Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Carlo Goldoni
La castalda

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

SCENA UNDICESIMA

 

Brighella e detti.

 

BRIGH. Oh de casa! Se pol vegnir? (di dentro)

PANT. Chi è? Vegnì avanti.

BRIGH. Servitor umilissimo de vussustrissima.

PANT. Bondì sioria, cossa comandeu?

BRIGH. Illustrissima padrona, ghe fazzo umilissima reverenza. (a Rosaura)

ROS. Vi riverisco.

BRIGH. L’illustrissima siora Beatrice, mia padrona, manda a far riverenza all’illustrissimo sior Pantalon e all’illustrissima siora Rosaura; la manda a veder come i sta de salute, se i ha dormido ben la scorsa notte, e la fa saper alle siorie loro illustrissime, che adessadesso la sarà qua col sterzo, in compagnia dell’illustrissimo sior Lelio, a bever la cioccolata da vussustrissime.

PANT. Caro amigo, me fe star zoso el fià. Siora Beatrice e sior Lelio i vien da mi a bever la cioccolata?

BRIGH. Illustrissimo sì.

PANT. Mo no me lustrè altro le tavarnelle; che i vegna, che i xe patroni.

BRIGH. Viva vussignoria illustrissima; sempre galante, sempre gentile. Semper idem. Con permission loro. M’umilio a vussustrissime. Servitor umilissimo de vussustrissime. (parte)

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2005 Èulogos