Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Michelangelo Buonarroti il Vecchio
Rime

IntraText - Concordanze

(Hapax - parole che occorrono una sola volta)
etern-navic | ncide-rubat | rubo-vinci | vinco-zucch

                                             grassetto = Testo principale
     Rima                                    grigio = Testo di commento
1002 121| e' corpi a chiunche muore~eterni rende o per quiete o per 1003 277| quelle e voi~malgrado d'esse, etternalmente vive.~ 1004 170| parte interne;~ma le lacrime etterne~se quel dissolvon già sì 1005 111| che nulla ha dentro, e èvvi ciò ch'io voglio.~ 1006 34 | etterno ogni mie stima,~ch'exalta, ond'ella vien, chi più ' 1007 250| se par non ebbe il suo exilio indegno,~simil uom né maggior 1008 46 | meno,~s'or non gli la fabbrica divina~aiuto a farlo, c' 1009 62 | 062~Sol pur col foco il fabbro il ferro stende~al concetto 1010 24 | cor, mantaco 'l seno~da fabricar sospir, con che tu m'ardi.~ 1011 | facea 1012 189| begli occhi, che aperti~facén men chiari i più lucenti 1013 | facesse 1014 67 | fora 'l foco,~sott'a quel faggio ch'è più lor propizio;~chi 1015 20 | mi par una scarsella~di fagiuo' piena, si com'è la mia;~ 1016 17 | pessimo veneno;~lu' come falce e no' siàn come fieno,.~ 1017 146| data a gente stolta?~Deh, falla un'altra volta~pietosa dentro 1018 159| la mie audacia ria,~e del fallir più saggio ognor divegno.~ 1019 250| Questo discese a' merti del fallire~per l'util nostro, e poi 1020 80 | desio.~Po' conosciut'ho il fallo e l'erro mio:~ché chi senz' 1021 164| specchio.~S'altro si pensa, è falsa opinione.~Questo sol l'occhio 1022 282| servitù, con tanto tedio~e con falsi concetti e gran periglio~ 1023 67 | secol vecchio,~si trasser fame e sete d'acqua e ghiande~ 1024 161| braccia,~tomm'a me stesso e famm'un che ti piaccia.~ 1025 274| 274~Deh fammiti vedere in ogni loco!~Se 1026 1 | si lamenta e dole;~o per famosa o per antica prole~altri 1027 285| e pia.~Onde l'affettüosa fantasia~che l'arte mi fece idol 1028 85 | minor non l'ho ancor visto;~farebbes'anche a lui, se fusse prete.~ 1029 4 | stringer sempre.~Or che farebbon dunche le mie braccia?~ 1030 245| Amor, di me qual poi~pruova faresti di più ardente foco,~s'a 1031 128| tenaci tempre~d'un cor gentil faria spietate pruove.~Ma perché 1032 | farmi 1033 | farò 1034 | farti 1035 233| sì pietoso e fero,~c'a' fastidiosi vermi il corpo furi.~Se, 1036 267| infranto e rotto~son già per le fatiche, e l'osteria~è morte, dov' 1037 94 | volesse al mie signor mie fato~vestir suo viva di mie morta 1038 | fatte 1039 240| mie questa, e quella suo fattura,~non già mortal, ma diva,~ 1040 266| amore~che lievin fiamma, una favilla sola~non fie di me, sì ' 1041 134| che 'l mondo non ristora,~favvi amor forza ancora,~o pur 1042 141| breve e corta,~donna, tuo , se con san occhio il veggio,~ 1043 212| serro,~morte vel tolse e fecel, s'io non erro,~perc'a lei 1044 85 | come vostro amico e mio fedele~disse: - Ai dipinti, visti 1045 178| non c'al mondo iniquo e fello~(suo nome dal sinistro braccio 1046 101| col fucil la squarcia e fende.~E s'egli è pur che qualche 1047 35 | El ciglio col color non fere el volto~col suo contrar, 1048 175| ancidon più ch'e' tuo più feri dardi,~chi fia che mi conforti?~ 1049 212| 212~Perc'all'altru' ferir non ave' pari~col suo bel 1050 124| crudel ferro dentro a la ferita.~E così morte e vita,~contrarie, 1051 23 | son molt'anni, mille volte~ferito e morto, non che vinto e 1052 258| Sì 'l destinato parto~mi ferm'al tuo splendore,~c'alzar 1053 72 | quel , se questo è certo!~Fermisi in un momento il tempo e 1054 3 | 003~Grato e felice, a' tuo feroci mali~ostare e vincer mi 1055 178| e far non la saprei~con ferri in pietra, in carte col 1056 103| resta scoperto al sol, che ferve~per mille vari semi e mille 1057 244| povertà nuda e sola,~m'è nuova ferza e dolce disciplina:~c'a 1058 267| cannella ond'esce, per quei fessi~che 'nanzi mi chiamon 1059 115| Lezi, vezzi, carezze, or, feste e perle,~chi potria ma' 1060 98 | queste~luci l'ore del fin fian men moleste;~c'ogni altro 1061 23 | membra, e sì spronato il fianco,~c'appena posso ritornar 1062 299| le candele,~aggiuntovi un fiascon di malvagia,~restavinta 1063 79 | alla mente,~per l'altru' fiate a consolar mi vieni,~onde 1064 263| teme~nell'ultima partita,~fidando sé nel suo propio valore~ 1065 172| gode e racconcia~nel suo fidato specchio,~ove sé vede equale 1066 80 | lontan par m'assicuri o fidi,~che fie di me? qual guida 1067 164| 164~Per fido esemplo alla mia vocazione~ 1068 17 | come falce e no' siàn come fieno,.