Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Alfabetica    [«  »]
iudizio 1
iusti 4
iustizia 2
l 427
l' 444
la 359
20
Frequenza    [«  »]
537 non
450 a
444 l'
427 l
398 è
377 di
359 la
Michelangelo Buonarroti il Vecchio
Rime

IntraText - Concordanze

l

    Rima
1 4 | quella vesta~che serra 'l petto e poi par che si spanda,~ 2 4 | si domanda~le guanci' e 'l collo di toccar non resta.~ 3 5 | paese che si sia,~c'a forza 'l ventre appicca sotto 'l 4 5 | l ventre appicca sotto 'l mento.~La barba al cielo, 5 5 | sento~in sullo scrigno, e 'l petto fo d'arpia,~e 'l pennel 6 5 | l petto fo d'arpia,~e 'l pennel sopra 'l viso tuttavia~ 7 5 | arpia,~e 'l pennel sopra 'l viso tuttavia~mel fa, gocciando, 8 5 | difendi orma', Giovanni, e 'l mio onore,~non sendo in 9 6 | ascender per la tua altezza,~e 'l giusto peso e la potente 10 6 | non la voce d'ecco.~Ma 'l cielo è quel c'ogni virtù 11 9 | 009~Colui che 'l tutto fe', fece ogni parte~ 12 10 | elmi di calici e spade~e 'l sangue di Cristo si vend' 13 11 | che doglia 'nfinita~sente 'l mio cor, quando li torna 14 12 | pianti e que' sospiri~che 'l miser core voi accompagnorno,~ 15 15 | parti;~ond'io resto, tu 'l sai, quant'io son, poco.~ 16 15 | perc'un'alma infra duo va 'l più degno,~m'è forza, s' 17 16 | un fonte di pietà nasce 'l mie male.~ 18 17 | ciascun fiore.~Muovesi 'l tempo, e compartisce l'ore~ 19 17 | par che si consumi,~come 'l peccato tuo vuol de' mie 20 18 | s'argomenta.~Il mare e 'l monte e 'l foco colla spada:~ 21 18 | argomenta.~Il mare e 'l monte e 'l foco colla spada:~in mezzo 22 19 | uom più mai;~l'angoscia e 'l pianto e ' guai,~a più forte 23 20 | modo tal che invaghiresti 'l papa;~e gli occhi del color 24 21 | nel fuggir del tempo; e 'l sole~niuna cosa lascia viva. ~ 25 22 | te perdono,~cagion che 'l cor l'arme tu' spezza e 26 22 | periglioso impaccio,~ove 'l più saggio assai men si 27 22 | si difende:~più corto è 'l mal nella più lunga etate~ 28 22 | che mi vuo' tu porre,~che 'l ultimo buon, che mi bisogna,~ 29 24 | Ancudine fe' 'l cor, mantaco 'l seno~da fabricar sospir, 30 25 | domanderebbe appena.~E el tigre e 'l serpe ancor l'uso raffrena,~ 31 25 | ancor l'uso raffrena,~e 'l fier leon ne' folti boschi 32 25 | ne' folti boschi nato;~e 'l nuovo artista, all'opre 33 25 | sudor doppia suo lena.~Ma 'l foco a tal figura non s' 34 25 | amor col fiato l'alma e 'l cor gli cinge.~E se motteggia 35 26 | arda o non s'accenda.~Così 'l cor, tolto da chi mai mel 36 27 | amanti, Amor, fuggite 'l foco;~l'incendio è aspro 37 27 | leggete in me, qual sarà 'l vostro male,~qual sarà l' 38 30 | chiusi ancor, trapassa 'l core.~Onde va zoppo Amore,~ 39 31 | meno m'offende e preme 'l danno,~più mi distrugge 40 31 | è ma' bene,~vo cercando 'l dolor con maggior pene.~ 41 33 | m'ha tolta~la grazia che 'l ciel piove in ogni loco.~ 42 34 | vita del mie amor non è 'l cor mio,~c'amor di quel 43 34 | ond'ella vien, chi più 'l somiglia.~Poi che negli 44 34 | che negli occhi ha' tutto 'l paradiso,~per ritornar 45 35 | sopra el suo confino,~e 'l giallo e 'l nero e 'l bianco 46 35 | confino,~e 'l giallo e 'l nero e 'l bianco non circundi.~ 47 35 | e 'l giallo e 'l nero e 'l bianco non circundi.~ 48 36 | 036~Oltre qui fu, dove 'l mie amor mi tolse,~suo mercè, 49 37 | quante vuo', breve e lungo è 'l viver mio.~Felice son nella 50 39 | la medicina era passarmi 'l core;~ma questo è propio 51 39 | crescer la vita dove cresce 'l male.~E se 'l primo suo 52 39 | dove cresce 'l male.~E se 'l primo suo colpo fu mortale,~ 53 40 | cor mi caccia, e mettevi 'l suo volto;~e s'i' durassi 54 41 | e care~quante natura e 'l ciel tra no' può fare,~quand' 55 42 | se gli occhi mei~veggono 'l ver della beltà c'aspiro,~ 56 42 | scolpito el viso di costei.~Tu 'l de' saper, po' che tu vien 57 43 | conosco e' mie danni, e 'l vero intendo;~dall'altra 58 43 | In mezzo di duo mort' è 'l mie signore:~questa non 59 44 | lima,~perch'io non tronchi 'l fil ritorna e riede.~ 60 45 | freddo ne ristora,~acciò che 'l mondo più non si consumi.~ 61 45 | che non mora.~La morte e 'l duol, ch'i' bramo e cerco, 62 45 | vederti a quella riva~che 'l corpo per a tempo di qua 63 46 | 046~Se 'l mie rozzo martello i duri 64 46 | quello,~dal ministro che 'l guida, iscorge e tiello,~ 65 46 | ogni altro fassi.~E perché 'l colpo è di valor più pieno~ 66 46 | stesso alla fucina,~sopra 'l mie questo al ciel n'è gito 67 47 | vita non solea,~e morto ha 'l ciel, c'allor non avea parte.~ 68 48 | dal vento, ogni virtù che 'l cielo esalta~tanto più splende 69 50 | anni di costei,~Amor, se 'l tempo ogni beltà distrugge?~ 70 51 | fugaci e dallo specchio~che 'l ver dice a ciascun che fiso ' 71 51 | dice a ciascun che fiso 'l guarda!~Così n'avvien, chi 72 51 | ritarda,~com'ho fatt'io, che 'l tempo m'è fuggito:~si trova 73 51 | oilmè, pur riterando~vo 'l mio passato tempo e non 74 51 | Le fallace speranze e 'l van desio,~piangendo, amando, 75 51 | con periglio pèro;~ché 'l breve tempo m'è venuto manco,~ 76 51 | anzi temo, ch'il veggio, e 'l tempo andato~mel mostra, 77 51 | gli occhi chiuda.~Or che 'l tempo la scorza cangia e 78 51 | non sono errato,~(che Dio 'l voglia ch'io sia),~l'etterna 79 53 | dopo tante pene~ristori 'l mie signor mie vita e forma.~ 80 53 | vita e forma.~Non dura 'l mal dove non dura 'l bene,~ 81 53 | dura 'l mal dove non dura 'l bene,~ma spesso l'un nell' 82 54 | mi fara' contento:~ché 'l morso il ben servir togli' 83 54 | sì come l'allegrezza fa 'l dolore;~una nuova nel mondo 84 54 | votar si muore,~ch'è più 'l conforto, po' che pri' è ' 85 54 | conforto, po' che pri' è 'l dolore.~E non mi passa tra 86 54 | altra schiera?~Or si fa 'l nome, o per tristo o per 87 54 | in un'ampolla,~che doppo 'l collo cresce ov'è più largo;~ 88 54 | reverisco e colo,~al merito 'l poter poco favella;~c'un 89 54 | un lento volo,~né gira 'l sol per un sol suo mercede,~ 90 54 | non posso pensar come 'l cor m'ardi,~passando a quel 91 54 | occhi sempre molli,~che 'l foco spegnerien non ch'e' 92 54 | medesmo. O cosa strana,~se 'l mal del foco spesso il foco 93 58 | legge~ha lunga vita, e 'l corpo in breve muore,~non 94 58 | in breve muore,~non può 'l senso suo lode o suo valore~ 95 58 | udita~la casta voglia che 'l cor dentro incende~da chi 96 60 | speranza che mi dai,~se vero è 'l gran desio che m'è concesso,~ 97 60 | dagli umani ingegni,~chi 'l vuol saper convien che prima 98 61 | cervio o lince o pardo~segue 'l suo bene e fugge quel che 99 62 | coloro~che morte accresce e 'l tempo non offende.~Del foco, 100 63 | amico al freddo sasso è 'l foco interno~che, di quel 101 64 | 064~Se 'l foco il sasso rompe e 'l 102 64 | l foco il sasso rompe e 'l ferro squaglia,~figlio del 103 64 | duro interno,~che farà 'l più ardente dell'inferno~ 104 66 | campar più fida,~sie che 'l tumulto dell'avverse strida~ 105 66 | avverse strida~non pèra, ove 'l poter tuo non sostegna.~ 106 66 | i' pur nacqui, e tal fu 'l padre mio.~Tu sol se' buon; 107 67 | questa or quella cima,~e 'l mastro lor, con aspre note, 108 67 | e la suo vaga, che ha 'l cor di ferro,~star co' porci, 109 67 | loro ospizio:~chi ingombra 'l desco e chi fa fora 'l foco,~ 110 67 | l desco e chi fa fora 'l foco,~sott'a quel faggio 111 67 | chi ingrassa e gratta 'l porco, e prende gioco,~chi 112 67 | prende gioco,~chi doma 'l ciuco col basto primizio;~ 113 67 | sommo tesoro è uno arato,~e 'l bomero è la gemma che gli 114 67 | bassi ingegni,~che disusate 'l ben della natura!~Cercando 115 67 | par v'insegni;~l'invidia 'l mal d'altrui provvede e 116 67 | in insaziabil foco,~che 'l tempo è breve e 'l necessario 117 67 | che 'l tempo è breve e 'l necessario è poco.~Color 118 67 | po' l'orecchio:~colui che 'l mondo impera, e ch'è sì 119 67 | disidra, e non ha pace poi;~e 'l villanel la gode co' suo 120 67 | e di letigi.~L'avere e 'l dar, l'usanze streme e strane,~ 121 67 | streme e strane,~el meglio e 'l peggio, e le cime dell'arte~ 122 67 | piane,~e l'erba e l'acqua e 'l latte è la sua parte;~e ' 123 67 | latte è la sua parte;~e 'l cantar rozzo, e ' calli 124 67 | e ' calli delle mane,~è 'l dieci e 'l cento e ' conti 125 67 | delle mane,~è 'l dieci e 'l cento e ' conti e lo suo 126 67 | Come, el Perché rio~no 'l può ma' far, ché non istà 127 67 | fede adora e prega~Iddio e 'l ciel, l'un lega e l'altro 128 67 | porta,~e va di notte, e 'l buio è la suo scorta.~El 129 67 | la suo scorta.~El Come e 'l Forse son parenti stretti,~ 130 67 | Povero e nudo e sol se ne va 'l Vero,~che fra la gente umìle 131 67 | qual è lucente e mero,~e 'l corpo ha d'oro, e d'adamante ' 132 67 | ha d'oro, e d'adamante 'l core;~e negli affanni cresce 133 67 | coperta di più panni,~che 'l cielo a primavera a' fior 134 67 | piace altrui ragiona;~ha 'l pianto e 'l riso in una 135 67 | ragiona;~ha 'l pianto e 'l riso in una voglia sola;~ 136 68 | cielo, e non lo vede,~ché 'l corpo suo, così robusto 137 68 | terra le cose passate,~e 'l capo ha fermo e prossim' 138 68 | equali e belle;~e come 'l ciel fa pari alla suo fronte, ~ 139 68 | ogni monte.~Com'a noi è 'l minuzzol dell'arena,~sotto 140 68 | mamma l'orribil figura,~e 'l suo arrogante, temerario 141 68 | porta amore;~di pietra ha 'l core e di ferro le braccia,~ 142 69 | ha temperato.~Così può 'l viso vostro le mie pene~ 143 70 | anzi crudele arbitrio~che 'l potere e 'l voler mi stringe 144 70 | arbitrio~che 'l potere e 'l voler mi stringe e lega;~ 145 70 | cielo!~Se non ch'i' so che 'l giorno el cor non lega,~ 146 70 | sente e non m'è contra 'l cielo;~ché scior non si 147 70 | Colui che sciolse e lega 'l mio arbitrio,~ov'io andai 148 72 | tempo e l'ore,~il giorno e 'l sol nella su' antica traccia;~ 149 73 | ove si vive e campa;~e 'l mie cibo è sol quel c'arde 150 74 | ardo, i' mi consumo, e 'l core~di questo si nutrisce. 151 77 | 077~Se 'l foco fusse alla bellezza 152 77 | que' si parte,~non avrie 'l mondo sì gelata parte~che 153 77 | ardessi com'acceso strale.~Ma 'l ciel, pietoso d'ogni nostro 154 78 | pace~caduto son: dove 'l ver si tace,~soprasta 'l 155 78 | l ver si tace,~soprasta 'l senso a quel da lui diviso.~ 156 79 | raffreni,~che non men che 'l disio l'anima sente.~Dunche, 157 81 | quel che non è voi non è 'l mie bene.~Amor, che sprezza 158 81 | vita, non ha luce poi;~ché 'l ciel non è dove non siate 159 82 | sproni mie fuga,~doppiando 'l corso alla beltà nemica,~ 160 82 | alla beltà nemica,~ché 'l men dal più veloce non si 161 83 | volte ascesa a Dio.~E se 'l vulgo malvagio, isciocco 162 84 | nell'inchiostro~è l'alto e 'l basso e 'l medïocre stile,~ 163 84 | inchiostro~è l'alto e 'l basso e 'l medïocre stile,~e ne' marmi 164 84 | ricca e vile,~secondo che 'l sa trar l'ingegno nostro;~ 165 85 | onde ne rise tanto~che 'l naso fe' dua parti dell' 166 85 | pensate~ch'i' manchi, se 'l cappuccio non mi cade.~Così 167 86 | 086~Ancor che 'l cor già mi premesse tanto,~ 168 86 | stringa o nòi.~La memoria 'l fratel pur mi dipigne,~e 169 86 | vivo in mezzo il core,~che 'l core e 'l volto più m'affligge 170 86 | il core,~che 'l core e 'l volto più m'affligge e tigne.~ 171 86 | debito, c'all'ore~pagò 'l mio frate acerbo, e tu maturo;~ 172 86 | aspro e duro~esser dié 'l caso quant'è più necesse,~ 173 86 | quant'è più necesse,~ dove 'l ver dal senso è più sicuro.~ 174 86 | esser più dolente.~E se 'l pensier, nel quale i' mi 175 86 | profondo~non fussi che 'l ben morto in ciel si ridi~ 176 86 | d'una credenza ferma~che 'l ben vissuto a morte me' 177 86 | inferma~è tanto oppresso, che 'l morir più spiace~quanto 178 86 | morir più spiace~quanto più 'l falso persuaso afferma.~ 179 86 | non lo scrivo.~Fortuna e 'l tempo dentro a vostra soglia~ 180 86 | pensier ti veggio~dove 'l mondo passar ne fa di raro.~ 181 86 | stimo~e spero di veder, se 'l freddo core~mie ragion tragge 182 86 | limo.~E se tra 1' padre e 'l figlio ottimo amore~cresce 183 87 | quel ch'io non voglio:~tra 'l foco e 'l cor di ghiaccia 184 87 | non voglio:~tra 'l foco e 'l cor di ghiaccia un vel s' 185 87 | ghiaccia un vel s'asconde~che 'l foco ammorza, onde non corrisponde~ 186 87 | all'opre, e fa bugiardo 'l foglio.~I' t'amo con la 187 87 | spietato orgoglio.~Squarcia 'l vel tu, Signor, rompi quel 188 87 | al mondo spenta!~Manda 'l preditto lume a noi venturo,~ 189 88 | d'un bel volto~ne porti 'l mio così contrari effetti,~ 190 88 | ha tolto,~fa forse come 'l sol, se nol permetti,~che 191 88 | nol permetti,~che scalda 'l mondo e non è caldo lui.~ 192 90 | intaglio~è di più pregio che 'l suo primo scoglio.~O come 193 92 | 092~Quantunche 'l tempo ne costringa e sproni~ 194 92 | par che men perdoni~a chi 'l cor m'apre e serra,~nell' 195 95 | con più lena~che non è 'l vostro natural costume.~ 196 95 | costume.~E tu, folt'aïr, che 'l celeste lume~tempri a' trist' 197 95 | germugli che gli è tolta,~e 'l suono eco, già sorda a' 198 97 | vischio, a' lacci di che 'l mondo è pieno;~non è gran 199 97 | cieco,~proporzionato a chi 'l cor m'arde e fura,~colpa 200 98 | meste,~se di tal sorte 'l ciel, che l'alma veste,~ 201 98 | mai non ne spoglia?~A che 'l cor lass' a più languir 202 98 | ogni mia doglia.~Però se 'l colpo ch'io ne rub' e 'nvolo~ 203 98 | entrerà 'nfra la dolcezza e 'l duolo?~Se vint' e preso 204 99 | morte.~Or m'è sparito; e se 'l fuggir men forte~de' giorni 205 99 | ingrata e rea~pietà le mani e 'l ciel chiugga le porte.~Le 206 99 | Le penne mi furn'ale e 'l poggio scale,~Febo lucerna 207 100| noi dette la luce, a te 'l vïaggio.~Felice uccello, 208 100| vantaggio~da noi, t'è Febo e 'l suo bel volto noto,~e più 209 104| ne fe' d'un due e diè 'l sol alto all'uno,~all'altro 210 104| presso diè la luna.~Onde 'l caso, la sorte e la fortuna~ 211 105| fusse equale,~altro che 'l bel di fuor, c'agli occhi 212 105| amore,~che l'alma uccide; e 'l nostro fa perfetti~gli amici 213 106| che sana ogn'intelletto e 'l mondo onora.~Questo sol 214 106| cui si preme la natura, e 'l cieloc' a' lor parti 215 107| discende uno splendore~che 'l desir tira a quelle,~e qui 216 107| l'innamori e arda, e che 'l consigli,~c'un volto che 217 108| 108~Indarno spera, come 'l vulgo dice,~chi fa quel 218 108| fenice~ritornar più; ché 'l tempo nol concede.~Pur godo 219 109| pregiato e caro~quel che 'l senso contenta,~c'un sol 220 109| contenta,~c'un sol non sia che 'l senta,~se ben par dolce, 221 110| mondo avete dato~l'anima e 'l corpo e lo spirto 'nsïeme:~ 222 110| in questa cassa oscura è 'l vostro lato.~ 223 112| 112~Il mio refugio e 'l mio ultimo scampo~qual più 224 112| che non sia men forte~che 'l pianger e 'l pregar? e non 225 112| forte~che 'l pianger e 'l pregar? e non m'aita.~Amore 226 117| 117~S'egli è che 'l buon desio~porti dal mondo 227 117| questa onora:~c'amar diè 'l servo chi 'l signore adora.~ 228 117| c'amar diè 'l servo chi 'l signore adora.~ 229 118| 118~Ancor che 'l cor già molte volte sia~ 230 119| dico iniqua o fella,~che 'l me' saria di fore,~s'aver 231 121| ardente core.~Ma poi che 'l spirto sciolto~ritorna alla 232 121| quiete o per lutto;~priego 'l mie, benché brutto,~com' 233 122| 122~Se 'l foco al tutto nuoce,~e me 234 123| 123~Quante più par che 'l mie mal maggior senta,~se 235 123| vostro~bellezza, tal che 'l duol dolce diventa.~Ben 236 123| della mie pena ria:~se 'l mie mal vi contenta,~mie 237 124| assai più nuoce il mal che 'l ben non giova.~ 238 125| quel picciol tempo che 'l suo volto oblio.~Ma poi 239 125| volto oblio.~Ma poi che 'l pensier rio~pur la ritorna 240 127| 127~Non pur la morte, ma 'l timor di quella~da donna 241 128| 128~Se 'l timor della morte~chi 'l 242 128| l timor della morte~chi 'l fugge e scaccia sempre~lasciar 243 128| non può non morir gli è 'l timor caro~al qual ogni 244 129| vaga e gentil persona~e 'l volto e gli occhi e ' biondi 245 129| fuggi e me con essi,~se 'l bello infra ' non begli~ 246 129| noi l'ha tolto,~sarie più 'l nostro, e men bello il tuo 247 130| tuo mercede, ancora~che 'l mie fin sie da presso,~non 248 132| 132~Mentre che 'l mie passato m'è presente,~ 249 132| conosco bene~l'errore e 'l danno dell'umana gente:~ 250 132| prometti~altrui la pace e 'l ben che tu non hai~né debbi 251 133| nascer muore.~La vergogna e 'l timore~degli anni, c'or 252 133| ciel, non mi rinnuova~che 'l vecchio e dolce errore,~ 253 134| ciel godete~le lacrime che 'l mondo non ristora,~favvi 254 134| servire in dolor tanti.~Se 'l cielo è degli amanti~amico, 255 134| è degli amanti~amico, e 'l mondo ingrato,~amando, a 256 134| questo mi spaventa:~ché 'l poco è troppo a chi ben 257 135| sua etterni danni.~Fra 'l timore e gl'inganni~d'amore 258 136| altra aita persa~saria, se 'l pianger sempre~mi resurge 259 137| strale,~che fra la morte e 'l male~non dona tempo alcun, 260 137| amanti~i pianti perdi, e 'l nostro è meno strazio.~Ond' 261 138| non venga meno.~Ché se 'l volto sereno~cibo e vita 262 139| la tuo, donna, il moto e 'l dolce anelo;~tal c'alla 263 139| convien c'al mie soffrire 'l cielo.~I' nol dico e nol 264 139| celo~s'i' bramo o no come 'l tuo 'l mie peccato,~ché, 265 139| bramo o no come 'l tuo 'l mie peccato,~ché, se non 266 139| pietosa, che dove beato~mi fa 'l martir, si' etterna pace 267 141| non tento,~ma prego, ove 'l gioire è men che 'ntero~ 268 141| dubbio a chi nuocer può 'l vero.~ 269 142| strale~mie ricaduta che 'l mio primo male.~ 270 143| ti ringrazio,~Amor, se 'l manco invitto~in chiuso 271 144| alto e buon concetto,~e 'l tempo gli prometto~c'aver 272 144| la morte appresso~perdo 'l presente, e l'avvenir m' 273 146| del tuo non doni;~ma se 'l vulgo ne sazi~e ' bruti, 274 149| altrui d'un certo foco,~che 'l troppo con men caldo arde 275 149| con men caldo arde che 'l poco.~ 276 150| doglia~ancide alcun, che 'l furto a morte mena,~privo 277 150| vien subito scampo che 'l discioglia.~Simil se tuo 278 150| rasserena,~par, più che 'l pianger, la vita mi toglia.~ 279 150| allarga o troppo stringe 'l core.~Tal tuo beltà, c'Amore 280 150| Tal tuo beltà, c'Amore e 'l ciel qui folce,~se mi vuol 281 151| Il mal ch'io fuggo, e 'l ben ch'io mi prometto,~in 282 151| porti in un tempo, e che 'l mio basso ingegno~non sappia, 283 155| perch'i' 'mpari~in fra 'l dolce e l'amar qual mezzo 284 155| mille oltraggi offende 'l mie gioire;~se per avverso 285 155| pietà mi si toglie.~Fra 'l riso e 'l pianto, en sì 286 155| si toglie.~Fra 'l riso e 'l pianto, en sì contrari stremi,~ 287 156| cortesia:~il montar cresce, e 'l mie valore scema,~e la lena 288 156| tal pensier m'appago,~se 'l tuo sdegno presago,~per 289 158| più contenta.~Caduto è 'l frutto e secca è già la 290 158| muoio in tal sorte,~tu 'l fai più con mercé che con 291 159| con tutto il cor volse 'l mie basso ingegno.~Ma visto 292 160| vostra grazia,~donna, sopra 'l mie stato, in me sol bramo~ 293 161| velo?~C'ancor ch'i' cangi 'l pelo~per gli ultim'anni 294 162| cerco della mie salute.~Fra 'l vizio e la virtute~il cor 295 162| travaglia e stanca,~come chi 'l ciel non vede,~che per ogni 296 162| c'amor mi sganni e pietà 'l ver ne scriva:~che l'alma, 297 162| tiene~l'umil peccato che 'l superchio bene.~ 298 163| più presso.~A quel che 'l ciel promesso~m'ha nel tuo 299 163| miro,~che gli occhi senza 'l cor non han virtute.~Luci 300 163| né da vederle è men che 'l gran desio;~ché 'l veder 301 163| che 'l gran desio;~ché 'l veder raro è prossimo a 302 165| 165~Se 'l commodo degli occhi alcun 303 165| vi fo, donna, fede~che 'l commodo né l'uso non m'ha 304 166| un'angioletta il volo,~e 'l veder sol pur se ne gloria 305 168| 168~Perché 'l mezzo di me che dal ciel 306 168| se già ma' costei~cangia 'l suo stile, e c'a l'un mezzo 307 169| no' ne sare' nulla~e che 'l suo perde chi 'n quel d' 308 170| come per pruova il sa chi 'l ver dicerne:~così d'una 309 170| foco ho drento~c'arso m'ha 'l cor nelle mie parte interne;~ 310 171| com'a vo' tolto ha lui;~se 'l foco in ghiaccio e 'l riso 311 171| se 'l foco in ghiaccio e 'l riso volge in pianto,~con 312 172| non sie pure un'oncia;~e 'l sangue a libra a libra~mi 313 172| libra~mi svena, e sfibra e 'l corpo all'alma sconcia.~ 314 173| ritrarla col cor lieto e 'l viso asciutto:~sé farie 315 174| qualche tempo ancora;~e 'l più saperne il peggio,~del 316 175| fuga e lenta, ovposto 'l mie scampo;~e chi vince 317 176| ceda.~Ma chi fie ma' che 'l creda,~preso da' tuo begli 318 178| carte col pennello;~ma 'l vivo suo bel viso esser 319 180| lacrime a bagnarsi il petto e 'l volto~per chi resta suggetto 320 189| luce a tanti,~qual sie più 'l danno o l'util non siàn 321 192| Tant'esser de' dell'amico 'l desio,~quante men val fruir 322 196| altro che la morte era 'l mie peggio.