Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Canzoncine spirituali

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 304 -


S. Giuseppe che parla a Gesù.

Giacché Tu vuoi chiamarmi padre,

Lascia che Figlio ti chiami anch'io.

Mio Figlio, io t'amo, t'amo, mio Dio;

Sì t'amo e sempre io t'amerò.


- 305 -


Come mio Dio, umil t'adoro!

Ma come Figlio fa ch'io t'abbracci,

Fa che per sempre con dolci lacci

Teco legato resti il mio cor1.

 

Poiché di farmi degnato sei

Aio e custode della tua Vita,

Dolce Amor mio, Bontà infinita,

Dimmi che brami, che vuoi da me?

 

Tutto qual sono a Te mi dono2:

Tutto consacro a Te il mio amore:

No che più mio non è il mio core,

La vita mia più mia non è.

 

Mentre cortese in questa terra

Esser Tu vuoi compagno mio,

Ben, mio Signore, sperar degg'io

Che tuo compagno mi vuoi nel Ciel.

 




1 [8.] «Teco ligato resti il mio cor» («Novena del Natale» Napoli, 1758, Pellecchia).



2 [13.] «Tutto consagro, a te mi dono» («Novena del Natale» 1779, Bassano).






Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos