Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Michelangelo Buonarroti il Vecchio
Rime

IntraText - Concordanze

(Hapax - parole che occorrono una sola volta)
001-attem | atten-estin | etern-navic | ncide-rubat | rubo-vinci | vinco-zucch

                                             grassetto = Testo principale
     Rima                                    grigio = Testo di commento
1 1 | 001~Molti anni fassi qual felice, 2 2 | 002~Sol io ardendo all'ombra 3 3 | 003~Grato e felice, a' tuo feroci 4 4 | 004~Quanto si gode, lieta e 5 5 | 005~I' ho già fatto un gozzo 6 6 | 006~Signor, se vero è alcun 7 7 | 007~Chi è quel che per forza 8 8 | 008~Come può esser ch'io non 9 9 | 009~Colui che 'l tutto fe', 10 10 | 010~Qua si fa elmi di calici 11 11 | 011~Quanto sare' men doglia 12 12 | 012~Com'arò dunche ardire~senza 13 13 | 013~La fama tiene gli epitaffi 14 14 | 014~El e la Notte parlano, 15 15 | 015~Di te me veggo e di lontan 16 16 | 016~D'un oggetto leggiadro e 17 17 | 017~Crudele, acerbo e dispietato 18 18 | 018~Mille rimedi invan l'anima 19 19 | 019~Natura ogni valore~di donna 20 20 | 020~Tu ha' 'l viso più dolce 21 21 | 021~Chiunche nasce a morte arriva~ 22 22 | 022~Che fie di me? che vo' tu 23 23 | 023~I' fu', già son molt'anni, 24 24 | 024~I' fe' degli occhi porta 25 25 | 025~Quand'il servo il signor 26 26 | 026~Quand'avvien c'alcun legno 27 27 | 027~Fuggite, amanti, Amor, fuggite ' 28 28 | 028~Perché pur d'ora in ora 29 29 | 029~Ogn'ira, ogni miseria e 30 30 | 030~Dagli occhi del mie ben 31 31 | 031~Amor non già, ma gli occhi 32 32 | 032~Vivo al peccato, a me morendo 33 33 | 033~Sie pur, fuor di mie propie, 34 34 | 034~La vita del mie amor non 35 35 | 035~El ciglio col color non 36 36 | 036~Oltre qui fu, dove 'l mie 37 37 | 037~In me la morte, in te la 38 38 | 038~Quanta dolcezza al cor per 39 39 | 039~Del fiero colpo e del pungente 40 40 | 040~Quand'Amor lieto al ciel 41 41 | 041~Spirto ben nato, in cu' 42 42 | 042~Dimmi di grazia, Amor, se 43 43 | 043~La ragion meco si lamenta 44 44 | 044~Mentre c'alla beltà ch'i' 45 45 | 045~Ben doverrieno al sospirar 46 46 | 046~Se 'l mie rozzo martello 47 47 | 047~Quand'el ministro de' sospir 48 48 | 048~Come fiamma più cresce più 49 49 | 049~Amor, la tuo beltà non è 50 50 | 050~Che fie doppo molt'anni 51 51 | 051~Oilmè, oilmè, ch'i' son 52 52 | 052~S'alcun se stesso al mondo 53 53 | 053~Chi di notte cavalca, el 54 54 | 054~Io crederrei, se tu fussi 55 55 | 055~I' t'ho comprato, ancor 56 56 | 056~Vivo della mie morte e, 57 57 | 057~S'i' vivo più di chi più 58 58 | 058~Se l'immortal desio, c'alza 59 59 | 059~S'un casto amor, s'una pietà 60 60 | 060~Tu sa' ch'i' so, signor 61 61 | 061~S'i' avessi creduto al primo 62 62 | 062~Sol pur col foco il fabbro 63 63 | 063~Sì amico al freddo sasso 64 64 | 064~Se 'l foco il sasso rompe 65 65 | 065~In quel medesmo tempo ch' 66 66 | 066~Forse perché d'altrui pietà 67 67 | 067~Nuovo piacere e di maggiore 68 68 | 068~Un gigante v'è ancor, d' 69 69 | 069~Ben provvide natura, né 70 70 | 070~Crudele stella, anzi crudele 71 71 | 071~I' l'ho, vostra mercè, per 72 72 | 072~Se nel volto per gli occhi 73 73 | 073~Mentre del foco son scacciata 74 74 | 074~I' piango, i' ardo, i' mi 75 75 | 075~Egli è pur troppo a rimirarsi 76 76 | 076~Non so se s'è la desïata 77 77 | 077~Se 'l foco fusse alla bellezza 78 78 | 078~Dal dolce pianto al doloroso 79 79 | 079~Felice spirto, che con zelo 80 80 | 080~I' mi credetti, il primo 81 81 | 081~Ogni cosa ch'i' veggio mi 82 82 | 082~Non posso altra figura immaginarmi~ 83 83 | 083~Veggio nel tuo bel viso, 84 84 | 084~Sì come nella penna e nell' 85 85 | 085~Com'io ebbi la vostra, signor 86 86 | 086~Ancor che 'l cor già mi 87 87 | 087~Vorrei voler, Signor, quel 88 88 | 088~Sento d'un foco un freddo 89 89 | 089~Veggio co' be' vostr'occhi 90 90 | 090~I' mi son caro assai più 91 91 | 091~Perc'all'estremo ardore~ 92 92 | 092~Quantunche 'l tempo ne costringa 93 93 | 093~Spargendo il senso il troppo 94 94 | 094~D'altrui pietoso e sol di 95 95 | 095~Rendete agli occhi mei, 96 96 | 096~Sì come secco legno in foco 97 97 | 097~Al cor di zolfo, a la carne 98 98 | 098~A che più debb'i' omai l' 99 99 | 099~Ben mi dove' con sì felice 100 | 1 101 | 100 102 | 101 103 | 102 104 | 103 105 | 104 106 | 105 107 | 106 108 | 107 109 | 108 110 | 109 111 110| 110~Io dico a voi c'al mondo 112 | 111 113 | 112 114 | 113 115 | 114 116 | 115 117 | 116 118 | 117 119 | 118 120 | 119 121 | 120 122 | 121 123 | 122 124 | 123 125 | 124 126 | 125 127 | 126 128 | 127 129 | 128 130 | 129 131 | 130 132 | 131 133 | 132 134 | 133 135 | 134 136 | 135 137 | 136 138 | 137 139 | 138 140 | 139 141 | 140 142 | 141 143 | 142 144 | 143 145 | 144 146 | 145 147 | 146 148 | 147 149 | 148 150 | 149 151 | 150 152 | 151 153 | 152 154 | 153 155 | 154 156 | 155 157 | 156 158 | 157 159 | 158 160 | 159 161 | 160 162 | 161 163 | 162 164 | 163 165 | 164 166 | 165 167 | 166 168 | 167 169 | 168 170 | 169 171 | 170 172 | 171 173 | 172 174 | 173 175 | 174 176 | 175 177 | 176 178 177| 177~In noi vive e qui giace 179 178| 178~La nuova alta beltà che ' 180 179| 179~Se qui son chiusi i begli 181 180| 180~Deh serbi, s'è di me pietate 182 181| 181~- Perché ne' volti offesi 183 182| 182~Non volse Morte non ancider 184 183| 183~La beltà che qui giace al 185 184| 184~Qui son de' Bracci, deboli 186 185| 185~Qui son sepulto, e poco 187 186| 186~Non può per morte già chi 188 187| 187~L'alma di dentro di fuor 189 188| 188~Se dalla morte è vinta la 190 189| 189~Qui son chiusi i begli occhi, 191 190| 190~Qui son morto creduto; e 192 191| 191~Se l'alma vive del suo corpo 193 192| 192~S'è ver, com'è, che dopo 194 193| 193~A pena prima aperti gli 195 194| 194~Qui vuol mie sorte c'anzi 196 195| 195~- Se qui cent'anni t'han 197 196| 196~Gran ventura qui morto esser 198 197| 197~La carne terra, e qui l' 199 198| 198~Se fussin, perch'i' viva 200 199| 199~Chi qui morto mi piange 201 200| 200~S'i' fu' già vivo, tu sol, 202 201| 201~I' temo più, fuor degli 203 202| 202~I' fu de' Bracci, e se ritratto 204 203| 203~De' Bracci nacqui, e dopo ' 205 204| 204~Più che vivo non ero, morto 206 205| 205~Se morte ha di virtù qui ' 207 206| 206~Dal ciel fu la beltà mie 208 207| 207~Per sempre a morte, e prima 209 208| 208~Qui chiuso è 'l sol di c' 210 209| 209~Qui sol per tempo convien 211 210| 210~Se gli occhi aperti mie 212 211| 211~Se, vivo al mondo, d'alcun 213 212| 212~Perc'all'altru' ferir non 214 213| 213~Sepulto è qui quel Braccio, 215 214| 214~Era la vita vostra il suo 216 215| 215~A la terra la terra e l' 217 216| 216~Qui serro il Braccio e suo 218 217| 217~S'avvien come fenice mai 219 218| 218~Col sol de' Bracci il sol 220 219| 219~I' fui de' Bracci, e qui 221 220| 220~Deposto ha qui Cecchin sì 222 221| 221~Qui giace il Braccio, e 223 222| 222~Qui stese il Braccio e colse 224 223| 223~I' fu' Cecchin mortale e 225 224| 224~Chiusi ha qui gli occhi 226 225| 225~I' fu' de' Bracci, e qui 227 226| 226~Che l'alma viva, i' che 228 227| 227~Ripreso ha 'l divin Braccio 229 228| 228~Se 'l mondo il corpo, e 230 229| 229~Occhi mie, siate certi~che ' 231 230| 230~Perché tuo gran bellezze 232 231| 231~Non è più tempo, Amor, che ' 233 232| 232~Non altrimenti contro a 234 233| 233~Se da' prim'anni aperto 235 234| 234~Tanto non è, quante da te 236 235| 235~Un uomo in una donna, anzi 237 236| 236~Se ben concetto ha la divina 238 237| 237~Molto diletta al gusto intero 239 238| 238~Non è non degna l'alma che 240 239| 239~Com'esser, donna, può quel 241 240| 240~Sol d'una pietra viva~l' 242 241| 241~Negli anni molti e nelle 243 242| 242~S'egli è che 'n dura pietra 244 243| 243~Ognor che l'idol mio si 245 244| 244~Se 'l duol fa pur, com'alcun 246 245| 245~- Se 'l volto di ch'i' parlo, 247 246| 246~Te sola del mie mal contenta 248 247| 247~Caro m'è 'l sonno, e più 249 248| 248~Dal ciel discese, e col 250 249| 249~- Per molti, donna, anzi 251 250| 250~Quante dirne si de' non 252 251| 251~Nel dolce d'una immensa 253 252| 252~Perch'è troppo molesta,~ 254 253| 253~S'i' fussi stato ne' prim' 255 254| 254~Donn', a me vecchio e grave,~ 256 255| 255~Mentre i begli occhi giri,~ 257 256| 256~S'alcuna parte in donna 258 257| 257~Perché sì tardi e perché 259 258| 258~Quantunche sie che la beltà 260 259| 259~Ben può talor col mie 'rdente 261 260| 260~Non è sempre di colpa aspra 262 261| 261~Se 'l troppo indugio ha 263 262| 262~Amor, se tu se' dio,~non 264 263| 263~La nuova beltà d'una~mi 265 264| 264~Come portato ho già più 266 265| 265~Per non s'avere a ripigliar 267 266| 266~Qual meraviglia è, se prossim' 268 267| 267~I' sto rinchiuso come la 269 268| 268~Perché l'età ne 'nvola~il 270 269| 269~Or d'un fier ghiaccio, or 271 270| 270~Tu mi da' di quel c'ognor 272 271| 271~Di te con teco, Amor, molt' 273 272| 272~Tornami al tempo, allor 274 273| 273~Se sempre è solo e un quel 275 274| 274~Deh fammiti vedere in ogni 276 275| 275~Dagli alti monti e d'una 277 276| 276~Passa per gli occhi al core 278 277| 277~ Se con lo stile o coi colori 279 278| 278~Chi non vuol delle foglie~ 280 279| 279~La forza d'un bel viso a 281 280| 280~L'alma inquieta e confusa 282 281| 281~Arder sole' nel freddo ghiaccio 283 282| 282~Con tanta servitù, con tanto 284 283| 283~Non può, Signor mie car, 285 284| 284~S'a tuo nome ho concetto 286 285| 285~Giunto è già 'l corso della 287 286| 286~Gl'infiniti pensier mie 288 287| 287~Di giorno in giorno insin 289 288| 288~Le favole del mondo m'hanno 290 289| 289~Non è più bassa o vil cosa 291 290| 290~Scarco d'un'importuna e 292 291| 291~Penso e ben so c'alcuna 293 292| 292~Ben sarien dolce le preghiere 294 293| 293~Carico d'anni e di peccati 295 294| 294~Mentre m'attrista e duol, 296 295| 295~Di morte certo, ma non già 297 296| 296~S'avvien che spesso il gran 298 297| 297~Se lungo spazio del trist' 299 298| 298~Non fur men lieti che turbati 300 299| 299~Al zucchero, a la mula, 301 300| 300~Per croce e grazia e per 302 301| 301~Di più cose s'attristan 303 302| 302~Non più per altro da me 304 80 | infinita beltà che gli occhi abbaglia,~né di lontan par m'assicuri 305 252| poco al troppo spesso s'abbandona,~né questo a quel perdona:~ 306 83 | accorte;~né altro saggio abbiàn né altri frutti~del cielo 307 14 | Notte parlano, e dicono:~Noi abbiàno col nostro veloce corso 308 85 | quel che per voi:~e non m'abbiat'a schifo come frate.~Comandatemi, 309 | abbiate 310 72 | e presto,~come grazia c'abbonda a chi ben chiede.~O felice 311 86 | tanto in collo, che vie più abbondo~po' doppo quella in esser 312 68 | ciascun per sé solo.~L'etterno abisso per lor s'apre e serra,~ 313 260| nell'alma l'un, l'altr'abita ne' sensi,~e l'arco tira 314 229| divina~donna si degna d'abitare in terra.~Se grazia il ciel 315 290| colpe lavi e tocchi,~e più abondi, quant'i' son più vecchio,~ 316 85 | anch'io a voi, e altro non accade;~d'ogni tempo son vostro 317 26 | secchi o non s'arda o non s'accenda.~Così 'l cor, tolto da chi 318 20 | cocomer in un sacco,~ond'io m'accendo tutto come stoppa,~bench' 319 85 | belli,~s'appiccon voti e s'accendon candele.~Dunque i' son pur 320 251| l'ardente carità d'amore accesa~ più l'ammorza ov'arder 321 67 | superbia ha forte e dura.~L'accidia, la lussuria par v'insegni;~ 322 230| le lacrime sparte insieme accoglia~e doni a chi quella ami 323 12 | sospiri~che 'l miser core voi accompagnorno,~madonna, duramente dimostrorno~ 324 232| e bassa~nell'un forte m'accora,~e l'altro parte m'arde, 325 93 | e fra più salde tempre~s'accordan tutt'a quattro amarti sempre.~ 326 263| può qui pace intera.~I' c'accordato m'era~col capo bianco e 327 185| che l'alma di me nuda~s'accorge a pena aver cangiato stato.~ 328 163| pien d'ogni salute:~e ben m'accorgo spesso,~in quel c'ogni altri 329 38 | Amor, come virtù viva e accorta,~desta gli spirti ed è più 330 83 | c'altra cosa alle persone accorte;~né altro saggio abbiàn 331 84 | ne ritra' doglie e pene acerbe e certe.~ 332 95 | scura faccia al mie visivo acume.~Renda la terra i passi 333 27 | d'un fiero braccio e d'un acuto strale;~leggete in me, qual 334 35 | occhio, che sotto intorno adagio mena,~picciola parte di 335 67 | e 'l corpo ha d'oro, e d'adamante 'l core;~e negli affanni 336 85 | diss'a tre da vostra part' addio.~Al Medico maggior de' nostri 337 83 | che sente, altrui segna e addita,~non è l'intensa voglia 338 86 | tenta trapassar, per cui s'adduce~fra no' dubbia letizia e 339 72 | manifesto~della mie fiamma; addunche basti or questo,~signor 340 5 | corteccia,~e per piegarsi adietro si ragroppa,~e tendomi com' 341 113| diversi e sì contrari~s'adira e parte da l'un zoppo Amore;~ 342 255| stella.~Ben par che 'l ciel s'adiri~che 'n sì begli occhi i' 343 42 | ogni mie pace, ond'io m'adiro;~né vorre' manco un minimo 344 148| virtute~di tanto vince che l'adombra e tolle;~né saggio alcun 345 67 | petti~tengon, per tutto adombran lor bellezza;~e van per 346 44 | senza alcuna stima.~Amor, c'adopra ogni suo ingegno e lima,~ 347 96 | muore.~S'io non t'amo e ador, ch'e' mie più baldi~pensier 348 178| tiello~il vulgo, cieco a non adorar lei),~per voi sol nacque; 349 67 | di ghiande, in sul fien s'adormentano.~L'invidia non ha loco in 350 75 | ammuta altrui non esser meno adorno.~ 351 67 | Discordia e la Bugia.~L'Adulazion v'è poi, ch'è pien d'affanni,~ 352 190| in seno~di veri amanti; adunche a venir meno,~per tormen' 353 25 | nuovo artista, all'opre affaticato,~coll'uso del sudor doppia 354 6 | men ti piaccio se più m'affatico.