Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Alfabetica    [«  »]
buonarroto 1
buone 1
buono 6
c' 256
cacar 1
caccia 4
cacciar 1
Frequenza    [«  »]
298 il
292 più
270 in
256 c'
246 per
245 mie
232 se
Michelangelo Buonarroti il Vecchio
Rime

IntraText - Concordanze

c'

    Rima
1 4 | par che si spanda,~e quel c'oro filato si domanda~le 2 5 | d'altro paese che si sia,~c'a forza 'l ventre appicca 3 6 | ecco.~Ma 'l cielo è quel c'ogni virtù disprezza~locarla 4 6 | locarla al mondo, se vuol c'altri vada~a prender frutto 5 8 | m'ha tolto a me stesso,~c'a me fusse più presso~o più 6 8 | Che cosa è questo, Amore,~c'al core entra per gli occhi,~ 7 10 | nsin alle stelle,~poscia c'a Roma gli vendon la pelle,~ 8 17 | tempo nasce, e dura meno~c'al dolce verno non fa ciascun 9 19 | imparare, insino a quella~c'oggi in un punto m'arde e 10 20 | tanto ben lustra, e più bel c'una rapa;~e' denti bianchi 11 20 | alla padella~e torte più c'un arco di Sorìa;~le gote 12 20 | seguirrei fra l'altre me' c'un bracco;~dunche s'i massi 13 22 | segno sono,~come saetta c'al berzaglio è giunta,~onde 14 22 | arme tu' spezza e spunta,~c'amor per pruova in me non 15 22 | puote a te, signore ingrato,~c'al cuor la morte e pietà 16 22 | s'apprezza,~colui è sol c'a più suo mal più corre.~ 17 23 | e sì spronato il fianco,~c'appena posso ritornar meco, 18 23 | correndo, è gran vergogna~c'ha perso e ferma ogni destrezza 19 25 | allegra e 'ngiovanisce,~c'amor col fiato l'alma e ' 20 26 | 026~Quand'avvien c'alcun legno non difenda~il 21 26 | terreste loco,~non può far c'al gran caldo assai o poco~ 22 27 | aspro e la piaga è mortale,~c'oltr'a l'impeto primo più 23 33 | pur, fuor di mie propie, c'ogni altr'arme~difender par 24 33 | dolci arme,~difendimi da me, c'ogni altra cosa~è come non 25 33 | in brieve tolta.~Mentre c'al corpo l'alma non è tolta,~ 26 34 | mie amor non è 'l cor mio,~c'amor di quel ch'i' t'amo 27 36 | sasso vidi far partita~colui c'a me mi tolse e non mi volse.~ 28 41 | tempo o qual più tardi,~c'a sì bell'opra morte non 29 42 | veggono 'l ver della beltà c'aspiro,~o s'io l'ho dentro 30 42 | da quella,~ma cresce poi c'a miglior loco sale,~se per 31 44 | 044~Mentre c'alla beltà ch'i' vidi in 32 44 | senza alcuna stima.~Amor, c'adopra ogni suo ingegno e 33 45 | campi e viva,~qual più c'altri veloce andando vede,~ 34 46 | fabbrica divina~aiuto a farlo, c'al mondo era solo.~ 35 47 | si vanti~del sol del sol, c'allor ci spense e tolse,~ 36 47 | ci spense e tolse,~morte, c'amor ne vinse, e farlo il 37 47 | solea,~e morto ha 'l ciel, c'allor non avea parte.~ 38 51 | amando, ardendo e sospirando~(c'affetto alcun mortal non 39 52 | l'uom non è come fenice,~c'alla luce del sol resurge 40 53 | cavalca, el conviene~c'alcuna volta si riposi e 41 54 | ragion tu non ti parti,~spero c'un tu mi fara' contento:~ 42 54 | non ha 'ltrimenti il core;~c'una vagina, ch'è dritta a 43 54 | si può fornace o forno~c'a' mie sospir non fussi più 44 54 | mie cose assai men belle:~c'amore o forza el dirne è 45 54 | merito 'l poter poco favella;~c'un zoppo non pareggia un 46 54 | ma per ogni occhio san c'al mondo vede.~I' non posso 47 58 | 058~Se l'immortal desio, c'alza e corregge~gli altrui 48 58 | traessi e' mie di fore,~forse c'ancor nella casa d'Amore~ 49 58 | valore~appien descriver quel c'appien non legge.~Dunche, 50 58 | impedita~col mie signor c'alle menzogne attende,~c' 51 58 | c'alle menzogne attende,~c'a dire il ver, bugiardo è 52 59 | un diletto, a tal mercede~c'a un fin voglia l'uno e l' 53 62 | parlo, ho gran ventura~c'ancor per rinnovarmi abbi 54 67 | sanza sete alcuna.~El giorno c'a solcare i colli vanno,~ 55 67 | necessario è poco.~Color c'anticamente, al secol vecchio,~ 56 67 | e non son tanto giuste,~c'agugina gl'ingegni della 57 67 | giganti di sì grande altezza,~c'al sol andar ciascun par 58 67 | vari ricami,~il Falso va, c'a' iusti sol fa guerra;~ipocrito, 59 67 | guerra;~ipocrito, di fuor par c'ognuno ami;~perch'è di ghiaccio, 60 72 | pietoso e presto,~come grazia c'abbonda a chi ben chiede.~ 61 73 | e 'l mie cibo è sol quel c'arde e avvampa,~e di quel 62 73 | arde e avvampa,~e di quel c'altri muor, convien ch'i' 63 76 | cocente~ch'è forse or quel c'a pianger mi conduce.~Quel 64 76 | trovar mel possa, e par c'altri mel mostri.~Questo, 65 76 | avvien, po' ch'i' vi vidi,~c'un dolce amaro, un sì e no 66 78 | perdendo ardendo mi conforto,~c'appresso a te non esser posso 67 78 | chi può, s'i' muoio, dir c'abbiate il torto?~ 68 82 | mosso, tanto scender parmi,~c'Amor d'ogni valor mi priva 69 83 | beltà che qua si vede~più c'altra cosa alle persone accorte;~ 70 84 | atto umile;~ma io sol quel c'a me propio è e simile~ne 71 85 | vostra, se ben veggio, parmi~c'al ciel si lievi mille volte 72 86 | mi quieta che il debito, c'all'ore~pagò 'l mio frate 73 86 | piangesse~suo caro padre, c'ha veder non mai~quel che 74 87 | lingua, e poi mi doglio~c'amor non giunge al cor; né 75 90 | di me vaglio,~come pietra c'aggiuntovi l'intaglio~è di 76 90 | ogni loco~vo, come quel c'ha incanti o arme seco,~c' 77 90 | c'ha incanti o arme seco,~c'ogni periglio gli fan venir 78 91 | e d'ogni mie valore;~tal c'anciderm' Amore,~forse perch' 79 91 | indugia, triema e teme.~C'a passarmi nel core,~sendo 80 91 | m'ancide. O gran martire,~c'una doglia mortal, senza 81 92 | fa forte.~O dura mia più c'altra crudel sorte!~tardi 82 92 | puo' tormi tanti affanni;~c'un cor che arde e arso è 83 93 | all'error presente~gode c'un di lor mora~per gire al 84 93 | gire al ciel, dove par c'aspiri.~La ragione i martiri~ 85 95 | i passi alle mie piante,~c'ancor l'erba germugli che 86 98 | del fin fian men moleste;~c'ogni altro ben val men c' 87 98 | c'ogni altro ben val men c'ogni mia doglia.~Però se ' 88 99 | promettea,~ragione è ben c'all'alma ingrata e rea~pietà 89 100| suo bel volto noto,~e più c'al gran veder t'è ancora 90 101| scura, in tanta gelosia,~c'una lucciola sol gli può 91 103| ancor sue specie dive,~tal c'ogni verme assai ne rompe 92 105| altro che 'l bel di fuor, c'agli occhi piace,~più non 93 105| forma universale.~Io dico c'a chi vive quel che muore~ 94 106| fuora il tuo volto sereno:~c'amor non già di cosa che 95 106| la natura, e 'l cieloc' a' lor parti largo s'apparecchia;~ 96 107| non hanno altra virtute~c'ascenda al ciel, che mirar 97 107| arda, e che 'l consigli,~c'un volto che negli occhi 98 109| quel che 'l senso contenta,~c'un sol non sia che 'l senta,~ 99 109| Il buon gusto è sì raro~c'al vulgo errante cede~in 100 110| 110~Io dico a voi c'al mondo avete dato~l'anima 101 111| benché sia diva~di beltà, c'ancor viva~e mangi e dorma 102 116| grazia m'è ben dolce e cara,~c'assai acquista chi perdendo 103 117| per quel qua questa onora:~c'amar diè 'l servo chi 'l 104 118| desia~de' giorni mie, mentre c'amor m'avvampa,~l'ultimo, 105 118| non iscampa~dal suo morir, c'un'aspra e crudel morte;~ 106 118| forte~altro che morte, sì c'ogn'altra aitadoppia morte 107 121| il voglia in paradiso:~c'un cor pietoso val quant' 108 123| alma n'ha ben più quiete:~c'un gran piacer sopporta un 109 124| donna è sì pronta e ardita,~c'allor che la m'ancide ogni 110 124| discaccia per più lunga pruova:~c'assai più nuoce il mal che ' 111 125| promette~donna pietosa e bella,~c'ancor mirando quella~sarie 112 127| da donna iniqua e bella,~c'ognor m'ancide, mi difende 113 129| a pietà muove o sprona,~c'ognor chi arde almen non 114 129| quel che t'ha dato il ciel, c'a noi l'ha tolto,~sarie più ' 115 131| ghiotti d'ogni maraviglia~c'a questa s'assomiglia,~di 116 131| per maggior tema o danni:~c'un'or non vince l'uso di 117 132| dell'umana gente:~quel cor, c'alfin consente~a' tuo lusinghi 118 133| altrui prometti~e quel riposo c'anzi al nascer muore.~La 119 133| e 'l timore~degli anni, c'or prescrive~il ciel, non 120 135| 135~Mentre c'al tempo la mie vita fugge,~ 121 135| che trema e rugge,~com'uom c'a torto mora,~di me si duol, 122 136| circumscrivo,~e di quel c'altri muor sol godo e vivo.~ 123 137| alcun, né brieve spazio:~tal c'a 'ncider gli amanti~i pianti 124 137| e non delle mie doglie,~c'ogni mal sana chi la vita 125 139| moto e 'l dolce anelo;~tal c'alla ingrata voglia~al don 126 139| perpetue pene~più si convien c'al mie soffrire 'l cielo.~ 127 140| beltà l'adorna,~fie, parte c'altri ti contempla e vede.~ 128 143| mie più danno e strazio:~c'aita il ciel non presta~contr' 129 143| non serva suo natura~non c'un cor, ti ringrazio,~Amor, 130 144| e 'l tempo gli prometto~c'aver non deggio. O pensier 131 145| han sì contrari effetti~c'a lei il godere, a noi torrien 132 145| con dura sorte~che grazia c'abbi a sé presso la morte.~ 133 146| me ne spogli,~omicidio è, c'a morte ognor mi sproni.~ 134 146| dentro e sì brutta di fuori,~c'a me dispiaccia, e di me 135 147| sendomi nemica,~l'amo più c'allor far non doverrei?~- 136 147| voi, potenti dei,~convien c'ogni riverso si sopporti.~ 137 148| più tranquilla pace.~Quel c'a vo' lice, a me, donna, 138 148| dispiace:~chi si altrui, c'altrui non si prometta,~d' 139 150| l core.~Tal tuo beltà, c'Amore e 'l ciel qui folce,~ 140 150| affreni il gran contento,~c'al don superchio debil virtù 141 151| ottimo artista alcun concetto~c'un marmo solo in sé non circonscriva~ 142 153| discende per sì brevi spazi,~c'a trarla fuor convien mi 143 155| contrari stremi,~mezzo non è c'una gran doglia scemi.~ 144 158| tuo pietà tardi e forte,~c'al corpo è morte, e al diletto 145 159| basso ingegno.~Ma visto poi, c'ascendere a quel segno~propio 146 159| segno~propio valor non è c'apra la via,~perdon domanda 147 159| l'arte, la memoria cede:~c'un don celeste non con mille 148 161| periglioso e mortal velo?~C'ancor ch'i' cangi 'l pelo~ 149 162| vostri sacri inchiostri,~c'amor mi sganni e pietà 'l 150 163| m'accorgo spesso,~in quel c'ogni altri miro,~che gli 151 164| occhio porta a quella altezza~c'a pingere e scolpir qui m' 152 165| ché più s'inganna quel c'a sé più crede:~onde nel 153 165| cor dipinge~per bello quel c'a picciol beltà cede.~Ben 154 165| ha acceso,~né più vi vidi c'una volta sola.~ 155 167| foco~tuo dolce ammorza, c'ha corti e brevi.~In ogni 156 167| giugnesti, or fuggi e temi,~c'ogni età verde è schifa a' 157 168| costei~cangia 'l suo stile, e c'a l'un mezzo manchi~il ciel, 158 168| manchi~il ciel, quel mentre c'a le' grato sia,~e' mie sì 159 170| accesi,~come cosa è che pesi,~c'un solo ancide, a molti è 160 170| mille il foco ho drento~c'arso m'ha 'l cor nelle mie 161 170| forte,~fie me' null'esser c'arder senza morte.~ 162 172| arda, mora e caggia~a quel c'a peso non sie pure un'oncia;~ 163 172| volta a me, mi concia~sì, c'oltr'all'esser vecchio,~in 164 173| di me com'io di lei?~Po' c'a destinguer molto~dalla 165 174| nostri,~ben sarebb'ora l'ora,~c'altro già non si spera~d' 166 175| con gli occhi per insegna,~c'ancidon più ch'e' tuo più 167 176| sguardo fui prigione e preda:~c'alle gran doglie usate~forz' 168 176| gran doglie usate~forzc'un debil cor subito ceda.~ 169 178| n ciel terrei~unica, non c'al mondo iniquo e fello~( 170 181| entrasti~dagli anni, Morte, e c'anzi tempo i' mora?~- Perché 171 182| beltà che qui giace, acciò c'or torni~al ciel con la non 172 186| chi qui mi serra~la beltà, c'al mortal mie largir volse,~ 173 192| viva,~da quel disciolta, c'a mal grado regge~sol per 174 194| 194~Qui vuol mie sorte c'anzi tempo i' dorma,~né son 175 194| né son già morto; e ben c'albergo cangi,~resto in te 176 194| cangi,~resto in te vivo, c'or mi vedi e piangi,~se l' 177 199| com'arbor secco al frutto;~c'uom morto non risurge a primavera.~ 178 201| non fe' la partita;~po' c'allor nacqui ove la morte 179 204| oggi m'ha tolto;~se più c'averne copia or m'ama molto,~ 180 208| 208~Qui chiuso è 'l sol di c'ancor piangi e ardi:~l'alma 181 208| ricchezza assai più dura;~c'a' miseri la morte è pigra 182 209| beltà non have 'l cielo,~c'alla natura fussi esempro 183 211| non sol, ma crudel gelosia~c'alcun per me non mora innanzi 184 213| ma perché perso è 'l ben, c'altri non cura,~lo mostrò 185 216| dell'opra alta e gradita;~c'un bel coltello insegna tal 186 218| ancise senza spada o ferro,~c'un fior di verno picciol 187 222| frutto~morte, anz'il fior, c'a quindici anni cede.~Sol 188 224| cangiar suo vita~a quella c'a molt'anni spesso è tolta.~ 189 227| bel velo:~non è più qui, c'anz'al gran l'ha tolto~ 190 229| passa e l'ora s'avvicina,~c'a le lacrime triste il passo 191 230| ripigli la natura~tutte quelle c'ognor ti vengon meno,~e serbi 192 230| né fie persa la grazia c'or m'è tolta.~ 193 231| conversi;~e Die 'l voglia c'or versi~con essa insieme 194 233| ventopietoso e fero,~c'a' fastidiosi vermi il corpo 195 235| lieti giorni,~deh, fate c'a me stesso più non torni.~ 196 239| Com'esser, donna, può quel c'alcun vede~per lunga sperïenza, 197 239| pruovo in la bella scultura,~c'all'opra il tempo e morte 198 241| pietra alpestra e dura;~c'all'alte cose nuove~tardi 199 242| in ch'io l'esempro, dir c'a lei s'assembra;~del resto 200 244| ferza e dolce disciplina:~c'a l'alma pellegrina~è più 201 245| di lei vo' dire:~s'a quel c'aspiro suo gran copia cede,~ 202 248| salute.~Fuss'io pur lui! c'a tal fortuna nato,~per l' 203 249| desir gran copia affrena,~c'una miseria di speranza piena.~ 204 250| più 'l popol che l'offese,~c'al suo men pregio ogni maggior 205 250| nutrice; ond'è ben segno~c'a' più perfetti abonda di 206 252| né questo a quel perdona:~c'amor vuol sol gli amici, 207 253| e preso~nell'età verde, c'or c'è lume e specchio,~men 208 253| preso~nell'età verde, c'or c'è lume e specchio,~men foco 209 255| e fella~dentro è ragion, c'al core~per lor mi passi, 210 255| grado accresce suo durezza,~c'amor vuol pari stato e giovanezza.~ 211 257| non gli è concesso?~Forse c'ogn' intervallo n'è promesso~ 212 258| che del tuo non mi parto,~c'a l'alma pellegrina~gli è 213 258| senza intervallo alcun c'al cielo aspiri.~Sì 'l destinato 214 258| mi ferm'al tuo splendore,~c'alzar non lassa i mie ardenti 215 259| divin che di te piace,~e c'ogni cor gentil fa casto 216 259| che muore~con la beltà, c'ogni momento scema,~ond'è 217 260| furore;~qual primo grado c'al suo creatore,~di quel 218 261| matura.~Ma forse, ancor c'al fin del giorno sia,~col 219 261| l freddo rezzo,~s'amor c'infiamma solo a mezza via,~ 220 263| può qui pace intera.~I' c'accordato m'era~col capo 221 264| agli angeli alti e chiari,~c'a rinnovar s'impari~ 222 265| fu sott'un candido velo,~c'a riscuoter da quanti~al 223 267| come tasti di stormento~c'al moto lor la voce suoni 224 268| donna, m'allontana.~Amor, c'al ver non cede,~di nuovo 225 270| 270~Tu mi da' di quel c'ognor t'avanza~e vuo' da 226 276| sì larga e sì capace via~c'a mille non si chiude, non 227 276| mille non si chiude, non c'a cento,~d'ogni età, d'ogni 228 276| sì vari volti so qual sia~c'anzi morte mi die 'ntero 229 276| Amor, tuo nome sprezza,~c'altro die cerca; e di quel 230 276| e di quel più non teme~c'a lato vien contr'a sì bassa 231 277| cedale, poi~che convien c'al prescritto fine arrive.~ 232 279| bel viso a che mi sprona?~C'altro non è c'al mondo mi 233 279| mi sprona?~C'altro non è c'al mondo mi diletti:~ascender 234 279| spirti eletti~per grazia tal, c'ogni altra par men buona.~ 235 280| non truova~altra cagion c'alcun grave peccato~mal conosciuto, 236 280| celato~all'immensa pietà c'a' miser giova.~I' parlo 237 280| I' parlo a te, Signor, c'ogni mie pruova~fuor del 238 284| si dilegua.~Ma se, quel c'alcun crede, i' pur m'appago~ 239 285| era d'error carca~e quel c'a mal suo grado ogn'uom desia.~ 240 285| volta a quell'amor divino~c'aperse, a prender noi, 'n 241 288| senza, a peccar volto.~Quel c'altri saggio, me fa cieco 242 288| disciolto.~Ammezzami la strada c'al ciel sale,~Signor mie 243 288| suo bellezze onoro e colo,~c'anzi morte caparri eterna 244 291| 291~Penso e ben so c'alcuna colpa preme,~occulta 245 293| veleno.~Né propie forze ho, c'al bisogno sièno~per cangiar 246 293| non basta che m'invogli~c'aspiri al ciel sol perché 247 294| m'è caro~ciascun pensier c'a memoria mi riede~il tempo 248 294| corta fede;~tristo m'è, c'a trovar grazi' e mercede~ 249 294| molte colpe è raro.~Ché ben c'alle promesse tua s'attenda,~ 250 294| Signore, è troppo ardire~c'ogni superchio indugio amor 251 295| aspetta~per chi ti crede? c'ogni troppo indugio~tronca 252 298| sorte;~tristi, a sentir c'a la pena aspra e forte,~ 253 298| sommerse;~godé sol l'uom, c'al battesmo rinacque.~ 254 299| poto e a l'andar sovente~c'a ogni mi' bisogno è caro 255 300| trovarci in cielo;~ma prima c'a l'estremo ultimo anelo,~ 256 301| trovar non che perdono,~c'a chi ti mostri, tal prometter


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License