~La fede è corta e la beltà 1069 67 | e quello alle città co' fieri petti~tengon, per tutto 1070 101| qualche cosa sia~cert'è figlia del sol e della terra;~ché 1071 267| lavoranti,~e fan di lor filando fusaiuolo.~D'intorn'a l' 1072 4 | si spanda,~e quel c'oro filato si domanda~le guanci' e ' 1073 25 | cinge.~E se motteggia o finge,~chi dice in vecchia etate 1074 47 | credette morte iniqua e rea~finir il suon delle virtute sparte,~ 1075 46 | gito a volo.~Onde a me non finito verrà meno,~s'or non gli 1076 71 | basta; e se tu dici~ben di Fiorenza, tu mi dai la soia.~Qual 1077 22 | d'un arbor secco fronde e fiori.~Che poss'io più? che debb' 1078 267| anelo.~Amor, le muse e le fiorite grotte,~mie scombiccheri, 1079 51 | l ver dice a ciascun che fiso 'l guarda!~Così n'avvien, 1080 95 | agli occhi mei, o fonte o fiume,~l'onde della non vostra 1081 45 | secco oramai le fonti e ' fiumi,~s'i' non gli rinfrescassi 1082 278| 278~Chi non vuol delle foglie~non ci venga di maggio.~ 1083 85 | Di voi a tutti caverò la foia~di questa vostra; e chi 1084 150| beltà, c'Amore e 'l ciel qui folce,~se mi vuol vivo affreni 1085 54 | e' ripari mie son corti e folli:~se l'acqua il foco accende, 1086 95 | vostro natural costume.~E tu, folt'aïr, che 'l celeste lume~ 1087 45 | tanto~esser secco oramai le fonti e ' fiumi,~s'i' non gli 1088 22 | tempo suo di me discacci fori,~per trar d'un arbor secco 1089 267| non la terre' 'l pan e 'l formaggio.~La toss' e 'l freddo il 1090 178| suo beltà novella~da Dio formata all'alto desir vostro;~e 1091 68 | delle suo gambe mena~diverse forme mostruose e magne:~per mosca 1092 54 | scaldar ma' si può fornace o forno~c'a' mie sospir non fussi 1093 43 | amando esser felice;~con forti esempli e con vere parole~ 1094 155| al mie 'rdente desire,~la fortun' aspra e ria,~nemica a' 1095 192| alcun del suo defunto,~se da fragile spoglia~fuor di miseria 1096 159| pareggi l'opra mia caduca e frale.~L'ingegno, l'arte, la memoria 1097 162| scriva:~che l'alma, da sé franca,~non pieghi agli error nostri~ 1098 68 | molte volte ha ricoperta e franta~una città colla pianta del 1099 86 | stringa o nòi.~La memoria 'l fratel pur mi dipigne,~e te sculpisce 1100 153| prefetta,~la forma, che sol fratta il tragge fora;~tal io, 1101 67 | sostegno e compagnia~la Fraude, la Discordia e la Bugia.~ 1102 89 | freddo al sol, caldo alle più fredde brume.~Nel voler vostro 1103 283| può, Signor mie car, la fresca e verde~età sentir, quant' 1104 20 | quando stacci,~come fra cacio fresco e' rosolacci.~Quand'io ti 1105 54 | men che quand'i' non ho fretta.~S'avvien che la mi rida 1106 22 | per trar d'un arbor secco fronde e fiori.~Che poss'io più? 1107 68 | l ciel fa pari alla suo fronte, ~in terra al pian col piè 1108 140| sì caldo affetto,~fie men fruire Dio,~s'ogni altro piacer 1109 83 | altro saggio abbiàn né altri frutti~del cielo in terra; e chi 1110 101| tant'è folle~che l'esca col fucil la squarcia e fende.~E s' 1111 46 | quant'alza più se stesso alla fucina,~sopra 'l mie questo al 1112 51 | son tradito~da' giorni mie fugaci e dallo specchio~che 'l 1113 154| grazia, e che quest'una~fugga teco suo morte, è mie fortuna.~ 1114 67 | notando.~La lieta Povertà, fuggendo, acquista~ogni tesor, né 1115 184| era esser de' piedi per fuggire~che de' Bracci e non far 1116 51 | fatt'io, che 'l tempo m'è fuggito:~si trova come me 'n un 1117 35 | bianco bianco, el ner più che funebre,~s'esser può, el giallo 1118 253| ne' prim'anni accorto~del fuoco, allor di fuor, che m'arde 1119 | fuori 1120 267| lavoranti,~e fan di lor filando fusaiuolo.~D'intorn'a l'uscio ho mete 1121 236| aspetta~mie fiero ardor, se mi gastiga e 'nsegna?~ 1122 290| occhi~il mie passato, e 'l gastigato orecchio;~non tenda a quello 1123 77 | parte,~non avrie 'l mondogelata parte~che non ardessi com' 1124 300| cura intoppi o di neve o di gelo,~né l'alia del pensier lacci 1125 67 | co' suo buoi.~D'oro e di gemme, e spaventata in vista,~ 1126 147| Ancor, se ben riguardi,~un generoso, alter e nobil core~perdon' 1127 38 | core,~amica di virtute e gentilezza.