Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Alfabetica    [«  »]
membra 6
memoria 12
memorie 1
men 80
mena 6
meno 13
mente 7
Frequenza    [«  »]
81 foco
81 nel
81 or
80 men
76 ché
73 altro
73 vita
Michelangelo Buonarroti il Vecchio
Rime

IntraText - Concordanze

men

   Rima
1 6 | non ti incresce o dole,~e men ti piaccio se più m'affatico.~ 2 11 | 011~Quanto sare' men doglia il morir presto~che 3 22 | tu tel sai,~sol per aver men forza oggi che mai.~Tu speri 4 22 | ove 'l più saggio assai men si difende:~più corto è ' 5 22 | insieme vanno; e quel che men s'apprezza,~colui è sol 6 33 | tutto el mondo a morte è men che nulla.~Amore, i' sento 7 35 | gran palla scuopre,~che men rilieva suo vista serena,~ 8 42 | manco un minimo sospiro,~né men ardente foco chiederei.~- 9 47 | virtute sparte,~e l'alma, che men bella esser potea.~Contrari 10 54 | ella m'aspetta,~ch'i' dico men che quand'i' non ho fretta.~ 11 54 | parere, e le mie cose assai men belle:~c'amore o forza el 12 54 | el dirne è grazia sola;~e men ne dice chi più alto vola.~ 13 78 | colpa vien del mal, che men dispiace~quante più cresce, 14 79 | par che raffreni,~che non men che 'l disio l'anima sente.~ 15 82 | alla beltà nemica,~ché 'l men dal più veloce non si scosta.~ 16 83 | non è l'intensa voglia men gradita,~l'amor, la fede 17 86 | muore.~Tanto all'increscitor men aspro e duro~esser dié ' 18 86 | nostri guai~son come più e men ciascun gli sente:~quant' 19 92 | fa così lieto.~Né par che men perdoni~a chi 'l cor m'apre 20 93 | bello, in alcun altro volto,~men forza ha, signor, molto~ 21 93 | allora~co' rari pianti e men caldi sospiri.~L'alma all' 22 98 | luci l'ore del fin fian men moleste;~c'ogni altro ben 23 98 | moleste;~c'ogni altro ben val men c'ogni mia doglia.~Però 24 99 | sparito; e se 'l fuggir men forte~de' giorni lieti invan 25 99 | a' piè; né m'era allora~men salute il morir che maraviglia.~ 26 112| più sicuro è, che non sia men forte~che 'l pianger e ' 27 114| infinita,~dove più porgi aita,~men puoi non tor la vita,~né 28 122| non è mia molta né sua men virtute,~ch'io sol trovi 29 123| stia~col mie duol vivo, per men vostro danno;~e se più bella 30 129| ognor più bella ogni cosa men bella.~Qual cor più questa 31 129| sarie più 'l nostro, e men bello il tuo volto.~ 32 132| aver già mai.~Dunche ha men grazia chi più qua soggiorna:~ 33 132| più qua soggiorna:~ché chi men vive più lieve al ciel torna.~ 34 136| tempre,~che non m'affligghin men, dove più m'ardi;~tal ch' 35 139| 139~In più leggiadra e men pietosa spoglia~altr'anima 36 140| come si crede,~ne l'inferno men doglia,~se tuo beltà l'adorna,~ 37 140| con sì caldo affetto,~fie men fruire Dio,~s'ogni altro 38 140| amarti aspetto,~se più giova men doglia a chi è dannato,~ 39 140| n ciel non nuoce l'esser men beato.~ 40 141| ma prego, ove 'l gioire è men che 'ntero~sie dolce il 41 142| nel freddo tempo dell'età men verde,~l'arco subito torse~ 42 148| 148~Con più certa salute~men grazia, donna, mi terrie 43 149| superchia aita,~che d'assai men mercé più se ne prende.~ 44 149| foco,~che 'l troppo con men caldo arde che 'l poco.~ 45 150| 150~Non men gran grazia, donna, che 46 162| nostri~mie breve resto, e che men cieco viva.~Chieggio a voi, 47 162| donna, saper se 'n ciel men grado tiene~l'umil peccato 48 163| vedute!~né da vederle è men che 'l gran desio;~ché ' 49 167| brevi.~In ogni cor veril men di le' vali;~e se ben porti 50 173| contr'a sé fa costei~non men crudel che spesso~dichi: - 51 175| traporti.~Se ne' vecchi men vali,~campar dovria, se 52 178| intelletto nostro,~per voi non di men pregio esser dovea.~Dunche, 53 189| occhi, che aperti~facén men chiari i più lucenti e santi;~ 54 192| dell'amico 'l desio,~quante men val fruir terra che Dio.~ 55 203| Qui son per sempre; né per men vorrei,~s'i' resto vivo 56 208| suo luce fu corta ventura.~Men grazia e men ricchezza assai 57 208| corta ventura.~Men grazia e men ricchezza assai più dura;~ 58 212| a lei ancider toccava i men chiari.~ 59 221| Qui giace il Braccio, e men non si desìa~sepulcro al 60 231| che 'l tempo perso, a chi men n'ha, più duole.~Quante ' 61 232| stanco e veglio.~Né so il men danno o 'l meglio:~ma pur 62 233| l corso di più tempo men loco~a la vita, a le forze 63 245| m'ardi e non poco?~- La men parte del gioco~ha chi nulla 64 246| chi patisce a torto~non men pietà che gran iustizia 65 249| peccato;~ché degli amanti è men felice stato~quello, ove ' 66 250| popol che l'offese,~c'al suo men pregio ogni maggior salire.~ 67 251| spesso, e tanto pesa~che fa men cara la salute mia.~Chi 68 253| che m'arde or drento,~per men mal, non che spento,~ma 69 253| c'or c'è lume e specchio,~men foco assai 'l distrugge 70 255| brutti ti veggiabella;~né men crudele e fella~dentro è 71 255| l tuo gran valore~d'ogni men grado accresce suo durezza,~ 72 263| contrito core.~Più perde chi men teme~nell'ultima partita,~ 73 267| chi n'ha per masserizi' o men vïaggio~non vien a vicitarmi 74 269| per durar poco,~sento non men che 'l mal m'affligge e 75 273| mostra per un verso,~ma più e men quante suo grazia piove.~ 76 273| altri in ogni altrove:~più e men chiaro o più lucente e terso,~ 77 279| grazia tal, c'ogni altra par men buona.~Se ben col fattor 78 296| appressi ognora,~e dove men duol manco s'affretta.~A 79 296| più tempo il buon voler men dura.~ 80 298| 298~Non fur men lieti che turbati e tristi~


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License