Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Visite al SS. Sacramento

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 341 -


A MARIA

Lasciate ch'io ancora vi chiami, Signora mia dolcissima, col vostro S. Bernardo, Tota ratio spei meae:6 e dica con S. Gio. Damas.: Totam spem meam in te collocavi.7 Voi m'avete da ottenere il perdono de' miei peccati; voi la perseveranza


- 342 -


sino alla morte; voi l'essere liberato dal purgatorio. Quelli che si salvano, tutti per voi ottengono la salute: dunque voi, o Maria, mi avete da salvare. Quem vis salvus erit (S. Bon.).8 Vogliate dunque salvarmi, ed io sarò salvo. Ma voi salvate tutti coloro che v'invocano. Ecco io v'invoco e vi dico:

Giac. O salus te invocantium, salva me. S. Bon.9

Ediz. di Napoli 1758:

Orazione dello stesso S. Anselmo

Soccorreteci, o misericordissima Signora, senza guardare la moltitudine de' nostri peccati. Pensate, che 'l nostro Creatore ha presa carne umana da Voi, non per condannar i peccatori, ma per salvarli. Se non foste Voi stata fatta Madre di Dio che per vostro vantaggio, potrebbe dirsi, che poco Voi vi curaste, che noi siam salvi o dannati; ma Dio s'è vestito di vostra carne per vostra salute, e per quella di tutti gli uomini. Che ci servirà, che siate sì potente, e sì gloriosa, se non ci rendete partecipi di vostra felicità? Aiutateci e proteggeteci, sapete qual bisogno abbiamo della vostra assistenza. Noi ci raccomandiamo a Voi, fate, che non ci danniamo, ma che serviamo ed amiamo eternamente il vostro Figliuolo Gesù Cristo.10

Giac. O Maria, Voi ci avete da salvare.




6 S. BERNARDUS, Sermo de aquaeductu, n. 7. ML 183-441.



7 «O Ioachim et Annae filia et domina, orationem suscipe servi peccatoris, qui te tamen ardenter amat colitque, teque solam gaudii spem habt et vitae praesidem, nec non apud Filium pecatricem, ac certam salutis arrham... Vitam meam fauste guberna, ut ad caelestem beatitatem per te ducar.» S. IOANES DAMASCENUS, In Nativitatem B. V. M., Tom. 1, n. 12. ML 96-679.

8 «Quem vis, ipse salvus erit: et a quo avertis vultum tuum, vadit in interitum.» Psalterium maius B. M. V.;  Canticum instar illius Habacuc. Inter Opera S. Bonaventuae (Romae, Moguntiae), Lugduni, 1668, VI, pag. 492 (non già 480).



9 «Tu salus te invocantium, portus naufragantium, miserorum solatium, pereuntium refugium.» Canticum instar illius qui adscribitur Ambrosio et Augustino. IBID.



10 «Subveni (ergo) nobis, Domina, (et) non considerata peccatorum nostrorum multitudine, (velle tuum ad miserendum nobis inflecte). Cogita, quaeso, et recogita apud te quia  non ad damnandum, sed ad salvandum peccatorem Conditor noster ex te factus est homo... An... utrum pereamus... non curabis...? Et hoc quidem fortassis aliquo modo, bona Domina, dici posset, si pro tui solius exaltatione et salute mater Dei facta fuisses. Sed utique Deus, qui hominem assumpsit ex tua castissima carne, hoc fecit pro tua et nostra communi salute. SI ergo, quae plena salute es potitia, non intendis ut eadem salus pro modulo nostro etiam ad nos usque pertingat... quae pro totius mundi salvatione meruisti fieri mater Altissimi, cum nos postposueris... quid, quaeso, prodeerit nobis tua gloriosa et felix exaltatio...? ... Eo nos propensiori studio iuva, precamur, et fove, quo in faecibus mundi natos et alitos potiori levamine prospicis indigere... Tibi ergo nos commendamus: tu procura ne pereamus, effice potius ut (salus nostra de die in diem multiplicetur, et) Filio tuo Domino nostro Iesu Christo vita nostra iugi devotione famuletur.» EADMERUS, Cantuariensis monachus, Liber de excellentia Virginis Mariae, cap. 12. ML 159-579, 580.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos