ascosa via 2846 5, LXII | avean lieta pastura,~le rane soglion far sùbita mossa~e ne l' 2847 3, XXX | Rinaldo corrotta, non si sogna:~in somma, par che sia disposto 2848 1, LII | Aurora metta,~allor ch'i sogni men son fabulosi,~e nascer 2849 4, XXIX | ch'in sua conserva avean solcati i mari:~indi mandò tutti 2850 4, XI | effetto~l'armata il suo mar solchi, è in gran sospetto.~ ~ 2851 2, XXXII | suscitato Unnuldo l'aquitano~a soldar genti faziose e ladre:~mettendo 2852 4, XXIV | cadea, con trita~calzina e solfo acceso, un nembo scuro:~ 2853 4, LXV | via ritrovo;~e dove è più solinga e strana et erma,~incontro 2854 1, I | s'avicina:~quivi, sul più solingo e fiero colle,~cinto d'orrende 2855 1, XIV | nol sanno:~più che l'altre soll'io, perché m'occorse~gire 2856 2, CI | né quando il serri,~né al solstizio, né al tropico, né mai,~ 2857 1, LXXXVII | vela al vento la donzella solve,~per incanto allor nata 2858 4, XVI | dura,~che sempre di restar sommersi e rotti~dal vivo e mobil 2859 4, LXXVIII | bruto,~mi liberò il mio sommo almo Fattore;~perché sperar 2860 2, XLVII | XLVII~Sonan di qua, di tanti martelli,~ 2861 5, LXXII | subito volta,~e per tutto sonar féro a raccolta.~ ~ 2862 4, XIV | che facea il ciel, non che sonare i lidi.~ ~ 2863 3, III | disio di farlo;~et or che sopranatural favore~si sentia da colei 2864 5, XLVIII | Bianca e vermiglia avea la sopravesta,~ma di ricamo d'or tutta 2865 3, XLI | colonne che Tirinzio fisse,~e sorga sopra la città d'Ulisse;~ ~ 2866 1, I | I~Sorge tra il duro Scita e l'Indo 2867 1, LXVIII | calife d'Egitto,~col re de la Soria poco distante;~e più sicuro 2868 2, CXXVII | composto il re d'Arabia e il Soriano~col Calife d'Egitto in una 2869 4, XXXII | e senza noia~con un gran sorso d'acqua se lo ingoia.~ ~ 2870 2, XVII | XVII~Di sospettoso che 'l tiràn fu in prima,~ 2871 4, LI | il fumo, ai luoghi onde sospira il pesce.~ ~ 2872 1, XLII | cor dolente manifesto~i sospiri ch'uscian dal petto mesto.~ ~ 2873 3, XXX | Mont'Alban agogna;~e la sospizion c'ha de la fede~di Rinaldo 2874 2, CXIX | arbor, che tanta forza non sostenne,~ché Carlo un colpo fe' 2875 4, XXI | ciascuna~nave ha minor, ne sostien sei contr'una.~ ~ 2876 | sott' 2877 5, XC | ammassa~la folta sì, che, di soverchio piena,~o non si può levar 2878 3, XXI | vecchio,~né l'auttor par che sovvenir mi possa,~ch'Alcina a Gano 2879 3, XL | scrive le lettere, egli spaccia~se stesso e chiude egli 2880 3, XLVII | elezione di costoro,~si spacciaro in diversa regione~prima 2881 5, LV | giunger degli eserciti si spande~tutto 'l campo di sangue 2882 4, VI | busto il capo esterno,~o che sparga cervella, o che triti ossa,~ 2883 4, XXXVII | accorse~che feria l'armi e si spargea per l'ombra,~si trasse a 2884 4, LXXVII | seme~il buon Ruggier venìa spargendo quivi;~poi ricordava ch' 2885 1, LXXXV | che fa del suo splendor sparger le grida;~pur non le par 2886 1, VIII | alcuna diece~de lo stuol che sparir suol quando aggiorna,~ch' 2887 5, LXVI | suo discorso,~e la memoria sparsa fu raccolta:~tornò alla 2888 5, LXXXIV | a' cani~o la perdice alli sparvieri sciolti;~tra lor per forza 2889 5, XCI | difesa;~e sì cresce la gente spaventata,~a cui più d'ogni biasmo 2890 2, CII | bruna~di questo bosco di spavento pieno;~ma scelerati spirti 2891 1, XL | S'accosta alla spelunca spaventosa,~e percuote a gran colpo 2892 2, CXXIV | fronde,~meschio di pianti e spaventosi gridi;~indi un vento per 2893 2, L | istorie e farne al viver speglio;~e più perché vedutone l' 2894 1, LXXXV | par che questo il suo onor spegna:~ché tòrre al ladro e uccider 2895 2, XXXVII | XXXVII~E quella poca pur spegnere il gelo~vuol de la tema, 2896 1, XL | XL~S'accosta alla spelunca spaventosa,~e percuote a 2897 2, CXIII | nostri cor, serìa cacciata e spenta.~ ~ 2898 1, LX | di Libia e di Castiglia~spentasi intorno avea la face accensa,~ 2899 2, XXXVI | visi bassi e d'allegrezza spenti,~andavan taciturni sospirando,~ 2900 5, XVI | lor dietro messo taglia,~sperando averli in man senza battaglia.~ ~ 2901 4, XLIV | intesi~quel da che fur le mie speranze rotte:~che più de la mia 2902 5, XIII | proveduto~d'un improviso e non sperato aiuto.~ ~ 2903 2, LXX | venire~a' mezi onde aver speri il suo desire.~ ~ 2904 4, IV | nel ciel trapassi;~e così spero vincer le vostr'ire,~se 2905 3, X | gli abbi a rifar e danni e spese,~e tornar col tuo campo 2906 2, LIX | Bianca,~in ricamar avea speso alcun giorno.~La destra 2907 4, L | vedea come di giorno,~per le spesse lucerne ch'eran poste~in 2908 4, LXXIII | che come vespe e galavroni spessi~mi s'aventaro; e, comandando 2909 1, XII | ella non può far, far a noi spetta,~ché le occorrenze prospere 2910 5, III | e vinto trarlo,~glorioso spettacolo, al suo regno,~quivi gli 2911 4, IX | battaglia,~e si ritrova giunta spettatrice~di quanto in armi la cognata 2912 5, XXXVII | ch'a valoroso capitan si spette.~ ~ 2913 4, LXXXVI | delicati~con zucchero e con spezie; et avean vini~e còrsi e 2914 4, LXXXV | da le bande~di Vinegia, spezzato ne le coste,~la balena s' 2915 4, XCV | avuto Carlo avea più d'una spia;~ ~ 2916 5, L | giorno~a levar boschi e far spianate intorno.~ ~ 2917 4, XXXI | lungo un poco mande:~così spicca un gran salto da la nave~ 2918 3, XCI | ogni crollo,~con voglia di spiccar dal busto il collo.~ ~ 2919 4, LXIX | il mastro de la caccia i spiedi e i cani;~e tanto fa, ch' 2920 3, LXXXIV | ch'a ferire il cingial nel spiedo giunga,~si mise fra dui 2921 1, III | ampiezza;~due colonne ogni spigolo, puntelli~de l'alta fronte, 2922 1, XLV | così venne a noia~che la spinser da sé tosto lontana;~e quindi 2923 1, LXIII | n'avesse il re Marsiglio spinto,~del regno di Navara e di 2924 2, CXVIII | tratto,~o resta cieco o spiritato o attratto.~ ~ 2925 1, CIII | ha fatto, i Paladini,~gli spiriti infernal tutti fe' muti,~ 2926 1, LXXX | LXXX~Tenea Gloricia splendida e gran corte,~non men ricca 2927 1, III | zafiro,~di diamante e rubin splendono in giro.~ ~ 2928 4, LXV | nascondo, et armi muto e spoglia,~e piglio a' miei servigi 2929 1, LIV | la fronte,~ognun vedea di spoglie ostili adorno;~e la turba 2930 4, VIII | ne sveni, quanti snervi e spolpi,~quanti ne tronchi e fenda 2931 2, LXXXII | suo desio, che 'l giorno spunta a pena.~ ~ 2932 5, XII | XII~Ogni squadra de' Barbari non manco~ivi 2933 1, X | sciolte,~alfin comparve squalida e negletta,~nel medesmo 2934 4, XXV | con bel menar de mani,~fe' squarzi e tronchi e gran pezzi da 2935 3, LXIII | paladino~con diligenza vada una staffetta~ad avisarlo, come avea il 2936 2, XXXIV | aria serena,~ch'alla fredda stagion troppo non dura:~fu chiaro 2937 1, LXXI | uscì del porto e dei sicuri stagni.~Restar a dietro, anzi fuggir 2938 2, XIII | cacciò sotto il bollente stagno,~dove non pianse e non gridò: - 2939 | stan 2940 2, CXXVI | a sepelirli il populo si stanchi.~Com'è troncato un arbore, 2941 | stare 2942 2, X | X~Non v'incresca di starmi un poco a udire,~ché non 2943 4, XLV | et ora teco~siam quattro, starti in questo ventre cieco.~ ~ 2944 2, XCIV | Lombardia calasse.~Con gli statichi i Franchi se ne vanno;~e 2945 | stavano 2946 3, LXV | luogo del coltel rimesse un stecco:~ ~ 2947 3, LXXVIII | fermati a Valenza avea i stendardi~dove da Carlo esercito aspettava,~ 2948 4, XVIII | ogni gabbia~e le bandiere stendere e i pennoni,~dare ai tamburi, 2949 5, XXIV | sdegno coi spirti aerii e stigi,~ché scongiurati avendoli 2950 1, LXXXIII | consiglio,~il cui favor stimar atto a quell'uso:~dunque, 2951 1, LI | un ad un gli ebbe mirati,~stimòsola a sì importante 2952 3, XCVI | annella in dito se lo messe;~stimòllo et ebbe in prezzo, ma minore~ 2953 1, L | guadagnar anime vorrebbe:~stimula altri i signori, altri i 2954 1, CXI | nessuna era meglio atta~a stimularlo e far più risentire,~d'una 2955 3, LXXXI | truova per l'ira e per la stizza~loco che 'l tenga, e non 2956 4, XXI | le serrar poi chiovistoppa:~ch'ogni sua nave al mezo, 2957 2, LXXXVIII| tanti,~e tanta fu quivi la strage loro,~che 'l loco de la 2958 2, XXII | la più non van di Giove i strali.