Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

CCEO

IntraText CT - Lettura del testo

  • TITOLO XVI IL CULTO DIVINO E SPECIALMENTE I SACRAMENTI
    • Capitolo VI LA SACRA ORDINAZIONE
      • Art. I Il ministro della sacra ordinazione
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

Art. I

Il ministro della sacra ordinazione

Can. 744

(cf CIC83, C.1012) Solo il Vescovo amministra validamente la sacra ordinazione con l’imposizione delle mani e con l’orazione prescritta dalla Chiesa.

Can. 745

(cf CIC83, C.1013) L’ordinazione episcopale è riservata a norma del diritto al Romano Pontefice, al Patriarca o al Metropolita, di modo che non è lecito a nessun Vescovo ordinare qualcuno Vescovo, se prima non consta di un legittimo mandato.

Can. 746

(cf CIC83, C.1014) §1. Il Vescovo sia ordinato da tre Vescovi, eccetto nel caso di estrema necessità.

§2. Il secondo e il terzo Vescovo, se non possono essere presenti dei Vescovi della stessa Chiesa sui iuris del primo Vescovo ordinante, possono essere anche di un’altra Chiesa sui iuris.

Can. 747

(CIC83, C.1015) Il candidato al diaconato e al presbiterato sia ordinato dal proprio Vescovo eparchiale, oppure da un altro Vescovo con legittime lettere dimissorie.

Can. 748

(cf CIC83, C.1016) §1. Il Vescovo eparchiale proprio, per quanto riguarda la sacra ordinazione di chi deve essere ascritto a qualche eparchia, è il Vescovo dell’eparchia nella quale il candidato ha il domicilio, oppure dell’eparchia per il cui servizio il candidato ha dichiarato per iscritto di volersi dedicare; per quanto riguarda l’ordinazione di chi è già ascritto a un’eparchia, è il Vescovo di quella eparchia.

§2. Un Vescovo eparchiale non può ordinare un candidato suo suddito ascritto a un’altra Chiesa sui iuris se non con la licenza della Sede Apostolica; se invece si tratta di un candidato che è ascritto alla Chiesa patriarcale e che ha il domicilio o quasi domicilio entro i confini del territorio della stessa Chiesa, questa licenza può concederla anche il Patriarca.

Can. 749

(cf CIC83, C.1017) E’ proibito al Vescovo di celebrare la sacra ordinazione in un’altra eparchia senza la licenza del Vescovo eparchiale, a meno che il diritto particolare della Chiesa patriarcale, per quanto riguarda il Patriarca, non stabilisca diversamente.

Can. 750

(cf CIC83, C.1018) §1. Fermi restando i cann. 472, 537 e 560, §1, possono dare le lettere dimissorie:

il Vescovo eparchiale proprio;

l’Amministratore della Chiesa patriarcale e inoltre, col consenso del collegio dei consultori eparchiali, l’Amministratore dell’eparchia;

§2. L’Amministratore della Chiesa patriarcale non conceda le lettere dimissorie a coloro che sono stati respinti dal Patriarca, né l’Amministratore dell’eparchia a coloro che sono stati respinti dal Vescovo eparchiale.

Can. 751

(CIC83, C.1020) Le lettere dimissorie non siano concesse se non dopo aver ricevuto in precedenza tutte le testimonianze esigite dal diritto.

Can. 752

(cf CIC83, C.1021) Le lettere dimissorie possono essere spedite dal Vescovo eparchiale proprio a qualsiasi Vescovo della stessa Chiesa sui iuris, ma non a un Vescovo di una Chiesa diversa da quella dell’ordinando, se non con la licenza di coloro di cui nel can. 748, §2.

Can. 753

(CIC83, C.1023) Le lettere dimissorie possono essere circoscritte oppure revocate dal concedente stesso o dal suo successore, ma una volta concesse non si estinguono col venir meno il diritto del concedente.




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License