~ 1128 95 | mie piante,~c'ancor l'erba germugli che gli è tolta,~e 'l suono 1129 292| opre caste e pie,~che germuglian, dove ne fa' parte;~nessun 1130 261| cura,~arder nel tempo che ghiacciar si vuole,~com'io per donna; 1131 150| morte mena,~privo di speme e ghiacciato ogni vena,~se vien subito 1132 131| e l'ale.~Gli occhi mie, ghiotti d'ogni maraviglia~c'a questa 1133 156| che d'ogni rara altezza è ghiotto e vago:~po' per gioir della 1134 13 | fama tiene gli epitaffi a giacere; non vainanzi né ~indietro, 1135 68 | popol prescrive.~Palida e gialla, e nel suo grave seno~il 1136 68 | 068~Un gigante v'è ancor, d'altezza tanta~ 1137 138| Porgo umilmente all'aspro giogo il collo~il volto lieto 1138 71 | dai la soia.~Qual prezïosa gioia~è certo, ma per te già non 1139 147| pur tropp'aspetta~ch'i' gionga a' suoi conforti tanto tardi!~ 1140 58 | altrui vede?~La mie cara giornata m'è impedita~col mie signor 1141 68 | di qua giù se ne vede dua giornate~delle gran gambe, e irsut' 1142 67 | poi, ch'è pien d'affanni,~giovane destra e di bella persona;~ 1143 255| c'amor vuol pari stato e giovanezza.~ 1144 5 | pittura morta~difendi orma', Giovanni, e 'l mio onore,~non sendo 1145 112| mio morir, che sol poria giovarne,~più volte per andarne~s' 1146 244| contr'a chi basso vola,~girando, trïonfar d'alta ruina;~ 1147 255| 255~Mentre i begli occhi giri,~donna, ver' me da presso,~ 1148 296| vale,~subito allor sarie da girne al cielo:~ché con più tempo 1149 46 | l mie questo al ciel n'è gito a volo.~Onde a me non finito 1150 164| qui m'apparecchio.~S'e' giudizi temerari e sciocchi~al senso 1151 167| porti l'ali,~con esse mi giugnesti, or fuggi e temi,~c'ogni 1152 14 | condotto~alla morte el duca Giuliano; è ben giusto~che e' ne 1153 10 | sangue di Cristo si vend'a giumelle,~e croce e spine son lance 1154 156| lunga,~non è, donna, chi giunga,~s'umiltà non v'aggiungi 1155 87 | poi mi doglio~c'amor non giunge al cor; né so ben onde~apra 1156 116| furore,~ch'i' nol te dica e giuri:~quante più inaspri e 'nduri,~ 1157 147| lei tu ardi,~far ne potrai giustamente vendetta.~Ahimè, lasso chi 1158 67 | chiave, e non son tanto giuste,~c'agugina gl'ingegni della 1159 279| consuona,~che colpa vuol giustizia ch'io n'aspetti,~s'i' amo, 1160 267| chi cerca il malanno, Dio gliel dia.~Chi mi vedess' a la 1161 101| distende~d'intorn' a questo globo freddo e molle~le braccia 1162 5 | l viso tuttavia~mel fa, gocciando, un ricco pavimento.~E' 1163 298| in più doglia sommerse;~godé sol l'uom, c'al battesmo 1164 300| l'estremo ultimo anelo,~goderci in terra mi parria pur bene.~ 1165 141| con san occhio il veggio,~goderò per non peggio~quante di 1166 60 | che tu sai~ch'i vengo per goderti più da presso,~e sai ch' 1167 134| Beati voi che su nel ciel godete~le lacrime che 'l mondo 1168 54 | m'allargo~come pelle ove gonfia la midolla;~entrando in 1169 94 | suo pel contesta, fa tal gonna~che con ventura stringe 1170 20 | più c'un arco di Sorìa;~le gote ha' rosse e bianche, quando 1171 59 | spirto, s'un voler duo cor governa;~s'un'anima in duo corpi 1172 33 | puo' far nulla,~fattor, governator, re d'ogni cosa,~poco ti 1173 5 | 005~I' ho già fatto un gozzo in questo stento,~coma fa 1174 109| El mondo è cieco e di suo gradi o lode~più giova a chi più 1175 54 | ond'io mi spargo,~come grappol d'agresto in un'ampolla,~ 1176 67 | propizio;~chi ingrassa e gratta 'l porco, e prende gioco,~ 1177 67 | ispeme e con desio,~per la gravida vacca e pel bel toro.~El 1178 294| tristo m'è, c'a trovar grazi' e mercede~negli ultim'anni 1179 264| felice sie 'l dipor suo grieve salma.~Per procella o per 1180 4 | sopra ' crin d'or d'una, grillanda,~che l'altro inanzi l'uno 1181 267| ragnatelo,~ne l'altro canta un grillo tutta notte;~né dormo e 1182 35 | suo palpebre,~che manco grinze fan quando l'aopre.~El bianco 1183 5 | fo del cul per contrapeso groppa,~e ' passi senza gli occhi 1184 85 | mio non professo, goffo e grosso.~Pur nondimen così mi raccomando~ 1185 267| Amor, le muse e le fiorite grotte,~mie scombiccheri, a' cemboli, 1186 4 | oro filato si domanda~le guanci' e 'l collo di toccar non 1187 51 | dice a ciascun che fiso 'l guarda!