Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Massime eterne

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 382 -


Meditazione1 per la Domenica - DEL FINE DELL'UOMO

Considera anima mia, come quest'essere che tu hai, te l'ha dato Dio, creandoti a sua immagine, senza tuo merito:2 ti ha adottato per figlio col santo battesimo: ti ha amato più che da padre, e ti ha creato, acciò l'amassi3 e servissi in questa vita, per poi goderlo in eterno in paradiso. Sicché non sei nato, né dei vivere per godere, per farti ricco e potente, per mangiare, per bere e dormire come i bruti, ma sol4 per amare il tuo Dio, e salvarti in eterno. E le cose create te l'ha date il Signore in uso, acciocché t'aiutassero a conseguire il tuo gran fine. O me infelice, che a tutt'altro ho pensato, fuorché5 al mio fine! Padre mio, per amore6 di Gesù fa ch'io cominci una nuova vita, tutta santa e tutta conforme al tuo divino volere.


- 383 -


Considera, come in punto di morte sentirai gran rimorsi, se non hai atteso a servire Dio. Che pena, quando alla fine de' giorni tuoi ti avvederai che non ti resta altro in quell'ora, che un pugno di mosche, di tutte le ricchezze, grandezze, glorie e piaceri! Stupirai, come per vanità e cose da niente hai perduta la grazia di Dio e l'anima tua, senza poter rifare il mal fatto; né vi sarà più tempo da metterti7 nel buon cammino. O disperazione! O tormento! Vedrai allora quanto valga il tempo, ma tardi. Lo vorresti comperare col sangue, ma non potrai.8 O giorno amaro per chi non ha servito ed amato Dio.

Considera, quanto si trascura questo gran fine. Si pensa ad accumulare ricchezze, si pensa a banchettare, a festeggiare, a darsi bel tempo: e Dio non si serve, ed a salvar l'anima non si attende, e 'l fine eterno si tiene per bagattella! E così la maggior parte de' cristiani, banchettando, cantando e sonando se ne va all'inferno. Oh se essi sapessero che vuol dire inferno! O uomo, stenti tanto per dannarti, e nulla vuoi fare per salvarti! Moriva un segretario di Francesco re d'Inghilterra,9 9b e moriva dicendo: Misero me! ho consumato tanta carta per iscrivere le lettere del mio principe, e non ho speso un foglio per ricordarmi de' miei peccati, e farmi una buona confessione! Filippo III re di Spagna dicea10 10b morendo: Oh fossi stato a servire Dio in un deserto, e non fossi stato mai re! Ma che servono allora questi sospiri, questi lamenti? Servono per maggior disperazione. Impara tu a spese d'altri a vivere sollecito di tua salute, se non vuoi cadere nella medesima disperazione. E sappi che quanto fai, dici e pensi fuor del gusto di Dio,11 tutto è perduto. Su via è tempo già di mutar vita. Che vuoi aspettare il punto della morte a disingannarti? alle porte dell'eternità, sulle fauci


- 384 -


dell'inferno, quando non v'è più luogo di emendare l'errore? Dio mio, perdonami.12 Io t'amo sopra ogni cosa. Mi pento d'averti offeso sopra ogni male.

Maria, speranza mia, prega Gesù per me.




1 [10.] Meditazione) Considerazione NPe NG.

 



2 [13.] tuo merito) tuoi meriti NPe NG Cp VR BR.

 



3 [15.] l'amassi) lo amassi NPe.

 



4 [17.] sol) solo NPe.

 



5 [20.] fuorché) fuorche NPe: senz'accento anche dopo.

 



6 [20.] amore) amor NPe NG; Padre mio, per amore di Gesù fa ch'io cominci una nuova vita, tutta santa.... al tuo volere divino) Padre mio, mi pento d'avervi offeso, per amor di Giesù fate ch'io cominci una.... al vostro divino volere NG.



7 [6.] metterti) mettersi VR BR.

 



8 [9.] non potrai) non si può NPe NG Cp.

 



9 [17.] re d'Inghilterra) re di Francia RD.

 



9b [17.] S. LEONARDO DA PORTO MAUR., Prediche quaresimali, pred. XXI; Opere complete, VIII, Roma 1854, 321: «Piangeva il segretario di Francesco I re di Francia, che fu una delle prime teste di quel regno, allorché ridotto all'estremo si avvide, ma tardi si avvide, della sua pazzia in avere impiegato tutto il tempo per gli affari della corte, con poca o niuna applicazione ai più importanti dell'anima, e singhiozzando diceva: Oh me sciagurato, quanto sono stato pazzo! tra le lettere da me scritte, ed altre fatte scrivere in servizio del mio padrone ho consumato più di cento risme di carta; e poi non ho avuto tanto cervello in valermi d'un foglio solo per distendervi sopra una buona confessione generale; ahimé che ora non mi troverei assediato da tante angustie».

 



10 [20.] dicea) diceva NPe.

 



10b [20.] FRANCESCO DELLA CROCE, Disinganni; I, Napoli 1687, 280.

 



11 [24.] fuor del fusto di Dio) fuor del tuo fine NPe NG.



12 [2.] Dio mio, perdonami ecc.) Lume, Padre de' lumi, lume per Giesù-Cristo NPe; Lume, Padre de' lumi per Gesù Cristo NG.

 






Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos