0-accor | accos-amass | amat-asper | aspet-beltr | belze-casti | casto-compr | compu-corri | corro-dicat | dicea-dormi | dorno-facen | facer-gebid | gebit-immag | imman-infra | infre-ispir | isple-malau | malav-mostr | motas-oscur | osera-piega | piegh-profi | profl-refiz | refra-rinch | rinco-salis | salit-sees | sega-sopra | sopre-strof | strom-traev | traff-venut | verac-«sovr
                                           grassetto = Testo principale
                                           grigio = Testo di commento

10061   I1910    1,   18,   VI - 638      |         il quale coepit facere et docere 85 . Per mezzo
10062   I1912   10      ,   VI - 685(36)  |         ut et alii ¶ id facerent atque obligationibus
10063   Vmeco  III- 294                   | che dando loro la morte facesseli entrare con Cristo in
facessimo
10065   CfrMo  II2- 265                   |    era donna spigliata, faceta ¶ nei modi, eloquente
10066   I1883   21,   VI -  52            |       Talvolta il corpo facevamisi così leggero che più non
facevamo
10068   CfrMo  II2- 269                   |   acquisto del paradiso facevanla tormentare. Il ¶
10069   1Apio  II1-  78                   |     campo degli assiri. Facevanle largo i soldati e l'
10070   3PaMa    I- 168                   |  ai ¶ nemici, di subito facevanli cadere vinti e confusi.~ ~
facevate
10072   CanSu  II2- 301                   |  brame del suo cuore si facevono più vive, dimagrava
10073   3OrFr  II2- 239                   |  Jesu Christi Filii tui facias nos esse ¶ consortes243.~ ~ ~ ~
10074   3OrFr  II2- 243                   |   fortitudinis.~ ~ R/ A facie inimici.~ ~ V/ Nihil
10075   I1912   11      ,   VI - 686(39)  |   et poenitentias alias faciendo occasione ¶ novendialium
10076   I1883   30,   VI -  83(319)       |          Originale: di /facil‹...›
10077   3PaAn    I- 782                   | più facili a biasimare, facilissimi a calunniare perfino?...~ ~
10078   I1875            ,   VI - 820     |            di interessi facilitando circolazione e scambio
10079  II1911   IV- 686                   |    inconvenienti e si ¶ facilitano le occupazioni e si
10080 III1910   IV-1257                   |   vi si frappongono, di facilitarlo specialmente tra i
10081   1PaAn    I- 180                   |       ispirazione viene facilitata tenendo presente che
10082   Vmeco  III- 321                   |  trono dice: "Ecce nova facio ¶ omnia"100. Qui son
10083   I1894    1,    IV- 159            |   qui ¶ diligentibus te facis cuncta prodesse, da
10084   I1912   45,   VI -1003            |   del canonico, persona facoltosa. 2. Esposi l’idea dei
10085   I1888    4      ,   VI - 202(20)  |          spigliata e /e faconda, ma siffattamente che
10086   I1912   18      ,   VI - 697(57)  |  pro Serva Dei moriente factas fuisse » (f. 951v
10087   3Apio  II1- 930                   |      <nel>la morte ipso facto".~ ~ Rispetto all'arte
10088   3Apio  II1- 793                   |    che mormorava: "Homo factus est". San Pio arrossò e ¶
10089   CLAPe  II2- 496(36)               |        Originale: monte Faello. Nel ¶ 1673 erano; cfr.
10090 III1899   IV-1092                   |  farina di ¶ patate, di fagioli e cereali, che sono
10091   Svegl  III- 696                   |   richiese un piatto di fagiuoli e per ¶ sì poco vendette
10092   Gpont  II1-1098                   |       di ¶ Cagliero, di Fagnano, di Costamagna, di
10093   I1889   11,   VI - 306(196)       |           adoperano /il falciatore a doppio
10094   I1889   11,   VI - 306            |   con due taglienti, la falciola, le forbici, la sega, il
10095   I1888   27      ,   VI - 247      |  le sue feste e novene. Falle qualche ossequio di
10096   1PaAn    I- 245                   |   ci comanda perché non falliamo.~ ~ 2. Negli uomini di
10097   1Friv  III- 860                   |         nelle campagne, fallimenti e tanti altri mali
10098   Gpont  II1-1065                   |        del filosofo non fallò. Nel 1817 la stessa
10099   3Apio  II1- 523                   |   osservarla, bisognerà falsare la ¶ disciplina della
