Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Alfabetica    [«  »]
regolato 1
regole 3
reguardava 1
reina 125
reine 1
reintegrata 1
reiterate 1
Frequenza    [«  »]
125 nell'
125 nome
125 prete
125 reina
123 altri
121 quel
118 camera
Giovanni Francesco Straparola
Le piacevoli notti

IntraText - Concordanze

reina

    Libro,  Notte
1 I, I| le care robbe, corse alla reina, e dissele che per la strada 2 I, I| si vedessero giammai. La reina comandò che su in palagio 3 I, I| e venuto in sala, dalla reina non fu conosciuto, perciò 4 I, I| conobbe la figliuola. La reina adunque, veduti i fusi e 5 I, I| riposare, le donzelle con la reina determinorono di dargli 6 I, I| quale nella stanza della reina entrare si poteva. Il mercatante 7 I, I| tacitamente nella camera della reina entrò: e accostatosi al 8 I, I| adocchiato aveva che la reina al lato portava; e gitosene 9 I, I| trista nova al re ed alla reina, i quali, scalci ed in camicia, 10 I, I| sol la vecchia madre e la reina. A cui lo astrologo disse: — 11 I, I| nulla trovandole, chiamò la reina; e presa la guagina che 12 I, I| apertissimo argomento, contro la reina si volse, e dissele: — Ahi 13 I, I| l’animo; e comandò che la reina fusse spogliata e, cosí 14 I, I| supplicio ne sentisse. La reina, che per l’addietro molte 15 I, I| astrologo, intendendo la reina, come colpevole, esser condannata 16 I, I| istessa pena che ora la misera reina patisce. — E cominciando 17 I, I| ed immantinente fece la reina, che era piú morta che viva, 18 I, I| vita sua, ed il re e la reina Doralice per molti anni 19 I, I| Adriatico, ed è chiamata reina di tutte le altre cittá, 20 I, 1| orecchie del re e della reina, inestimabile dolore ne 21 I, 1| ridondasse in vituperio della reina che buona e santa era, il 22 I, 1| tutto moglie voleva. La reina, non sapendo in ciò governarsi, 23 I, 1| bellissima. Questo intendendo, la reina subito mandò a chiamare 24 I, 1| e inlordarsi. Parve alla reina di andar a visitazione della 25 I, 1| agramente ripreso dalla reina, le rispose, lui avere fatto 26 I, 1| sorella; e quantunque per la reina li fusse contraddetto molto, 27 I, 1| avesse. Udendo questo, la reina andò al re e raccontògli 28 I, 1| nella cittá facesse. Ma la reina, che madre gli era e che 29 I, 1| avicinare, fu dal re e dalla reina per l’eccesso commesso villaniggiato 30 I, 1| lo porco ancor tentò la reina di volersi rimaritare e 31 I, 1| villane parole di morte la reina, se per sposa non l’aveva. 32 I, 1| per sposa non l’aveva. La reina, udendo le sozze e vituperevoli 33 I, 1| potente re. Sentendo la reina la grata ed amorevole risposta, 34 I, 1| coricasse appresso lei. La reina le diceva che lo spingesse 35 I, 1| spingerlo, e tai parole alla reina disse:~Tre cose ho giá sentite 36 I, 1| n’andò alla pastura. La reina la mattina andossene alla 37 I, 1| figliuolo. Il che al re e alla reina fu di grandissimo contento, 38 I, 1| disse: — Prudentissima reina, io mi credevo esser accompagnata 39 I, 1| propi non lo vedesse. — La reina pensava che la nuora burlasse; 40 I, 1| erano andati a posare, la reina fece accendere i torchi, 41 I, 1| che vedendo, il re e la reina molto si rallegrorono: e 42 I, 1| allegrezza del re e della reina per lo rinnovato figliuolo, 43 I, 2| fanciulla esser gravida. La reina, non potendo un tanto ignominioso 44 I, 2| ucciso fusse, ma comandò alla reina che fino all’anno allattare 45 I, 2| al tutto morisse. Ma la reina, che prudentissima era, 46 I, 2| successe di ciò che ’l re e la reina pensato avevano. La vecchiarella 47 I, 2| largamente essequito.~Il re e la reina, arricordandosi esser 48 I, 2| ricevettero. Ma il re e la reina, perciò che erano tutti 49 I, 2| il quale al re ed alla reina tanto piacque, che giurorono 50 I, 2| il potesse, voltossi alla reina, che sommamente amava, e 51 I, 2| tolta? — A cui la prudente reina all’improvviso rispose: — 52 I, 2| risposta della sapiente reina; e chiamati a sé Listico 53 I, 2| quello che fu al re e alla reina; perciò che l’uno e l’altro 54 I, 2| sommamente desiderava. La reina, che, come è general 55 I, 2| averlo desiderava molto, alla reina in tal guisa rispose: — 56 I, 2| Ferrandino, fatta chiamare la reina e le altre donne, con esso 57 I, 2| fatto gli avevano, con la reina si partí ed al suo palazzo 58 I, 2| deputato invito, il re, la reina e la matrigna, regalmente 59 I, 2| siniscalco mise il re e la reina ad una tavola alquanto piú 60 I, 2| voltatasi verso il re e la reina, disse: — Signor, acciò 61 I, 3| dopo non molti anni, la reina, di cui il re non aspettava 62 I, 3| furono le tre prime: ma dalla reina non molto ben veduta ed 63 I, 3| Costanza dal re e dalla reina e da tutti tanto amata, 64 I, 3| ramaricava; e questa cosa con la reina sovente conferiva. Ma la 65 I, 3| conferiva. Ma la prudentissima reina, che considerava le virtú 66 I, 3| Laonde il re insieme con la reina chiamò la figliuola; e postisi 67 I, 3| commiato dal re e dalla reina, non senza loro profondissimo 68 I, 3| stupefatto rimaneva. La reina, che di Costanzo gli elegantissimi 69 I, 3| guisa adunque amando la reina Costanzo, niuna altra cosa 70 I, 3| uscivano dalla bocca della reina procedevano non da buon 71 I, 3| presa licenza, si partí. La reina, che ben sapeva che la dura 72 I, 3| muoveva. Il che vedendo, la reina l’ardente e caldo amore 73 I, 3| appresentarlo. Laonde la reina col mezzo loro s’imaginò 74 I, 3| somma giustizia. La falsa reina, che chiaramente sapeva 75 I, 3| molto le parole dell’astuta reina al re: il quale subito fece 76 I, 3| cospetto del re e della reina e delle sue damigelle, appresentolli 77 I, 3| doglia sopra doglia alla reina crebbe, la quale, con sue 78 I, 3| quando innanzi al re e alla reina fosti, che causa ti mosse 79 I, 3| che le damigelle, che alla reina serveno, siano damigelle: 80 I, 3| tutto il popolo, fece la reina con tutti li damigelli arrostire. 81 I, 3| guidardone del ben servire reina rimase, e con Cacco re lungamente 82 I, 3| che ’l tutto regge, che la reina s’ingravidò. Il che fu di 83 I, 3| giorni dimorare: e perciò la reina e li figliuoli, che di lei 84 I, 3| andatosene al suo viaggio, la reina parturí tre figliuoli, duo 85 I, 3| e tutta tre, come la reina quando era poncella al re 86 I, 3| si sapesse novella e la reina in disgrazia del re venisse. 87 I, 3| questo, perché Chiaretta era reina e signoreggiava il tutto, 88 I, 3| Avenne che nel tempo che la reina parturi, nacquero in corte 89 I, 3| ordinò alla comare che alla reina dir dovesse, i fanciulli 90 I, 3| parimenti e le sorelle della reina e la comare se n’andorono 91 I, 3| lei, e dissero: — Vedi, o reina, l’opera del tuo bel parto; 92 I, 3| teneva. Ed avenga che la reina dirottamente piangesse, 93 I, 3| materne. E perché la misera reina era pazientissima, e con 94 I, 3| cadevano.~Mentre che l’infelice reina dimorò in quel puzzolente 95 I, 3| paiono quelli che dalla reina Chiaretta mi furono giá 96 I, 3| fatta trarre la infelice reina del puzzolente luogo, orrevolmente 97 I, 4| rimanessino in custodia della reina; né era giorno che il re 98 I, 4| chiavi della prigione alla reina.~Mentre che il re era alla 99 I, 4| salvatico uomo; — Va dalla reina tua madre; e quando addormentata 100 I, 4| mostruosa a vederlo.~Destata la reina e messa la mano sotto il 101 I, 4| sono stato l’apertore. — La reina, ciò udendo, molto maggiormente 102 I, 4| raccomandate aveva. Laonde la reina, credendo schifare uno picciolo 103 I, 4| cagione. E andatosene alla reina che in camera mesta si stava, 104 I, 4| uomo salvatico fuggisse. La reina con tremante e debole voce 105 I, 4| molto si risentí. Poscia la reina soggiunse che per timore 106 I, 4| sfrenato furore, disse alla reina: — O donna, che pensiero 107 II, 8| l'angelica bellezza della reina, e l'etá del suo marito, 108 II, 8| Udendo le damigelle della reina il mercatante altamente 109 II, 8| donzelle subito corsero alla reina; e dissero: — Signora, quinci 110 II, 8| di preciose gioie. — La reina, bramosa di veder cosí belle 111 II, 8| affettuose parole della reina e dalle larghe promesse 112 II, 8| le nobili sue merci. La reina, che era festevole e baldanzosa, 113 II, 8| amore. Vedute che ebbe la reina molte cose, disse: — Maestro, 114 II, 8| che ogni altra robba. — La reina, intesa la magnifica e generosa 115 II, 8| Il mercatante, vedendo la reina ben disposta e la cosa riuscire 116 II, 8| come di voi stessa. — La reina, udite tai parole, stette 117 II, 8| veduta l'ingordigia della reina, prese la nobil merce, e 118 II, 8| quella le diede in dono. La reina, invaghita della cara e 119 II, 8| di camera, e chiese alla reina la sua mercé in dietro. 120 II, 8| sua mercé in dietro. La reina, questo intendendo, attonita 121 II, 8| convenevole, ristituire. — La reina, decetta dall'astuto mercatante, 122 II, 8| della torre, e lasciata la reina piú con vergogna che con 123 II, 8| nella torre dove dimorava la reina, invece di saluto burlando 124 II, 8| ciò replicò piú volte. La reina, udendo le parole del re, 125 II, 8| raccontasse il tutto. La reina, smarrita, con tremante


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2008. Content in this page is licensed under a Creative Commons License