Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Michelangelo Buonarroti il Vecchio
Rime

IntraText - Concordanze

(Hapax - parole che occorrono una sola volta)
rubo-vinci | vinco-zucch

                                             grassetto = Testo principale
     Rima                                    grigio = Testo di commento
2002 264| avversari;~e donde in ciel ti rubò la natura~ritorni, norma 2003 135| anni.~L'alma, che trema e rugge,~com'uom c'a torto mora,~ 2004 267| tutta notte;~né dormo e russ' al catarroso anelo.~Amor, 2005 236| arte.~Né altrimenti in più rustiche carte,~anz'una pronta man 2006 221| sepulcro al corpo, a l'alma il sacro ufizio.~Se più che vivo, 2007 22 | mio al segno sono,~come saetta c'al berzaglio è giunta,~ 2008 85 | del boia.~La Carne che nel sal si purg' e stenta~che saria 2009 122| io sol trovi salute~qual salamandra, dove altri muore.~Né 2010 93 | lor comparte; e fra più salde tempre~s'accordan tutt'a 2011 96 | nel tuo amor son fermi e saldi.~ 2012 67 | co' suo fedel costante e saldo.~Cogli occhi onesti e bassi 2013 67 | e zoppo si figura,~e va saltando come la locuste,~tremando 2014 60 | desso:~a che più indugio a salutarci omai?~Se vera è la speranza 2015 140| desïata spoglia,~o danni o salvi il ciel, come si crede,~ 2016 144| leggiadro volto~ardo e spero sanar, che morto viva~negli anni 2017 302| tuo sangue l'alme purghi e sani~da l'infinite colpe e moti 2018 89 | nostri in ciel veder non sanno~se non quel tanto che n' 2019 290| mirin co' iustizia i tuo sant'occhi~il mie passato, e ' 2020 85 | servito da voi pregiat' e santo~costà e qua, sì come voi 2021 20 | 'l viso più dolce che la sapa,~e passato vi par la 2022 174| qualche tempo ancora;~e 'l più saperne il peggio,~del vostro interno, 2023 22 | poco, Amore,~acciò che io sappi in che stato io mi truovo.~ 2024 151| l mio basso ingegno~non sappia, ardendo, trarne altro che 2025 71 | pur, poi ch'i' vi lasciai, saputo~che Cain fu de' vostri anticedenti,~ 2026 | saranno 2027 174| prometta a' pianti nostri,~ben sarebb'ora l'ora,~c'altro già non 2028 | sarei 2029 | saremo 2030 | sarete 2031 54 | se' fatta com'un uom da sarti,~che si muove di fuor, si 2032 272| mezzo 'l seno,~se vuo' di me saziarti un'altra volta.~E s'egli 2033 145| più porgi aita.~A l'alma sbigottita~viver molto più val con 2034 161| porto invidia a' morti,~sbigottito e confuso,~sì di sé meco 2035 73 | 073~Mentre del foco son scacciata e priva,~morir m'è forza, 2036 35 | giallo po' più leonino,~che scala fa dall'una all'altra vebre.~ 2037 54 | o senta con la mente;~né scaldar ma' si può fornace o forno~ 2038 96 | occhi è che m'infiammi o scaldi,~tolti sien quegli a chi 2039 99 | mi furn'ale e 'l poggio scale,~Febo lucerna a' piè; né 2040 220| ciel si gloria e ride,~che scarca del mortal si gode l'alma.~ 2041 290| 290~Scarco d'un'importuna e greve salma,~ 2042 20 | la bocca tua mi par una scarsella~di fagiuo' piena, si com' 2043 109| lode~più giova a chi più scarso esser ne vuole,~come sferza 2044 9 | poi del tutto la più bella scelse,~per mostrar quivi le suo 2045 277| pareggiato l'arte,~anzi a quella scemato il pregio in parte,~che ' 2046 155| non è c'una gran doglia scemi.~ 2047 82 | Ché da te mosso, tanto scender parmi,~c'Amor d'ogni valor 2048 263| fortuna,~l'un co' la morte scherza,~né l'altra dar mi può qui 2049 54 | di ritrarmi da ogni altra schiera?~Or si fa 'l nome, o per 2050 4 | petto ch'egli allaccia.~E la schietta cintura che s'annoda~mi 2051 84 | l'umor dal ciel terreste, schietto e solo,~a vari semi vario 2052 167| temi,~c'ogni età verde è schifa a' giorni stremi.~ 2053 98 | colpo ch'io ne rub' e 'nvolo~schifar non posso, almen, s'è destinato,~ 2054 85 | per voi:~e non m'abbiat'a schifo come frate.~Comandatemi, 2055 22 | bocca?~Ben sare' ingrata e sciocca~l'alma risuscitata, e senza 2056 164| S'e' giudizi temerari e sciocchi~al senso tiran la beltà, 2057 161| inferma? or quando fie ti scioglia~da quella il tempo, e torni 2058 130| danno alcun da tal pietà mi scioglie:~ché l'uso di molt'anni 2059 23 | volte ha' legate e quante sciolte~le triste membra, e sì spronato 2060 70 | m'è contra 'l cielo;~ché scior non si può chi se stesso 2061 90 | pregio che 'l suo primo scoglio.~O come scritta o pinta 2062 42 | che, dov'io miro,~veggio scolpito el viso di costei.~Tu 'l 2063 267| e le fiorite grotte,~mie scombiccheri, a' cemboli, a' cartocci,~ 2064 173| quella~che farà poi, se sconsolato il tiene?~Dunc'ambo n'arien 2065 262| per te, s'Amor fuss'io.~Sconviensi al gran desio~d'alta beltà 2066 103| rompe o poco.~Quel che resta scoperto al sol, che ferve~per mille 2067 67 | provvede e cura:~non vi scorgete, in insaziabil foco,~che ' 2068 82 | men dal più veloce non si scosta.~Amor con le sue man gli 2069 267| dov'io viv' e mangio a scotto.~La mia allegrezz' è la 2070 5 | la memoria sento~in sullo scrigno, e 'l petto fo d'arpia,~ 2071 90 | suo primo scoglio.~O come scritta o pinta carta o foglio~più 2072 162| sganni e pietà 'l ver ne scriva:~che l'alma, da sé franca,~ 2073 79 | grazia ne ringrazia chi ti scrive.~Che sconcia e grande usur 2074 85 | costà e qua, sì come voi scrivete,~n'ebbe piacer, che ne ris' 2075 86 | fratel pur mi dipigne,~e te sculpisce vivo in mezzo il core,~che ' 2076 239| che 'l pruovo in la bella scultura,~c'all'opra il tempo e morte 2077 35 | picciola parte di gran palla scuopre,~che men rilieva suo vista 2078 75 | chi fa notte il giorno,~scurando il sol co' vaghi e be' sembianti,~ 2079 86 | certa doglia.~Nube non è che scuri vostra luce,~l'ore distinte 2080 298| ciel ne diè tal segno~che scurò gli occhi suoi, la terra 2081 256| che l'innocente error si scusi e ami.~Amor, che mi favella~ 2082 60 | che di te più ami, non ti sdegni,~ché l'un dell'altro spirto 2083 156| pensier m'appago,~se 'l tuo sdegno presago,~per basso amare 2084 158| contenta.~Caduto è 'l frutto e secca è già la scorza,~e quel, 2085 171| nell'usato loco,~fien legne secche in un ardente foco.~ 2086 26 | caldo assai o poco~non si secchi o non s'arda o non s'accenda.~ 2087 67 | Color c'anticamente, al secol vecchio,~si trasser fame 2088 277| tutta togliete.~Che se secolo alcuno omai contese~in far 2089 51 | fan pruove,~la prima e la seconda, del mie stato.~E s'io non 2090 85 | quel che tien le cose più secrete~del Medico minor non l'ho 2091 67 | né pensa come o quando;~secur ne' boschi, in panni rozzi 2092 67 | parole,~fuor dell'uscio a sedere, e stassi al sole.~Di fuor 2093 23 | voto?~Al legno incenerato sega o tarlo,~o dietro a un correndo, 2094 86 | etterno appresso al divin seggio~dove, Die grazia, ti prosumo 2095 90 | po' ch'i' fu' berzaglio~segnato dal tuo viso, e non mi doglio.~ 2096 20 | ancor la bella coppa,~ti seguirrei fra l'altre me' c'un bracco;~ 2097 111| parli qui fra noi,~a non seguirti poi,~cessato il dubbio, 2098 292| nessun propio valor può seguitarte,~se non gli mostri le tuo 2099 54 | non posso altro far che seguitarti,~e della grande impresa 2100 213| mostrò al mondo e presto sel ritolse.~ 2101 172| pur si delibra,~indomit' e selvaggia,~ch'i' arda, mora e caggia~ 2102 75 | scurando il sol co' vaghi e be' sembianti,~aprirgli spesso, e chi 2103 239| di colore o sasso,~di noi sembrando l'uno e l'altro volto;~sì 2104 254| stanco e vil, fra ' rari e semidei.~Grazie vengon da lei~strane 2105 84 | fuor nel viso mostro.~Chi semina sospir, lacrime e doglie,~( 2106 67 | non istà fra loro:~se con semplice fede adora e prega~Iddio 2107 102| nero,~con pace ogn' opra sempr' al fin assalta;~ben vede 2108 85 | pensando a cui la mando,~send' il mio non professo, goffo 2109 147| se mi fuss'amica,~che, sendomi nemica,~l'amo più c'allor 2110 274| e drento~le voglie e 'l senno e 'l valor lento e poco.~ 2111 260| alma l'un, l'altr'abita ne' sensi,~e l'arco tira a cose basse 2112 162| ciel non vede,~che per ogni sentier si perde e manca.~Porgo 2113 258| pellegrina~gli è duro ogni altro sentiero erto o arto.~Ond' il tempo 2114 272| onde fu seco ogni virtù sepolta,~e ' passi spessi e con 2115 179| son chiusi i begli occhi e sepolti~anzi tempo, sol questo ne 2116 227| pietà di terra; che s'allor sepolto~fussi, lu' sol sarie degno 2117 188| più che mai bel di questa sepoltura.~ 2118 286| agli etterni suo giorni sereni.~Ma che poss'io, Signor, 2119 54 | il ben servir togli' a' serpenti,~come l'agresto quand'allega 2120 67 | ricchezze ad una ad una.~Non han serrami e non temon di danno;~lascion 2121 52 | chi con tanta fede~vive servendo miser e 'nfelice.~Ma perché 2122 298| aspra e forte,~servo de' servi in croce divenisti.~Onde 2123 54 | contento:~ché 'l morso il ben servir togli' a' serpenti,~come 2124 147| lei?~E io, che più potrei~servirla, amarla, se mi fuss'amica,~ 2125 284| a viver, a tal sorte~ti servirò, s'avvien che l'arte segua.~ 2126 276| cento,~d'ogni età, d'ogni sesso; ond'io pavento,~carco d' 2127 | Sette 2128 290| a quello il tuo braccio severo.~Tuo sangue sol mie colpe 2129 142| bel volto; e peggio è al sezzo strale~mie ricaduta che ' 2130 54 | l'abbi un po' dintorno,~sfavillo come ferro in foco ardente;~ 2131 172| libra a libra~mi svena, e sfibra e 'l corpo all'alma sconcia.~ 2132 98 | i' omai l'intensa voglia~sfogar con pianti o con parole 2133 67 | con aspre note, al basso,~sfogare el cor colla suo rozza rima,~ 2134 263| nuova beltà d'una~mi sprona, sfrena e sferza;~né sol passato 2135 105| altri cangia il pelo.~Voglia sfrenata el senso è, non amore,~che 2136 162| sacri inchiostri,~c'amor mi sganni e pietà 'l ver ne scriva:~ 2137 31 | stran tormento!~Però non mi sgomento:~s'aver miseria e stento~ 2138 299| Michele.~Troppa bonaccia sgonfia sì le vele,~che senza vento 2139 72 | fede~ch'i' non credo, che sguarda il foco onesto~che m'arde, 2140 90 | tuo viso, e non mi doglio.~Sicur con tale stampa in ogni 2141 | sieno 2142 159| 159~Per esser manco, alta signora, indegno~del don di vostra 2143 160| ché 'n parità non cape signoria.~ 2144 252| rari~di fortuna e virtù simili e pari.~ 2145 | sine 2146 12 | partir chiedervi aita?~Que' singulti e que' pianti e que' sospiri~ 2147 178| iniquo e fello~(suo nome dal sinistro braccio tiello~il vulgo, 2148 67 | di fuor verdeggia sì come smeraldo,~e sta co' suo fedel costante 2149 66 | buon; la tuo pietà suprema~soccorra al mie preditto iniquo stato,~ 2150 20 | ond'io morrò, se tu non mi soccorri.~La tua bellezza par molto 2151 228| qual salute fie mai che 'l soddisfacci?~Di tanti anni e beltà creditor 2152 139| più si convien c'al mie soffrire 'l cielo.~I' nol dico e 2153 25 | menzogna.~L'anima che non sogna,~non pecca amar le cose 2154 200| alcun mi ricorda,~gli par sognar: sì morte è presta e 'ngorda,~ 2155 71 | di Fiorenza, tu mi dai la soia.~Qual prezïosa gioia~è certo, 2156 103| il giorno vive,~contro al solar suo luminoso gioco.~E s' 2157 70 | legno, e senza arbitrio~solcar l'alte onde ove mai sempre 2158 67 | sete alcuna.~El giorno c'a solcare i colli vanno,~contar puo' 2159 281| 281~Arder sole' nel freddo ghiaccio il foco;~ 2160 47 | vita più che 'n vita non solea,~e morto ha 'l ciel, c'allor 2161 167| qual, già nudo, trïonfar solevi~non che con l'arco e co' 2162 31 | mei son quegli~che ne' tuo soli e begli~e vita e morte intera 2163 30 | Amore,~tant'è dispar la soma che conduce,~dando a me 2164 146| Amor, perché perdoni~tuo somma cortesia~sie di beltà qui 2165 295| tristo esempro ancora~vince e sommerge ogni prefetta usanza;~spent' 2166 298| angeli brutti in più doglia sommerse;~godé sol l'uom, c'al battesmo 2167 67 | cor colla suo rozza rima,~sonando or fermo, e or con lento 2168 147| convien c'ogni riverso si sopporti.~Poi che sarete morti,~di 2169 67 | stima~veder l'ardite capre sopr'un sasso~montar, pascendo 2170 78 | dove 'l ver si tace,~soprasta 'l senso a quel da lui diviso.~ 2171 160| fusse, ne sarebbe tolto~il soprastar d'una mercé infinita~al 2172 20 | e torte più c'un arco di Sorìa;~le gote ha' rosse e bianche, 2173 5 | ragroppa,~e tendomi com'arco sorïano.~Però fallace e strano~surge 2174 43 | questa non comprendo:~così sospeso, el corpo e l'alma muore.~ 2175 22 | si consiglia,~e di nuovi sospetti ognor s'attrista,~el corpo 2176 51 | piangendo, amando, ardendo e sospirando~(c'affetto alcun mortal 2177 45 | 045~Ben doverrieno al sospirar mie tanto~esser secco oramai 2178 66 | pèra, ove 'l poter tuo non sostegna.~O carne, o sangue, o legno, 2179 67 | ombra brami;~e ha per suo sostegno e compagnia~la Fraude, la 2180 299| cib', al poto e a l'andar sovente~c'a ogni mi' bisogno è caro 2181 10 | Qua si fa elmi di calici e spade~e 'l sangue di Cristo si 2182 4 | l petto e poi par che si spanda,~e quel c'oro filato si 2183 136| 136~L'alma, che sparge e versa~di fuor l'acque 2184 54 | per gli occhi, ond'io mi spargo,~come grappol d'agresto 2185 157| per le mie parte streme~spargon dal cor gli spirti della 2186 99 | far dolce la morte.~Or m'è sparito; e se 'l fuggir men forte~ 2187 168| le' grato sia,~e' mie sì sparsi e stanchi~pensier fien tutti 2188 157| superchi al cor gli spirti sparti.~S'a me veggio tornarti,~ 2189 67 | buoi.~D'oro e di gemme, e spaventata in vista,~adorna, la Ricchezza 2190 267| La faccia mia ha forma di spavento;~i panni da cacciar, senz' 2191 153| me discende per sì brevi spazi,~c'a trarla fuor convien 2192 103| con più vil cosa ancor sue specie dive,~tal c'ogni verme assai 2193 54 | sempre molli,~che 'l foco spegnerien non ch'e' tuo sguardi.~Tutti 2194 238| ne stampa, e qui natura spende.~ 2195 81 | l'alma tiene~d'ogni alta spene e d'ogni valor priva;~e 2196 47 | sol del sol, c'allor ci spense e tolse,~morte, c'amor ne 2197 295| sommerge ogni prefetta usanza;~spent'è la luce e seco ogni baldanza,~ 2198 277| Or le memorie altrui, già spente, accese~tornando, fate or 2199 53 | si riposi e dorma:~così sper'io, che dopo tante pene~ 2200 6 | piaccio se più m'affatico.~Già sperai ascender per la tua altezza,~ 2201 41 | con dolci sguardi~ferma speranz' al cor par che ne doni.~ 2202 51 | sie stato mio!~Le fallace speranze e 'l van desio,~piangendo, 2203 239| quel c'alcun vede~per lunga sperïenza, che più dura~l'immagin 2204 86 | che vedea infinite volte o spesse?~Nostri intensi dolori e 2205 272| virtù sepolta,~e ' passi spessi e con fatica molta,~che 2206 241| giovi più, visto 'l tuo 'spetto,~o 'l fin dell'universo 2207 15 | dond'io derivo,~e per le spezie all'esca a te arrivo,~come 2208 22 | cagion che 'l cor l'arme tu' spezza e spunta,~c'amor per pruova 2209 45 | arriva.~Crudel pietate e spietata mercede~me lasciò vivo, 2210 128| tempre~d'un cor gentil faria spietate pruove.~Ma perché l'alma 2211 87 | venturo,~alla tuo bella sposa, acciò ch'io arda~il cor 2212 23 | sciolte~le triste membra, e sì spronato il fianco,~c'appena posso 2213 22 | cor l'arme tu' spezza e spunta,~c'amor per pruova in me 2214 90 | rallumino ogni cieco,~e col mie sputo sano ogni veleno.~ 2215 64 | il sasso rompe e 'l ferro squaglia,~figlio del lor medesmo 2216 242| d'ogni altri a se stesso,~squalido e smorto spesso~il fo, com' 2217 20 | rosse e bianche, quando stacci,~come fra cacio fresco e' 2218 264| con previlegio Amor ne stampi l'alma,~che del carcer terreno~ 2219 295| al senso, è non però la stanza~a l'alma, che mi prega pur 2220 267| ha tal vantaggio,~che se stasat' allentasse l'odore,~seco 2221 76 | mi muove:~certo saranno stati gli occhi vostri.~ 2222 121| poter non mi distrugga e stempre.~Così durando sempre~mie 2223 62 | foco il fabbro il ferro stende~al concetto suo caro e bel 2224 161| Signor, nell'ore streme,~stendi ver' me le tuo pietose braccia,~ 2225 222| 222~Qui stese il Braccio e colse acerbo 2226 | stessi 2227 | stia 2228 85 | il vero~di me; ché chi mi stim' è 'n grand'errore.~Ma la 2229 183| amica a lei, l'ancise e stinse.~ 2230 146| e desia,~e data a gente stolta?~Deh, falla un'altra volta~ 2231 23 | riprenderò le tuo promesse stolte?~Quante volte ha' legate 2232 237| aspro e villano~la rompe o storce o del tutto dismembra,~la 2233 236| bello~pruova e rivede, e suo storie comparte.~Simil di me model 2234 267| pesti,~i denti come tasti di stormento~c'al moto lor la voce suoni 2235 90 | foglio~più si riguarda d'ogni straccio o taglio,~tal di me fo, 2236 20 | sia dalla zappa rotto e stracco.~Pensa: s'avessi ancor la 2237 10 | ècci d'ogni ben chiuso le strade.~S'i' ebbi ma' voglia a 2238 31 | in un momento.~O nuovo e stran tormento!~Però non mi sgomento:~ 2239 54 | il foco medesmo. O cosa strana,~se 'l mal del foco spesso 2240 302| per fortuna avversa o casi strani,~ond'e' tuo amici dal mondo 2241 241| con la beltà congiunta,~di stranio cibo pasce il gran desire;~ 2242 5 | sorïano.~Però fallace e strano~surge il iudizio che la 2243 246| dispietata aita~m'ancide e strazia e non vuol poi ch'io pera?~ 2244 35 | pena~da l'uno all'altro stremo ov'egli è volto.~L'occhio, 2245 67 | Come e 'l Forse son parenti stretti,~e son giganti di sì grande 2246 66 | l tumulto dell'avverse strida~non pèra, ove 'l poter tuo 2247 86 | 'l duol; ma ' dolorosi stridi~temprati son d'una credenza 2248 86 | a quello, a te l'obrigo strigne:~non so qual pena più mi 2249 4 | mi par dir seco: qui vo' stringer sempre.~Or che farebbon 2250 289| la fede, dico, a che mi stringo e sprono;~né, mie colpa, 2251 242| resto non saprei,~mentre mi strugge e sprezza,~altro sculpir 2252 56 | nel foco venga, ov'io mi struggo e ardo.~ 2253 266| è, se prossim'al foco~mi strussi e arsi, se or ch'egli è 2254 68 | preda fan nell'universo stuolo;~e lor membra ci prendon 2255 25 | affaticato,~coll'uso del sudor doppia suo lena.~Ma 'l foco 2256 259| ogni momento scema,~ond'è suggetta al variar d'un bel viso.~ 2257 180| e 'l volto~per chi resta suggetto alla fortuna.~ 2258 | sullo 2259 54 | a l'amore;~ogni durezza suol vincer pietate,~sì come 2260 47 | morte iniqua e rea~finir il suon delle virtute sparte,~e 2261 267| stormento~c'al moto lor la voce suoni e resti.~La faccia mia ha 2262 95 | germugli che gli è tolta,~e 'l suono eco, già sorda a' mie lamenti;~ 2263 71 | aver perduto.~Invidiosi, superbi, al ciel nimici,~la carità 2264 66 | sol se' buon; la tuo pietà suprema~soccorra al mie preditto 2265 67 | dell'usura che 'n terra surger vede;~e senza affanno alla 2266 172| sangue a libra a libra~mi svena, e sfibra e 'l corpo all' 2267 78 | caduto son: dove 'l ver si tace,~soprasta 'l senso a quel 2268 90 | riguarda d'ogni straccio o taglio,~tal di me fo, da po' ch' 2269 | talvolta 2270 98 | ciel, che l'alma veste,~tard' o per tempo alcun mai non 2271 27 | dispietato gioco.~Fuggite, e non tardate, al primo sguardo:~ch'i' 2272 61 | anzi, ond'or son presto e tardo.~Ma perché più dolermi, 2273 23 | legno incenerato sega o tarlo,~o dietro a un correndo, 2274 267| di penne l'alma ho ben tarpata e rasa.~Io tengo un calabron 2275 267| macinati e pesti,~i denti come tasti di stormento~c'al moto lor 2276 267| panni da cacciar, senz'altro telo,~dal seme senza pioggia 2277 86 | morir morto e fatto divo,~né tem'or più cangiar vitavoglia,~ 2278 164| apparecchio.~S'e' giudizi temerari e sciocchi~al senso tiran 2279 167| mi giugnesti, or fuggi e temi,~c'ogni età verde è schifa 2280 67 | una.~Non han serrami e non temon di danno;~lascion la casa 2281 69 | l'un contrario l'altro ha temperato.~Così può 'l viso vostro 2282 251| porto,~che non si turbi per tempesta o vento.~L'isdegno ogni 2283 285| corso della vita mia,~con tempestoso mar, per fragil barca,~al 2284 45 | accende,~l'umor degli occhi il tempra, che non mora.~La morte 2285 100| 100~Ben fu, temprando il ciel tuo vivo raggio,~ 2286 69 | vostro le mie pene~tante temprar con piccola dolcezza,~e 2287 86 | duol; ma ' dolorosi stridi~temprati son d'una credenza ferma~ 2288 95 | aïr, che 'l celeste lume~tempri a' trist'occhi, de' sospir 2289 128| crudele e forte~con più tenaci tempre~d'un cor gentil faria 2290 290| gastigato orecchio;~non tenda a quello il tuo braccio 2291 5 | piegarsi adietro si ragroppa,~e tendomi com'arco sorïano.~Però fallace 2292 263| insieme,~già l'arra in man tene' dell'altra vita,~qual ne 2293 298| acque.~Tolse i gran Padri al tenebroso regno,~gli angeli brutti 2294 12 | senza vo' ma', mio ben, tenermi 'n vita,~s'io non posso 2295 251| desia.~Però, Luigi mio, tenete chiara~la prima grazia, 2296 229| il passo serra.~Pietà vi tenga aperti,~mentre la mie divina~ 2297 267| ho ben tarpata e rasa.~Io tengo un calabron in un orciuolo,~ 2298 67 | alle città co' fieri petti~tengon, per tutto adombran lor 2299 67 | fra sassi erte e distorte,~tentando colle man qual istà forte.~ 2300 67 | doppo l'opra, lieti el sonno tentano;~sazi di ghiande, in sul 2301 141| te sento,~la certezza non tento,~ma prego, ove 'l gioire 2302 51 | non m'è più nuovo)~m'hanno tenuto, ond'il conosco e pruovo,~ 2303 68 | ore;~il corso suo non ha terminfreno,~e odia altrui 2304 25 | di natura,~usando peso, termine e misura.~ 2305 178| nuova alta beltà che 'n ciel terrei~unica, non c'al mondo iniquo 2306 292| pregarte:~nel mio fragil terren non è già parte~da frutto 2307 289| Non è più bassa o vil cosa terrena~che quel che, senza te, 2308 70 | spinge il cielo,~ma potenti e terrestri e duri venti,~ché sopra 2309 148| salute~men grazia, donna, mi terrie ancor vivo;~dall'uno e l' 2310 273| men chiaro o più lucente e terso,~secondo l'egritudin, che 2311 263| sferza;~né sol passato è terza,~ma nona e vespro, e prossim' 2312 251| andar la rete occulta ha tesa,~l'ardente carità d'amore 2313 10 | ebbi ma' voglia a perder tesauro,~per ciò che qua opra da 2314 67 | fuggendo, acquista~ogni tesor, né pensa come o quando;~ 2315 67 | bella infiora.~Il lor sommo tesoro è uno arato,~e 'l bomero 2316 4 | il primo sia a baciar la testa!~Contenta è tutto il giorno 2317 79 | morte, in vita il mio cor tieni,~e fra mill'altri tuo diletti 2318 86 | l volto più m'affligge e tigne.~Pur mi quieta che il debito, 2319 25 | domanderebbe appena.~E el tigre e 'l serpe ancor l'uso raffrena,~ 2320 22 | gioco~agli occhi mei, al cor timido e molle,~vorria quel che 2321 20 | la mia;~le ciglia paion tinte alla padella~e torte più 2322 164| temerari e sciocchi~al senso tiran la beltà, che muove~e porta 2323 23 | bisogna~prender l'arco crudel, tirare a voto?~Al legno incenerato 2324 54 | farei,~se fussi in ciel, ti tirerei a basso~co' pianti, co' 2325 258| desiri,~s'altro non è che tiri~la mente al ciel per grazia 2326 149| ingegno e d'arte~a chi mi to' la vita~con tal superchia 2327 219| ciel dalla terra diviso,~toccando i' sol del mondo al paradiso,~ 2328 4 | le guanci' e 'l collo di toccar non resta.~Ma più lieto 2329 212| erro,~perc'a lei ancider toccava i men chiari.~ 2330 150| che 'l pianger, la vita mi toglia.~Così n'avvien di novell' 2331 147| sì stolto~ch'a sé non si togliessi e dessi a lei?~E io, che 2332 277| dar vita ad altrui, tutta togliete.~Che se secolo alcuno omai 2333 70 | alber si disciolse,~ond'a me tolsi la dote del cielo.~Qui non 2334 96 | che m'infiammi o scaldi,~tolti sien quegli a chi sanz'essi 2335 267| un'ampolla:~e la mia scura tomba è picciol volo,~dov'è Aragn' 2336 161| le tuo pietose braccia,~tomm'a me stesso e famm'un che 2337 298| aperse,~tremorno i monti e torbide fur l'acque.~Tolse i gran 2338 101| 101~Perché Febo non torce e non distende~d'intorn' 2339 101| alcun accende~un picciol torchio, in quella parte tolle~la 2340 42 | po' che tu vien con lei~a torm'ogni mie pace, ond'io m' 2341 190| adunche a venir meno,~per tormen' una sola non son morto.~ 2342 116| core~mancar, mancando i mie tormenti tanti.~Occhi lucenti e santi,~ 2343 157| per mie mortal soccorso,~tornan superchi al cor gli spirti 2344 277| altrui, già spente, accese~tornando, fate or che fien quelle 2345 22 | forse per nuova beltate~tornarmi 'ndietro al periglioso impaccio,~ 2346 157| spirti sparti.~S'a me veggio tornarti,~dal cor di nuovo dipartir 2347 63 | alte e dive~alma nel ciel tornasse da l'inferno.~Così tratto 2348 293| fie più chiara e certa la tornata.~ 2349 254| me vecchio e grave,~ov'io torno e rientro~e come a peso 2350 67 | gravida vacca e pel bel toro.~El Dubbio, el Forse, el 2351 68 | al sole aspira e l'alte torre pianta~per aggiunger al 2352 93 | più rami alpestro e fier torrente.~Il cor, che del più ardente~ 2353 145| c'a lei il godere, a noi torrien la vita;~tal che 'nsieme 2354 142| men verde,~l'arco subito torse~Amor, che si rammenta~che ' 2355 5 | mal si tra' per cerbottana torta.~La mia pittura morta~difendi 2356 147| morti,~di mille 'ngiurie e torti,~amando te com'or di lei 2357 267| 'l pan e 'l formaggio.~La toss' e 'l freddo il tien sol 2358 8 | che cresca?~E s'avvien che trabocchi?~ 2359 72 | l sol nella su' antica traccia;~acciò ch'i' abbi, e non 2360 51 | Oilmè, oilmè, ch'i' son tradito~da' giorni mie fugaci e 2361 58 | corregge~gli altrui pensier, traessi e' mie di fore,~forse c' 2362 84 | me propio è e simile~ne traggo, come fuor nel viso mostro.~ 2363 71 | anticedenti,~né voi da quel tralignate altrimenti;~ché, s'altri 2364 76 | alcun'altra beltà nel cor traluce;~o se fama o se sogno alcun 2365 77 | virtù toglie e diparte~per tranquillar la vita aspr'e mortale.~ 2366 74 | tu sai ben l'ore~da far tranquille l'angosciose e corte~miserie 2367 86 | vostra soglia~non tenta trapassar, per cui s'adduce~fra no' 2368 175| mal passato, a peggio mi traporti.~Se ne' vecchi men vali,~ 2369 153| per sì brevi spazi,~c'a trarla fuor convien mi rompa e 2370 151| ingegno~non sappia, ardendo, trarne altro che morte.~ 2371 187| non è albergobello,~trarnela morte già ma' non potea.~ 2372 11 | Che fia pur ver, ch'io ne trarrò la morte?~ 2373 67 | anticamente, al secol vecchio,~si trasser fame e sete d'acqua e ghiande~ 2374 169| rdente desio,~coste' pur mi trastulla,~di fuor pietosa e nel cor 2375 | traverso 2376 67 | saltando come la locuste,~tremando d'ogni tempo per natura,~ 2377 298| occhi suoi, la terra aperse,~tremorno i monti e torbide fur l' 2378 91 | perch'è pur cieco,~indugia, triema e teme.~C'a passarmi nel 2379 295| luce e seco ogni baldanza,~trionfa il falso e 'l ver non surge 2380 295| crede? c'ogni troppo indugio~tronca la speme e l'alma fa mortale.~ 2381 119| fore,~s'aver disdegno ne troncasse amore;~ma più, se più la 2382 147| vendetta.~Ahimè, lasso chi pur tropp'aspetta~ch'i' gionga a' 2383 | troppi 2384 51 | l tempo m'è fuggito:~si trova come me 'n un giorno vecchio.~ 2385 105| ne' bei vostri intera pace~trovai, ma dentro, ov'ogni mal 2386 79 | disio l'anima sente.~Dunche, trovando in te chi per me parla~grazia 2387 300| pene~son certo, monsignor, trovarci in cielo;~ma prima c'a l' 2388 31 | begli~e vita e morte intera trovato hanno.~Tante meno m'offende 2389 122| sua men virtute,~ch'io sol trovi salute~qual salamandra, 2390 127| in ch'io son corso,~non trovo altro soccorso~che l'immagin 2391 70 | che non ha venti,~sotto el tüo grande el mïo arbitrio.~ 2392 66 | campar più fida,~sie che 'l tumulto dell'avverse strida~non 2393 68 | sarebbe una balena;~e sol si turba e sol s'attrista e piagne~ 2394 249| miseria è nato.~- Deh, non turbate i vostri desir santi,~ché 2395 298| 298~Non fur men lieti che turbati e tristi~che tu patissi, 2396 251| la vita porto,~che non si turbi per tempesta o vento.~L' 2397 79 | saria a farla,~donandoti turpissime pitture~per rïaver persone 2398 | tuttavia 2399 152| figura,~che più cresce u' più la pietra scema;~tal 2400 151| quello arriva~la man che ubbidisce all'intelletto.~Il mal ch' 2401 3 | ancor, da quante rete~vago uccelletto per maligna sorte~campa 2402 100| a te 'l vïaggio.~Felice uccello, che con tal vantaggio~da 2403 80 | appresso m'ardi e nel partir m'uccidi?~ 2404 61 | stato il peggio~vederlo, udirlo, s'or di pari a volo~seco 2405 58 | Dunche, oilmè! come sarà udita~la casta voglia che 'l cor 2406 221| corpo, a l'alma il sacro ufizio.~Se più che vivo, morto 2407 119| ne ringrazio le prime e l'ultime ore~ch'io la vidi; e l'errore~ 2408 102| ogni stanco pensiero;~ché l'umid' ombra ogni quiet' appalta,~ 2409 67 | l Vero,~che fra la gente umìle ha gran valore:~un occhio 2410 138| 138~Porgo umilmente all'aspro giogo il collo~ 2411 156| è, donna, chi giunga,~s'umiltà non v'aggiungi e cortesia:~ 2412 54 | E' non è forza contr'a l'umiltate,~né crudeltà può star contr' 2413 86 | fortuna al fonte di cotale umore~le radice e le vene ingrassa 2414 80 | ch'io~mira' tante bellezze uniche e sole,~fermar gli occhi 2415 88 | senza moto ogni altro peso.~Unico spirto e da me solo inteso,~ 2416 25 | foco a tal figura non s'unisce;~ché se l'umor d'un verde 2417 105| fallace,~trascende nella forma universale.~Io dico c'a chi vive quel 2418 21 | vento un fummo.~Come voi uomini fummo,~lieti e tristi, come 2419 300| piango e parlo del mio morto Urbino,~che vivo or forse saria 2420 25 | amar le cose di natura,~usando peso, termine e misura.~ 2421 67 | letigi.~L'avere e 'l dar, l'usanze streme e strane,~el meglio 2422 159| all'incontro a quella, usar la mia~con tutto il cor 2423 286| Signor, s'a me non vieni~coll'usata ineffabil cortesia?~ 2424 176| preda:~c'alle gran doglie usate~forzc'un debil cor subito 2425 267| per bocca il fiato a pen' uscir può fore.~Dilombato, crepato, 2426 54 | pelle~che nol faccia, a uscirne, assa' minore~parere, e 2427 86 | credendo il gran dolore~n'uscissi con le lacrime e col pianto,~ 2428 79 | scrive.~Che sconcia e grande usur saria a farla,~donandoti 2429 67 | conti e lo suo carte~dell'usura che 'n terra surger vede;~ 2430 20 | gli occhi del color dell'utriaca;~e' cape' bianchi e biondi 2431 267| di giganti,~ché chi mangi'uva o ha presa medicina~non 2432 67 | con desio,~per la gravida vacca e pel bel toro.~El Dubbio, 2433 6 | al mondo, se vuol c'altri vada~a prender frutto d'un arbor 2434 12 | assenzia mai~mia fedel servitù vadia in oblio,~il cor lasso con 2435 70 | disciolse,~ond'io errando e vagabondo andai,~qual vano legno gira 2436 97 | freno~al desir pronto, a la vaghezza troppa;~a la cieca ragion 2437 80 | con teco ma' mi giovi o vaglia,~s'appresso m'ardi e nel 2438 251| accorto,~mille piacer non vaglion un tormento.