Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Alfabetica    [«  »]
mortal 22
mortale 12
mortali 3
morte 152
morti 9
morto 30
mosca 1
Frequenza    [«  »]
170 chi
156 o
154 suo
152 morte
147 ch'
147 m'
143 me
Michelangelo Buonarroti il Vecchio
Rime

IntraText - Concordanze

morte

    Rima
1 1 | sotto el sole~non vinca morte e cangi la fortuna.~ 2 3 | in questa età più crudel morte, ~campato m'ha gran tempo, 3 11 | presto~che provar mille morte ad ora ad ora,~da ch'in 4 11 | ver, ch'io ne trarrò la morte?~ 5 12 | dimostrorno~la mia propinqua morte e ' miei martiri.~Ma se 6 14 | veloce corso condotto~alla morte el duca Giuliano; è ben 7 21 | 021~Chiunche nasce a morte arriva~nel fuggir del tempo; 8 21 | vita priva.~Ogni cosa a morte arriva.~Già fur gli occhi 9 22 | parte e non s'accende.~La morte in questa età sol ne difende~ 10 22 | L'anima mia, che con la morte parla,~e seco di se stessa 11 22 | forte!~che e' pensier della morte~nel tempo suo di me discacci 12 22 | signore ingrato,~c'al cuor la morte e pietà porti in bocca?~ 13 22 | tornare a quel che gli diè morte prima.~Ogni nato la terra 14 26 | loco,~qual mal fie che per morte non l'offenda?~ 15 31 | tuo soli e begli~e vita e morte intera trovato hanno.~Tante 16 33 | scudo,~ché tutto el mondo a morte è men che nulla.~Amore, 17 37 | 037~In me la morte, in te la vita mia;~tu distingui 18 38 | che 'n un punto el tempo e morte fura!~Che è questo però 19 41 | tardi,~c'a sì bell'opra morte non perdoni?~ 20 43 | dal vivo sole~altro che morte? e non come fenice. -~Ma 21 45 | tempra, che non mora.~La morte e 'l duol, ch'i' bramo e 22 47 | allor ci spense e tolse,~morte, c'amor ne vinse, e farlo 23 47 | altri santi.~Così credette morte iniqua e rea~finir il suon 24 51 | né mi consiglio con la morte appresso.~Nemico di me stesso,~ 25 51 | scorza cangia e muda,~la morte e l'alma insieme ognor fan 26 52 | ancider lice,~po' che per morte al ciel tornar si crede,~ 27 56 | 056~Vivo della mie morte e, se ben guardo,~felice 28 56 | viver non sa d'angoscia e morte,~nel foco venga, ov'io mi 29 62 | resurger tra coloro~che morte accresce e 'l tempo non 30 66 | iniquo stato,~sì presso a morte e sì lontan da Dio.~ 31 74 | è che viva sol della suo morte,~come fo io d'affanni e 32 74 | man forte;~ché chi vive di morte mai non muore.~ 33 79 | zelo ardente,~vecchio alla morte, in vita il mio cor tieni,~ 34 82 | mie doglia,~duplicando, la morte viene a darmi.~Però non 35 83 | trascende a Dio e fa dolce la morte.~ 36 85 | verno,~dal temp' esenti e da morte crudele,~che fama di virtù 37 86 | ingrassa e 'mpingua~per morte, e non per pena o duol minore,~ 38 86 | si ridi~del timor della morte in questo mondo,~crescere' 39 86 | ferma~che 'l ben vissuto a morte me' s'annidi.~Nostro intelletto 40 86 | Non è, com'alcun crede, morte il peggio~a chi l'ultimo 41 88 | solo inteso,~che non ha morte e morte altrui procaccia,~ 42 88 | inteso,~che non ha morte e morte altrui procaccia,~veggio 43 94 | scorza spoglia~e sol per morte si può dir ben nato.~Così 44 94 | sasso si discoglia,~pur per morte potria cangiar mie stato.~ 45 99 | suo penne, e far dolce la morte.~Or m'è sparito; e se 'l 46 105| gli amici qui, ma più per morte in cielo.~ 47 112| arma di pietà, l'altro di morte;~questa n'ancide, e l'altra 48 112| risorge al core,~perché da morte non sia vinto amore.~ 49 116| se talor perdoni~a la mie morte, agli angosciosi pianti,~ 50 118| tormento~sarie mortal senza la morte mia.~Onde l'alma desia~de' 51 118| morir, c'un'aspra e crudel morte;~né contr'a morte è forte~ 52 118| crudel morte;~né contr'a morte è forte~altro che morte, 53 118| morte è forte~altro che morte, sì c'ogn'altra aitadoppia 54 118| c'ogn'altra aitadoppia morte a chi per morte ha vita.~ 55 118| è doppia morte a chi per morte ha vita.~ 56 120| del morire~che, contro a morte ancor, me la ricorda;~e 57 123| che farie dunche con la morte mia?~Ma s'è pur ver che 58 124| dentro a la ferita.~E così morte e vita,~contrarie, insieme 59 125| Ma perc'ognor si mette~morte invidiosa e fella~fra ' 60 126| pietà del mie morir, se morte pruova.~ 61 127| 127~Non pur la morte, ma 'l timor di quella~da 62 127| mezzo il core:~ché dove è morte non s'appressa Amore.~ 63 128| 128~Se 'l timor della morte~chi 'l fugge e scaccia sempre~ 64 128| perché l'alma altrove~per morte e grazia al fin gioire spera,~ 65 130| a chi è vicino~com'io a morte, che la sento ognora;~ond' 66 131| e forte~di vergogna e di morte;~né perde Amor per maggior 67 133| suo parto più presso la morte.~ 68 134| forza ancora,~o pur per morte liberi ne siete?~- La nostra 69 135| timore e gl'inganni~d'amore e morte, allor tal dubbio sento,~ 70 137| ogni strale,~che fra la morte e 'l male~non dona tempo 71 137| sol ti ringrazio~della mie morte e non delle mie doglie,~ 72 144| vano e stolto!~Ché con la morte appresso~perdo 'l presente, 73 145| che 'nsieme prometti~più morte, dove più porgi aita.~ 74 145| grazia c'abbi a sé presso la morte.~ 75 146| spogli,~omicidio è, c'a morte ognor mi sproni.~Amor, perché 76 148| prometta,~d'un superchio piacer morte n'aspetta.~ 77 150| ancide alcun, che 'l furto a morte mena,~privo di speme e ghiacciato 78 150| dolce:~ne' lor contrari è morte in un momento,~onde s'allarga 79 151| sorte;~se dentro del tuo cor morte e pietate~porti in un tempo, 80 151| ardendo, trarne altro che morte.~ 81 154| quest'una~fugga teco suo morte, è mie fortuna.~ 82 158| 158~Amor, la morte a forza~del pensier par 83 158| tardi e forte,~c'al corpo è morte, e al diletto strazio;~ond' 84 158| più con mercé che con la morte.~ 85 160| dal piacer molto,~come da morte altrui tornare in vita,~ 86 167| 167~La morte, Amor, del mie medesmo loco,~ 87 170| null'esser c'arder senza morte.~ 88 171| memoria delle cose belle~morte bisogna, per tor di costui~ 89 177| giace la divina~beltà da morte anz'il suo tempo offesa.~ 90 181| non entrasti~dagli anni, Morte, e c'anzi tempo i' mora?~- 91 182| 182~Non volse Morte non ancider senza~l'arme 92 183| più bella creatura,~che morte, ch'era in odio alla natura,~ 93 184| deboli a l'impresa~contr'a la morte mia per non morire;~meglio 94 185| qual fu presta e cruda~la morte sì, che l'alma di me nuda~ 95 186| 186~Non può per morte già chi qui mi serra~la 96 187| albergobello,~trarnela morte già ma' non potea.~ 97 188| 188~Se dalla morte è vinta la natura~qui nel 98 192| sol è beata;~po' che per morte diva~è fatta sì, com'a morte 99 192| morte diva~è fatta sì, com'a morte era nata.~Dunche, sine peccata,~ 100 193| lor beltà gradita,~ma di morte anzi tempo, ond'è sparita~ 101 196| meglio,~ogni altro che la morte era 'l mie peggio.