Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Michelangelo Buonarroti il Vecchio
Rime

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

234

Tanto non è, quante da te non viene,
agli occhi specchio, a che 'l cor lasso cede;
che s'altra beltà vede,
gli è morte, donna, se te non somiglia,
qual vetro che non bene
senz'altra scorza ogni su' obbietto piglia.
Esempro e maraviglia
ben fie a chi si dispera
della tuo grazia al suo 'nfelice stato,
s'e' begli occhi e le ciglia
con la tuo pietà vera
volgi a far me sì tardi ancor beato:
a la miseria nato,
s'al fier destin preval grazia e ventura,
da te fie vinto il cielo e la natura.




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License