Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

CCEO

IntraText CT - Lettura del testo

  • TITOLO II LE CHIESE SUI IURIS E I RITI
    • Capitolo I L’ASCRIZIONE A UNA CHIESA SUI IURIS
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

Capitolo I

L’ASCRIZIONE A UNA CHIESA SUI IURIS

Can. 29

(cf CIC83, C.112) §1. Il figlio che non ha ancora compiuto il quattordicesimo anno di età, col battesimo è ascritto alla Chiesa sui iuris a cui è ascritto il padre cattolico; se invece solo la madre è cattolica oppure se entrambi i genitori lo richiedono con volontà concorde è ascritto alla Chiesa sui iuris a cui la madre appartiene, salvo restando il diritto particolare stabilito dalla Sede Apostolica.

§2. Se invece il figlio, che non ha ancora compiuto il quattordicesimo anno di età:

è nato da madre non sposata, viene ascritto alla Chiesa sui iuris a cui appartiene la madre;

è di genitori ignoti, è ascritto alla Chiesa sui iuris alla quale sono ascritti coloro alle cui cure è legittimamente affidato; se però si tratta di padre e madre che lo adottano, si applichi il §1;

è di genitori non battezzati, è ascritto alla Chiesa sui iuris alla quale appartiene colui che si è assunto la sua educazione nella fede cattolica.

Can. 30

(= CIC83, C.111 §2) Qualsiasi battezzando che abbia compiuto il quattordicesimo anno di età, può scegliere liberamente qualunque Chiesa sui iuris alla quale viene ascritto ricevendo in essa il battesimo, salvo restando il diritto particolare stabilito dalla Sede Apostolica.

Can. 31

Nessuno presuma di indurre in alcun modo qualunque fedele cristiano a passare a un’altra Chiesa sui iuris.

Can. 32

(cf CIC83, C.112 §1, ) §1. Nessuno può passare validamente a un’altra Chiesa sui iuris senza il consenso della Sede Apostolica.

§2. Se però si tratta di un fedele cristiano dell’eparchia di qualche Chiesa sui iuris che chiede di passare a un’altra Chiesa sui iuris che ha nello stesso territorio la propria eparchia, questo consenso della Sede Apostolica si presume, purché i Vescovi eparchiali di entrambe le eparchie acconsentano per iscritto al passaggio.

Can. 33

(# CIC83, C.112 §1, ) Una donna ha pieno diritto di passare alla Chiesa sui iuris del marito, nella celebrazione del matrimonio o mentre perdura lo stesso; ma sciolto il matrimonio, può liberamente tornare alla precedente Chiesa sui iuris.

Can. 34

(cf CIC83, C.112) Se i genitori o il coniuge cattolico nel matrimonio misto passano ad altra Chiesa sui iuris, i figli al di sotto del quattordicesimo anno di età compiuto sono ascritti per il diritto stesso alla medesima Chiesa; se invece, nel matrimonio fra cattolici, soltanto uno dei genitori passa ad altra Chiesa sui iuris, i figli passano soltanto se entrambi i genitori consentono; compiuto però il quattordicesimo anno di età, i figli possono ritornare alla precedente Chiesa sui iuris.

Can. 35

I battezzati acattolici che convengono alla piena comunione con la Chiesa cattolica conservino il proprio rito, lo rispettino e, nella misura delle proprie forze, lo osservino dappertutto; siano perciò ascritti alla Chiesa sui iuris del medesimo rito, salvo il diritto di ricorrere alla Sede Apostolica in casi speciali di persone, di comunità o di regioni.

Can. 36

Ogni passaggio a un’altra Chiesa sui iuris ha valore dal momento della dichiarazione fatta davanti al Gerarca del luogo della stessa Chiesa o al parroco proprio, oppure al sacerdote delegato dall’uno o dall’altro e davanti a due testimoni, a meno che il rescritto della Sede Apostolica non disponga diversamente.

Can. 37

(cf CIC83, C.535 §2) Ogni ascrizione a una Chiesa sui iuris o passaggio a un’altra Chiesa sui iuris sia annotato nel libro dei battezzati della parrocchia anche, se è il caso, della Chiesa latina, dove è stato celebrato il battesimo; se invece non lo si può fare, si annoti in un altro documento da conservare nell’archivio parrocchiale del parroco della propria Chiesa sui iuris alla quale è stata fatta l’ascrizione.

Can. 38

I fedeli cristiani delle Chiese orientali, anche se affidati alla cura del Gerarca o del parroco di un’altra Chiesa sui iuris, rimangono tuttavia ascritti alla propria Chiesa sui iuris.




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License