Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Alfabetica    [«  »]
contenteranno 2
contentezza 3
contenti 7
contento 60
contentò 1
contenuto 1
contenzione 8
Frequenza    [«  »]
62 tosto
61 ivi
61 piedi
60 contento
60 servo
60 teneva
60 tia
Giovanni Francesco Straparola
Le piacevoli notti

IntraText - Concordanze

contento

   Libro,  Notte
1 I | saranno di maggior piacere e contento. State felici, memori di 2 I, I| egli di lei ne rimanesse contento. Né passò l’anno della morte 3 I, I| che egli si vedrá poco contento, e forse egli per alquanti 4 I, I| di ciò voi ne rimarrete contento. — Salardo, che attentamente 5 I, I| tue parole, me ne morrò contento. Fa adunque, figliuol mio, 6 I, I| Fransoe: — Signore, io sono contento che la lunga mia servitú 7 I, I| e perciò disse che era contento che si soprastesse per un’ 8 I, I| penso mai piú viver lieto e contento, poi che in tal maniera 9 I, I| offesa, che di me rimarrai contento. — Ciò detto, il marchese 10 I, I| piacere, e poi me ne morrò contento. —~Desideroso adunque Cassandrino 11 I, I| che il pretore rimanesse contento, s’imaginò di far al prete 12 I, I| a Genese re era di sommo contento; perciò che, quando egli 13 I, I| presa licenza dal re, assai contento d’Inghilterra si partí; 14 I, I| securamente e con maggior contento mi darei piacere e diletto 15 I, I| mani toccare. — Io sono contentodisse Dimitrio, — di far 16 I, I| sorella in moglie. — E non contento di questo, le comandò che 17 I, 1| aveva trovata moglie di suo contento.~Non stette gran spazio 18 I, 1| reina fu di grandissimo contento, e massimamente che non 19 I, 1| nell’amore, terrommi il piú contento e il piú felice uomo che 20 I, 1| prendevano quel trastullo e contento che imaginar si puole. Lascio 21 I, 1| consentire non volse. Non contento di questo, il giovane scolare 22 I, 1| dia ogni giusto e onesto contento; ma quando altrimenti fusse, 23 I, 1| facillima e a me di sommo contento. La grazia che io ti dimando, 24 I, 1| strepito faranno, tanto piú contento ne sarò; e poi lasciate 25 I, 1| oscuro abisso dell’inferno mi contento di stare, che dove ella 26 I, 1| trovò il piú felice e il piú contento uomo del mondo: pensando 27 I, 2| Livoretto, e non vi fu di minor contento di quello che fu al re e 28 I, 2| cosa che sia di piacere e contento. — Il che tutti confirmarono 29 I, 2| ciascuno di loro rimase contento; e di tanta cortesia, quanta 30 I, 2| intendendo, Lucaferro assai contento rimase. E perché Isotta 31 I, 3| giovane che sará di tuo contento. Egli è figliuolo del gran 32 I, 3| scolare, li rispose che era contento: e acciò che la fusse piú 33 I, 3| adunque messer Erminione mal contento per la gelosia che e 34 I, 3| nel suo sangue. Onde non contento di questo, ma di sdegno 35 I, 3| Nerino, — ne sarò molto contento, e vi rimarrò obligato. — 36 I, 4| il piú allegro ed il piú contento uomo che mai la natura creasse; 37 I, 4| della vita tua rimarrai contento. — Guerrino, intesa l’alta 38 I, 4| grandissima allegrezza e contento, perciò che il loro figliuolo 39 I, 4| facende e grandi, io mi contento di queste picciole; e ho 40 II, 5| potrai lodare e chiamar contento. — Sandro, che aveva dell' 41 II, 5| mi trovai tanto lieto e contento, quanto ora mi trovo. — 42 II, 5| farò che vi partirete contento. — Ma dubito di morte, — 43 II, 6| che l'uno e l'altro resti contento. — Vedendo Andolfo il fratello 44 II, 6| pace, che io ne rimarrò contento. E se altrimenti farai, 45 II, 7| E quando il fosse di contento vostro, — disse Sennuccio, — 46 II, 7| faceva. Il che era di molto contento a Dionigi; il quale, quantunque 47 II, 7| sará di maggior utile e contento. State adunque cheto, padre 48 II, 7| tempo della vita vostra contento vi trovarete. — Il medico 49 II, 8| uscio non era rotto. E non contento del forzo della mia moglie, 50 II, 8| Gianotto tuo padre e per contento di questa onorevole brigata, 51 II, 9| del tuo amore, né rimarrò contento sin a tanto ch'io non vegga 52 II, 9| varcar il fiume. — Io ne son contento, — disse Brancaleone; — 53 II, 10| perdono?~Fu di grandissimo contento a tutti la vaga e dolce 54 II, 10| fine l'uno e l'altro rimase contento.~In Piamonte, nel castello 55 II, 10| menatela via, che io ne sono contento. — Tarquinia, innanzi che 56 II, 10| che sarebbe di mio gran contento. — E partitosi del verone, 57 II, 11| della penitenza, rimase contento e pieno di molti doni e 58 II, 12| novella dimostra niuno essere contento della sorte sua. —~ 59 II, 12| qual vi fia di diletto e contento.~In Cesena, nobil città 60 II, 12| il buon e ne rimarrai contento. — Lucilio,—che cosí era


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2008. Content in this page is licensed under a Creative Commons License