Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Canzoncine spirituali

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 261 -


A Maria nostra Speranza.

 

O bella mia Speranza,

Dolce Amor mio, Maria,

Tu sei la Vita mia,

La Pace mia sei Tu.

 

Quando ti chiamo, o penso

A Te, Maria, mi sento

Tal gaudio e tal contento1,

Che mi rapisce il cor.

 

Se mai pensier molesto2

Viene a turbar la mente,

Sen fugge allor che sente

Il Nome tuo chiamar.

 

In questo mar del mondo

Tu sei l'amica Stella,

Che puoi la navicella

Dell'alma mia salvar.

 

Sotto del tuo bel manto,

Amata mia Signora,

Vivere voglio, e ancora

Spero morire un .

 

Che se mi tocca in sorte

Finir la vita mia


- 262 -


Amando Te, Maria,

Mi tocca il Cielo ancor.

 

Stendi le tue catene

E m'incatena il core,

Che prigionier d'amore

Fedele a Te sarò.

 

Sicché il mio cor, Maria3,

È tuo, non è più mio;

Prendilo e dallo a Dio,

Ch'io non lo voglio più.

 




1 [7.] «Tal gioia e tal contento» («Glorie di Maria» Ed. I, 1750, Pellecchia).



2 [9.] «Se mai pensier funesto» (Sarn. «Via facile del Paradiso» 1737).

3 [29.] «Dunque il mio cor, Maria» (Sarn. «Via facile del Paradiso» 1737; «Gl. di M.» 1750).






Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos