Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Michelangelo Buonarroti il Vecchio
Rime

IntraText - Concordanze

(Hapax - parole che occorrono una sola volta)
ncide-rubat | rubo-vinci | vinco-zucch

                                             grassetto = Testo principale
     Rima                                    grigio = Testo di commento
1502 133| chi troppo vive~l'anima 'ncide e nulla al corpo giova.~ 1503 137| brieve spazio:~tal c'a 'ncider gli amanti~i pianti perdi, 1504 92 | pellegrine,~non ha per 'ncor fine~chi l'alma attrista 1505 22 | nuova beltate~tornarmi 'ndietro al periglioso impaccio,~ 1506 116| giuri:~quante più inaspri e 'nduri,~a più virtù l'alma consigli 1507 67 | che 'l tempo è breve e 'l necessario è poco.~Color c'anticamente, 1508 86 | dié 'l caso quant'è più necesse,~ dove 'l ver dal senso 1509 86 | non fanno forza,~caso o necessità non vi conduce.~Vostro splendor 1510 245| di costei,~no' m'avessi negati gli occhi suoi,~Amor, di 1511 51 | consiglio con la morte appresso.~Nemico di me stesso,~inutilmente 1512 35 | aopre.~El bianco bianco, el ner più che funebre,~s'esser 1513 21 | or son voti, orrendi e neri,~e ciò porta il tempo seco.~ 1514 | nessuna 1515 | nessuno 1516 300| zelo~non cura intoppi o di neve o di gelo,~né l'alia del 1517 94 | ch'i' pur ne porterei duo nevi almeno.~ 1518 49 | l'immagine del cor, che 'nfiammi e reggi~con altro foco e 1519 11 | io mora!~Ahi, che doglia 'nfinita~sente 'l mio cor, quando 1520 98 | destinato,~chi entrerà 'nfra la dolcezza e 'l duolo?~ 1521 25 | rinnuova e 'nfiamma, allegra e 'ngiovanisce,~c'amor col fiato l'alma 1522 147| sarete morti,~di mille 'ngiurie e torti,~amando te com'or 1523 200| sognar: sì morte è presta e 'ngorda,~che quel ch'è stato non 1524 41 | o qual governo al mondo niega,~qual crudeltà per tempo 1525 299| Signor mie car, ben vi sare' nïente~per merto a darvi tutto 1526 | niuna 1527 59 | non sarien centesmo~a tal nodo d'amore, e tanta fede;~e 1528 86 | qual pena più mi stringa o nòi.~La memoria 'l fratel pur 1529 256| Amor, che mi favella~della noiosa vista,~com'irato dir suole~ 1530 85 | non basta a far il vostro nom'eterno,~come lui fanno i 1531 263| sol passato è terza,~ma nona e vespro, e prossim'è la 1532 85 | professo, goffo e grosso.~Pur nondimen così mi raccomando~anch' 1533 17 | compartisce l'ore~al viver nostr'un pessimo veneno;~lu' come 1534 67 | gli agùri e ' prodigi va notando.~La lieta Povertà, fuggendo, 1535 67 | l mastro lor, con aspre note, al basso,~sfogare el cor 1536 100| Febo e 'l suo bel volto noto,~e più c'al gran veder t' 1537 103| l'uomo serve.~Dunche, le notti più ch'e' son sante,~ 1538 86 | falso persuaso afferma.~Novanta volte el sol suo chiara 1539 150| toglia.~Così n'avvien di novell'aspra o dolce:~ne' lor contrari 1540 178| a quetarvi, è suo beltà novella~da Dio formata all'alto 1541 145| torrien la vita;~tal che 'nsieme prometti~più morte, dove 1542 110| e 'l corpo e lo spirto 'nsïeme:~in questa cassa oscura 1543 10 | n'andre' 'l sangue suo 'nsin alle stelle,~poscia c'a 1544 54 | amore,~che quasi arrivere' 'nsino alle stelle;~e quando alcuna 1545 206| fu la beltà mie diva e 'ntera,~e 'l corpo sol mortal dal 1546 28 | Amor, natura e la mie 'ntica usanza,~mirarvi tutto il 1547 67 | paluste.~El Perché è magro, e 'ntorn'alla cintura~ha molte chiave, 1548 86 | letizia e certa doglia.~Nube non è che scuri vostra luce,~ 1549 82 | figura immaginarmi~o di nud'ombra o di terrestre spoglia,~ 1550 85 | candele.~Dunque i' son pur nel numero di quelli,~da un goffo pittor 1551 241| né so pensardire~qual nuoca o giovi più, visto 'l tuo ' 1552 141| sie dolce il dubbio a chi nuocer può 'l vero.~ 1553 22 | stessa si consiglia,~e di nuovi sospetti ognor s'attrista,~ 1554 250| suo fortuna~a suo danno nutrice; ond'è ben segno~c'a' più 1555 145| cordoglio~e d'un ghiaccio nutrir la vita mia;~dunche, di 1556 293| altra morte,~e parte 'l cor nutrisco di veleno.~Né propie forze 1557 266| splendore~che m'ardeva e nutriva, il ciel m'invola,~un carbon 1558 181| sale e non dimora~cosa che 'nvecchi e parte il mondo guasti.~ 1559 274| caro, i' te sol chiamo e 'nvoco~contr'a l'inutil mie cieco 1560 268| 268~Perché l'età ne 'nvola~il desir cieco e sordo,~ 1561 98 | l colpo ch'io ne rub' e 'nvolo~schifar non posso, almen, 1562 67 | panni rozzi e bigi,~fuor d'obrighi, di cure e di letigi.~L' 1563 86 | l'amore a quello, a te l'obrigo strigne:~non so qual pena 1564 261| col sol già quasi oltr'a l'occaso spento,~fra le tenebre folte 1565 85 | naso fe' dua parti dell'occhiali.~Il servito da voi pregiat' 1566 63 | il foco, che m'è dentro occulto gioco,~arso e po' spento 1567 86 | chiara face~prim'ha nell'oceàn bagnata e molle,~che tu 1568 | od 1569 68 | non ha termin né freno,~e odia altrui e sé non porta amore;~ 1570 156| per basso amare e alto odiar tuo stato,~a te stessa perdona 1571 55 | che sa di buono,~perc'a l'odor la strada spesso imparo.~ 1572 267| se stasat' allentasse l'odore,~seco non la terre' 'l pan 1573 147| perdon' e porta a chi l'offend' amore.~ 1574 26 | fie che per morte non l'offenda?~ 1575 85 | delle cose rade~tutto mi v'offerisco, e non pensate~ch'i' manchi, 1576 250| si può più 'l popol che l'offese,~c'al suo men pregio ogni 1577 181| 181~- Perché ne' volti offesi non entrasti~dagli anni, 1578 16 | 016~D'un oggetto leggiadro e pellegrino,~ 1579 | ognuno 1580 155| piacer nostri,~con mille oltraggi offende 'l mie gioire;~se 1581 243| spaventa.~L'alma di tale oltraggio esser contenta~più spera 1582 272| mortali,~d'un vecchio stanco oma' puo' goder poco;~ché l' 1583 21 | nostre antiche prole~al sole ombre, al vento un fummo.~Come 1584 251| cara la salute mia.~Chi gli omer' altru' 'mpenna e po' tra 1585 146| bruti, e me ne spogli,~omicidio è, c'a morte ognor mi sproni.~ 1586 172| c'a peso non sie pure un'oncia;~e 'l sangue a libra a libra~ 1587 42 | corre.~Quivi si fa divina, onesta e bella,~com'a sé simil 1588 67 | costante e saldo.~Cogli occhi onesti e bassi in ver' la terra,~ 1589 5 | orma', Giovanni, e 'l mio onore,~non sendo in loco bon, 1590 13 | perché son morti, e el loro operare è fermo. ~ 1591 267| alcun tempo fui~di tant'opinïon, mi rec'a questo,~povero, 1592 164| S'altro si pensa, è falsa opinione.~Questo sol l'occhio porta 1593 86 | dalla carne inferma~è tanto oppresso, che 'l morir più spiace~ 1594 51 | mia~nel mal libero inteso oprato vero~veggio, Signor, né 1595 92 | altra crudel sorte!~tardi orama' puo' tormi tanti affanni;~ 1596 45 | sospirar mie tanto~esser secco oramai le fonti e ' fiumi,~s'i' 1597 70 | disciolse~sospiri ardenti, o se orando andai~fra caldi venti a 1598 250| può dire,~ché troppo agli orbi il suo splendor s'accese;~ 1599 267| tengo un calabron in un orciuolo,~in un sacco di cuoio ossa 1600 267| ho 'mparato a conoscer l'orina~e la cannella ond'esce, 1601 5 | mia pittura morta~difendi orma', Giovanni, e 'l mio onore,~ 1602 67 | madre in corte all'opre orrende,~ma è lor balia ancora, 1603 21 | ogni speco;~or son voti, orrendi e neri,~e ciò porta il tempo 1604 3 | felice, a' tuo feroci mali~ostare e vincer mi fu già concesso;~ 1605 267| già per le fatiche, e l'osteriamorte, dov'io viv' e mangio 1606 267| cemboli, a' cartocci,~agli osti, a' cessi, a' chiassi son 1607 67 | primavera a' fior non dona:~ottien ciò che la vuol con dolci 1608 55 | la strada spesso imparo.~Ovunche tu ti sia, dovunch'i' sono,~ 1609 68 | alte mura;~quand'è lui in ozio, e le' in tenebre vive,~ 1610 20 | ciglia paion tinte alla padella~e torte più c'un arco di 1611 298| fur l'acque.~Tolse i gran Padri al tenebroso regno,~gli 1612 5 | Lombardia~o ver d'altro paese che si sia,~c'a forza 'l 1613 160| vita,~qual cosa è che po' paghi tanta aita,~che renda il 1614 67 | n un eminente loco~e di pagli' e di terra el loro ospizio:~ 1615 64 | un nimico covon secco di paglia?~ 1616 86 | che il debito, c'all'ore~pagò 'l mio frate acerbo, e tu 1617 67 | gemma che gli onora;~un paio di ceste è la credenza loro,~ 1618 267| vedessi qua fra sì ricchi palagi.~Fiamma d'amor nel cor non 1619 67 | è la credenza loro,~e le pale e le zappe e' vasi d'oro.~ 1620 68 | inopia nel popol prescrive.~Palida e gialla, e nel suo grave 1621 89 | dal vostro arbitrio son pallido e rosso,~freddo al sol, 1622 290| chiodi e l'una e l'altra palma~col tuo benigno umil pietoso 1623 35 | onde più corte son le suo palpebre,~che manco grinze fan quando 1624 67 | suole al vento far canna paluste.~El Perché è magro, e 'ntorn' 1625 267| odore,~seco non la terre' 'l pan e 'l formaggio.~La toss' 1626 20 | tal che invaghiresti 'l papa;~e gli occhi del color dell' 1627 61 | veloce cervio o lince o pardo~segue 'l suo bene e fugge 1628 71 | ché, s'altri ha ben, vel pare aver perduto.~Invidiosi, 1629 54 | favella;~c'un zoppo non pareggia un lento volo,~né gira ' 1630 277| colori avete~alla natura pareggiato l'arte,~anzi a quella scemato 1631 246| peggio.~Che s'io colmo e pareggio~il cor di doglia alla tua 1632 67 | El Come e 'l Forse son parenti stretti,~e son giganti di 1633 54 | a uscirne, assa' minore~parere, e le mie cose assai men 1634 160| quel che tant'amo:~ché 'n parità non cape signoria.~ 1635 14 | 014~El e la Notte parlano, e dicono:~Noi abbiàno col 1636 54 | di passo;~se fussi morto, parlar ti farei,~se fussi in ciel, 1637 67 | vivande.~Porgete al mie parlare un po' l'orecchio:~colui 1638 111| ancor viva~e mangi e dorma e parli qui fra noi,~a non seguirti 1639 268| stanco e vicino all'ultima parola.~L'alma che teme e cola~ 1640 300| anelo,~goderci in terra mi parria pur bene.~Se l'aspra via 1641 85 | cardinali~e diss'a tre da vostra part' addio.~Al Medico maggior 1642 229| vivo sole~se lassù torna e partesi da noi,~che cosa arete qui 1643 223| lodo,~che molti morti, e me partorì vivo.~ 1644 241| congiunta,~di stranio cibo pasce il gran desire;~né so pensar 1645 67 | capre sopr'un sasso~montar, pascendo or questa or quella cima,~ 1646 71 | cibo al corpo quand'egli è pasciuto.~I' ho pur, poi ch'i' vi 1647 67 | ama e teme e prega Dio~pe' pascol, per l'armento e pel lavoro,~ 1648 276| dunche umana voglia.~Ma se pass'oltre, Amor, tuo nome sprezza,~ 1649 54 | pensar come 'l cor m'ardi,~passando a quel per gli occhi sempre 1650 267| condotto al fin, come colui~che passò 'l mar e poi affogò ne' 1651 20 | rapa;~e' denti bianchi come pastinaca,~in modo tal che invaghiresti ' 1652 246| tua crudeltà fera.~Ma chi patisce a torto~non men pietà che 1653 298| turbati e tristi~che tu patissi, e non già lor, la morte,~ 1654 250| ciel non gli contese,~la patria chiuse al suo giusto desire.~ 1655 276| età, d'ogni sesso; ond'io pavento,~carco d'affanni, e più 1656 5 | fa, gocciando, un ricco pavimento.~E' lombi entrati mi son 1657 10 | rotelle,~e pur da Cristo pazïenzia cade.~Ma non ci arrivi più ' 1658 67 | e ama e teme e prega Dio~pe' pascol, per l'armento e 1659 25 | anima che non sogna,~non pecca amar le cose di natura,~ 1660 288| con lor, più che senza, a peccar volto.~Quel c'altri saggio, 1661 33 | me far nulla;~natura del peccat' è 'n ogni loco.~Spoglia 1662 192| morte era nata.~Dunche, sine peccata,~in riso ogni suo doglia~ 1663 5 | lombi entrati mi son nella peccia,~e fo del cul per contrapeso 1664 267| capresti,~tre pilole di pece in un bocciuolo.~Gli occhi 1665 92 | membra afflitte, stanche e pellegrine,~non ha per 'ncor fine~chi 1666 16 | D'un oggetto leggiadro e pellegrino,~d'un fonte di pietà nasce ' 1667 267| sotto,~per bocca il fiato a pen' uscir può fore.~Dilombato, 1668 259| quella eterna pace~onde pende il divin che di te piace,~ 1669 266| sì lucente il loco~onde pendea il mio greve tormento,~che 1670 260| il core,~che 'n breve il penetri un divino strale.~Amore 1671 236| lima~vostra mercé, qual penitenzia aspetta~mie fiero ardor, 1672 5 | l petto fo d'arpia,~e 'l pennel sopra 'l viso tuttavia~mel 1673 85 | pittor senza valore~cavato a' pennell' e alberelli.~Il Bernia 1674 85 | tutto mi v'offerisco, e non pensate~ch'i' manchi, se 'l cappuccio 1675 54 | tempo insino a sera;~forse pensavo di cantare in rima~o di 1676 283| cangia gusto, amor, voglie e pensieri.~Più l'alma acquista ove 1677 102| mozzi e tronchi ogni stanco pensiero;~ché l'umid' ombra ogni 1678 51 | giorno vecchio.~Né mi posso pentir, né m'apparecchio,~né mi 1679 290| volto~prometton grazia di pentirsi molto,~e speme di salute 1680 54 | della grande impresa non mi pento.~Tu non se' fatta com'un 1681 246| strazia e non vuol poi ch'io pera?~Perché 'l morir è corto~ 1682 217| prima~per alcun tempo il perda e po' 'l ritruovi.~ 1683 244| guerra o per gioco,~saper perdere assai che vincer poco.~ 1684 137| ncider gli amanti~i pianti perdi, e 'l nostro è meno strazio.~ 1685 71 | altri ha ben, vel pare aver perduto.