~ 323 199| spera,~bagnando l'ossa e 'l mie sepulcro, tutto~ritornarmi 324 203| De' Bracci nacqui, e dopo 'l primo pianto,~picciol tempo 325 204| cresce per mancar, gli è 'l morir buono.~ 326 205| Se morte ha di virtù qui 'l primo fiore~del mondo e 327 206| beltà mie diva e 'ntera,~e 'l corpo sol mortal dal padre 328 207| lasciai tal pianto~che 'l me' sarebbe non esser ma' 329 208| 208~Qui chiuso è 'l sol di c'ancor piangi e 330 209| grazia o beltà non have 'l cielo,~c'alla natura fussi 331 213| natura;~ma perché perso è 'l ben, c'altri non cura,~lo 332 214| pace:~la vita perde chi 'l vide e non muore.~ 333 217| fenice mai rinnuovi~qui 'l bel volto de' Bracci di 334 217| più stima,~fie ben che 'l ben chi nol conosce prima~ 335 219| vita è morte.~Sendo oggi 'l ciel dalla terra diviso,~ 336 220| nobil salma~per morte, che 'l sol ma' simil non vide.~ 337 220| vide.~Roma ne piange, e 'l ciel si gloria e ride,~che 338 222| questo sasso il gode che 'l possiede,~e 'l resto po' 339 222| gode che 'l possiede,~e 'l resto po' del mondo il piange 340 223| or son divo:~poco ebbi 'l mondo e per sempre il ciel 341 224| Chiusi ha qui gli occhi e 'l corpo, e l'alma sciolta~ 342 226| I' fu' de' Bracci, e se 'l tempo ebbi corto,~chi manco 343 227| 227~Ripreso ha 'l divin Braccio il suo bel 344 228| 228~Se 'l mondo il corpo, e l'alma 345 228| qual salute fie mai che 'l soddisfacci?~Di tanti anni 346 229| Occhi mie, siate certi~che 'l tempo passa e l'ora s'avvicina,~ 347 231| è più tempo, Amor, che 'l cor m'infiammi,~né che beltà 348 231| è già l'ora strema~che 'l tempo perso, a chi men n' 349 231| n'ha, più duole.~Quante 'l tuo braccio dammi,~morte 350 231| acqua son conversi;~e Die 'l voglia c'or versi~con essa 351 232| veglio.~Né so il men danno o 'l meglio:~ma pur più temo, 352 233| un insaziabil foco?~Se 'l corso di più tempo men 353 234| agli occhi specchio, a che 'l cor lasso cede;~che s'altra 354 235| di me pietate;~sì sopra 'l van desio~mi sprona il suo 355 236| anz'una pronta man prenda 'l pennello,~fra ' dotti ingegni 356 236| donna alta e degna.~Se 'l poco accresce, e 'l mie 357 236| Se 'l poco accresce, e 'l mie superchio lima~vostra 358 238| arricchir dell'unica moneta~che 'l ciel ne stampa, e qui natura 359 239| pietra alpestra e dura~che 'l suo fattor, che gli anni 360 239| la natura.~I' 'l so, che 'l pruovo in la bella scultura,~ 361 240| opra qui dura, e la suo 'l tempo invola.~ 362 241| nuoca o giovi più, visto 'l tuo 'spetto,~o 'l fin dell' 363 241| visto 'l tuo 'spetto,~o 'l fin dell'universo o 'l gran 364 241| l fin dell'universo o 'l gran diletto.~ 365 243| obbietto entra la morte,~e più 'l discaccia, se più mi spaventa.~ 366 244| 244~Se 'l duol fa pur, com'alcun dice, 367 244| grazia la disgrazia mia:~ché 'l dolce amaro è quello~che, 368 245| 245~- Se 'l volto di ch'i' parlo, di 369 246| la mia morte a te non è 'l mie peggio.~Che s'io colmo 370 246| poi ch'io pera?~Perché 'l morir è corto~al lungo andar 371 246| non quel che puoi:~ché 'l premio del martir non è 372 247| 247~Caro m'è 'l sonno, e più l'esser di 373 247| esser di sasso,~mentre che 'l danno e la vergogna dura;~ 374 248| ebbe l'inferno giusto e 'l pio~ritornò vivo a contemplare 375 248| né sare' 'l premio tutto 'l mondo rio;~tu sol, che la 376 249| felice stato~quello, ove 'l gran desir gran copia affrena,~ 377 250| accese;~biasmar si può più 'l popol che l'offese,~c'al 378 250| ascese;~e le porte, che 'l ciel non gli contese,~la 379 252| a veder ne sprona,~così 'l desir non vuole~zoppa la 380 252| che da vo' crebbe.~Ché 'l poco al troppo spesso s' 381 253| specchio,~men foco assai 'l distrugge stanco e vecchio.~ 382 255| lucente stella.~Ben par che 'l ciel s'adiri~che 'n sì begli 383 255| tuo mi serri fore.~Perché 'l tuo gran valore~d'ogni men 384 256| non s'attenda o chiami.~E 'l ciel pur vuol ch'i' brami,~ 385 257| lieva di terra e porta 'l core~dove per suo virtù 386 257| notte è l'intervallo, e 'l la luce:~l'una m'agghiaccia ' 387 257| luce:~l'una m'agghiaccia 'l cor, l'altro l'infiamma~ 388 258| alcun c'al cielo aspiri.~Sì 'l destinato parto~mi ferm' 389 261| 261~Se 'l troppo indugio ha più grazia 390 261| m'affligge e duole,~ché 'l gioir vecchio picciol tempo 391 261| tempo dura.~Contrario ha 'l ciel, se di no' sente o 392 261| fra le tenebre folte e 'l freddo rezzo,~s'amor c'infiamma 393 261| è che del mie fin farà 'l mie mezzo.~ 394 262| mio:~dolce gli fie chi 'l preme?~Ché grazia per poc' 395 262| grazia per poc'or doppia 'l martire.~Ben ti voglio ancor 396 264| carcer terreno~felice sie 'l dipor suo grieve salma.~ 397 265| metter può in oblio,~benché 'l corpo sie morto,~i suo dolci, 398 267| non la terre' 'l pan e 'l formaggio.~La toss' e 'l 399 267| l formaggio.~La toss' e 'l freddo il tien sol che non 400 267| allegrezz' è la maninconia,~e 'l mio riposo son questi disagi:~ 401 267| cor non m'è rimasa;~se 'l maggior caccia sempre il 402 267| fin, come colui~che passò 'l mar e poi affogò ne' mocci?~ 403 269| trista e dolorosa speme;~e 'l ben, per durar poco,~sento 404 269| poco,~sento non men che 'l mal m'affligge e preme.~ 405 272| ardor m'era la briglia e 'l freno;~rendimi il volto 406 272| pieno;~tornami l'acqua e 'l foco in mezzo 'l seno,~se 407 272| acqua e 'l foco in mezzo 'l seno,~se vuo' di me saziarti 408 273| si può, 'l suo volto e 'l suo valore;~e di quel fassi 409 274| fuora e drento~le voglie e 'l senno e 'l valor lento e 410 274| le voglie e 'l senno e 'l valor lento e poco.~Tu desti 411 277| il pregio in parte,~che 'l bel di lei più bello a noi 412 283| l'alma acquista ove più 'l mondo perde;~l'arte e la 413 285| 285~Giunto è già 'l corso della vita mia,~con 414 285| morte m'avvicino?~D'una so 'l certo, e l'altra mi minaccia.~ 415 288| Mettimi in odio quante 'l mondo vale~e quante suo 416 289| don la tuo clemenza,~se 'l ciel non s'apre a noi con 417 290| occhi~il mie passato, e 'l gastigato orecchio;~non 418 291| ardire~il cor di pace, e 'l desir d'ogni speme.~Ma chi 419 293| l'altra morte,~e parte 'l cor nutrisco di veleno.~ 420 295| mora.~Il mondo è cieco e 'l tristo esempro ancora~vince 421 295| baldanza,~trionfa il falso e 'l ver non surge fora.~Deh, 422 296| conforta e rassicura,~da che 'l propio valor nulla mi vale,~ 423 299| tutto quel ch'i' sono:~ché 'l debito pagar non è presente.~ 424 300| aspra via coi monti e co 'l mar tiene~l'un da l'altro 425 300| altro lontan, lo spirto e 'l zelo~non cura intoppi o 426 301| attristan gli occhi mei,~e 'l cor di tante quant'al mondo 427 301| quant'al mondo sono;~se 'l tuo di te cortese e caro


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License