Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Michelangelo Buonarroti il Vecchio
Rime

IntraText - Concordanze

(Hapax - parole che occorrono una sola volta)
atten-estin | etern-navic | ncide-rubat | rubo-vinci | vinco-zucch

                                             grassetto = Testo principale
     Rima                                    grigio = Testo di commento
501 126| Se mie ragion s'ascolta,~attender la dovrei~di grazia piena 502 84 | l'orgoglio è forse ogni atto umile;~ma io sol quel c' 503 75 | mostrarsi andar diporto attorno.~Egli è pur troppo a chi 504 301| 301~Di più cose s'attristan gli occhi mei,~e 'l cor 505 22 | pronto in vista,~temerario, audace, armato e forte!~che e' 506 159| via,~perdon domanda la mie audacia ria,~e del fallir più saggio 507 67 | col suo latte~le cresce, l'aümenta e le difende.~ 508 67 | le zappe e' vasi d'oro.~O avarizia cieca, o bassi ingegni,~ 509 289| non fusti del tuo sangue avaro,~che sarà di tal don la 510 212| Perc'all'altru' ferir non ave' pari~col suo bel volto 511 | avea 512 187| volto, chiuso in questo avello:~che se nel ciel non è albergo 513 45 | cerco, rende~un contento avenir, che non mi lassa~morir; 514 | averne 515 67 | superbia se stessa si divora.~Avide son di qualche verde prato,~ 516 77 | che da que' si parte,~non avrie 'l mondo sì gelata parte~ 517 264| come croce contro a' suo avversari;~e donde in ciel ti rubò 518 66 | sie che 'l tumulto dell'avverse strida~non pèra, ove 'l 519 | avverso 520 114| bellezza.~E se nel foco avvezza~non fusse l'alma, già morto 521 229| l tempo passa e l'ora s'avvicina,~c'a le lacrime triste il 522 285| fien or, s'a duo morte m'avvicino?~D'una so 'l certo, e l' 523 4 | come ch'il primo sia a baciar la testa!~Contenta è tutto 524 180| disciolto,~le lacrime a bagnarsi il petto e 'l volto~per 525 86 | face~prim'ha nell'oceàn bagnata e molle,~che tu sie giunto 526 295| spent'è la luce e seco ogni baldanza,~trionfa il falso e 'l ver 527 96 | amo e ador, ch'e' mie più baldi~pensier sien con la speme 528 68 | per mosca vi sarebbe una balena;~e sol si turba e sol s' 529 97 | è gran maraviglia, in un baleno~arder nel primo foco che 530 67 | all'opre orrende,~ma è lor balia ancora, e col suo latte~ 531 54 | come palla pugno al primo balzo, ~percosso da' tu' occhi 532 267| Che giova voler far tanti bambocci,~se m'han condotto al fin, 533 43 | vero intendo;~dall'altra banda albergo un altro core,~che 534 5 | appicca sotto 'l mento.~La barba al cielo, e la memoria sento~ 535 94 | che fanno a quel di lor basa e colonna,~ch'i' pur ne 536 260| sensi,~e l'arco tira a cose basse e vile.~ 537 72 | della mie fiamma; addunche basti or questo,~signor mie caro, 538 67 | gioco,~chi doma 'l ciuco col basto primizio;~el vecchio gode 539 298| sommerse;~godé sol l'uom, c'al battesmo rinacque.~ 540 105| cosa mortale~allor che ne' bei vostri intera pace~trovai, 541 85 | Ai dipinti, visti i versi belli,~s'appiccon voti e s'accendon 542 20 | accendo tutto come stoppa,~bench'io sia dalla zappa rotto 543 79 | mill'altri tuo diletti e beni~me sol saluti fra più nobil 544 290| e l'altra palma~col tuo benigno umil pietoso volto~prometton 545 85 | pennell' e alberelli.~Il Bernia ringraziate per mio amore,~ 546 162| e manca.~Porgo la carta bianca~a' vostri sacri inchiostri,~ 547 20 | Sorìa;~le gote ha' rosse e bianche, quando stacci,~come fra 548 250| il suo splendor s'accese;~biasmar si può più 'l popol che 549 175| segna~d'onor, perdendo, e biasmo a te, se m'ardi.~Debile 550 267| bocciuolo.~Gli occhi di biffa macinati e pesti,~i denti 551 103| e mille piante,~il fier bifolco con l'aratro assale;~ma 552 67 | boschi, in panni rozzi e bigi,~fuor d'obrighi, di cure 553 299| fortuna mia,~ch'i' rendo le bilance a san Michele.~Troppa bonaccia 554 267| tre pilole di pece in un bocciuolo.~Gli occhi di biffa macinati 555 85 | affogar possa per le man del boia.~La Carne che nel sal si 556 54 | come polvere dal foco~o di bombarda o d'altra artiglieria;~se 557 67 | tesoro è uno arato,~e 'l bomero è la gemma che gli onora;~ 558 5 | onore,~non sendo in loco bon, né io pittore.~ 559 299| bilance a san Michele.~Troppa bonaccia sgonfia sì le vele,~che 560 20 | seguirrei fra l'altre me' c'un bracco;~dunche s'i massi aver fussi 561 1 | fassi qual felice, in una~brevissima ora si lamenta e dole;~o 562 272| al cieco ardor m'era la briglia e 'l freno;~rendimi il volto 563 89 | sol, caldo alle più fredde brume.~Nel voler vostro è sol 564 104| a me consegnaro il tempo bruno,~come a simil nel parto 565 146| se 'l vulgo ne sazi~e ' bruti, e me ne spogli,~omicidio 566 94 | sé spietato~nasce un vil bruto, che con pena e doglia~l' 567 146| volta~pietosa dentro e sì brutta di fuori,~c'a me dispiaccia, 568 256| bella,~benché l'altre sien brutte,~debb'io amarle tutte~pel 569 54 | il vo trar fore,~non ho bucogrande nella pelle~che 570 67 | Fraude, la Discordia e la Bugia.~L'Adulazion v'è poi, ch' 571 67 | villanel la gode co' suo buoi.~D'oro e di gemme, e spaventata 572 85 | par si rammenta.~Il nostro Buonarroto, che v'adora,~visto la vostra, 573 152| pietra scema;~tal alcun'opre buone,~per l'alma che pur trema,~ 574 267| medicina~non vanno altrove a cacar tutti quanti.~I' ho 'mparato 575 267| di spavento;~i panni da cacciar, senz'altro telo,~dal seme 576 20 | quando stacci,~come fra cacio fresco e' rosolacci.~Quand' 577 43 | Ma poco giova, ché chi cader vuole,~non basta l'altru' 578 159| piove,~pareggi l'opra mia caduca e frale.~L'ingegno, l'arte, 579 66 | valor, senz'altra guida,~caduta è l'alma che fu già sì degna.~ 580 172| selvaggia,~ch'i' arda, mora e caggia~a quel c'a peso non sie 581 100| poggio, ond'io rovino e caggio.~ 582 71 | vi lasciai, saputo~che Cain fu de' vostri anticedenti,~ 583 267| tarpata e rasa.~Io tengo un calabron in un orciuolo,~in un sacco 584 68 | ha solo e quell'ha 'n un calcagno.~Vede per terra le cose 585 170| picciol loco,~s'il sasso dur calcina, ~che l'acque poi il dissolvon ' 586 59 | sorte all'un dell'altro cale,~s'un spirto, s'un voler 587 10 | 010~Qua si fa elmi di calici e spade~e 'l sangue di Cristo 588 67 | e 'l cantar rozzo, e ' calli delle mane,~è 'l dieci e ' 589 22 | lasciarla:~onde l'immaginato cammin piglia,~di speranza e timor 590 232| Non altrimenti contro a sé cammina~ch'i' mi facci alla morte,~ 591 300| affretta e tira per altro cammino,~dove m'aspetta ad albergar 592 54 | accende, ogni altro è tardi~a camparmi dal mal ch'i' bramo e volli,~ 593 3 | questa età più crudel morte, ~campato m'ha gran tempo, come veggio.~ 594 177| dritta man face' difesa,~campava. Onde nol fe'? Ch'era mancina.~ 595 45 | Troppo dolor vuol pur ch'i' campi e viva,~qual più c'altri 596 161| torni ov'eri, in cielo,~candida e lieta prima,~deposto il 597 28 | tempo che m'è dato.~E s'i' cangiassi stato,~vivendo in questo, 598 185| nuda~s'accorge a pena aver cangiato stato.~ 599 67 | qual suole al vento far canna paluste.~El Perché è magro, 600 267| a conoscer l'orina~e la cannella ond'esce, per quei fessi~ 601 267| un ragnatelo,~ne l'altro canta un grillo tutta notte;~né 602 67 | latte è la sua parte;~e 'l cantar rozzo, e ' calli delle mane,~ 603 54 | a sera;~forse pensavo di cantare in rima~o di ritrarmi da 604 267| mattina.~Gatti, carogne, canterelli o cessi,~chi n'ha per masserizi' 605 75 | spesso, e chi con risi e canti~ammuta altrui non esser 606 77 | ch'i' arda e mora,~poca capacità m'ha poco acceso.~ 607 259| strema~non manca, e qui caparra il paradiso.~ 608 288| onoro e colo,~c'anzi morte caparri eterna vita.~ 609 129| gli occhi e ' biondi e be' capegli.~Dunche, contr'a te quegli~ 610 68 | insidie e guerra,~e mille capi ha ciascun per sé solo.~ 611 85 | pensate~ch'i' manchi, se 'l cappuccio non mi cade.~Così vi dico 612 67 | maggiore stima~veder l'ardite capre sopr'un sasso~montar, pascendo 613 267| un sacco di cuoio ossa e capresti,~tre pilole di pece in un 614 266| nutriva, il ciel m'invola,~un carbon resto acceso e ricoperto.~ 615 85 | stenta~che saria buon per carbonat' ancora~di voi più che di 616 92 | più già cor, ma cenere e carbone.~ 617 285| conosco or ben com'era d'error carca~e quel c'a mal suo grado 618 276| ogni sesso; ond'io pavento,~carco d'affanni, e più di gelosia;~ 619 85 | cercand'andai fra tutti e' cardinali~e diss'a tre da vostra part' 620 41 | tuo belle membra oneste e care~quante natura e 'l ciel 621 115| 115~Lezi, vezzi, carezze, or, feste e perle,~chi 622 294| martire,~senza misura sien tuo cari doni.