~La medesima notte è in 2959 5, LXI | ritrovarsi, e da la turba stretta~tirarse in parte ove non 2960 3, XCIV | opre s'impaccia;~il qual, stridendo Gano per l'ambascia,~tutta 2961 2, CXXXII | atto a tradire ebbe:~va da Strigonia in Austria, indi si tiene~ 2962 3, LXVIII | proferse Gano,~senza che spada stringa o abbassi lancia:~vuol sol 2963 4, VI | VI~Marfisa parve al stringer de la spada~una Furia che 2964 3, LXV | perduto e non volea~che si stringesse il fodro vòto e secco,~e ' 2965 4, VIII | brando che gli uccide e strugge~difender non si può se non 2966 1, CVII | Alcina, e un fier disio di strugger Carlo;~e quanto più credea 2967 2, XLVI | fatte ampie officine ai studi~de l'ingegnose aragne era 2968 3, XXXV | a chi di premio è degno,~studian far venir causa, e se non 2969 1, IX | compagnia, con ricche some,~studiando ognuna ch'altra non l'avanzi~ 2970 2, CXII | Finita l'orazion, facean due stuoli,~da un lato l'un, da l'altro 2971 4, XIV | acceso in pece~da tutto il stuolo in gran rumor veniva~di 2972 1, LXXXVIII| mani,~tremando di paura, e stupefatti~di maraviglia de' lor casi 2973 3, L | tratto,~stava maraviglioso e stupefatto:~ ~ 2974 1, XCI | Roma, acciò ne l'onde~di stupri e simonie non si profonde. -~ ~ 2975 1, LXXXVI | Quando dormia la notte più suave,~Gano e i compagni suoi 2976 2, CXXXIV | lascia il buono et il piggior sublima;~né, se non fuor del stato, 2977 3, XLVI | ch'all'imperio fraterno succedesse.~ ~ 2978 1, alfa | invidia e nov'odio anco successe,~che Franza e Carlo in gran 2979 3, XXXI | vuol per questo che dia un successore~all'esercito c'ha da quelle 2980 5, LIV | tutta a un tempo sia dal piè succisa:~un fragor s'ode, un strepito, 2981 3, LXX | LXX~Di Baviera in Suevia, et indi, senza~indugio, 2982 1, LI | a sì importante effetto~sufficiente, e ciascun altro inetto.~ ~ 2983 | sugli 2984 5, LXIV | al confinar dei scudi:~suonar come campane, e gittar vampo,~ 2985 1, XXI | sotto l'ale~de l'aquila superba alzi la fronte:~propone 2986 2, VIII | quali~s'aggiran dentro alle superbe teste~di questi scelerati, 2987 1, XXXVI | XXXVI~Gano superbo, livido e maligno~tutti 2988 5, XLIV | ch'avean tra dove, Loria, surgi,~e dove è meta al tuo viaggio 2989 2, LVI | figliuolo, et esso quei di Susa.~Per tutti questi passi, 2990 2, XXXII | tradimenti il padre.~Fu suscitato Unnuldo l'aquitano~a soldar 2991 5, LIII | le lance con le punte in suso~poteano a due gran selve 2992 1, LXXIX | che Lenno fu da la radice~svelta, e gettata con Cipro e con 2993 4, VIII | dritti e riversi,~quanti ne sveni, quanti snervi e spolpi,~ 2994 3, LXXXIII | suo cugino;~e per terre di Svizzeri andar poi,~e per Lorena, 2995 5, XLIV | gli Vassari e gli Biturgi,~Tabali, Petrocori avea in governo,~ 2996 2, LXXXV | non piacque al Conte che tacciuto~questo gli avesse, pur non 2997 1, XI | a terra, e non fa motto.~Tacendo l'altre di stupor, fu Alcina~ 2998 2, XXXVI | allegrezza spenti,~andavan taciturni sospirando,~né si sentiano 2999 5, XIX | che si scanni, tronchi, tagli e fenda~qualunque d'essi 3000 2, CXVIII | imperador commanda che dal piede~taglin le piante a lor bisogno 3001 2, XLVIII | disagi e de le spade il taglio~tolto n'avean da le decine


abban-calar | calas-dolce | dolci-inett | infam-ondeg | onest-rifan | rifer-tagli | tago-zucch

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License