Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 266 -


741. AL P. D. ANDREA VILLANI.

L'invita ad un abboccamento per appuntare alcuni lavori apostolici.

Viva Gesù, Maria e Giuseppe!

ARIENZO, 9 FEBBRAIO 1774.

Ricevo due vostre, dove m'incaricate che mandi subito il P. Mancusi a Nocera per dare gli esercizî alla Purità.

Io sto con due appletti di conseguenza. L'uno è il monastero di Frasso, dove si son fatte due fazioni, l'una per la Priora e l'altra per la Vicaria; onde quel monastero è divenuto un inferno di contrasti.


- 267 -


Voleva mandarvi subito il P. Lauria a dar ivi gli esercizî, ma quello si è trovato compromesso per un'altra parte; onde si è appuntato di mandarvelo il primo lunedì di quaresima.

Quello che più m'importa è il monastero di Airola, che anche sta imbrogliato con liti e con fazioni; né ho chi mandarvi, perché non so se il P. Lauria avrà forza di dar gli esercizî dopo quelli di Frasso, mentre mi dice il P. Mancusi che Lauria è fragile di complessione: onde pensavo al P. Mancusi. Pertanto se V. R. potesse portarsi qui, aggiusteremmo questa cosa ed altre di cui parleremmo.

Mi scrivete di destinare il P. Caione a Ceprano; ma il P. Cimino col P. Caione mi scrivono da Roma, ch'io avessi destinato per Superiore a Ceprano il P. [D. Nicola] Grossi col [P. Giuseppe Ma] De Cunctis ch'è bene affetto a' Cepranesi, come già l'ho fatto; ma si potrebbe mutare la destinazione, essendovi il tempo come penso, giacché sento che da alcuni malcontenti si sono mosse alcune contraddizioni in Ceprano. Mi scrive però il P. Cimino che il vescovo di Veroli lavora per noi, per aggiustare, credo, queste turbolenze.

Se venite, aggiusteremo tutte queste cose.

Ricordate a quel Padre che tiene cura della libreria a Nocera che mi mandi; come l'ho scritto, quel libro in 12°, cioè Bossuet, Discorso della Chiesa universa.1

Benedico V. R. e tutti.

Fratello ALFONSO MARIA.

[P. S.] A Sant'Agata, al monastero, mi han cercato almeno per tre giorni il P. Mancusi: bisognerà che lo mandi prima che parta da qui. Ma se Lauria non potrà andare ad Airola, mi è necessario mandarvi il P. Mancusi, perché il monastero di Airola sta in maggior bisogno, come vi ho detto, [di quello] della Purità in Nocera.

Conforme ad un'antica copia.




1 Il titolo e questo: Discorso sopra la storia universale.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos