Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Michelangelo Buonarroti il Vecchio
Rime

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

114

Ben vinci ogni durezza
cogli occhi tuo, com'ogni luce ancora;
ché, s'alcun d'allegrezza avvien che mora,
allor sarebbe l'ora
che gran pietà comanda a gran bellezza.
E se nel foco avvezza
non fusse l'alma, già morto sarei
alle promesse de' tuo primi sguardi,
ove non fur ma' tardi
gl'ingordi mie nimici, anz'occhi mei;
doler mi potrei
di questo non poter, che non è teco.
Bellezza e grazia equalmente infinita,
dove più porgi aita,
men puoi non tor la vita,
né puoi non far chiunche tu miri cieco.




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License