~Invidiosi, superbi, al 1686 236| parto fu, per cosa alta e perfetta~da voi rinascer po', donna 1687 232| Amor viver un'ora~fra duo perigli, ond'io mi dormo e veglio:~ 1688 268| occhio non vede,~come da cosa perigliosa e vaga,~dal tuo bel volto, 1689 302| togli~l'amor, gli affetti perigliosi e vani,~che per fortuna 1690 241| divino, è vecchia, e de' perire:~onde la tema, molto~con 1691 115| vezzi, carezze, or, feste e perle,~chi potria ma' vederle~ 1692 88 | forse come 'l sol, se nol permetti,~che scalda 'l mondo e non 1693 51 | dal vero.~Or con periglio pèro;~ché 'l breve tempo m'è 1694 230| figura~del ciel, e sia d'amor perpetua cura~rifarne un cor di grazia 1695 139| voglia~al don di tuo beltà perpetue pene~più si convien c'al 1696 294| ragion mi chiede~de' giorni persi, onde non è riparo.~Caro 1697 86 | spiace~quanto più 'l falso persuaso afferma.~Novanta volte el 1698 251| asconde e cela spesso, e tanto pesa~che fa men cara la salute 1699 15 | all'esca a te arrivo,~come pesce per fil tirato all'amo.~ 1700 170| accesi,~come cosa è che pesi,~c'un solo ancide, a molti 1701 267| occhi di biffa macinati e pesti,~i denti come tasti di stormento~ 1702 120| spezzi~in mille e mille pezzi,~prega te sol non manchi 1703 161| stesso e famm'un che ti piaccia.~ 1704 6 | incresce o dole,~e men ti piaccio se più m'affatico.~Già sperai 1705 68 | turba e sol s'attrista e piagne~quando in quell'occhio il 1706 68 | suo fronte, ~in terra al pian col piè fa ogni monte.~Com' 1707 67 | villanel son tutte cose piane,~e l'erba e l'acqua e 'l 1708 94 | are' pure il giorno; o le pianelle~che fanno a quel di lor 1709 86 | chi è quel che morto non piangesse~suo caro padre, c'ha veder 1710 103| assale;~ma l'ombra sol a piantar l'uomo serve.~Dunche, le 1711 69 | mie pene~tante temprar con piccola dolcezza,~e lieve fare quelle 1712 292| se' seme d'opre caste e pie,~che germuglian, dove 1713 5 | allunga la corteccia,~e per piegarsi adietro si ragroppa,~e tendomi 1714 162| l'alma, da sé franca,~non pieghi agli error nostri~mie breve 1715 286| infiniti pensier mie d'error pieni,~negli ultim'anni della 1716 161| streme,~stendi ver' me le tuo pietose braccia,~tomm'a me stesso 1717 242| costei.~E par ch'esempro pigli~ognor da me, ch'i' penso 1718 135| loro e di poi il peggio piglio;~sì dal mal uso è vinto 1719 267| cuoio ossa e capresti,~tre pilole di pece in un bocciuolo.~ 1720 173| Che s'altri fa se stesso,~pingendo donna, in quella~che farà 1721 285| l'altra mi minaccia.~Né pingerscolpir fie più che quieti~ 1722 164| porta a quella altezza~c'a pingere e scolpir qui m'apparecchio.~ 1723 90 | scoglio.~O come scritta o pinta carta o foglio~più si riguarda 1724 71 | Se ben dice il Poeta di Pistoia,~istieti a mente, e basta; 1725 85 | numero di quelli,~da un goffo pittor senza valore~cavato a' pennell' 1726 5 | sendo in loco bon, né io pittore.~ 1727 5 | cerbottana torta.~La mia pittura morta~difendi orma', Giovanni, 1728 79 | farla,~donandoti turpissime pitture~per rïaver persone belle 1729 89 | Volo con le vostr'ale senza piume;~col vostro ingegno al ciel 1730 191| rendo a' vivi:~che nol po far chi tutto avvien che 1731 262| l preme?~Ché grazia per poc'or doppia 'l martire.~Ben 1732 | poche 1733 71 | siete amici.~Se ben dice il Poeta di Pistoia,~istieti a mente, 1734 | poiché 1735 68 | cercan tutto l'uno e l'altro polo,~e solo a' iusti fanno insidie 1736 63 | s'i' vivo, fatto fummo e polve,~etterno ben sarò, s'induro 1737 262| a chi è press'al morire.~Pon nel tuo grado il mio:~dolce 1738 89 | porto co' vostri piedi un pondo addosso,~che de' mie zoppi 1739 152| come per levar, donna, si pone~in pietra alpestra e dura~ 1740 248| conosciute~fur l'opre suo da quel popolo ingrato~che solo a' iusti 1741 20 | ti veggo, in su ciascuna poppa~mi paion duo cocomer in 1742 67 | l cor di ferro,~star co' porci, in contegno, sott'un cerro;~ 1743 67 | chi ingrassa e gratta 'l porco, e prende gioco,~chi doma ' 1744 67 | alle delizie, alle vivande.~Porgete al mie parlare un po' l' 1745 112| impedita~del mio morir, che sol poria giovarne,~più volte per 1746 20 | bianchi e biondi più che porri:~ond'io morrò, se tu non 1747 55 | nascondi, i' tel perdono:~portandol dove vai sempre con teco,~ 1748 166| pie', donna, è ben tolto~portar le braccia e l'una e l'altra 1749 264| 264~Come portato ho già più tempo in seno~ 1750 94 | e colonna,~ch'i' pur ne porterei duo nevi almeno.~ 1751 238| etterna vita, in cui si posa e quieta,~per arricchir 1752 10 | sangue suo 'nsin alle stelle,~poscia c'a Roma gli vendon la pelle,~ 1753 196| anzi che veglio;~ché, non possendo al mondo darmi meglio,~ogni 1754 20 | dunche s'i massi aver fussi possibile,~io fare' oggi qui cose 1755 222| questo sasso il gode che 'l possiede,~e 'l resto po' del mondo 1756 122| tu' occhi la mia vita ha posta.~S'io t'amo, e non ti costa,~ 1757 288| Iddio,~né sol le grazie suo poste in oblio,~ma con lor, più 1758 | pote' 1759 6 | altezza,~e 'l giusto peso e la potente spada~fussi al bisogno, 1760 70 | crudele arbitrio~che 'l potere e 'l voler mi stringe e 1761 299| al gran dono,~al cib', al poto e a l'andar sovente~c'a 1762 | potrai 1763 54 | amante solo,~ché suo beltà potre' morir con ella;~dunche, 1764 267| midolla~da la sua scorza, qua pover e solo,~come spirto legato 1765 67 | Avide son di qualche verde prato,~o di quell'erba che più 1766 254| costei;~le voglie inique e prave~mi vieta, e mi tira,~ 1767 42 | non quella agli occhi tuo precorre. -~ 1768 112| forte~che 'l pianger e 'l pregar? e non m'aita.~Amore e crudeltà 1769 292| se virtù mi prestassi da pregarte:~nel mio fragil terren non 1770 292| 292~Ben sarien dolce le preghiere mie,~se virtù mi prestassi 1771 85 | occhiali.~Il servito da voi pregiat' e santo~costà e qua, sì 1772 267| affogò ne' mocci?~L'arte pregiata, ov'alcun tempo fui~di tant' 1773 109| Non sempre a tutti è sì pregiato e caro~quel che 'l senso 1774 97 | natura,~quantunche sé ben prema in ogni loco;~s'i' nacqui 1775 86 | Ancor che 'l cor già mi premesse tanto,~per mie scampo credendo 1776 6 | creduto a favole e parole~e premiato chi è del ver nimico.~I' 1777 236| carte,~anz'una pronta man prenda 'l pennello,~fra ' dotti 1778 46 | guida, iscorge e tiello,~prendendo il moto, va con gli altrui 1779 113| ma' che gli occhi santi~prendin de' mie, com'io di lor, 1780 256| tutte~pel gran piacer ch'i' prendo sol di quella?~La parte 1781 68 | stuolo;~e lor membra ci prendon passo passo,~come edera 1782 267| ché chi mangi'uva o ha presa medicina~non vanno altrove 1783 175| minor piaga,~che la mente, presaga~del mal passato, a peggio 1784 156| appago,~se 'l tuo sdegno presago,~per basso amare e alto 1785 192| in riso ogni suo doglia~preschiver debbe alcun del suo defunto,~ 1786 277| cedale, poi~che convien c'al prescritto fine arrive.~Or le memorie 1787 182| ciel con la non persa sua presenza.~ 1788 262| vie più l'effetto a chi è press'al morire.~Pon nel tuo grado 1789 169| mie colpa, e danno s'ha prestarle fede,~com'a chi poco manca 1790 292| preghiere mie,~se virtù mi prestassi da pregarte:~nel mio fragil 1791 265| in donna alta e sincera~prestata fu sott'un candido velo,~ 1792 265| quanto a questa il ciel prestava a' brutti,~s'or per morte 1793 154| spesso,~se l'alie tuo mi presti,~non m'alzo e volo al tuo 1794 18 | poi ch'i' fu' preso alla prestina strada,~di ritornare endarno 1795 85 | farebbes'anche a lui, se fusse prete.~Ècci molt'altri che rinegon 1796 3 | tu vali.~E se i dannosi e preteriti strali~al segno del mie 1797 234| miseria nato,~s'al fier destin preval grazia e ventura,~da te 1798 71 | tu mi dai la soia.~Qual prezïosa gioia~è certo, ma per te 1799 54 | più 'l conforto, po' che pri' è 'l dolore.~E non mi passa 1800 81 | i' veggio mi consiglia~e priega e forza ch'i' vi segua e 1801 54 | pianti, co' sospir, co' prieghi miei.~Sendo vivo e di carne, 1802 121| per quiete o per lutto;~priego 'l mie, benché brutto,~com' 1803 98 | non è se nudo e solo~resto prigion d'un cavalier armato.~ 1804 176| ricorda,~sol d'uno sguardo fui prigione e preda:~c'alle gran doglie 1805 119| fui cieco,~ne ringrazio le prime e l'ultime ore~ch'io la 1806 114| sarei~alle promesse de' tuo primi sguardi,~ove non fur ma' 1807 67 | doma 'l ciuco col basto primizio;~el vecchio gode e fa poche 1808 108| credetti, in vo' felice,~privandomi di me per troppa fede,~né 1809 67 | contrista,~e gli agùri e ' prodigi va notando.~La lieta Povertà, 1810 76 | se fama o se sogno alcun produce~agli occhi manifesto, al 1811 85 | mando,~send' il mio non professo, goffo e grosso.