Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Michelangelo Buonarroti il Vecchio
Rime

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

148

Con più certa salute
men grazia, donna, mi terrie ancor vivo;
dall'uno e l'altro rivo
degli occhi il petto sarie manco molle.
Doppia mercé mie picciola virtute
di tanto vince che l'adombra e tolle;
saggio alcun ma' volle,
se non sé innalza e sprona,
di quel gioir ch'esser non può capace.
Il troppo è vano e folle;
ché modesta persona
d'umil fortuna ha più tranquilla pace.
Quel c'a vo' lice, a me, donna, dispiace:
chi si altrui, c'altrui non si prometta,
d'un superchio piacer morte n'aspetta.




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License