Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Alfabetica    [«  »]
dicessi 1
diceste 1
diceua 2
diceva 124
dicevan 6
dicevano 12
dicevate 2
Frequenza    [«  »]
125 male
125 meno
124 andare
124 diceva
123 maniera
123 tutt'
122 dice
Alessandro Manzoni
I promessi sposi

IntraText - Concordanze

diceva
corrige!it
sistema esperto ortografico
Il servizio automatico di controllo finale che verifica ogni parola nel contesto
e trova erri in visi bili ai norma li con troll i orto grafi ci

Provalo sui tuoi documenti. Gratis

    Capitolo
1 I | questo luogo né altrove. Diceva tranquillamente il suo ufizio, 2 I | raddirizzar le gambe ai cani; diceva anche severamente, ch'era 3 I | le si erano offerti, come diceva lei, o per non aver mai 4 II | giovanetto ignorante. "Vedremo, - diceva tra sé: - egli pensa alla 5 III | con chiacchiere, com'ella diceva, non punto belle; ma essa, 6 III | sghignazzava, e don Rodrigo diceva: vedremo, vedremo. - Per 7 III | appunto mentre la donna diceva: - date qui, e andate innanzi -. 8 IV | restassero serviti (così si diceva allora) di venir da lui, 9 V | tutto ciò che si faceva o si diceva in onore del conte duca, 10 V | insieme. - Non c'è carestia, - diceva uno: - sono gl'incettatori...~- 11 V | incettatori...~- E i fornai, - diceva un altro: - che nascondono 12 VI | capo a tre giorni.~Agnese diceva il vero, e riguardo alla 13 VI | sinistra, con un viso che diceva: mi fai torto.~- Ma, se 14 VI | queste vostre ragioni, - diceva: - ma vedo che, per far 15 VII | per un certo servizio, - diceva. Avutolo, lo condusse nella 16 VII | senza contar la mancia, - diceva uno de' malandrini, - se, 17 VIII | Renzo, con voce fioca, e diceva, pregando: - andiamo, andiamo, 18 VIII | per ravviare il cicalìo, diceva: - sicuro: adesso capisco: 19 VIII | sentito...~- A casa, a casa, - diceva Renzo, - prima che venga 20 VIII | tentennava la testa. Mentre diceva stentatamente quelle parole, " 21 IX | sei una ragazzina, - le si diceva: - queste maniere non ti 22 IX | facilità, - ehi! ehi! - le diceva; - non è questo il fare 23 X | incominciati. Se qualcheduna diceva una parola sul cicalìo della 24 XI | fastidiosi. - Di belle ciarle, - diceva, - faranno questi mascalzoni, 25 XII | moltitudine male e ben vestita. Si diceva di sicuro dov'erano i magazzini, 26 XII | radunarono, o come qui si diceva spagnolescamente nel gergo 27 XII | possa riprender fiato, - diceva agli alabardieri: - ma non 28 XII | venivan di giù. Quello poi che diceva di vedere, era un gran lavorare 29 XII | questo non serve a nulla, - diceva un altro: - è un buco nell' 30 XII | Parole da non ripetersi diceva, con la schiuma alla bocca, 31 XII | cinque figliuoli -. Così diceva uno che veniva barcollando 32 XII | per fargli largo.~- Io? - diceva un altro, quasi sottovoce, 33 XII | Son tutti birboni, - diceva un vicino.~- Sì; ma il capo 34 XII | trattar noi.~- Pane eh? - diceva uno che cercava d'andar 35 XII | voleva tornare indietro, chi diceva: - avanti, avanti -. C'era 36 XIII | castello, che allora si diceva di porta Giovia; il quale 37 XIII | quattro gran chiodi, con che diceva di volere attaccare il vicario 38 XIII | mandava un gran soffio, e diceva tra sé: "por mi vida' que 39 XIII | verso il cocchiere, gli diceva in fretta: - adelante' Pedro' 40 XIII | un poco. - Di grazia, - diceva anche lui, - signori miei, 41 XIII | venite pure avanti, - diceva più d'uno al cocchiere, 42 XIII | ospite. - Presto, presto, - diceva lui: - aprite bene, ch'io 43 XIII | signori, un momento, - diceva poi ancora a quelli di dentro: - 44 XIII | presto.~- Presto, presto, - diceva anche Ferrer di dentro, 45 XIII | facendogli coraggio tuttavia; ma diceva intanto tra sé: "aqui està 46 XIII | voglio più impicciarmene, - diceva il vicario: - me ne chiamo 47 XIV | vicario; chi, sghignazzando, diceva: - non abbiate paura, che 48 XIV | occhi: ora, questa grida diceva proprio le cose giuste per 49 XIV | però i critici. - Eh sì, - diceva uno: - dar retta a' montanari: 50 XIV | cortesia.~- Di che cosa? - diceva colui: - una mano lava l' 51 XV | buffone; va' a letto, - diceva l'oste.~Ma Renzo continuava 52 XV | a freno con gli occhi, e diceva intanto tra sé: "se tu arrivi 53 XV | parole, - abbiate pazienza, - diceva: - fanno il loro dovere. 54 XVI | de' fatti suoi.~- Ma! - diceva uno: - questa volta par 55 XVI | andato a Milano stamattina, - diceva un altro.~- Se vai domani, 56 XVIII | lettera del cugino, la quale diceva che la trama era ben avviata. 57 XVIII | La vedremo, la vedremo, - diceva il conte zio, seguitando 58 XIX | equivaleva a esser, come si diceva altre volte, tisico in terzo 59 XX | sentì uno di que' due, che diceva: - ecco una buona giovine 60 XX | svenne.~- Su, su, coraggio, - diceva il Nibbio. - Coraggio, coraggio, - 61 XX | dinanzi alle labbra, - oh - diceva: - per l'amor di Dio, e 62 XXI | sportello, guardando Lucia, diceva: - venite, la mia giovine; 63 XXI | Coraggio, coraggio, - diceva la vecchia: - se ve lo dice 64 XXII | strettamente necessario. Diceva, come tutti dicono, che 65 XXIII | un'occhiata pietosa che diceva: sono nelle vostre mani: 66 XXIV | che vi chiede perdono? - diceva la buona donna all'orecchio 67 XXIV | possiamo andar presto, - le diceva don Abbondio. Lucia alzò 68 XXIV | rispose con uno sguardo che diceva di sì, tanto chiaro come 69 XXIV | misericordia davvero! - diceva la buona donna: - dev'essere 70 XXIV | precipizio. "Anche tu, - diceva tra sé alla bestia, - hai 71 XXIV | giorno in cui, com'essa diceva, non c'era il gatto nel 72 XXIV | davanti all'altare, - diceva, - un signore di quella 73 XXIV | che aveva in testa... - diceva una bambinetta.~- Sta' zitta. 74 XXIV | saprebbero ripeter le parole che diceva: sì; non ne ripescherebbero 75 XXIV | ma! ma! - Federigo gli diceva: - lasciateli fare, - e 76 XXV | Dunque non sa niente, - diceva tra sé: - Agnese è stata 77 XXV | stornare quel discorso; o diceva, in termini generali, di 78 XXV | Sai perché ti par così? - diceva Agnese: - perché hai tanto 79 XXV | in quell'occasione, si diceva della giovine, le venne 80 XXV | buon fine. Giacché, come diceva spesso agli altri e a se 81 XXV | particolare: - tutto, - diceva con gli altri della famiglia, - 82 XXVI | Ecco come vanno le cose, - diceva ancora tra sé don Abbondio: - 83 XXVI | la risposta in cui gli si diceva che non s'era potuto trovar 84 XXVI | raccontata una, veniva uno e le diceva che non era vero nulla; 85 XXVII | di quella persona (così diceva); e qui rendeva ragione 86 XXVII | parlargliene spesso. - Ebbene? - le diceva: - non ci pensiam più a 87 XXVII | delle giovani, le quali, diceva, - quando hanno nel cuore 88 XXVII | in bene; avrebbe voluto, diceva, che fosse presente qualcheduno 89 XXVII | scrivere. - La s'ingegni, - diceva in que' casi; - faccia da 90 XXVII | Alcabizio, per mera ostinazione, diceva don Ferrante; il quale, 91 XXVII | Aristotile, il quale, come diceva lui, non è né antico né 92 XXVII | non buttar via il tempo, diceva; né comprarle, per non buttar 93 XXVII | Ma cos'è mai la storia, diceva spesso don Ferrante, senza 94 XXVII | fiorentino; mariolo sì, diceva don Ferrante, ma profondo: 95 XXVII | Giovanni Botero; galantuomo sì, diceva pure, ma acuto. Ma, poco 96 XXVII | opere di que' due matadori, diceva don Ferrante; il libro in 97 XXIX | peso e dalla burrasca, si diceva che pericolassero ogni momento. 98 XXIX | Oh che gente!~Ma a chi diceva queste cose? Ad uomini che 99 XXIX | guardare in su; qualcheduno diceva: - eh messere! faccia anche 100 XXIX | guerra. - Bisognerebbe, - diceva, - che fossero qui que' 101 XXIX | ci verranno a aiutare, - diceva Perpetua. - Codeste, mi 102 XXIX | cardinale. - Grand'uomo! - diceva; - grand'uomo! Peccato che 103 XXX | altro che venir lassù, - diceva Perpetua: - anche loro devono 104 XXX | loro.~"Tra due fuochi, - diceva tra sé don Abbondio: - proprio 105 XXX | contando que' nuovi ruspi, diceva tra sé: "son caduta in piedi; 106 XXX | nulla di queste cose, - diceva. - Quante volte ve lo devo 107 XXXII | disordinati del morbo. Si diceva composto, quel veleno, di 108 XXXIII | ammazzar quell'infame, - diceva quindi ai monatti, - e poi 109 XXXIII | Sta' buono, sta' buono, - diceva allo sventurato Rodrigo 110 XXXIII | parole.~- Tienlo forte, - diceva l'altro monatto: - è fuor 111 XXXIII | ci hanno da andare, - gli diceva, - ci anderanno anche senza 112 XXXIV | tutt'altra voglia, come diceva poi, quando raccontava la 113 XXXIV | polveri venefiche che si diceva esser spesso buttate da 114 XXXVI | voce!... - Paura di che? - diceva quella voce soave: - abbiam 115 XXXVII | medesimo, a questo punto, diceva che, di quella notte, non 116 XXXVII | padroni, e di fare, come diceva, un atto del suo dovere, 117 XXXVII | concatenazione.~- In rerum natura, - diceva, - non ci son che due generi 118 XXXVII | troppo la vera cagione, - diceva; - e son costretti a riconoscerla 119 XXXVIII| dolor di capo, per cui mi diceva di non poterci maritare? 120 XXXVIII| frasca. - Bisognerebbe, - diceva, - poter far levare quella 121 XXXVIII| attestato di ciò che la fama diceva di lui: aperto, cortese, 122 XXXVIII| istrumento in regola.~"Ah! - diceva poi tra sé don Abbondio, 123 XXXVIII| giorni di seguito, subito diceva: - eh già, in questo paese! - 124 XXXVIII| avvenire. - Ho imparato, - diceva, - a non mettermi ne' tumulti:


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License