~ 623 293| 293~Carico d'anni e di peccati pieno~ 624 85 | lui fanno i divin vostri carmi.~Ai qual non nuoce né state 625 102| rimedio;~tu rendi sana nostra carn' inferma,~rasciughi i pianti 626 267| chiamon la mattina.~Gatti, carogne, canterelli o cessi,~chi 627 267| scombiccheri, a' cemboli, a' cartocci,~agli osti, a' cessi, a' 628 302| che per fortuna avversa o casi strani,~ond'e' tuo amici 629 110| spirto 'nsïeme:~in questa cassa oscura è 'l vostro lato.~ 630 58 | oilmè! come sarà udita~la casta voglia che 'l cor dentro 631 292| Tu sol se' seme d'opre caste e pie,~che germuglian, 632 267| notte;~né dormo e russ' al catarroso anelo.~Amor, le muse e le 633 300| alia del pensier lacci o catene.~Ond'io con esso son sempre 634 239| anni in cener riede?~La causa a l'effetto inclina e cede,~ 635 53 | 053~Chi di notte cavalca, el conviene~c'alcuna 636 98 | solo~resto prigion d'un cavalier armato.~ 637 85 | goffo pittor senza valore~cavato a' pennell' e alberelli.~ 638 85 | manco tristo.~Di voi a tutti caverò la foia~di questa vostra; 639 176| è c'un debil cor subito ceda.~Ma chi fie ma' che 'l creda,~ 640 277| in far bell'opre, almen cedale, poi~che convien c'al prescritto 641 60 | ché doppia forza hann'i celati guai.~S'i' amo sol di te, 642 280| mal conosciuto, onde non è celato~all'immensa pietà c'a' miser 643 267| grotte,~mie scombiccheri, a' cemboli, a' cartocci,~agli osti, 644 59 | mille e mille, non sarien centesmo~a tal nodo d'amore, e tanta 645 254| rientro~e come a peso il centro,~che fuor di quel riposo 646 237| con più vive membra,~di cera o terra o pietra un corp' 647 5 | porta,~ché mal si tra' per cerbottana torta.~La mia pittura morta~ 648 68 | van sopra la terra,~che cercan tutto l'uno e l'altro polo,~ 649 85 | ebbi la vostra, signor mio,~cercand'andai fra tutti e' cardinali~ 650 81 | per mie salute vuol ch'i' cerchi e brami~voi, sole, solo; 651 67 | porci, in contegno, sott'un cerro;~quant'è veder 'n un eminente 652 101| pur che qualche cosa sia~cert'è figlia del sol e della 653 | certe 654 141| mercé dentro a te sento,~la certezza non tento,~ma prego, ove ' 655 61 | tutt'ardo,~qual più veloce cervio o lince o pardo~segue 'l 656 111| noi,~a non seguirti poi,~cessato il dubbio, tuo grazia e 657 67 | che gli onora;~un paio di ceste è la credenza loro,~e le 658 107| tira a quelle,~e qui si chiama amore.~Né altro ha il gentil 659 101| lucenti, el vulgo volle~notte chiamar quel sol che non comprende.~ 660 256| suo regno non s'attenda o chiami.~E 'l ciel pur vuol ch'i' 661 267| quei fessi~che 'nanzi mi chiamon la mattina.~Gatti, carogne, 662 67 | ciechi fur per mirar suo chiarezza;~e quello alle città co' 663 267| agli osti, a' cessi, a' chiassi son condotte.~Che giova 664 42 | sospiro,~né men ardente foco chiederei.~- La beltà che tu vedi 665 12 | s'io non posso al partir chiedervi aita?~Que' singulti e que' 666 20 | che uomo che dipinto in chiesa sia:~la bocca tua mi par 667 290| dolce calma.~Le spine e ' chiodi e l'una e l'altra palma~ 668 276| capace via~c'a mille non si chiude, non c'a cento,~d'ogni età, 669 91 | che toglie e rende poi~il chiuder e l'aprir degli occhi tuoi~ 670 218| per sempre estinto, qui lo chiudo e serro:~morte l'ancise 671 99 | pietà le mani e 'l ciel chiugga le porte.~Le penne mi furn' 672 | ciascuna 673 | ciascuno 674 299| grazia e al gran dono,~al cib', al poto e a l'andar sovente~ 675 68 | vien meno,~né s'empie per cibarsi a tutte l'ore;~il corso 676 145| il peggio saria:~contrari cibi han sì contrari effetti~ 677 35 | 035~El ciglio col color non fere el volto~ 678 67 | pascendo or questa or quella cima,~e 'l mastro lor, con aspre 679 67 | meglio e 'l peggio, e le cime dell'arte~al villanel son 680 25 | fiato l'alma e 'l cor gli cinge.~E se motteggia o finge,~ 681 165| veggion gli occhi vostri~circonscritti ov'a pena il desir vola.~ 682 151| c'un marmo solo in sé non circonscriva~col suo superchio, e solo 683 143| che non se' sazio~del foco circumscritto,~in cui pietra non serva 684 136| di fuor piangendo, dentro circumscrivo,~e di quel c'altri muor 685 35 | l nero e 'l bianco non circundi.~ 686 275| una gran ruina,~ascoso e circunscritto d'un gran sasso,~discesi 687 75 | chi con la vista ancide i circustanti~sol per mostrarsi andar 688 67 | prende gioco,~chi doma 'l ciuco col basto primizio;~el vecchio 689 289| che sarà di tal don la tuo clemenza,~se 'l ciel non s'apre a 690 20 | ciascuna poppa~mi paion duo cocomer in un sacco,~ond'io m'accendo 691 84 | pianto e dolor ne miete e coglie;~chi mira alta beltà con 692 268| parola.~L'alma che teme e cola~quel che l'occhio non vede,~ 693 | colle 694 67 | El giorno c'a solcare i colli vanno,~contar puo' lor ricchezze 695 246| l mie peggio.~Che s'io colmo e pareggio~il cor di doglia 696 94 | fanno a quel di lor basa e colonna,~ch'i' pur ne porterei duo 697 239| vita~in qual sie modo, o di colore o sasso,~di noi sembrando 698 277| 277~ Se con lo stile o coi colori avete~alla natura pareggiato 699 | coloro 700 222| 222~Qui stese il Braccio e colse acerbo il frutto~morte, 701 54 | non può dentro tener torte coltella.~E non può esser pur che 702 216| alta e gradita;~c'un bel coltello insegna tal vagina.~ 703 92 | quieto;~ché l'error consueto,~com più m'attempo, ognor più 704 5 | gozzo in questo stento,~coma fa l'acqua a' gatti in Lombardia~ 705 114| sarebbe l'ora~che gran pietà comanda a gran bellezza.~E se nel 706 85 | abbiat'a schifo come frate.~Comandatemi, e fate poi da voi.~ 707 67 | e ha per suo sostegno e compagnia~la Fraude, la Discordia 708 104| voi fu dato al nascer per compagno.~ 709 17 | fiore.~Muovesi 'l tempo, e compartisce l'ore~al viver nostr'un 710 258| erto o arto.~Ond' il tempo comparto:~per gli occhi il giorno 711 55 | 055~I' t'ho comprato, ancor che molto caro,~un 712 294| pur par nel tuo sangue si comprenda,~se per noi par non ebbe 713 43 | non voglio e questa non comprendo:~così sospeso, el corpo 714 60 | volto bramo e 'mparo,~e mal compres' è dagli umani ingegni,~ 715 285| mar, per fragil barca,~al comun porto, ov'a render si varca~ 716 37 | vita mia;~tu distingui e concedi e parti el tempo;~quante 717 172| paradiso;~po', volta a me, mi concia~sì, c'oltr'all'esser vecchio,~ 718 22 | mali, ~che non perdona a condizion nessuna,~né a loco, né tempo, 719 267| a' cessi, a' chiassi son condotte.~Che giova voler far tanti 720 35 | tocchi sotto e sopra el suo confino,~e 'l giallo e 'l nero e ' 721 273| truova conforme a la suo parte interna.~ 722 241| tema, molto~con la beltà congiunta,~di stranio cibo pasce il 723 85 | amore,~che fra tanti lui sol conosc' il vero~di me; ché chi 724 217| fie ben che 'l ben chi nol conosce prima~per alcun tempo il 725 267| quanti.~I' ho 'mparato a conoscer l'orina~e la cannella ond' 726 80 | di tante ch'i' desio.~Po' conosciut'ho il fallo e l'erro mio:~ 727 248| Di Dante dico, che mal conosciute~fur l'opre suo da quel popolo 728 280| c'alcun grave peccato~mal conosciuto, onde non è celato~all'immensa 729 104| nacquer di ciascuno;~e a me consegnaro il tempo bruno,~come a simil 730 104| affliggo e lagno.~Pur mi consola assai l'esser concesso~far 731 79 | mente,~per l'altru' fiate a consolar mi vieni,~onde la speme 732 266| di fuor, m'affligge e mi consuma drento,~e 'n cener mi riduce 733 74 | piango, i' ardo, i' mi consumo, e 'l core~di questo si 734 279| ben col fattor l'opra suo consuona,~che colpa vuol giustizia 735 67 | a solcare i colli vanno,~contar puo' lor ricchezze ad una 736 67 | ferro,~star co' porci, in contegno, sott'un cerro;~quant'è 737 140| adorna,~fie, parte c'altri ti contempla e vede.~S'al cielo ascende 738 95 | amar, po' che di me non ti contenti.~ 739 48 | Come fiamma più cresce più contesa~dal vento, ogni virtù che ' 740 67 | l dieci e 'l cento e ' conti e lo suo carte~dell'usura 741 285| porto, ov'a render si varca~conto e ragion d'ogni opra trista 742 10 | ci arrivi più 'n queste contrade,~ché n'andre' 'l sangue 743 104| nella cuna.~E come quel che contrafà se stesso,~quando è ben 744 5 | peccia,~e fo del cul per contrapeso groppa,~e ' passi senza 745 35 | non fere el volto~col suo contrar, che l'occhio non ha pena~ 746 119| qual son già vicino,~chi contrasse già mai sì fier destino~ 747 67 | ogni vento, ogni pioggia la contrista,~e gli agùri e ' prodigi 748 263| qual ne promette un ben contrito core.~Più perde chi men 749 136| da loro il foco in ch'è conversa.