~Già sperai ascender per 355 86 | quanto più 'l falso persuaso afferma.~Novanta volte el sol suo 356 302| stesso togli~l'amor, gli affetti perigliosi e vani,~che per 357 285| opra trista e pia.~Onde l'affettüosa fantasia~che l'arte mi fece 358 54 | se mi domanda, subito m'affioco,~perdo la voce e la risposta 359 136| sì dure tempre,~che non m'affligghin men, dove più m'ardi;~tal 360 104| ond'io di far ben mal m'affliggo e lagno.~Pur mi consola 361 102| cor nemica,~ultimo delli afflitti e buon rimedio;~tu rendi 362 22 | nuovo~d'un arso legno e d'un afflitto core?~Dimmelo un poco, Amore,~ 363 85 | vostra; e chi non si contenta~affogar possa per le man del boia.~ 364 267| colui~che passò 'l mar e poi affogò ne' mocci?~L'arte pregiata, 365 249| l gran desir gran copia affrena,~c'una miseria di speranza 366 150| qui folce,~se mi vuol vivo affreni il gran contento,~c'al don 367 129| ognor chi arde almen non s'agghiacc'egli?~Chi, senza aver, ti 368 54 | n'esca ardir creder non aggio.~Come quand'entra in una 369 123| viso vel mostro,~più par s'aggiunga al vostro~bellezza, tal 370 68 | l'alte torre pianta~per aggiunger al cielo, e non lo vede,~ 371 156| chi giunga,~s'umiltà non v'aggiungi e cortesia:~il montar cresce, 372 156| pur che discenda~ dov'aggiungo. E 'n tal pensier m'appago,~ 373 | agl' 374 67 | non son tanto giuste,~c'agugina gl'ingegni della porta,~ 375 67 | pioggia la contrista,~e gli agùri e ' prodigi va notando.~ 376 147| potrai giustamente vendetta.~Ahimè, lasso chi pur tropp'aspetta~ 377 95 | natural costume.~E tu, folt'aïr, che 'l celeste lume~tempri 378 46 | gli la fabbrica divina~aiuto a farlo, c'al mondo era 379 70 | lega~quel che lassù già 'll'alber si disciolse,~ond'a me tolsi 380 85 | valore~cavato a' pennell' e alberelli.~Il Bernia ringraziate per 381 46 | quel divin che in cielo alberga e stassi,~altri, e sé più, 382 300| cammino,~dove m'aspetta ad albergar con seco.~ 383 | alia 384 150| morte in un momento,~onde s'allarga o troppo stringe 'l core.~ 385 54 | gli occhi cresce, ond'io m'allargo~come pelle ove gonfia la 386 54 | serpenti,~come l'agresto quand'allega i denti.~E' non è forza 387 25 | spinge,~rinnuova e 'nfiamma, allegra e 'ngiovanisce,~c'amor col 388 267| mangio a scotto.~La mia allegrezz' è la maninconia,~e 'l mio 389 267| vantaggio,~che se stasat' allentasse l'odore,~seco non la terre' 390 291| che cosa teme~che grazia allenti inanzi al suo partire?~ 391 268| tuo bel volto, donna, m'allontana.~Amor, c'al ver non cede,~ 392 47 | potea.~Contrari effetti alluminan le carte~di vita più che ' 393 5 | muovo invano.~Dinanzi mi s'allunga la corteccia,~e per piegarsi 394 51 | manco,~né sarie ancor, se s'allungassi, stanco.~I' vo lasso, oilmè, 395 | almeno 396 93 | molto~qual per più rami alpestro e fier torrente.~Il cor, 397 | alquanto 398 147| ben riguardi,~un generoso, alter e nobil core~perdon' e porta 399 106| Né altro avvien di cose altere e nuove~in cui si preme 400 67 | negli affanni cresce e fassi altero,~e 'n mille luoghi nasce, 401 112| beltà sol fuor di donna altiera;~ma l'imagine vera,~della 402 258| ferm'al tuo splendore,~c'alzar non lassa i mie ardenti 403 256| altre sien brutte,~debb'io amarle tutte~pel gran piacer ch' 404 259| Qual più giusta cagion dell'amart'io~è, che dar gloria a quella 405 239| io lasso~si veggia, e com'amarvi i' non fu' stolto.~ 406 54 | di prima,~inanzi ch'i' t'amassi, com'egli era:~di me non 407 288| dal propio amor disciolto.~Ammezzami la strada c'al ciel sale,~ 408 293| privi e spogli,~prego m'ammezzi l'alta e erta via,~e fie 409 75 | e chi con risi e canti~ammuta altrui non esser meno adorno.~ 410 285| grado ogn'uom desia.~Gli amorosi pensier, già vani e lieti,~ 411 233| muore~l'incendio arroto d'amoroso gioco?~Farà quel che di 412 | anch' 413 91 | d'ogni mie valore;~tal c'anciderm' Amore,~forse perch'è pur 414 175| gli occhi per insegna,~c'ancidon più ch'e' tuo più feri dardi,~ 415 | anco 416 24 | memoria che ma' verrà meno.~Ancudine fe' 'l cor, mantaco 'l seno~ 417 45 | qual più c'altri veloce andando vede,~che dopo gli altri 418 112| giovarne,~più volte per andarne~s'è mossa dov'esser sempre 419 10 | n queste contrade,~ché n'andre' 'l sangue suo 'nsin alle 420 249| amanti~creata fusti, e d'angelica forma;~or par che 'n ciel 421 272| freno;~rendimi il volto angelico e sereno~onde fu seco ogni 422 166| poi,~senz'ali ancor, d'un'angioletta il volo,~e 'l veder sol 423 74 | l'ore~da far tranquille l'angosciose e corte~miserie nostre con 424 54 | che col medesmo fiato l'animella,~come l'apre di fuor, la 425 86 | ben vissuto a morte me' s'annidi.~Nostro intelletto dalla 426 67 | necessario è poco.~Color c'anticamente, al secol vecchio,~si trasser 427 71 | saputo~che Cain fu de' vostri anticedenti,~né voi da quel tralignate 428 21 | le parole; ~e le nostre antiche prole~al sole ombre, al 429 35 | manco grinze fan quando l'aopre.~El bianco bianco, el ner 430 67 | di danno;~lascion la casa aperta alla fortuna;~po', doppo 431 268| cede,~di nuovo il cor m'appaga~di foco e speme; e non già 432 102| l'umid' ombra ogni quiet' appalta,~e dall'infima parte alla 433 41 | dentro, come di fuor nel viso appare,~amor, pietà, mercé, cose 434 106| c' a' lor parti largo s'apparecchia;~né Dio, suo grazia, mi 435 166| presso e lontano~veder dov'apparisce il tuo bel volto;~ma dove 436 256| di quella?~La parte che s'appella,~mentre il gioir n'attrista,~ 437 85 | visti i versi belli,~s'appiccon voti e s'accendon candele.~ 438 273| cor ch'è più capace più s'appiglia,~se dir si può, 'l suo volto 439 117| se l'alma per natura~s'appoggia a chi somiglia~ne gli occhi 440 85 | quanto so e posso,~che fia l'apportator di questa mia.~Mentre la 441 15 | di lontan mi chiamo~per appressarm'al ciel dond'io derivo,~ 442 296| non fa che morte non s'appressi ognora,~e dove men duol 443 22 | vanno; e quel che men s'apprezza,~colui è sol c'a più suo 444 249| ciel si dorma,~s'un sol s'appropia quel ch'è dato a tanti.~ 445 91 | rende poi~il chiuder e l'aprir degli occhi tuoi~duri più 446 75 | vaghi e be' sembianti,~aprirgli spesso, e chi con risi e 447 298| terra a l'uom col sangue apristi.~Lieti, poiché, creato, 448 80 | sole,~fermar gli occhi com'aquila nel sole~nella minor di 449 126| chiuda~gli occhi suo begli, arà, come rinnuova,~pietà del 450 267| tomba è picciol volo,~dov'è Aragn' e mill'opre e lavoranti,~ 451 67 | Il lor sommo tesoro è uno arato,~e 'l bomero è la gemma 452 103| piante,~il fier bifolco con l'aratro assale;~ma l'ombra sol a 453 74 | di dolore?~Ahi! crudele arcier, tu sai ben l'ore~da far 454 99 | che Febo il poggio tutto ardea,~levar da terra, allor quand' 455 77 | sì gelata parte~che non ardessi com'acceso strale.~Ma 'l 456 266| foco lo splendore~che m'ardeva e nutriva, il ciel m'invola,~ 457 113| costume,~che meco ardendo, non ardin del pari?~Fra duo volti 458 124| mie donna è sì pronta e ardita,~c'allor che la m'ancide 459 67 | di maggiore stima~veder l'ardite capre sopr'un sasso~montar, 460 259| dispiace,~a che fin fatto arebbe il mondo Iddio?~Qual più 461 68 | a noi è 'l minuzzol dell'arena,~sotto la pianta a lui son 462 229| partesi da noi,~che cosa arete qui da veder poi?~ 463 173| sconsolato il tiene?~Dunc'ambo n'arien bene~ritrarla col cor lieto 464 67 | prega Dio~pe' pascol, per l'armento e pel lavoro,~con fede, 465 82 | la tuo beltà di quella s'armi.~Ché da te mosso, tanto 466 130| la sento ognora;~ond'io m'armo e consiglio~per far da quel 467 12 | 012~Com'arò dunche ardire~senza vo' 468 5 | scrigno, e 'l petto fo d'arpia,~e 'l pennel sopra 'l viso 469 263| molt'anni insieme,~già l'arra in man tene' dell'altra 470 14 | più sopra la terra.~Che arrebbe di noi dunche fatto, mentre 471 54 | risposta mia,~e subito s'arrende il gran desio,~e la speranza 472 43 | più m'uccide dove più m'arrendo.~In mezzo di duo mort' è ' 473 238| cui si posa e quieta,~per arricchir dell'unica moneta~che 'l 474 277| convien c'al prescritto fine arrive.~Or le memorie altrui, già 475 54 | che grand'amore,~che quasi arrivere' 'nsino alle stelle;~e quando 476 10 | pazïenzia cade.~Ma non ci arrivi più 'n queste contrade,~ 477 15 | le spezie all'esca a te arrivo,~come pesce per fil tirato 478 68 | orribil figura,~e 'l suo arrogante, temerario e cieco~ardir 479 62 | sé riprende~se non prim'arsa; ond'io, s'ardendo moro,~ 480 164| la bellezza,~che d'ambo l'arti m'è lucerna e specchio.~ 481 54 | o di bombarda o d'altra artiglieria;~se mi domanda, subito m' 482 258| ogni altro sentiero erto o arto.~Ond' il tempo comparto:~ 483 107| non hanno altra virtute~c'ascenda al ciel, che mirar tutte 484 159| ingegno.~Ma visto poi, c'ascendere a quel segno~propio valor 485 83 | con esso è già più volte ascesa a Dio.~E se 'l vulgo malvagio, 486 250| util nostro, e poi a Dio ascese;~e le porte, che 'l ciel 487 82 | con le sue man gli occhi m'asciuga,~promettendomi cara ogni 488 173| col cor lieto e 'l viso asciutto:~sé farie bella e me non 489 126| sì cruda?~Se mie ragion s'ascolta,~attender la dovrei~di grazia 490 235| bocca parla,~ond'io per ascoltarla~son fatto tal, che ma' più 491 275| monti e d'una gran ruina,~ascoso e circunscritto d'un gran 492 63 | n più pregio che prima s'ascrive,~come purgata infra l'altre 493 77 | per tranquillar la vita aspr'e mortale.~Non è par dunche 494 67 | cima,~e 'l mastro lor, con aspre note, al basso,~sfogare 495 54 | che nol faccia, a uscirne, assa' minore~parere, e le mie 496 102| ogn' opra sempr' al fin assalta;~ben vede e ben intende 497 12 | martiri.~Ma se ver è che per assenzia mai~mia fedel servitù vadia 498 80 | abbaglia,~né di lontan par m'assicuri o fidi,~che fie di me? qual 499 131| maraviglia~c'a questa s'assomiglia,~di lor fan pruova a più 500 92 | error consueto,~com più m'attempo, ognor più si fa forte.~


001-attem | atten-estin | etern-navic | ncide-rubat | rubo-vinci | vinco-zucch

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License