Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Nino Martoglio
San Giuvanni decullatu

IntraText CT - Lettura del testo

  • ATTO TERZO
    • SCENA III   Mastru Oraziu e detti, poi Don Cicclnu.
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

SCENA III

 

Mastru Oraziu e detti, poi Don Cicclnu.

 

 

Mastru Oraziu

(entrando con un involto) Baciamu li manu, Massaru Caloriu... (a Mastru Austinu) Voscenza benedica, signuri.

 

 

Mastru Austinu

(saluta col capo).

 

 

Massaru Caloriu

Chi purtastuu, 'i scarpi di me' mugghieri?... Sempri all'urtimu mumentu, vui! …

 

 

Mastru Oraziu

(spiegando l'involto) Ca signuri, ppi farici 'na cosa cumpita (mostra le scarpe) 'N paru di scarpi di chisti mancu 'nt' 'o cosaduciaru, 'i trova vossia. M' 'i guarda boni.

 

 

Massaru Caloriu

Ca ju non mi nni 'ntennu (osservandole) Quantu v'haju a dari?

 

 

Mastru Oraziu

Eccu, signuni: 'I scarpi, ppi giusta liggi, valissiru vinti liri, ma ppi essiri vossia, mi nni duna dicerottu ccu 'n pattu ca n' 'o dici a nuddu, m'arraccumannu.

 

 

 

Massaru Caloriu

Briscola! … Accussí autu vi jttastuu?...

 

 

Mastru Austinu

(che ha assistito impaziente al dialogo, osservando) Un mumentu, caru compari, lei  faccia osservari (prende le scarpe e, dopo breve esame, facendo  una sonora risata in faccia a Mastru Oraziu) Vui, signori caru, siti pazzu di catina!

 

 

Mastru Oraziu

Pazzu, sugnu? E pirchí, signuri?...

 

 

Mastru Austinu

Pirchí chisti su' roba di fera, digni di setti liri.

 

 

Mastru Oraziu

E chi ci conosci, voscenza, ca su' roba di fera?

 

 

Mastru Austinu

Chi ci conusciu, dicistuu? … Vegnu e vi servu (posa le scarpe, si leva i guanti e, riprendendo una scarpa sola) Eccu, signori. In primisi, una scarpa fina, per donna, si fa di pelli di caprettu, o tuttu al piú di vitillinu di latti...

 

 

Mastru Oraziu

E chissa chi peddi è? Non è di viteddu?...

 

 

Mastru Austinu

(guardandola sinistramente) Chista?... Chista è d' 'a mamma, d' 'u viteddu!...'Sta tomaia… - già ju vi parru di tomaja comu si vui mi sapissuu sèntiri!... – Tomaia a vui 'sa chi vi pari!... Quarche cosa ca si mangia è veru?... Dunque, parramu in gergu scarpariscu sigilianu, ca è megghiu. 'Sta 'mpigna, carissimu e degnissimu signor calciolaio, è di peddi di jencu turtizzu di chinnici anni, per lo menu; ed è tinciuta cc' 'u vitriolu, senz'aviri il coluri nivoro naturali, tantu è veru ca maniànnula, guardati (gli mostra la mano) 'u nïuru arresta jrita jrita. E è unu! Sicunnariamenti, 'sta sola, lustra comu 'n sacchetta d'ugghiularu, a forza di cira di Spagna, non è martillata, e doppu du' jorna ca si cci camina, nesci 'na lingua ca pari un furmicularu! …

 

 

 

Mastru Oraziu

(lo guarda con tanto d'occhi).

 

 

Mastru Austinu

Di secunna in terza 'st'elastichi su' stramati e su' di terza catiguria, ossia terza qualità, e 'sti mascaretti su' moddi comu 'na tenchia piscata di cent'anni.

 

 

Massaru Caloriu

Ca bonu, si nni senti, vossia!...

 

 

Mastru Austinu

(cattedratico) Un mumentu, signuri!... In ortri, 'sti chianteddi su' vecchi e 'sti punti di 'stu guardiuni su' dati cc' 'u zappuni e no ccu 'a lesina, senza canaletti e ccu lignolu fràcitu! 'Sti suletti d'intra su' di cartuni e non di peddi, com'era di doviri...

 

 

Don Ciccinu

(sulla soglia dell'uscio di camera sua) Papà! …

 

 

Mastru Austinu

(infervorato) Figlio! …

 

 

Don Ciccinu

(irritato) Sintissi 'na cosa!

 

 

Mastru Austinu

(c. s.) Vegnu! (continuando con Mastru Oraziu) Sicutannu: 'sti supiratacchi' su' di sola masca, 'sti àusi su' laschi, 'stu barbanti d' 'i cannola è tagghiatu d'unni 'a peddi è spurtusata e attaccata 'nt' 'o chiovu, ppi custari chiú picca...

 

 

Don Ciccinu

(quasi fuori di sé) Papà, cci dicu!... Vinissi cca, ca di primura, 'u vogghiu! …

 

 

Mastru Austinu

Subitu! (andando, a Mastru Oraziu) Perciò, caru mastru Calciolajo, chisti su' scarpi di setti liri, al massimu!... Scarpi della fera di Francufonti o di Lifuddia!... E quannu lei non sapi fari il Calciolajo, si nni vada a fare il farmacista, e non ci venga a cantari tanti chiacchiri…(entra, tirato violentemente per la giacca, da DonCiccinu).

 

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License