~Così n'avvien, chi troppo 1188 215| morto ancor m'ama~ha dato in guardia mie bellezza e fama,~ch' 1189 56 | della mie morte e, se ben guardo,~felice vivo d'infelice 1190 120| ché mai non muor chi non guarisce mai.~ 1191 181| nvecchi e parte il mondo guasti.~ 1192 76 | sento e ch'i' cerco e chi mi guidi~meco non è; né so ben veder 1193 146| di beltà qui tolta~a chi gusta e desia,~e data a gente 1194 60 | messo,~ché doppia forza hann'i celati guai.~S'i' amo 1195 71 | vostra mercè, per ricevuto~e hollo letto delle volte venti.~ 1196 70 | mi lega.~Mie colpa è, ch'ignorando a quello andai?~Maladetto [ 1197 54 | posso trovar pace in luogo ignuno;~se po' ti veggo, mi s'appicca 1198 112| fuor di donna altiera;~ma l'imagine vera,~della qual vivo, allor 1199 1 | inlustra, e 'n un momento imbruna.~Cosa mobil non è che sotto 1200 82 | 082~Non posso altra figura immaginarmi~o di nud'ombra o di terrestre 1201 38 | un concetto di bellezza~immaginata o vista dentro al core,~ 1202 22 | spera lasciarla:~onde l'immaginato cammin piglia,~di speranza 1203 284| nome ho concetto alcuno immago,~non è senza del par seco 1204 54 | l'immagin tua, che fuor m'immolla,~dentro per gli occhi cresce, 1205 42 | com'a sé simil vuol cosa immortale:~questa e non quella agli 1206 158| scacci,~e con tal grazia impacci~l'alma che, senza, sarie 1207 19 | di donzella~fatto ha per imparare, insino a quella~c'oggi 1208 61 | or di pari a volo~seco m'impenna a seguir suo virtute.~ 1209 67 | orecchio:~colui che 'l mondo impera, e ch'è sì grande,~ancor 1210 27 | piaga è mortale,~c'oltr'a l'impeto primo più non vale~né forza 1211 27 | vostro male,~qual sarà l'impio e dispietato gioco.~Fuggite, 1212 290| 290~Scarco d'un'importuna e greve salma,~Signor mie 1213 70 | arbitrio,~ov'io andai agl'importuni venti,~fa' mie vendetta, 1214 149| e sopra me trascende~a l'impossibil mie; per farmi pari~al minor 1215 67 | e ' ricchi regni,~vostre imprese superbia ha forte e dura.~ 1216 264| immagin, donna, del tuo volto impressa,~or che morte s'appressa,~ 1217 116| dica e giuri:~quante più inaspri e 'nduri,~a più virtù l' 1218 90 | loco~vo, come quel c'ha incanti o arme seco,~c'ogni periglio 1219 274| ancor fragil e stanca~l'incarcerasti, e con fiero destino.~Che 1220 7 | libero e sciolto?~Se tu incateni altrui senza catena,~e senza 1221 58 | voglia che 'l cor dentro incende~da chi sempre se stesso 1222 23 | tirare a voto?~Al legno incenerato sega o tarlo,~o dietro a 1223 70 | Or son qui, lasso, e all'incesi venti~convien varar mie 1224 84 | come nella penna e nell'inchiostro~è l'alto e 'l basso e 'l 1225 239| riede?~La causa a l'effetto inclina e cede,~onde dall'arte è 1226 20 | io fare' oggi qui cose incredibile.~ 1227 113| può far forza che di me gl'incresca,~quand'in un gentil core~ 1228 86 | miseria el ciel ti tolle,~increscati di me, che morto vivo,~come 1229 6 | e del mie tempo non ti incresce o dole,~e men ti piaccio 1230 86 | vecchio muore.~Tanto all'increscitor men aspro e duro~esser dié ' 1231 152| della propria carne~co' l'inculta sua cruda e dura scorza.~ 1232 72 | signore~per sempre nell'indegne e pronte braccia.~ 1233 | indi 1234 13 | giacere; non vainanzi né ~indietro, perché son morti, e el 1235 172| 172~Costei pur si delibra,~indomit' e selvaggia,~ch'i' arda, 1236 91 | forse perch'è pur cieco,~indugia, triema e teme.~C'a passarmi 1237 63 | polve,~etterno ben sarò, s'induro al foco;~da tale oro e non 1238 286| me non vieni~coll'usata ineffabil cortesia?~ 1239 244| bel volto umano,~l'essere infermo è sano,~fa vita e grazia 1240 102| ogni quiet' appalta,~e dall'infima parte alla più alta~in sogno 1241 286| 286~Gl'infiniti pensier mie d'error pieni,~ 1242 158| nell'ultim'ore e corte,~infinito piacere in breve spazio.~ 1243 67 | quell'erba che più bella infiora.~Il lor sommo tesoro è uno 1244 87 | l'uscio alla grazia che s'infonde~nel cor, che scacci ogni 1245 267| fore.~Dilombato, crepato, infranto e rotto~son già per le fatiche, 1246 165| perde, e teme;~ché più s'inganna quel c'a sé più crede:~onde 1247 22 | un'ora non m'è tocca?~Qual inganno, qual forza o qual ingegno~ 1248 237| umano.~Se po' 'l tempo ingiurioso, aspro e villano~la rompe 1249 67 | terra el loro ospizio:~chi ingombra 'l desco e chi fa fora ' 1250 114| ove non fur ma' tardi~gl'ingordi mie nimici, anz'occhi mei;~ 1251 160| mie stato, in me sol bramo~ingratitudin più che cortesia:~ché dove 1252 254| petto di costei;~le voglie inique e prave~mi vieta, e mi 1253 1 | per antica prole~altri s'inlustra, e 'n un momento imbruna.~ 1254 256| ragion, pur vuole~che l'innocente error si scusi e ami.~Amor, 1255 68 | in tenebre vive,~e sol inopia nel popol prescrive.~Palida 1256 280| 280~L'alma inquieta e confusa in sé non truova~ 1257 67 | accidia, la lussuria par v'insegni;~l'invidia 'l mal d'altrui 1258 68 | polo,~e solo a' iusti fanno insidie e guerra,~e mille capi ha 1259 287| 287~Di giorno in giorno insin da' mie prim'anni,~Signor, 1260 281| disciolto, Amor, quello insolubil laccio,~e morte or m'è, 1261 90 | come pietra c'aggiuntovi l'intaglio~è di più pregio che 'l suo 1262 43 | e' mie danni, e 'l vero intendo;~dall'altra banda albergo 1263 86 | infinite volte o spesse?~Nostri intensi dolori e nostri guai~son 1264 21 | Già fur gli occhi nostri interi~con la luce in ogni speco;~ 1265 273| conforme a la suo parte interna.~ 1266 170| ha 'l cor nelle mie parte interne;~ma le lacrime etterne~se 1267 289| mie colpa, n'ho grazia intiera e piena.~Tanto mi fie maggior, 1268 97 | arder nel primo foco che s'intoppa.~A la bell'arte che, se 1269 300| spirto e 'l zelo~non cura intoppi o di neve o di gelo,~né 1270 274| chiamo e 'nvoco~contr'a l'inutil mie cieco tormento:~tu sol 1271 51 | appresso.~Nemico di me stesso,~inutilmente i pianti e ' sospir verso,~ 1272 20 | pastinaca,~in modo tal che invaghiresti 'l papa;~e gli occhi del 1273 5 | passi senza gli occhi muovo invano.~Dinanzi mi s'allunga la 1274 125| perc'ognor si mette~morte invidiosa e fella~fra ' mie dolenti 1275 71 | vel pare aver perduto.~Invidiosi, superbi, al ciel nimici,~ 1276 293| mie car, non basta che m'invogli~c'aspiri al ciel sol perché 1277 98 | cor lass' a più languir m'invoglia,~s'altri pur dee morir? 1278 264| mondo un spirto in carne involto,~che dopo te gli resti il 1279 70 | Maladetto [sie] 'l che ïo andai~col segno che correva 1280 67 | c'a' iusti sol fa guerra;~ipocrito, di fuor par c'ognuno ami;~ 1281 256| della noiosa vista,~com'irato dir suole~che nel suo regno 1282 102| in sogno spesso porti, ov'ire spero.~O ombra del morir, 1283 68 | giornate~delle gran gambe, e irsut' ha la pelle;~da indi in 1284 94 | stato.~O fussi sol la mie l'irsuta pelle~che, del suo pel contesta, 1285 118| refugio o via~mie vita non iscampa~dal suo morir, c'un'aspra 1286 83 | E se 'l vulgo malvagio, isciocco e rio,~di quel che sente, 1287 46 | dal ministro che 'l guida, iscorge e tiello,~prendendo il moto, 1288 80 | vento le parole~indarno isparge, e l'intelletto a Dio.~Dunche, 1289 67 | pel lavoro,~con fede, con ispeme e con desio,~per la gravida 1290 274| appresso al tuo mi sarà foco ispento,~e io nel tuo sarò, com' 1291 33 | ogni altra cosa~è come non istata, in brieve tolta.~Mentre 1292 63 | etterno.~E se 'n fornace dura, istate e verno~vince, e 'n più 1293 71 | dice il Poeta di Pistoia,~istieti a mente, e basta; e se tu 1294 236| Simil di me model di poca istima~mie parto fu, per cosa alta 1295 33 | Qual vecchio serpe per istretto loco~passar poss'io, lasciando 1296 260| un divino strale.~Amore isveglia e desta e 'mpenna l'ale,~ 1297 | ita 1298 5 | fallace e strano~surge il iudizio che la mente porta,~ché 1299 281| Amor, quello insolubil laccio,~e morte or m'è, che m'era 1300 40 | molto,~l'alma, che sol di me lagnar si vole,~avendo seco 1301 104| far ben mal m'affliggo e lagno.~Pur mi consola assai l' 1302 95 | suono eco, già sorda a' mie lamenti;~gli sguardi agli occhi 1303 2 | prostrato in terra, mi lamento e piango.~ 1304 10 | giumelle,~e croce e spine son lance e rotelle,~e pur da Cristo 1305 33 | cosa;~altra spada, altra lancia e altro scudo~fuor delle 1306 198| sarie spietato per pietà chi langue~per rilegar lor l'alma in 1307 98 | A che 'l cor lass' a più languir m'invoglia,~s'altri pur 1308 91 | senza morire,~raddoppia quel languire~del qual, s'i' fussi meco, 1309 275| contr'a mie voglia, in tal lapedicina.~Quand'el sol nacqui, e 1310 276| beltà lor sia,~e per sì larga e sì capace via~c'a mille 1311 186| la beltà, c'al mortal mie largir volse,~renderla agli altri 1312 70 | venti,~contra al nostro largito e sciolto arbitrio,~perché [...] 1313 128| l fugge e scaccia sempre~lasciar lo potessi onde ei si 1314 22 | corpo di in spera lasciarla:~onde l'immaginato cammin 1315 45 | pietate e spietata mercede~me lasciò vivo, e te da me disciolse,~ 1316 67 | serrami e non temon di danno;~lascion la casa aperta alla fortuna;~ 1317 98 | ne spoglia?~A che 'l cor lass' a più languir m'invoglia,~ 1318 174| spero a' mie stanchi e lassi~pensier riposo a qualche 1319 68 | pigra e lenta ha seco,~che latta e mamma l'orribil figura,~ 1320 290| Tuo sangue sol mie colpe lavi e tocchi,~e più abondi, 1321 267| dov'è Aragn' e mill'opre e lavoranti,~e fan di lor filando fusaiuolo.~ 1322 63 | spezzi, in qualche modo vive,~legando con sé gli altri in loco 1323 23 | stolte?~Quante volte ha' legate e quante sciolte~le triste 1324 27 | braccio e d'un acuto strale;~leggete in me, qual sarà 'l vostro 1325 88 | pruovo una forza in due leggiadre braccia~che muove senza 1326 265| sie morto,~i suo dolci, leggiadri e sacri inchiostri.~Crudel 1327 272| più pietosi strali:~e d'un legn'arso fa vil pruova il foco.~ 1328 36 | la volse.~Quinci oltre mi legò, quivi mi sciolse;~per me 1329 272| fatica molta,~che son sì lenti a chi è d'anni pieno;~tornami 1330 25 | l'uso raffrena,~e 'l fier leon ne' folti boschi nato;~e ' 1331 35 | esser può, el giallo po' più leonino,~che scala fa dall'una all' 1332 67 | d'obrighi, di cure e di letigi.~L'avere e 'l dar, l'usanze 1333 86 | s'adduce~fra no' dubbia letizia e certa doglia.~Nube non 1334 71 | mercè, per ricevuto~e hollo letto delle volte venti.~Tal pro 1335 59 | corpi è fatta etterna,~ambo levando al cielo e con pari ale;~ 1336 40 | Quand'Amor lieto al ciel levarmi è volto~cogli occhi di costei, 1337 152| mie streme~parti puo' sol levarne,~ch'in me non è di me voler 1338 54 | saluti in mezzo della via,~mi levo come polvere dal foco~o 1339 115| 115~Lezi, vezzi, carezze, or, feste 1340 | li 1341 134| ancora,~o pur per morte liberi ne siete?~- La nostra etterna 1342 257| quell'interno ardore~che mi lieva di terra e porta 'l core~ 1343 85 | veggio, parmi~c'al ciel si lievi mille volte ogn'ora;~e dice 1344 266| legne non mi porge amore~che lievin fiamma, una favilla sola~ 1345 86 | ragion tragge dal terrestre limo.~E se tra 1' padre e 'l 1346 61 | qual più veloce cervio o lince o pardo~segue 'l suo bene 1347 260| ardore,~se poi sì lascia liquefatto il core,~che 'n breve il 1348 70 | lega~quel che lassù già 'll'alber si disciolse,~ond' 1349 6 | quel c'ogni virtù disprezza~locarla al mondo, se vuol c'altri 1350 67 | figura,~e va saltando come la locuste,~tremando d'ogni tempo per 1351 223| bel cambio e di morte mi lodo,~che molti morti, e me partorì 1352 5 | coma fa l'acqua a' gatti in Lombardia~o ver d'altro paese che 1353 5 | un ricco pavimento.~E' lombi entrati mi son nella peccia,~ 1354 54 | beltate~come la tuo non ha 'ltrimenti il core;~c'una vagina, ch' 1355 34 | Dio~me fe' san occhio e te luc' e splendore;~ può non 1356 101| in tanta gelosia,~c'una lucciola sol gli può far guerra.~ 1357 85 | Ma la sua disciplin' el lum' intero~mi può ben dar, 1358 20 | e passato vi par la lumaca,~tanto ben lustra, e più 1359 45 | talvolta i nostri etterni lumi,~l'un caldo e l'altro freddo 1360 103| vive,~contro al solar suo luminoso gioco.~E s'ella è vinta 1361 129| notte il ciel le sue da lunge accende:~te sol presso a 1362 67 | fassi altero,~e 'n mille luoghi nasce, se 'n un muore;~di 1363 54 | non posso trovar pace in luogo ignuno;~se po' ti veggo, 1364 28 | Perché pur d'ora in ora mi lusinga~la memoria degli occhi e 1365 67 | forte e dura.~L'accidia, la lussuria par v'insegni;~l'invidia ' 1366 20 | la lumaca,~tanto ben lustra, e più bel c'una rapa;~e' 1367 195| t'han tolto due ore,~un lustro è forza che l'etterno inganni.~- 1368 121| rende o per quiete o per lutto;~priego 'l mie, benché brutto,~ 1369 267| bocciuolo.~Gli occhi di biffa macinati e pesti,~i denti come tasti 1370 12 | core voi accompagnorno,~madonna, duramente dimostrorno~la 1371 67 | le mani invola.~Non è sol madre in corte all'opre orrende,~ 1372 278| delle foglie~non ci venga di maggio.~ 1373 267| mi vedess' a la festa de' Magi~sarebbe buono; e più, se 1374 68 | diverse forme mostruose e magne:~per mosca vi sarebbe una 1375 68 | corpo suo, così robusto e magno,~un occhio ha solo e quell' 1376 67 | canna paluste.~El Perché è magro, e 'ntorn'alla cintura~ha 1377 70 | ignorando a quello andai?~Maladetto [sie] 'l che ïo andai~ 1378 267| disagi:~che chi cerca il malanno, Dio gliel dia.~Chi mi vedess' 1379 256| ché l'uso agli occhi ogni malfatto sana.~ 1380 | malgrado 1381 3 | rete~vago uccelletto per maligna sorte~campa molt'anni per 1382 299| aggiuntovi un fiascon di malvagia,~restavinta ogni fortuna 1383 83 | ascesa a Dio.~E se 'l vulgo malvagio, isciocco e rio,~di quel 1384 68 | lenta ha seco,~che latta e mamma l'orribil figura,~e 'l suo 1385 177| campava. Onde nol fe'? Ch'era mancina.~ 1386 85 | assai, pensando a cui la mando,~send' il mio non professo, 1387 54 | appicca addosso,~come suole il mangiar far al digiuno;~com'altri 1388 267| osteria~è morte, dov'io viv' e mangio a scotto.~La mia allegrezz' 1389 258| che la beltà divina~qui manifesti il tuo bel volto umano,~ 1390 267| La mia allegrezz' è la maninconia,~e 'l mio riposo son questi 1391 24 | meno.~Ancudine fe' 'l cor, mantaco 'l seno~da fabricar sospir, 1392 10 | è partita,~può quel nel manto che Medusa in Mauro;~ma 1393 151| artista alcun concetto~c'un marmo solo in sé non circonscriva~ 1394 46 | andar fa bello;~e se nessun martel senza martello~si può far, 1395 119| la miro,~promette al mio martiro~dolce pietà, con dispietato 1396 267| canterelli o cessi,~chi n'ha per masserizi' o men vïaggio~non vien 1397 20 | c'un bracco;~dunche s'i massi aver fussi possibile,~io 1398 67 | questa or quella cima,~e 'l mastro lor, con aspre note, al 1399 103| coperto loco,~quantunche ogni materia circumscrive,~serba la notte, 1400 267| nanzi mi chiamon la mattina.~Gatti, carogne, canterelli 1401 261| sole~lacrime peso con l'età matura.~Ma forse, ancor c'al fin 1402 86 | l mio frate acerbo, e tu maturo;~ché manco duole altrui 1403 10 | nel manto che Medusa in Mauro;~ma se alto in cielo è povertà 1404 122| martir m'ha volto:~da te medesma il volto,~da me medesmo 1405 36 | mi promisse aita,~e co' medesmi qui tor me la volse.~Quinci 1406 269| brieve e corte,~se la miseria medica la morte.~ 1407 84 | è l'alto e 'l basso e 'l medïocre stile,~e ne' marmi l'immagin 1408 10 | può quel nel manto che Medusa in Mauro;~ma se alto in 1409 277| prescritto fine arrive.~Or le memorie altrui, già spente, accese~ 1410 5 | ventre appicca sotto 'l mento.~La barba al cielo, e la 1411 25 | amar cosa divina, è gran menzogna.~L'anima che non sogna,~ 1412 58 | impedita~col mie signor c'alle menzogne attende,~c'a dire il ver, 1413 266| 266~Qual meraviglia è, se prossim'al foco~mi 1414 54 | amo, reverisco e colo,~al merito 'l poter poco favella;~c' 1415 67 | ha sol, qual è lucente e mero,~e 'l corpo ha d'oro, e 1416 250| salire.~Questo discese a' merti del fallire~per l'util nostro, 1417 98 | con pianti o con parole meste,~se di tal sorte 'l ciel, 1418 176| 176~Mestier non era all'alma tuo beltate~ 1419 267| fusaiuolo.~D'intorn'a l'uscio ho mete di giganti,~ché chi mangi' 1420 125| tardi.~Ma perc'ognor si mette~morte invidiosa e fella~ 1421 265| tolta agli occhi nostri.~Né metter può in oblio,~benché 'l 1422 40 | dole~del cor mi caccia, e mettevi 'l suo volto;~e s'i' durassi 1423 288| di bisogno la tuo 'ita.~Mettimi in odio quante 'l mondo 1424 168| quel tempo spero~non più mezz'esser, ma suo tutto intero.~ 1425 299| rendo le bilance a san Michele.~Troppa bonaccia sgonfia 1426 84 | però pianto e dolor ne miete e coglie;~chi mira alta 1427 66 | già sì degna.~Né so qual militar sott'altra insegna~non che 1428 285| so 'l certo, e l'altra mi minaccia.~Né pinger né scolpir fie 1429 42 | adiro;~né vorre' manco un minimo sospiro,~né men ardente 1430 82 | spoglia,~ond'a pensar di minuir mie doglia,~duplicando, 1431 68 | ogni monte.~Com'a noi è 'l minuzzol dell'arena,~sotto la pianta 1432 70 | sotto el tüo grande el mïo arbitrio.~Colui che sciolse 1433 271| parte~il corpo ancora; e con mirabil arte~con la speme il desir 1434 85 | intero~mi può ben dar, e gran miracol fia,~a far un uom dipint' 1435 125| pietosa e bella,~c'ancor mirando quella~sarie qual fu' per 1436 28 | e la mie 'ntica usanza,~mirarvi tutto il tempo che m'è dato.~ 1437 290| salute a la trist'alma.~Non mirin co' iustizia i tuo sant' 1438 298| redemisti~dal primo error di suo misera sorte;~tristi, a sentir 1439 280| sangue non fa l'uom beato:~miserere di me, da ch'io son nato~ 1440 74 | tranquille l'angosciose e corte~miserie nostre con la tuo man forte;~ 1441 25 | volge in tal uso el suo misero stato,~che libertà domanderebbe 1442 22 | speranza e timor confusa e mista.~Ahi, Amor, come se' pronto 1443 1 | un momento imbruna.~Cosa mobil non è che sotto el sole~ 1444 267| l mar e poi affogò ne' mocci?~L'arte pregiata, ov'alcun 1445 236| storie comparte.~Simil di me model di poca istima~mie parto 1446 236| doppio valor con breve e vil modello~ vita a' sassi, e non 1447 148| troppo è vano e folle;~ché modesta persona~d'umil fortuna ha 1448 252| 252~Perch'è troppo molesta,~ancor che dolce sia,~quella 1449 98 | luci l'ore del fin fian men moleste;~c'ogni altro ben val men 1450 54 | quel per gli occhi sempre molli,~che 'l foco spegnerien 1451 285| che l'arte mi fece idol e monarca~conosco or ben com'era d' 1452 210| Beltà non già, che del mondsparita,~ma morte sol, 1453 238| per arricchir dell'unica moneta~che 'l ciel ne stampa, e 1454 300| diverse pene~son certo, monsignor, trovarci in cielo;~ma prima 1455 68 | sotto la pianta a lui son le montagne;~fra ' folti pel delle suo 1456 243| si nasce; e chi col mie 'mor muore,~che fie po', s'anzi 1457 161| 161~Per qual mordace lima~discresce e manca ognor 1458 123| e quel manchi al morire,~morend'io, morrà vostra leggiadria.~ 1459 62 | prim'arsa; ond'io, s'ardendo moro,~spero più chiar resurger 1460 123| manchi al morire,~morend'io, morrà vostra leggiadria.~Però 1461 28 | in questo, in quell'altro morrei;~né pietà troverei~ove non 1462 265| s'or per morte il rivuol, morremo or tutti.~ 1463 20 | biondi più che porri:~ond'io morrò, se tu non mi soccorri.~ 1464 54 | mi fara' contento:~ché 'l morso il ben servir togli' a' 1465 68 | forme mostruose e magne:~per mosca vi sarebbe una balena;~e 1466 112| più volte per andarne~s'è mossa dov'esser sempre spera,~ 1467 85 | maggior de' nostri mali~mostrai la detta, onde ne rise tanto~ 1468 9 | la più bella scelse,~per mostrar quivi le suo cose eccelse,~ 1469 75 | ancide i circustanti~sol per mostrarsi andar diporto attorno.~Egli 1470 213| ben, c'altri non cura,~lo mostrò al mondo e presto sel ritolse.~ 1471 68 | gambe mena~diverse forme mostruose e magne:~per mosca vi sarebbe 1472 302| sani~da l'infinite colpe e moti umani.~~~ ~ 1473 25 | e 'l cor gli cinge.~E se motteggia o finge,~chi dice in vecchia 1474 230| nascerà in quell'ora~la moverà co' la mie propia doglia,~ 1475 102| l'intelletto intero.~Tu mozzi e tronchi ogni stanco pensiero;~ 1476 267| cacar tutti quanti.~I' ho 'mparato a conoscer l'orina~e la 1477 155| vari~gli effetti, perch'i' 'mpari~in fra 'l dolce e l'amar 1478 60 | nel tuo bel volto bramo e 'mparo,~e mal compres' è dagli 1479 160| ben servito, onde sarie 'mpedita~da l'incontro servire, a 1480 86 | radice e le vene ingrassa e 'mpingua~per morte, e non per pena 1481 51 | tempo la scorza cangia e muda,~la morte e l'alma insieme 1482 299| 299~Al zucchero, a la mula, a le candele,~aggiuntovi 1483 122| chi m'uccide vuol ch'i' muoia.~ 1484 17 | verno non fa ciascun fiore.~Muovesi 'l tempo, e compartisce 1485 49 | e reggi~con altro foco e muovi con altr'ale.~ 1486 68 | rocche e dentro all'alte mura;~quand'è lui in ozio, e 1487 87 | vel tu, Signor, rompi quel muro~che con la suo durezza ne 1488 267| catarroso anelo.~Amor, le muse e le fiorite grotte,~mie 1489 27 | vale~né forzaragionmutar loco.~Fuggite, or che l' 1490 248| chiaro a torto el nido ove nacq'io,~né sare' 'l premio tutto ' 1491 104| la fortuna~in un momento nacquer di ciascuno;~e a me consegnaro 1492 224| morte, e la partita~fu 'nanz' al tempo per cangiar suo 1493 267| esce, per quei fessi~che 'nanzi mi chiamon la mattina.~ 1494 83 | viso, signor mio,~quel che narrar mal puossi in questa vita:~ 1495 230| volta.~Forse a pietà chi nascerà in quell'ora~la moverà co' 1496 151| leggiadra, altera e diva,~tal si nasconde; e perch'io più non viva,~ 1497 55 | certo e chiaro.~Se da me ti nascondi, i' tel perdono:~portandol 1498 85 | onde ne rise tanto~che 'l naso fe' dua parti dell'occhiali.~ 1499 4 | resta.~Ma più lieto quel nastro par che goda,~dorato in 1500 192| fatta sì, com'a morte era nata.~Dunche, sine peccata,~in 1501 45 | diletta non offende.~Onde la navicella mie non passa,~com'io vorrei,


etern-navic | ncide-rubat | rubo-vinci | vinco-zucch

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License