~Pur nondimen 1812 86 | pensier, nel quale i' mi profondo~non fussi che 'l ben morto 1813 99 | de' giorni lieti invan mi promettea,~ragione è ben c'all'alma 1814 82 | man gli occhi m'asciuga,~promettendomi cara ogni fatica;~ché vile 1815 301| c'a chi ti mostri, tal prometter dei.~ 1816 290| benigno umil pietoso volto~prometton grazia di pentirsi molto,~ 1817 36 | qui co' begli occhi mi promisse aita,~e co' medesmi qui 1818 43 | non basta l'altru' man pront' e vittrice.~I' conosco 1819 72 | per sempre nell'indegne e pronte braccia.~ 1820 12 | duramente dimostrorno~la mia propinqua morte e ' miei martiri.~ 1821 67 | quel faggio ch'è più lor propizio;~chi ingrassa e gratta ' 1822 97 | quella né sordocieco,~proporzionato a chi 'l cor m'arde e fura,~ 1823 | propria 1824 2 | piacere, e io per doglia,~prostrato in terra, mi lamento e piango.~ 1825 86 | seggio~dove, Die grazia, ti prosumo e stimo~e spero di veder, 1826 11 | doglia il morir presto~che provar mille morte ad ora ad ora,~ 1827 6 | Signor, se vero è alcun proverbio antico,~questo è ben quel, 1828 67 | l'invidia 'l mal d'altrui provvede e cura:~non vi scorgete, 1829 69 | 069~Ben provvide natura, né conviene~a tanta 1830 259| Dolce è ben quella in un pudico core,~che per cangiar di 1831 54 | in quella;~e come palla pugno al primo balzo, ~percosso 1832 39 | 039~Del fiero colpo e del pungente strale~la medicina era passarmi ' 1833 91 | sendo nel tuo con teco,~pungere' prima le tuo parte streme~ 1834 4 | par che goda,~dorato in punta, con sì fatte tempre~che 1835 83 | mio,~quel che narrar mal puossi in questa vita:~l'anima, 1836 22 | o qual ingegno~tornar mi puote a te, signore ingrato,~c' 1837 85 | La Carne che nel sal si purg' e stenta~che saria buon 1838 297| temp'il suo contrario a purgar chiede,~la morte già vicina 1839 302| e col tuo sangue l'alme purghi e sani~da l'infinite colpe 1840 197| e diletto~in che carcer quaggiù l'anima vive.~ 1841 70 | ove mai sempre andai.~Così quagiù si prende, preme e lega~ 1842 | quali 1843 276| occhi al core in un momento~qualunche obbietto di beltà lor sia,~ 1844 | Quanta 1845 | quattro 1846 | quei 1847 | quelli 1848 178| pregio esser dovea.~Dunche, a quetarvi, è suo beltà novella~da 1849 102| ché l'umid' ombra ogni quiet' appalta,~e dall'infima 1850 285| pinger né scolpir fie più che quieti~l'anima, volta a quell'amor 1851 92 | più dubiose d'altro viver quieto;~ché l'error consueto,~com 1852 36 | medesmi qui tor me la volse.~Quinci oltre mi legò, quivi mi 1853 222| morte, anz'il fior, c'a quindici anni cede.~Sol questo sasso 1854 7 | senza mane o braccia m'hai raccolto,~chi mi difenderà dal tuo 1855 172| alma sconcia.~La si gode e racconcia~nel suo fidato specchio,~ 1856 91 | doglia mortal, senza morire,~raddoppia quel languire~del qual, 1857 85 | voi nel numer delle cose rade~tutto mi v'offerisco, e 1858 293| peccati pieno~e col trist'uso radicato e forte,~vicin mi veggio 1859 86 | fonte di cotale umore~le radice e le vene ingrassa e 'mpingua~ 1860 62 | l'oro~al sommo grado suo raffina e rende;~né l'unica fenice 1861 25 | tigre e 'l serpe ancor l'uso raffrena,~e 'l fier leon ne' folti 1862 79 | la speme il duol par che raffreni,~che non men che 'l disio 1863 67 | di quel che piace altrui ragiona;~ha 'l pianto e 'l riso 1864 271| tuo onor, di che piango e ragiono,~. . . . . . . .~ 1865 267| Mi cova in un orecchio un ragnatelo,~ne l'altro canta un grillo 1866 5 | per piegarsi adietro si ragroppa,~e tendomi com'arco sorïano.~ 1867 90 | contr'al foco,~col segno tuo rallumino ogni cieco,~e col mie sputo 1868 93 | signor, molto~qual per più rami alpestro e fier torrente.~ 1869 20 | lustra, e più bel c'una rapa;~e' denti bianchi come pastinaca,~ 1870 243| Ognor che l'idol mio si rappresenta~agli occhi del mie cor debile 1871 41 | amor, pietà, mercé, coserare,~che ma' furn'in beltà con 1872 267| l'alma ho ben tarpata e rasa.~Io tengo un calabron in 1873 102| sana nostra carn' inferma,~rasciughi i pianti e posi ogni fatica,~ 1874 2 | rimango,~quand'el sol de' suo razzi el mondo spoglia:~ogni altro 1875 33 | nulla,~fattor, governator, re d'ogni cosa,~poco ti fie 1876 267| fui~di tant'opinïon, mi rec'a questo,~povero, vecchio 1877 298| Lieti, poiché, creato, il redemisti~dal primo error di suo misera 1878 49 | del cor, che 'nfiammi e reggi~con altro foco e muovi con 1879 67 | l'or, le terre e ' ricchi regni,~vostre imprese superbia 1880 301| tristo uso e dagli esempli rei,~fra le tenebre folte, dov' 1881 113| com'io di lor, diletto,~rendendo al divo aspetto,~per dolci 1882 92 | ognor con maggior guerra~a rendere alla terra~le membra afflitte, 1883 186| mortal mie largir volse,~renderla agli altri tutti a chi la 1884 129| stessi.~Donna, ma s' tu rendessi~quel che t'ha dato il ciel, 1885 102| afflitti e buon rimedio;~tu rendi sana nostra carn' inferma,~ 1886 95 | occhi, de' sospir mie piena,~rendigli al cor mie lasso e rasserena~ 1887 91 | fussi meco, sare' fora.~Deh rendim' a me stesso, acciò ch'i' 1888 272| era la briglia e 'l freno;~rendimi il volto angelico e sereno~ 1889 189| santi;~or perché, morti, rendon luce a tanti,~qual sie più ' 1890 255| qual io son, quegli a me rendono in tutto,~e ' mie lor te 1891 215| terra e l'alma al cielo~qui reso ha morte; a chi morto ancor 1892 202| Bracci, e se ritratto e privo~restai dell'alma, or m'è cara la 1893 168| gran desir ritorna e vola,~restando in una sola~di beltà donna, 1894 225| s'apra, che mi serra,~per restar bello in chi m'amò già vivo.~ 1895 10 | di nostro stato il gran restauro,~s'un altro segno ammorza 1896 11 | amo amor non sente!~Come resterò 'n vita?~Anzi mi dice, per 1897 47 | fra noi degnar lo volse,~restò in vergogna, e chi lo vide 1898 62 | ardendo moro,~spero più chiar resurger tra coloro~che morte accresce 1899 70 | disciolse.~E come arbor va retto verso il cielo,~ti prego, 1900 54 | ella;~dunche, s'i' t'amo, reverisco e colo,~al merito 'l poter 1901 261| tenebre folte e 'l freddo rezzo,~s'amor c'infiamma solo 1902 79 | donandoti turpissime pitture~per rïaver persone belle e vive.~ 1903 142| peggio è al sezzo strale~mie ricaduta che 'l mio primo male.~ 1904 67 | vestito d'oro e di vari ricami,~il Falso va, c'a' iusti 1905 84 | stile,~e ne' marmi l'immagin ricca e vile,~secondo che 'l sa 1906 67 | colli vanno,~contar puo' lor ricchezze ad una ad una.~Non han serrami 1907 5 | tuttavia~mel fa, gocciando, un ricco pavimento.~E' lombi entrati 1908 24 | libero a' fier dardi;~nido e ricetto fe' de' dolci sguardi~della 1909 115| l'argento e l'oro~da le' riceve o duplica suo luce?~Ogni 1910 71 | l'ho, vostra mercè, per ricevuto~e hollo letto delle volte 1911 246| contenta veggio,~né d'altro ti richieggio amarti tanto;~non è la pace 1912 288| cieco e stolto~e tardi a riconoscer l'error mio;~manca la speme, 1913 68 | non vede,~e molte volte ha ricoperta e franta~una città colla 1914 266| un carbon resto acceso e ricoperto.~E s'altre legne non mi 1915 86 | l ben morto in ciel si ridi~del timor della morte in 1916 266| consuma drento,~e 'n cener mi riduce a poco a poco?~Vedea ardendo 1917 269| preme.~Alla buona, alla rie fortuna insieme,~di me già 1918 254| vecchio e grave,~ov'io torno e rientro~e come a peso il centro,~ 1919 186| tolse,~s'alfin com'ero de' rifarmi in terra.~ 1920 230| sia d'amor perpetua cura~rifarne un cor di grazia e pietà 1921 230| ti vengon meno,~e serbi a riformar del tuo sereno~e divin volto 1922 90 | pinta carta o foglio~più si riguarda d'ogni straccio o taglio,~ 1923 147| tanto tardi!~Ancor, se ben riguardi,~un generoso, alter e nobil 1924 198| per pietà chi langue~per rilegar lor l'alma in ciel disciolta.~ 1925 35 | gran palla scuopre,~che men rilieva suo vista serena,~e manco 1926 2 | io ardendo all'ombra mi rimango,~quand'el sol de' suo razzi 1927 267| Fiamma d'amor nel cor non m'è rimasa;~se 'l maggior caccia sempre 1928 265| quanti~al mondo son, mal si rimborsa il cielo.~Ora in un breve 1929 171| non si dien vanto.~Ma se rimbotta alquanto~i suo begli occhi 1930 18 | 018~Mille rimedi invan l'anima tenta:~poi 1931 102| ultimo delli afflitti e buon rimedio;~tu rendi sana nostra carn' 1932 75 | 075~Egli è pur troppo a rimirarsi intorno~chi con la vista 1933 298| sol l'uom, c'al battesmo rinacque.~ 1934 236| cosa alta e perfetta~da voi rinascer po', donna alta e degna.~ 1935 267| 267~I' sto rinchiuso come la midolla~da la sua 1936 85 | prete.~Ècci molt'altri che rinegon Cristo~che voi non siate 1937 86 | quand'el sol fra no' il caldo rinforza.~Nel tuo morire el mie morire 1938 45 | e ' fiumi,~s'i' non gli rinfrescassi col mie pianto.~Così talvolta 1939 79 | tante cure,~tal grazia ne ringrazia chi ti scrive.~Che sconcia 1940 85 | e alberelli.~Il Bernia ringraziate per mio amore,~che fra tanti 1941 264| angeli alti e chiari,~c'a rinnovar s'impari~ pel mondo 1942 33 | vecchie arme,~e dal costume rinnovata e tolta~sie l'alma in vita 1943 217| S'avvien come fenice mai rinnuovi~qui 'l bel volto de' Bracci 1944 54 | e' tuo sguardi.~Tutti e' ripari mie son corti e folli:~se 1945 230| manco dura,~prego se ne ripigli la natura~tutte quelle c' 1946 131| belle ciglia~le forze Amor ripiglia~nella stagion che sprezza 1947 265| 265~Per non s'avere a ripigliar da tanti~quell'insieme beltà 1948 43 | rammenta e dice:~- Che ne riportera' dal vivo sole~altro che 1949 53 | conviene~c'alcuna volta si riposi e dorma:~così sper'io, che 1950 62 | rende;~né l'unica feniceriprende~se non prim'arsa; ond'io, 1951 23 | colpa; e or col capo bianco~riprenderò le tuo promesse stolte?~ 1952 265| mondo poco accorto~se l'ha ripresa, e tolta agli occhi nostri.~ 1953 227| 227~Ripreso ha 'l divin Braccio il suo 1954 85 | scrivete,~n'ebbe piacer, che ne ris'altro tanto.~A quel che 1955 265| sott'un candido velo,~c'a riscuoter da quanti~al mondo son, 1956 85 | mostrai la detta, onde ne rise tanto~che 'l naso fe' dua 1957 112| della qual vivo, allor risorge al core,~perché da morte 1958 299| in mar rozz'e crudele.~A rispetto a la grazia e al gran dono,~ 1959 14 | serrato e' nostri, ~che non risplendon più sopra la terra.~Che 1960 38 | spirti ed è più degna cura.~Risponde a me: - Come persona morta~ 1961 54 | affioco,~perdo la voce e la risposta mia,~e subito s'arrende 1962 53 | io, che dopo tante pene~ristori 'l mie signor mie vita e 1963 153| foco ancora~d'amor dentro ristoro~il desir voto di beltà infinita,~ 1964 286| ultim'anni della vita mia,~ristringer si dovrien 'n un sol che 1965 199| frutto;~c'uom morto non risurge a primavera.~ 1966 22 | ingrata e sciocca~l'alma risuscitata, e senza stima,~tornare 1967 51 | perso.~Oilmè, oilmè, pur riterando~vo 'l mio passato tempo 1968 213| mostrò al mondo e presto sel ritolse.~ 1969 199| e 'l mie sepulcro, tutto~ritornarmi com'arbor secco al frutto;~ 1970 248| l'inferno giusto e 'l pio~ritornò vivo a contemplare Dio,~ 1971 84 | beltà con sì gran duolo,~ne ritra' doglie e pene acerbe e 1972 193| convien che per far lui ritragga voi.~ 1973 173| Dunc'ambo n'arien bene~ritrarla col cor lieto e 'l viso 1974 54 | di cantare in rima~o di ritrarmi da ogni altra schiera?~Or 1975 120| 120~Ben tempo saria omai~ritrarsi dal martire,~ché l'età col 1976 202| 202~I' fu de' Bracci, e se ritratto e privo~restai dell'alma, 1977 217| tempo il perda e po' 'l ritruovi.~ 1978 51 | mio passato tempo e non ritruovo~in tutto un giorno che sie 1979 236| accorto e bello~pruova e rivede, e suo storie comparte.~ 1980 34 | e splendore;~ può non rivederlo in quel che more~di te, 1981 147| potenti dei,~convien c'ogni riverso si sopporti.~Poi che sarete 1982 148| vivo;~dall'uno e l'altro rivo~degli occhi il petto sarie 1983 290| fragil legno a te stanco rivolto~da l'orribil procella in 1984 265| brutti,~s'or per morte il rivuol, morremo or tutti.~ 1985 68 | ché 'l corpo suo, così robusto e magno,~un occhio ha solo 1986 68 | serrato speco,~nelle gran rocche e dentro all'alte mura;~ 1987 153| a trarla fuor convien mi rompa e strazi.~ 1988 60 | desio che m'è concesso,~rompasi il mur fra l'uno e l'altra 1989 45 | vivo, e te da me disciolse,~rompendo, e non mancando nostra fede,~ 1990 59 | e sol l'isdegno il può rompere e sciorre.~ 1991 87 | Squarcia 'l vel tu, Signor, rompi quel muro~che con la suo 1992 20 | come fra cacio fresco e' rosolacci.~Quand'io ti veggo, in su 1993 20 | arco di Sorìa;~le gote ha' rosse e bianche, quando stacci,~ 1994 10 | croce e spine son lance e rotelle,~e pur da Cristo pazïenzia 1995 54 | mie sospir non fussi più rovente;~e quando avvien ch'i' l' 1996 100| volare al poggio, ond'io rovino e caggio.~ 1997 299| che sia~una festuca in mar rozz'e crudele.~A rispetto a 1998 67 | sfogare el cor colla suo rozza rima,~sonando or fermo, 1999 67 | secur ne' boschi, in panni rozzi e bigi,~fuor d'obrighi, 2000 98 | Però se 'l colpo ch'io ne rub' e 'nvolo~schifar non posso, 2001 78 | ardente face~de gli occhi tuo rubati al paradiso.~La tuo beltà


ncide-rubat | rubo-vinci | vinco-zucch

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License