~ 2439 55 | perdono:~portandol dove vai sempre con teco,~ti troverei, 2440 256| che spiace non sie pietà vana:~ché l'uso agli occhi ogni 2441 245| nulla ne perde,~se nel gioir vaneggia ogni desire:~nel sazio non 2442 47 | come degli altri oggi si vanti~del sol del sol, c'allor 2443 171| cor voto più non si dien vanto.~Ma se rimbotta alquanto~ 2444 70 | all'incesi venti~convien varar mie legno, e senza arbitrio~ 2445 285| comun porto, ov'a render si varca~conto e ragion d'ogni opra 2446 162| ora in sul manco piede~variando, cerco della mie salute.~ 2447 259| scema,~ond'è suggetta al variar d'un bel viso.~Dolce è ben 2448 84 | schietto e solo,~a vari semi vario si converte),~però pianto 2449 67 | e le pale e le zappe e' vasi d'oro.~O avarizia cieca, 2450 35 | scala fa dall'una all'altra vebre.~Pur tocchi sotto e sopra 2451 175| peggio mi traporti.~Se ne' vecchi men vali,~campar dovria, 2452 61 | come suole~nell'ultima vecchiezza, ond'io tutt'ardo,~qual 2453 54 | una vagina, ch'è dritta a vedella,~non può dentro tener torte 2454 274| 274~Deh fammiti vedere in ogni loco!~Se da mortal 2455 61 | prima sarie stato il peggio~vederlo, udirlo, s'or di pari a 2456 45 | passa,~com'io vorrei, a vederti a quella riva~che 'l corpo 2457 267| malanno, Dio gliel dia.~Chi mi vedess' a la festa de' Magi~sarebbe 2458 267| buono; e più, se la mia casa~vedessi qua fra sì ricchi palagi.~ 2459 22 | mortal bellezza:~chi ama, il vedo, e' non si può po' sciorre.~ 2460 101| che pur chi la loda erra,~vedova, scura, in tanta gelosia,~ 2461 163| han virtute.~Luci già mai vedute!~né da vederle è men che ' 2462 54 | mani un giorno~ch'i' non la vegga o senta con la mente;~né 2463 165| preso,~sì di raro e' mie veggion gli occhi vostri~circonscritti 2464 42 | Amor, se gli occhi mei~veggono 'l ver della beltà c'aspiro,~ 2465 66 | perché d'altrui pietà mi vegna,~perché dell'altrui colpe 2466 70 | giorno [in qua?] che mie vela disciolse,~ond'io errando 2467 299| Troppa bonaccia sgonfia sì le vele,~che senza vento in mar 2468 10 | e 'l sangue di Cristo si vend'a giumelle,~e croce e spine 2469 3 | presso,~or puoi a colpi vendicar te stesso~di que' begli 2470 10 | stelle,~poscia c'a Roma gli vendon la pelle,~e ècci d'ogni 2471 86 | cotale umore~le radice e le vene ingrassa e 'mpingua~per 2472 | vengo 2473 87 | Manda 'l preditto lume a noi venturo,~alla tuo bella sposa, acciò 2474 | venuto 2475 163| tanto a te, donna, con verace speme~ricorro; e manco teme~ 2476 67 | se 'n un muore;~di fuor verdeggia sì come smeraldo,~e sta 2477 277| sete~a più degno lavoro, a vergar carte,~quel che vi manca, 2478 190| con mille alme in seno~di veri amanti; adunche a venir 2479 260| di quella al cor saggio e verile.~L'un tira al cielo, e l' 2480 103| specie dive,~tal c'ogni verme assai ne rompe o poco.~Quel 2481 233| e fero,~c'a' fastidiosi vermi il corpo furi.~Se, verde, 2482 85 | mia.~Mentre la scrivo a vers'a verso, rosso~diveng'assai, 2483 136| 136~L'alma, che sparge e versa~di fuor l'acque di drento,~ 2484 263| passato è terza,~ma nona e vespro, e prossim'è la sera.~Mie 2485 4 | è tutto il giorno quella vesta~che serra 'l petto e poi 2486 302| Signor mie car, tu sol che vesti e spogli,~e col tuo sangue 2487 94 | volesse al mie signor mie fato~vestir suo viva di mie morta spoglia,~ 2488 83 | anima, della carne ancor vestita,~con esso è già più volte 2489 234| se te non somiglia,~qual vetro che non bene~senz'altra 2490 115| 115~Lezi, vezzi, carezze, or, feste e perle,~ 2491 293| trist'uso radicato e forte,~vicin mi veggio a l'una e l'altra 2492 92 | apre e serra,~nell'ore più vicine~e più dubiose d'altro viver 2493 267| o men vïaggio~non vien a vicitarmi mai senz'essi.~L'anima mia 2494 193| A pena prima aperti gli vidd'io~i suo begli occhi in 2495 254| voglie inique e prave~mi vieta, e mi tira,~già stanco 2496 237| tempo ingiurioso, aspro e villano~la rompe o storce o del 2497 44 | cresce, e quella cede~quasi vilmente e senza alcuna stima.~Amor, 2498 1 | è che sotto el sole~non vinca morte e cangi la fortuna.~ 2499 119| ch'io la vidi; e l'errore~vincami; e d'ogni tempo sia con 2500 251| vento.~L'isdegno ogni mercé vincere impara,~e s'i' son ben del 2501 114| 114~Ben vinci ogni durezza~cogli occhi


rubo-vinci | vinco-zucch

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License