~Ogni altra aita persa~saria, 750 231| pro passati,~in acqua son conversi;~e Die 'l voglia c'or versi~ 751 62 | al suo elemento, e ch'io converso in foco~sie, come fie che 752 84 | solo,~a vari semi vario si converte),~però pianto e dolor ne 753 266| fie di me, sì 'n cener mi converto.~ 754 260| è dissimil troppo; e mal conviensi~arder di quella al cor saggio 755 67 | bella persona;~di più color coperta di più panni,~che 'l cielo 756 103| 103~Ogni van chiuso, ogni coperto loco,~quantunche ogni materia 757 20 | s'avessi ancor la bella coppa,~ti seguirrei fra l'altre 758 35 | sale e scende quand' el copre;~onde più corte son le suo 759 33 | vita e d'ogni umana cosa,~coprendo sé con più sicuro scudo,~ 760 267| dal seme senza pioggia i corbi al vento.~Mi cova in un 761 145| te, soglio~di lacrime e cordoglio~e d'un ghiaccio nutrir la 762 170| bellezza ardente foco~per mille cori accesi,~come cosa è che 763 139| godere i' sol nel divin coro~quel Dio che 'n cielo e 764 58 | immortal desio, c'alza e corregge~gli altrui pensier, traessi 765 213| quel Braccio, che Dio volse~corregger col suo volto la natura;~ 766 23 | sega o tarlo,~o dietro a un correndo, è gran vergogna~c'ha perso 767 70 | che ïo andai~col segno che correva su nel cielo!~Se non ch' 768 87 | l foco ammorza, onde non corrisponde~la penna all'opre, e fa 769 61 | all'oneste parole~sarie cors'anzi, ond'or son presto 770 5 | Dinanzi mi s'allunga la corteccia,~e per piegarsi adietro 771 67 | smeraldo,~e sta co' suo fedel costante e saldo.~Cogli occhi onesti 772 92 | 092~Quantunche 'l tempo ne costringa e sproni~ognor con maggior 773 165| commodo degli occhi alcun costringe~con l'uso, parte insieme~ 774 | costui 775 86 | pianto,~fortuna al fonte di cotale umore~le radice e le vene 776 267| pioggia i corbi al vento.~Mi cova in un orecchio un ragnatelo,~ 777 64 | dell'inferno~d'un nimico covon secco di paglia?~ 778 248| mondo rio;~tu sol, che la creasti, esser quel puoi.~Di Dante 779 298| apristi.~Lieti, poiché, creato, il redemisti~dal primo 780 260| qual primo grado c'al suo creatore,~di quel non sazia, l'alma 781 183| di tanto ogni più bella creatura,~che morte, ch'era in odio 782 252| grazia in me, che da vo' crebbe.~Ché 'l poco al troppo spesso 783 176| ceda.~Ma chi fie ma' che 'l creda,~preso da' tuo begli occhi 784 86 | premesse tanto,~per mie scampo credendo il gran dolore~n'uscissi 785 54 | 054~Io crederrei, se tu fussi di sasso,~amarti 786 47 | fra gli altri santi.~Così credette morte iniqua e rea~finir 787 228| soddisfacci?~Di tanti anni e beltà creditor resta.~ 788 267| uscir può fore.~Dilombato, crepato, infranto e rotto~son già 789 8 | poco spazio dentro par che cresca?~E s'avvien che trabocchi?~ 790 39 | propio sol del mie signore,~crescer la vita dove cresce 'l male.~ 791 86 | della morte in questo mondo,~crescere' 'l duol; ma ' dolorosi 792 101| l'ombra, e l'altro sol la cria.~Ma sia che vuol, che pur 793 4 | contesta~di fior sopra ' crin d'or d'una, grillanda,~che 794 138| pieno;~né dal martir mi crollo,~anz'ogni or temo non venga 795 137| brami affanni e pianti,~più crudo, Amor, m'è più caro ogni 796 41 | 041~Spirto ben nato, in cu' si specchia e vede~nelle 797 5 | son nella peccia,~e fo del cul per contrapeso groppa,~e ' 798 104| simil nel parto e nella cuna.~E come quel che contrafà 799 267| orciuolo,~in un sacco di cuoio ossa e capresti,~tre pilole 800 67 | è di ghiaccio, al sol si cuopre e serra;~sempre sta 'n corte, 801 22 | te, signore ingrato,~c'al cuor la morte e pietà porti in 802 | dallo 803 231| duole.~Quante 'l tuo braccio dammi,~morte i gran colpi scema,~ 804 30 | dispar la soma che conduce,~dando a me luce, e tenebre m'invola.~ 805 140| giova men doglia a chi è dannato,~che 'n ciel non nuoce l' 806 3 | so quante tu vali.~E se i dannosi e preteriti strali~al segno 807 248| creasti, esser quel puoi.~Di Dante dico, che mal conosciute~ 808 248| esilio suo, co' la virtute,~dare' del mondo il più felice 809 70 | so qual si disciolse~per [darli mano?] e tormi del mio arbitrio.~ 810 299| sare' nïente~per merto a darvi tutto quel ch'i' sono:~ché ' 811 192| ogni suo doglia~preschiver debbe alcun del suo defunto,~se 812 132| l ben che tu non hai~né debbi aver già mai.~Dunche ha 813 160| tanta aita,~che renda il debitor libero e sciolto?~E se pur 814 101| non comprende.~E tant'è debol, che s'alcun accende~un 815 184| 184~Qui son de' Bracci, deboli a l'impresa~contr'a la morte 816 98 | m'invoglia,~s'altri pur dee morir? Dunche per queste~ 817 192| preschiver debbe alcun del suo defunto,~se da fragile spoglia~fuor 818 144| gli prometto~c'aver non deggio. O pensier vano e stolto!~ 819 47 | tolse,~natura, che fra noi degnar lo volse,~restò in vergogna, 820 172| 172~Costei pur si delibra,~indomit' e selvaggia,~ch' 821 67 | e specchio,~e freno alle delizie, alle vivande.~Porgete al 822 | delli 823 33 | ogni cosa,~poco ti fie aver dentr'a me loco~che d'ogn' uomo 824 172| suo viso,~ond'io vie più deriso~son d'esser brutto; e pur 825 15 | appressarm'al ciel dond'io derivo,~e per le spezie all'esca 826 67 | ospizio:~chi ingombra 'l desco e chi fa fora 'l foco,~sott' 827 58 | lode o suo valore~appien descriver quel c'appien non legge.~ 828 221| il Braccio, e men non si desìa~sepulcro al corpo, a l'alma 829 119| con dispietato core.~O desiato ardore!~ogni uom vil sol 830 258| non lassa i mie ardenti desiri,~s'altro non è che tiri~ 831 | dessi 832 247| gran ventura;~però non mi destar, deh, parla basso.~ 833 234| miseria nato,~s'al fier destin preval grazia e ventura,~ 834 86 | tuo partire; onde convien destingua~dal figlio prima e tu morto 835 173| me com'io di lei?~Po' c'a destinguer molto~dalla mie chiara stella~ 836 67 | pien d'affanni,~giovane destra e di bella persona;~di più 837 23 | c'ha perso e ferma ogni destrezza e moto.~ 838 85 | de' nostri mali~mostrai la detta, onde ne rise tanto~che ' 839 100| veloce etterno moto~a noi dette la luce, a te 'l vïaggio.~ 840 168| ben che non diviso aver devrei.~Ma se già ma' costei~cangia ' 841 267| cerca il malanno, Dio gliel dia.~Chi mi vedess' a la festa 842 156| 156~A l'alta tuo lucente dïadema~per la strada erta e lunga,~ 843 116| tuo furore,~ch'i' nol te dica e giuri:~quante più inaspri 844 170| pruova il sa chi 'l ver dicerne:~così d'una divina~de mille 845 173| non men crudel che spesso~dichi: - Dal cor mie smorto il 846 71 | mente, e basta; e se tu dici~ben di Fiorenza, tu mi dai 847 14 | e la Notte parlano, e dicono:~Noi abbiàno col nostro 848 86 | increscitor men aspro e duro~esser dié 'l caso quant'è più necesse,~ 849 | dieci 850 171| del cor voto più non si dien vanto.~Ma se rimbotta alquanto~ 851 24 | veneno,~quand' el passo dier libero a' fier dardi;~nido 852 | dietro 853 26 | avvien c'alcun legno non difenda~il propio umor fuor del 854 33 | propie, c'ogni altr'arme~difender par ogni mie cara cosa;~ 855 7 | braccia m'hai raccolto,~chi mi difenderà dal tuo bel volto?~ 856 5 | torta.~La mia pittura morta~difendi orma', Giovanni, e 'l mio 857 33 | e tuo vere e dolci arme,~difendimi da me, c'ogni altra cosa~ 858 253| nelle prim'ore~alcun s'è mal difeso,~nell'ultim' arde e muore~ 859 54 | suole il mangiar far al digiuno;~com'altri il ventre di 860 284| onde l'arte e l'ingegno si dilegua.~Ma se, quel c'alcun crede, 861 267| fiato a pen' uscir può fore.~Dilombato, crepato, infranto e rotto~ 862 22 | legno e d'un afflitto core?~Dimmelo un poco, Amore,~acciò che 863 65 | ama chi ben arde, ov'io dimoro.~Però che scudo fo di tutti 864 12 | accompagnorno,~madonna, duramente dimostrorno~la mia propinqua morte e ' 865 | Dinanzi 866 54 | avvien ch'i' l'abbi un po' dintorno,~sfavillo come ferro in 867 77 | la visiva virtù toglie e diparte~per tranquillar la vita 868 157| pel subito gioir, da me diparti.~Po' l'aspra tuo partita,~ 869 86 | memoria 'l fratel pur mi dipigne,~e te sculpisce vivo in 870 165| più crede:~onde nel cor dipinge~per bello quel c'a picciol 871 85 | miracol fia,~a far un uom dipint' un uom da vero. -~Così 872 85 | e mio fedele~disse: - Ai dipinti, visti i versi belli,~s' 873 264| carcer terreno~felice sie 'l dipor suo grieve salma.~Per procella 874 75 | sol per mostrarsi andar diporto attorno.~Egli è pur troppo 875 28 | ancora;~e se verrà dipoi,~a dirlo qui tra noi,~forz'è che, 876 267| l mio riposo son questi disagi:~che chi cerca il malanno, 877 22 | morte~nel tempo suo di me discacci fori,~per trar d'un arbor 878 103| foco,~da lei dal sol son discacciate e prive~con più vil cosa 879 156| leggiadria~bramo pur che discenda~ dov'aggiungo. E 'n tal 880 59 | viscer di duo petti arda e discerna;~s'amar l'un l'altro e nessun 881 275| circunscritto d'un gran sasso,~discesi a discoprirmi in questo 882 302| ond'e' tuo amici dal mondo disciogli,~Signor mie car, tu sol 883 150| vien subito scampo che 'l discioglia.~Simil se tuo mercé, più 884 85 | grand'errore.~Ma la sua disciplin' el lum' intero~mi può ben 885 244| m'è nuova ferza e dolce disciplina:~c'a l'alma pellegrina~è 886 94 | come serpe al sasso si discoglia,~pur per morte potria cangiar 887 275| un gran sasso,~discesi a discoprirmi in questo basso,~contr'a 888 67 | compagnia~la Fraude, la Discordia e la Bugia.~L'Adulazion 889 161| 161~Per qual mordace lima~discresce e manca ognor tuo stanca 890 111| propia tardi s'innamora.~Disegna in me di fuora,~com'io fo 891 267| in forz'altrui,~ch'i' son disfatto, s'i' non muoio presto.~ 892 244| sano,~fa vita e grazia la disgrazia mia:~ché 'l dolce amaro 893 252| duole.~E com'occhio nel sole~disgrega suo virtù ch'esser dovrebbe~ 894 151| contraria ho l'arte al disïato effetto.~Amor dunque non 895 67 | e ch'è sì grande,~ancor disidra, e non ha pace poi;~e 'l 896 79 | raffreni,~che non men che 'l disio l'anima sente.~Dunche, trovando 897 105| che muore~quetar non può disir; né par s'aspetti~l'eterno 898 237| rompe o storce o del tutto dismembra,~la beltà che prim'era si 899 30 | Onde va zoppo Amore,~tant'è dispar la soma che conduce,~dando 900 113| Com'esser può dissimile e dispari~l'infinita beltà, 'l superchio 901 234| maraviglia~ben fie a chi si dispera~della tuo grazia al suo ' 902 273| secondo l'egritudin, che disperso~ha l'intelletto a le divine 903 146| brutta di fuori,~c'a me dispiaccia, e di me s'innamori.~ 904 246| fuggir questa vita,~qual dispietata aita~m'ancide e strazia 905 6 | cielo è quel c'ogni virtù disprezza~locarla al mondo, se vuol 906 229| terra.~Se grazia il ciel disserra,~com'a' beati suole,~questo 907 260| in alto aspira;~donna è dissimil troppo; e mal conviensi~ 908 113| degli amanti!~Com'esser può dissimile e dispari~l'infinita beltà, 909 63 | Così tratto di me, se mi dissolve~il foco, che m'è dentro 910 101| Perché Febo non torce e non distende~d'intorn' a questo globo 911 37 | morte, in te la vita mia;~tu distingui e concedi e parti el tempo;~ 912 86 | scuri vostra luce,~l'ore distinte a voi non fanno forza,~caso 913 67 | per vie fra sassi erte e distorte,~tentando colle man qual 914 121| mia,~non puo' poter non mi distrugga e stempre.~Così durando 915 67 | cieca, o bassi ingegni,~che disusate 'l ben della natura!~Cercando 916 159| fallir più saggio ognor divegno.~E veggio ben com'erra s' 917 85 | scrivo a vers'a verso, rosso~diveng'assai, pensando a cui la 918 298| servo de' servi in croce divenisti.~Onde e chi fusti, il ciel 919 113| del pari?~Fra duo volti diversi e sì contrari~s'adira e 920 173| 173~Se dal cor lieto divien bello il volto,~dal tristo 921 67 | la superbia se stessa si divora.~Avide son di qualche verde 922 86 | doppo quella in esser più dolente.~E se 'l pensier, nel quale 923 125| invidiosa e fella~fra ' mie dolenti e ' suo pietosi sguardi,~ 924 114| nimici, anz'occhi mei;~né doler mi potrei~di questo non 925 61 | presto e tardo.~Ma perché più dolermi, po' ch'i' veggio~negli 926 11 | Come posso sperar di me le dolga,~se se stessa non ama? Ahi 927 23 | lacrime molte!~Di te mi dolgo, Amor, con teco parlo,~sciolto 928 86 | o spesse?~Nostri intensi dolori e nostri guai~son come più 929 269| passato~specchio con trista e dolorosa speme;~e 'l ben, per durar 930 78 | 078~Dal dolce pianto al doloroso riso,~da una etterna a una 931 67 | porco, e prende gioco,~chi doma 'l ciuco col basto primizio;~ 932 72 | questo,~signor mie caro, a domandar mercede.~Forse lo spirto 933 25 | misero stato,~che libertà domanderebbe appena.~E el tigre e 'l 934 79 | grande usur saria a farla,~donandoti turpissime pitture~per rïaver 935 88 | se mal può chi non gli ha donar altrui?~Onde al mio viver 936 15 | chiamo~per appressarm'al ciel dond'io derivo,~e per le spezie 937 254| 254~Donn', a me vecchio e grave,~ 938 3 | morir po' peggio,~tal di me, donne, Amor, come vedete,~per 939 19 | ogni valore~di donna o di donzella~fatto ha per imparare, insino 940 287| fida~di doppia aita ne' mie doppi affanni.~ 941 82 | che più sproni mie fuga,~doppiando 'l corso alla beltà nemica,~ 942 175| No' salda, Amor, de' tuo dorati strali~fra le mie vecchie 943 205| ben certo~che più non si dorrà chi vecchio muore.~ 944 196| morto esser mi veggio:~tal dota ebbi dal cielo, anzi che 945 70 | disciolse,~ond'a me tolsi la dote del cielo.~Qui non mi regge 946 277| noi rendete,~poi che con dotta man posto vi sete~a più 947 236| prenda 'l pennello,~fra ' dotti ingegni il più accorto e 948 99 | 099~Ben mi dove' con sì felice sorte,~mentre 949 178| non di men pregio esser dovea.~Dunche, a quetarvi, è suo 950 147| l'amo più c'allor far non doverrei?~- Io dico che fra voi, 951 45 | 045~Ben doverrieno al sospirar mie tanto~esser 952 252| disgrega suo virtù ch'esser dovrebbe~di maggior luce, s'a veder 953 286| vita mia,~ristringer si dovrien 'n un sol che sia~guida 954 55 | imparo.~Ovunche tu ti sia, dovunch'i' sono,~senz'alcun dubbio 955 100| tuo vivo raggio,~solo a du' occhi, a me di pietà vòto,~ 956 86 | per cui s'adduce~fra no' dubbia letizia e certa doglia.~ 957 92 | nell'ore più vicine~e più dubiose d'altro viver quieto;~ché 958 14 | corso condotto~alla morte el duca Giuliano; è ben giusto~che 959 173| se sconsolato il tiene?~Dunc'ambo n'arien bene~ritrarla 960 115| e l'oro~da le' riceve o duplica suo luce?~Ogni gemma più 961 82 | pensar di minuir mie doglia,~duplicando, la morte viene a darmi.~ 962 170| picciol loco,~s'il sasso dur calcina, ~che l'acque poi 963 12 | accompagnorno,~madonna, duramente dimostrorno~la mia propinqua 964 121| distrugga e stempre.~Così durando sempre~mie pietà pari a 965 269| dolorosa speme;~e 'l ben, per durar poco,~sento non men che ' 966 242| rimembra~agli anni la beltà per durare ella,~farà me lieto, ond' 967 40 | mettevi 'l suo volto;~e s'i' durassi in tale stato molto,~l'alma, 968 136| fortuna avversa~non ha sì dure tempre,~che non m'affligghin 969 9 | mostrar quivi le suo cose eccelse,~com'ha fatto or colla sua 970 | ecco 971 95 | gli è tolta,~e 'l suono eco, già sorda a' mie lamenti;~ 972 | ed 973 68 | prendon passo passo,~come edera fa el mur fra sasso e sasso.~ 974 273| lucente e terso,~secondo l'egritudin, che disperso~ha l'intelletto 975 | ei 976 62 | ascende per natura,~al suo elemento, e ch'io converso in foco~ 977 10 | 010~Qua si fa elmi di calici e spade~e 'l sangue 978 175| chi fia che mi conforti?~Elmo non già né scudo,~ma sol 979 67 | cerro;~quant'è veder 'n un eminente loco~e di pagli' e di terra 980 68 | del ben vien meno,~né s'empie per cibarsi a tutte l'ore;~ 981 155| Fra 'l riso e 'l pianto, encontrari stremi,~mezzo 982 18 | prestina strada,~di ritornare endarno s'argomenta.~Il mare e ' 983 54 | pelle ove gonfia la midolla;~entrando in me per sì stretto vïaggio,~ 984 202| opra ha sì benigna sorte~d'entrar dipinto ov'io non pote' 985 5 | ricco pavimento.~E' lombi entrati mi son nella peccia,~e fo 986 98 | almen, s'è destinato,~chi entrerà 'nfra la dolcezza e 'l duolo?~ 987 13 | 013~La fama tiene gli epitaffi a giacere; non vainanzi 988 157| dipartir gli sento;~onde d'equal tormento~e l'aita e l'offesa 989 68 | ché le stagion gli sono equali e belle;~e come 'l ciel 990 114| teco.~Bellezza e grazia equalmente infinita,~dove più porgi 991 | eran 992 | eri 993 109| gusto è sì raro~c'al vulgo errante cede~in vista, allor che 994 51 | mie stato.~E s'io non sono errato,~(che Dio 'l voglia ch'io 995 67 | e van per vie fra sassi erte e distorte,~tentando colle 996 258| duro ogni altro sentiero erto o arto.~Ond' il tempo comparto:~ 997 85 | state né verno,~dal temp' esenti e da morte crudele,~che 998 248| fortuna nato,~per l'aspro esilio suo, co' la virtute,~dare' 999 244| d'un bel volto umano,~l'essere infermo è sano,~fa vita 1000 25 | l'umor d'un verde legno estinge,~il freddo vecchio scalda 1001 218| della natura,~per sempre estinto, qui lo chiudo e serro:~


atten-estin | etern-navic | ncide-rubat | rubo-vinci | vinco-zucch

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License