Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Michelangelo Buonarroti il Vecchio
Rime

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

147

- Deh dimmi, Amor, se l'alma di costei
fusse pietosa com'ha bell' il volto,
s'alcun sariastolto
ch'a sé non si togliessi e dessi a lei?
E io, che più potrei
servirla, amarla, se mi fuss'amica,
che, sendomi nemica,
l'amo più c'allor far non doverrei?
- Io dico che fra voi, potenti dei,
convien c'ogni riverso si sopporti.
Poi che sarete morti,
di mille 'ngiurie e torti,
amando te com'or di lei tu ardi,
far ne potrai giustamente vendetta.
Ahimè, lasso chi pur tropp'aspetta
ch'i' gionga a' suoi conforti tanto tardi!
Ancor, se ben riguardi,
un generoso, alter e nobil core
perdon' e porta a chi l'offend' amore.




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License