Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Michelangelo Buonarroti il Vecchio
Rime

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

140

Se l'alma al fin ritorna
nella suo dolce e desïata spoglia,
o danni o salvi il ciel, come si crede,
ne l'inferno men doglia,
se tuo beltà l'adorna,
fie, parte c'altri ti contempla e vede.
S'al cielo ascende e riede,
com'io seco desio
e con tal cura e con sì caldo affetto,
fie men fruire Dio,
s'ogni altro piacer cede
come di qua, al tuo divo e dolce aspetto.
Che me' d'amarti aspetto,
se più giova men doglia a chi è dannato,
che 'n ciel non nuoce l'esser men beato.




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License