~ 102 200| ricorda,~gli par sognar: sì morte è presta e 'ngorda,~che 103 201| po' c'allor nacqui ove la morte muore.~ 104 202| dell'alma, or m'è cara la morte,~po' che tal opra ha sì 105 204| morto sono~vivo e caro a chi morte oggi m'ha tolto;~se più 106 205| 205~Se morte ha di virtù qui 'l primo 107 206| dunche il mortal sol da morte spera?~ 108 207| 207~Per sempre a morte, e prima a voi fu' dato~ 109 208| più dura;~c'a' miseri la morte è pigra e tardi.~ 110 210| che del mond'è sparita,~ma morte sol, s'ogni suo ben qui 111 212| il Braccio che qui serro,~morte vel tolse e fecel, s'io 112 215| alma al cielo~qui reso ha morte; a chi morto ancor m'ama~ 113 218| qui lo chiudo e serro:~morte l'ancise senza spada o ferro,~ 114 219| Bracci, e qui mie vita è morte.~Sendo oggi 'l ciel dalla 115 220| Cecchinnobil salma~per morte, che 'l sol ma' simil non 116 221| ospizio~in terra e 'n ciel, morte gli è dolce e pia.~ 117 222| e colse acerbo il frutto~morte, anz'il fior, c'a quindici 118 223| godo.~Di sì bel cambio e di morte mi lodo,~che molti morti, 119 224| sciolta~di Cecchin Bracci morte, e la partita~fu 'nanz' 120 231| Quante 'l tuo braccio dammi,~morte i gran colpi scema,~e ' 121 232| cammina~ch'i' mi facci alla morte,~chi è da giusta corte~tirato 122 232| alma il cor lassa;~tal m'è morte vicina,~salvo più lento 123 234| s'altra beltà vede,~gli è morte, donna, se te non somiglia,~ 124 235| bel volto,~ch'i' veggio morte in ogni altra beltate.~O 125 239| scultura,~c'all'opra il tempo e morte non tien fede.~Dunche, posso 126 240| un sasso resta e pur lei morte affretta.~Chi ne farà vendetta?~ 127 241| un'immagine viva,~vicino a morte, in pietra alpestra e dura;~ 128 243| l'altro obbietto entra la morte,~e più 'l discaccia, se 129 243| muore,~che fie po', s'anzi morte in quel soggiorna?~L'acceso 130 246| il mio pianto,~e la mia morte a te non è 'l mie peggio.~ 131 262| voglio ancor dire:~che sarie morte, s'a' miseri è dura,~a chi 132 263| mie fortuna,~l'un co' la morte scherza,~né l'altra dar 133 264| tuo volto impressa,~or che morte s'appressa,~con previlegio 134 265| prestava a' brutti,~s'or per morte il rivuol, morremo or tutti.~ 135 266| vista mi facea contento,~e morte e strazi m'eran festa e 136 267| le fatiche, e l'osteria~è morte, dov'io viv' e mangio a 137 268| desir cieco e sordo,~con la morte m'accordo,~stanco e vicino 138 269| se la miseria medica la morte.~ 139 276| volti so qual sia~c'anzi morte mi die 'ntero contento.~ 140 281| quello insolubil laccio,~e morte or m'è, che m'era festa 141 283| mondo perde;~l'arte e la morte non va bene insieme:~che 142 284| è senza del par seco la morte,~onde l'arte e l'ingegno 143 285| lieti,~che fien or, s'a duo morte m'avvicino?~D'una so 'l 144 288| bellezze onoro e colo,~c'anzi morte caparri eterna vita.~ 145 293| veggio a l'una e l'altra morte,~e parte 'l cor nutrisco 146 294| Caro m'è sol, perc'anzi morte imparo~quant'ogni uman diletto 147 295| 295~Di morte certo, ma non già dell'ora,~ 148 295| altrui prometta,~s'anzi vien morte, e senza alcun refugio~ferma 149 296| anni ancora,~non fa che morte non s'appressi ognora,~e 150 297| contrario a purgar chiede,~la morte già vicina nol concede,~ 151 298| patissi, e non già lor, la morte,~gli spirti eletti, onde 152 300| ebbi già in pensier. Sua morte poi~m'affretta e tira per


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License