10100   PAS86  III-1052                   |      sode e finisce con falsarne il giudizio". Le
10101   ITSac    I- 904                   |   Di poi la scellerata, falsificando il ¶ senso delle Sacre
10102   MFerv    I-1215                   |         eppure ¶ che ne falsificano le massime e gli esempi.
10103   2PaAn    I- 600                   |    massimo dei rigori i falsificatori delle monete. Molto più ¶
10104   I1907    9,   VI - 460            | mostrava so­prat‹t›utto famelica della divina parola 59 .
10105   PAS86  III-1045                   |     cupidità. Sono esse fameliche perché fu ¶ loro tolto
10106   SAFam  III-   6                   | delle società cotantofamigerate dei così detti carbonari
10107   2Apio  II1- 190                   |      sede di Nicomedia, famigliarissimo agli imperatori ¶
10108  I1891b    1,    3,   VI - 391      |                III. ‹In famiglia› 8 ~ Andando 9 dinanzi
10109   2PaAn    I- 542                   |     deve essere un buon famiglio. Riguardi fuori del
10110   4Croc  II2- 444                   |  carità in mezzo ad una famigliuola derelitta e inferma! ¶
10111   3OrFr  II2- 235                   |    humilem et ¶ devotam familiam tuam, hic hodie in tuo
10112   Gpont  II1-1068                   |    soscrivere i quattro famosi articoli organici nella
10113   I1894    1,    IV- 156            |  cordibus infudisti, da famulae tuae pro ¶ qua tuam
10114   Gpont  II1- 957                   |        iv e Sisto v dal famulato o dal campo. In questo è
10115   3OrFr  II2- 244                   |         ut nos et omnes famulos tuos, quos ¶ delictorum
10116   3Apio  II1- 722                   |    Glacida: "Accostati, fanatica e strega. Accostatevi
10117   9Ferv  II2- 342                   | sul prato dei trastulli fanciulleschi ¶ per essere un giorno
10118  II1911   IV- 556                   |       eravate bambine e fanciullette, il ¶ migliore bene che
10119   1Apio  II1-  17                   |        Alla campagna il fanello e la ¶ capinera ci
10120   I1910   15,    1,   VI - 569      |          le due sorelle Fanetti ‹perché› scegliessero
10121   I1910   10      ,   VI - 556      | di Gualdera ovvero ai ¶ Fanghi di Fraciscio per
10122   I1883   45,   VI - 121            |         divenga inoltre fangosa, perché è nel fango vile
10123   Apadr  III- 158                   |  medesimo dei cinghiali fangosi e così impara tu a star ¶
10124   1PaAn    I- 276                   |        similitudine. Un fan<n>ullone della ¶ piazza possedeva
10125   I1887     ,   VI - 180            | dessa? ». Intanto mille fantasmi 118 gli s’affacciano
10126   SILou    I-1064                   |        ella è certo una fantastica pazza... un'illusa...
10127   2PaAn    I- 511                   |            nella virtù. Fantastici e leggeri come fanciulli
10128   Vmeco  III- 289                   |         un servo ed una fantesca vennero a dirgli: "Anche
10129   I1913   14,   VI - 768            |    non  ./. siamo che i fantocci ovvero i burattini in
10130   50Rmi  III-1101                   |    e non fatelo come un fantoccio da teatrino che ¶ si
10131   2PaAn    I- 421                   |    nome Anna, figlia di Fanuele della tribù di ¶ Aser.
10132   MeMus  III- 804(9)                |      1523; ¶ cfr. Mario Fara, Gian Giacomo Medici
10133   CLAPe  II2- 532(104)              |              Originale: faralla
10134   Vmeco  III- 400                   |       liberollo Dio dal Faraon d'Egitto e <gli> fece ¶
10135   IlMon  III-1021                   |  L'edizione seconda poi farassi con miglioria ¶ di carta
10136   2Apio  II1- 399                   |     di ¶ Aquileia, ed a Fardolfo, perché con fedeltà
10137   3OrFr  II2- 225                   |      per quella parte o farglieneprudentemente la
10138   2PaAn    I- 410                   | nel ¶ firmamento, quasi fari di luce nel mare della
10139   1Cagr  II2- 406                   |     di ortaggi od una ¶ farinata, e poi sorgeva al
10140   3Apio  II1- 797                   |      la "giornata delle farine". Un ¶ gesuita salva
10141   4Croc  II2- 439                   | come oggidì l'ipocrisia farisaica di scorgere se una
10142  II1913   IV- 771(13)               |          Stabilimentofarmaceutico, fondato nel 1862 a
10143   3PaAn    I- 745                   |     Costui io non vo' ¶ farmelo maggiormente avversario,
10144   I1883    6,   VI -  20            |  come Cesare che, vinto Farnace, re di Ponto, cinque 
10145   2PaAn    I- 511                   |            Non sapevano farsela con i fanciulletti, che
10146   3PaAn    I- 672                   | cercò smisuratamente di farselo proprio, di aumentarlo,
10147   1PaMa    I-  19                   |   è vero che tu godi in fartelo venir dietro prima di
10148   2PaMa    I-  74                   |        validissimo. Per farvelo intendere come pugnasse
10149   I1912    8      ,   VI - 681(32)  | praeterea, quantum illi fas erat [...] ordinem
10150   PAS86  III-1028(1)                |    pp. I-XL premesse al fasc. 850, 10 ¶ novembre 1885
10151   I1913   14,   VI - 769            |     a Colico con un bel fascetto di mille lire e le dava
10152   1Friv  III- 835                   |  altare ed i camici per fasciarli, i calici per dar loro a
10153   FIPop  II2-  89                   |        ma con le manifasciate in segno di pudore. Le
10154   SILou    I-1098                   |      la giovane Antonia Fascinato ¶ d'anni 21, ascritta
10155   1PaAn    I- 338                   |       le piaghe, gliele fasciò, e adagiatolo sul suo
10156   3PaAn    I- 616                   |    paglia sterile, pula fastidiosa e abbominevole.~ ~ 6.
10157  II1911   IV- 544                   | d'animo; riescono anche fastidiose per tanti loro difetti
10158   Asant  III- 247                   |       intorno con ecofastidiosissimo. Povero me! Pongo la
10159   3Apio  II1- 603                   |      si assumeva titoli fastosi, lo umiliò con fargli
10160   Gpont  II1-1029                   |         Milton educò al fatalismo.~ ~ Luigi xiv non poneva
10161   3Apio  II1- 812                   |       Milton, ¶ ariano, fatalista, descrive nel Paradiso
10162   I1883   16,   VI -  44(154)       |     e san‹ta›/ Teresa, /fatecela
10163   FIPop  II2- 108                   |     selvaggio o pagano, fateglielo incontrare tale <che>
10164  II1913   IV- 795                   |     a ¶ mensa con voi e fatevelo vostro, perché questi è
10165   3Apio  II1- 810                   |      dire: "Per 17 anni faticai intorno a preti e
10166   Mfior    I- 999                   |   aiuto, pregandoli ¶ a faticarsi quando in questo, quando
10167   3PaAn    I- 732                   | che è ¶ in terra e dove faticasi, ovvero che si intende
10168   1PaAn    I- 374                   |        il ¶ paradiso si faticasse almeno tanto! Ma
10169   CanSu  II2- 288                   |   di male e ¶ dopo aver faticata una giornata intiera da
10170   2PaAn    I- 572                   |   vostro, noi ci saremo faticati indarno". Questa
10171   I1889    1,   VI - 271            |   uomo e del ­cristiano faticherà meno per dare onore a
10172   I1888    5      ,   VI - 205      |   giorno e di notte. Tu faticherai, ma ti conforta il ¶
10173   FIPop  II2-  83                   |   Volgono vent'anni che fatico in ¶ questa missione.
10174   3Apio  II1- 607                   | Nella sera di un giorno faticosissimo il Signore degli ¶
10175   I1912    3,    1,   VI - 651      |   chiamate per l’accusa fattaci di infliggere dolori e
10176   I1912    2,   VI - 969            |    certa mortificazione fattagli, ¶ padre Beccaro mi
10177   3Apio  II1- 888                   |  aderisce alle proposte fattegli, tutta Italia sarà mia
10178   I1912   16,    1,   VI - 694      |     che rispondono alle fattemi domande 52 : del dono
10179   SAFam  III-  44                   |           Ne è prova il fatterello addotto e lo confermano
10180   I1912   24,   VI - 988            | e un tavolo rudimentali fattimi da ¶ Domenico con dei
10181   I1875            ,   VI - 818     |            dietro esame fattone, al manoscritto che,
10182   ASGot  II2-  30                   |        l'abito sacro e, fattoseloaccostare, con
10183   2Apio  II1- 406                   |             Una giovane fattucchiera gli ¶ disse: “Se tu
10184   2Apio  II1- 496                   | si diè tosto a sbandire fattuc<c>hieri, indovini, rimestatori
10185   SchMi  III- 781                   | l'Armeno72 credeva alle fattucchierie. ¶ Certa strega gli si
10186 III1899   IV-1055                   |      nell'arte.~ ~m) Le fatture o le riparazioni di
10187   ITSac    I- 850                   |   sono come quei fuochi fatui che sembrano ¶
10188   3Apio  II1- 907(645)              |              Originale: Fauchè, ripetuto nel paragrafo
10189   SILou    I-1087                   |    disse il missionario Faurnu: Sul magnifico messale
10190   3Apio  II1- 734(345)              |              Originale: Faust; cfr. Rohrbacher XI, p.
10191   1Cagr  II2- 423                   |     dei santi martiriFaustino e Giovita ed ella
10192   SAFam  III-  54                   | altro capo del mondo la faustissimanovella e ne
10193   SAFam  III-  51                   |  perché lui ¶ solo, nel faustissimo giorno del 16 giugno di
10194   I1912    5,    2,   VI - 669      |             essa era la fautrice e la ¶ direttrice; tra i
10195   1PaAn    I- 282                   |       ma apertamente vi favellerò intorno al Padre. In
10196   I1913   15,   VI - 776            |  che non è compresa. La Faverio che dalla sua abitazione
10197   I1889    4,   VI - 281            |    nei campi, una cifra favolosa di chilogrammi 87 di
10198 III1899   IV-1062                   |        Per impiantare e favoreggiare le arti e le industrie
10199   3Apio  II1- 691                   |      alcuni ¶ pontefici favoreggiati dal potere civile
10200   2Apio  II1- 361                   |        e di Tommaso ii, favoreggiatore di lui.~ ~ 8. Un Marone,
10201   3Apio  II1- 911                   | Oxford e ¶ di Cambridge favoreggiavano  ./. molto il
10202   3Apio  II1- 921                   |   1848, ma il ministero favoreggiò le massime ¶ della
10203   I1893   16,    IV- 100            |     diligentemente che, favorendo la divina grazia, dalle ¶
10204   3Apio  II1- 740                   |      e amorevole, che ¶ favorendola nelle sue brame più vive
10205   2Apio  II1- 149                   |    alfinediceva: “Se favoriamo il culto del Galileo,
10206   SNA89  III-1156                   |       ed egli penserà a favorirci.~ ~ 15. Chi vuol esimere
10207   I1907   14,   VI - 471            |  impedite di giorno, ci favorireste la chiave ¶ per
10208   I1883    5,   VI -  17            |   monache e inclinava a favorirla. Ma i tumulti ¶
10209   I1912   17,   VI - 979            |        non coscienzioso favorirle), perché si attirano
10210   I1913    9,   VI - 732            |  provvidenza che vedeva favorirlo. Non conosceva
10211  II1913   IV- 839(4)                |  minorati psichici, per favorirne la promozione umana
10212   I1912   16,   VI - 977            | può dare. Mi dice: « Se favorisco tutti, son troppi; se
10213   3Apio  II1- 682                   | Amato Ronconi, il beato Fazio da Verona227 e più ¶
10214   2Apio  II1- 396                   |  sediziosi tumulti, una fazion di scellerati posero le
10215 III1899   IV-1009(21)               |      de ¶ nuestra santa Fe (1605), opera che ebbe
10216   I1889   10,   VI - 300(175)       |       Originale: terra /fe‹...›
10217   CLAPe  II2- 515                   | era infuocato da ardori febbrili dentro e fuori. Aveva ¶
10218   I1889    4,   VI - 280            |   Fiandra 78 le materie fecali sono l’oggetto di un
10219   I1889    9,   VI - 298            | di impedire i sedimenti fecciosi. Ma in generale pochi
10220   CLAPe  II2- 523                   |   gavazzano in tripudio feccioso.~ ~ Scorgevalo assai
10221   I1910   15      ,   VI - 569(27)  |       quoque offerentum fecerit; an in talibus dicendis
10222   3OrFr  II2- 236                   |         ipsos approbare fecisti, ¶ immensam tuae
10223   1Apio  II1-  12(17)               |   steli separati […] La fecondazione si ¶ opera per mezzo d’
10224 III1915   IV-1410                   | e il Signore benedirà e feconderà l'opera nostra.~ ~Il
10225   PAS86  III-1071                   |         facile all'uso, fecondissima per utilità".~ ~ 5. ¶
10226   CLAPe  II2- 488                   |  antica cappella di San Fedelino al pozzo Modrone, ivi
10227   RAS86  III-1081                   |      a te ridono~ ~di ¶ fedeltade in pegno.~ ~A te si ¶
10228   Gpont  II1-1074                   |    invitare l'Assemblea federale a rivedere la
10229  II1913   IV- 787                   |  come voi son diventate fedifraghe, hanno ¶ fatto scisma
10230   3Apio  II1- 716(314)              |  polmoni e quale il suo fegato
10231   2Apio  II1- 290                   | suo ¶ carro il vinto re Feleteo222, al quale fu poi
10232   ASGot  II2-  37(14)               |   mysterium MXXII [...] felicis memoriae Bernwardus,
10233   2Apio  II1- 496                   |    cristiano. Vengo per felicitarvi ¶ tutti”.~ ~ I grandi
10234   3OrFr  II2- 242                   |      omnibus cumulatus, felicitatem et vitam consequatur ¶
10235   Vmeco  III- 441                   |  prosperi che ¶ saranno felicitati a vedere i figli e i
10236   ASGot  II2-  27(3)                |  et honestis parentibus feliciter natus est
10237   IlFon  III- 961                   |          credilo che ti feliciterà anche in impresa
10238   I1912    3,    2,   VI - 657      |   occasione della tosse felina delle due sorelle nane
10239   3Apio  II1- 850                   |   Gérard542 e Crillon e Feller combattevano il ¶
10240   I1913   12,   VI - 745            | In parrocchia e in casa Felolotengo la sorella di
10241   2Apio  II1- 463                   |  di cesare. Ambizioso e femminiero, aveva tuttavia rossore
10242   Apadr  III- 112                   |       e intanto, debole femminuccia ma ¶ fervida, tanto si
10243   AMFel  III- 209                   |      omicciattoli pii e femminuccie devote che, poste al
10244   I1913    9,   VI - 730            |  famiglia, nell’albergo Fenarolo, il fienile presso la
10245   Svegl  III- 701                   | battello a vapore che ¶ fende veloce le onde.
10246   1Apio  II1-  17                   |     e le prime stanno a fender l'aria nei lunghi
10247  II1913   IV- 779                   |   punta dell'angolo per fendere l'aria e via ¶ alla
10248   SchMi  III- 741                   |      che fece tremare e fendersi e ¶ sommergervi in parte
10249   3Apio  II1- 534                   |    ma la nave di Barifendeva con prestezza le onde, e
10250   Gpont  II1-1094                   |        dei disperati, i feniani, i dinamitardi, gli ¶
10251   MFerv    I-1266                   |      farfalla e così la fenice si tramuta in altra
10252   1Friv  III- 832                   |      si sparga di acido fenico, si copra con istrati di
10253   1Apio  II1-  27                   | peste fluì, che scempio feo~ ~ della patria corrotta
10254   I1889    2,   VI - 272(36)        |        utilissimi /alla feracità
10255   I1912   11      ,   VI - 686(39)  |             eligendo in ferculis minimam ac pejorem
10256   I1883   38,   VI - 105(406)       |              Originale: Ferd‹...›; cfr. Opere, vi, Delle
10257   3Apio  II1- 736                   |    della Concezione, la Ferdinandina, Isabella, Ispaniola o ¶
10258   3Apio  II1- 761                   | le vibrò un colpo che ¶ ferendola le permise di sfuggire e
10259   50Rmi  III-1124                   |  piangere il ¶ prossimo ferendolo nella roba e nell'onore.
10260   I1910   18      ,   VI - 578(39)  |   ei ad auxilium ¶ sibi ferendum » (sessione xcvii, p. 30
10261   CLAPe  II2- 578                   |      Andreae trans ossa ferens cur iubila promis? / Me
10262   9Ferv  II2- 324                   |  corpi santi, essendo i feretri coperti ¶ di ricchissimi
10263   1Apio  II1-  52                   | di amorrei, di etei, di ferezei, di ¶ gebusei65, di
10264   SAFam  III-  38                   | i disordini, le liti, i ferimenti nelle osterie e ¶ tant'
10265   3Apio  II1- 821                   |  venne imprigionato per ferimento, mutò di poi ¶ sino ad
10266   2Apio  II1- 369                   |     finché con barbarie ferina fe' tagliarne quei capi.
10267   1PaAn    I- 335                   | che ¶ egli sia venuto a ferirci con i suoi dardi o
10268   1Cagr  II2- 385                   |             nel capo, a ferirla nel costato. E poscia ¶
10269   3Apio  II1- 687                   | tirare d'arco, ma se tu ferisci il giovinetto, con lui
10270   1PaAn    I- 336                   |     a curare l'infermo, ferisse nella piaga, ma non ¶
10271   VpeIl  II2-  13                   |   caduto da un dirupo o feritosi ¶ alla selva commoveva
10272   I1913   12,   VI - 747            |      ora in ¶ ginocchio fermando collo stomaco la famosa
10273   IlFon  III- 964                   |      al ¶ paradiso! Non fermarti a scorgere che un
10274   I1910    0,    1,   VI - 590      | la Provvidenza volle si fermasse oltre tre anni e fu
10275   1PaAn    I- 333                   |        in me ¶ e tu hai fermata su di me la mano tua"88.
10276   I1910   11      ,   VI - 560      |    avemaria e allora si fermava davanti all’ossario, non
10277   MFerv    I-1162                   |   si trova che molti si fermavano accanto a lui per
10278   1Cagr  II2- 407                   |    gregge della Chiesa, fermentano il pane40, il fervore di
10279   I1889    4,   VI - 282            |     copiosa, lasciala a fermentar sotto il corpo delle
10280   SNA89  III-1146                   | preso ¶ quest'abito, si fermerà poi nei cattivi e
10281   SAFam  III-  16                   |      di ascoltar voi mi fermerò con un vitello che io
10282   I1910    7,    1,   VI - 547      |        In questa chiesa fermiamoci per salutare il Signore,
10283   SAFam  III-  35                   |        che ancor voi vi fermiate a rallegrar maggiormente
10284   I1889   11,   VI - 306            |      ne’ suoi principii fermissimi di virtù. Come nell’
10285   3PaAn    I- 801                   |   è quello di in~ ~ ./. ferno, che è fiamma rabbiosa e
10286   TMort    I-1288                   |        Antioco, tiranno ferocissimo, si avanzava con truppe
10287   9Ferv  II2- 310                   |  Il vescovo suffraganeo Ferragata e monsignor ¶ Ormaneto
10288   SAFam  III-   5                   |   pittori, ¶ falegnami, ferrai, muratori ed altri, i
10289 III1897 III1897,    IV- 897         |        di libri, fabbro ferraio e simili.~ ~ 3. Gli
10290   IlMon  III-1009                   |       le travature e le ferramenta dei binari, onde ¶
10291   PAS86  III-1052(32)               |      Torino, Tip. Luigi Ferrando, 1862, 100 p.; la
10292 III1910   IV-1258                   | corporale.~ ~Una salute ferrea di corpo può pure
10293   1Friv  III- 859                   |    di Susa, a Deveys, a Ferrera ed a Coazze, a Vicoforte
10294   MeMus  III- 806                   |   grossemuraglie con ferritoie si protendono a
10295   Apadr  III- 130                   |   intiere sopra i treni ferroviari e colla famiglia le ¶
10296   I1913   14,   VI - 769            | distanza dalla stazione ferroviaria di Dubino, scorrevano ¶
10297   Gpont  II1-1093                   |    Mac-Mahon, Grévy299, Ferry e Gambetta, i ¶ quali o
10298   I1889    4,   VI - 283            |       molti principiifertilizzanti, ha diminuito altresì
10299   SILou    I-1096                   |  recati pur di subito a Fèru Keui per ¶ indirizzarmi
10300   Gpont  II1-1084                   |   città e ¶ nell'Umbria ferveano i moti della
10301 III1915   IV-1398                   |  case nostre una novena ferventissima di preghiere e ¶ di vita
10302   CLAPe  II2- 576                   |    tum ¶ per zelum quem ferventis<simum> simul habuit animarum,
10303   2Apio  II1- 291                   |    campi.~ ~ ./. Mentre fervevano le ¶ lotte, Gondebaldo,
10304   1Cagr  II2- 405                   |         de' suoi monaci fervidissimi in quell'altipiano di
10305   1Apio  II1-  42                   |     e al popolo di' che festeggi in mio onore pei ¶
10306   1PaMa    I-  44                   |   immacolata, come oggi festeggiamo con ¶ santa letizia.~ ~
10307   SAFam  III-   2                   |           loro ¶ sede / festeggiandone l'ingresso / il
10308   I1912   21,   VI - 984            |      ai suoi parroci di festeggiar la prima Messa di preti ¶
10309  II1913   IV- 862                   |  in Como.~ ~Se vi piace festeggiarne l'avvenimento,
10310   I1913   14,   VI - 773(101)       |     1906 insieme all’A. festeggiarono il quarantesimo
10311 III1897 III1897,    IV- 898         |     che le singole arti festegginodegnamente il loro
10312   I1887     ,   VI - 168            |  piccoli teatrini, sono festicciole per l’onomastico delle
10313   2Apio  II1- 362                   |     palazzi e sale da ¶ festino. Pagare lentamente,
10314   I1912   11      ,   VI - 686(39)  |            novendialium festorum Domini et beatae
10315   IlFon  III- 961                   |           con Dio e più festosamente co' beati angeli suoi
10316   Mfior    I- 918                   |   l'angelo le compariva festosetto. Ma se la meschinella
10317   2Apio  II1- 306                   | dalla ¶ città con pompa festosissima. In  ./. tutte parti d'
10318   Vmeco  III- 436                   |       in color270 d'oro festosissimo, leggono sulla tomba del
10319   I1912   40,   VI -1000            | san Giovanni Battista è festum magnum: io avevo 5 o 6 o
10320   MFerv    I-1188(24)               |         Nell'originale: Fetemelo
10321   2PaMa    I-  77                   |      di un cadavere già fetente. Crudo ~ ~ ./. soffrire! ¶
10322   3PaAn    I- 787                   |   sono uno sterquilinio fetidissimo. Ed ora chi mai si ¶
10323   SchMi  III- 770                   |     ardente. Mandava un fetor di zolfo e pareva
10324   IlMon  III- 995                   |      mentre in larghefette dispone la sua polenta.~ ~ ~ ~  ./. 
10325   I1910    0,    6,   VI - 596      |   Chiara scrisse su due fettucce di carta velina la
10326   PAS86  III-1045                   |     cioccolata, con una fettuccia di pane, e alla sera una
10327   3Apio  II1- 919                   |             del vescovo Feutrier che poi fu trovato ./. 
10328   I1913   17,   VI - 787            |  il signor medico Luigi Fezzi esortò don Guanella di
10329   I1875 Corso,    7,   VI - 869     |  non era. La fronte del fi-~glio era coperta del
10330   I1912   21,   VI - 984            |      diede ascolto alle fiabe di un maniaco, Rigoli, e
10331   2PaAn    I- 466                   |   allora bisogna subito fiaccarla nello abisso delle
10332   3Apio  II1- 858                   |   è gran male che venga fiaccata una ¶ dinastia, la quale
10333   2PaAn    I- 558                   | che ¶ allo iniquo sieno fiaccate le corna. Chi può
10334   MeMus  III- 799                   |   da ¶ sì piccole forze fiaccato l'orgoglio di una
10335   SNA89  III-1150                   |     per lo più deboli e fiacche, ¶ quelle che crescono
10336   I1875 Corso,    1,   VI - 826     |       e come la luce di fiacole ardenti illuminano nella
10337   VpeIl  II2-  17                   |     e la moleesterna fiammeggia di sera come la stella
10338   I1883   29,   VI -  79            |      di Gesù e che come fiammelle ardono i loro cuori in
10339   I1889    4,   VI - 281            |    di concime sottile i fiamminghi il fanno bastare per un
10340   I1907    1,   VI - 443(13)        |        Rovere, detto il Fiamminghino (1575-1640); cfr.
10341   IlMon  III-1007                   |   casa che per la prima fiancheggiava il fiume, si ritrassero
10342   2Apio  II1- 275(196)              |              Originale: fiasco
10343   MFerv    I-1162                   |  dice la tradizione che fiatando mantenevano tiepide le
10344   I1883   44,   VI - 119            |       vorrebbe nemmenfiatare per non distrarsi. Anima
10345   PAS86  III-1050                   | Bernardo.~ ~ XXXIX. Non fiatate mai sul conto de<i> cibi
10346   I1912    3      ,   VI - 651      |  tragitto non aveva mai fiatato, a rispondere con ¶
10347   SILou    I-1071                   |   acqueascoltò se ancor fiatava e trovato che sì gridò: "
10348   MeMus  III- 812                   |  metallo e di cuoio, le fibbie d'argento, avanzo del
10349   TMort    I-1293                   |        allora se gli si ficcano dardi nel corpo, par che
10350   2PaMa    I-  77                   |      impugnato,pronto a ficcare in cuore a ¶ chiunque l'
10351   Vmeco  III- 287                   | indentro. Di poi gliela ficcarono sulla fronte e ne
10352   2Apio  II1- 214                   |       Un dardo gli ¶ fu ficcato in cuore. In estrarlo
10353   3Apio  II1- 810                   |   la mangerai" e gliela ficcava ¶ fra i denti. Il
10354   I1907   17,   VI - 482            | ma poi ritornavano e si ficcavano come strali nella ¶
10355   1PaMa    I-  23                   |        fuori casa e poi ficcò uno stilo nel ¶ seno di
10356   MeMus  III- 817                   | la Glycine sinensis, il Ficus repens piegano a terra e
10357   1PaAn    I- 377                   |    è che in giornata si fida totalmente ¶ degli
10358   3Apio  II1- 645(169)              |   la morte del prelato, fidandoprincipalmente nel suo
10359   1PaAn    I- 311                   | a Dio quelli che non si fidano di lui! Gesù Cristo li
10360   I1883   33,   VI -  91            | c’è mai né conviene mai fidarci troppo: siamo sempre in
10361   I1913   12,   VI - 753            |   hanno persuasa di non fidarmi ». Le ore si contavano e
10362   MFerv    I-1270                   |    così tu dai prova di fidarti intieramente di Dio tuo ¶
10363   I1883   23,   VI -  58            |   mio confessore non si fidasse di me, onde nessuno più
10364   I1883   33,   VI -  91            | che mi pare Dio l’abbia fidata intieramente alle mie
10365   I1912    3,    2,   VI - 656      |   l’aiuto di Dio in cui fidava, il grave compito. Ed
10366   3Apio  II1- 871                   |      sua bolla Auctorem fidei fra le altre condannò
10367   I1912   10      ,   VI - 685(38)  |      ab ea postulasset, fidelissimam, illis quoque ¶ in
10368   1PaAn    I- 347                   | Roma od al principe dei fidenati. Stava dunque dubbioso,
10369   9Ferv  II2- 322(31)               |       Nam et matri tuae fides tua subvenit”,
10370   VpeIl  II2-   4                   |          intorno a sé i fidi ¶ suoi, con l'una mano
10371   3Apio  II1- 728(334)              |              Originale: Fidolino; cfr. Rohrbacher XI, p.
10372   I1912   15      ,   VI - 693(50)  |                      c) fiduciae in Dei potentia et
10373  I1889b   24,   VI - 338            |          20. Confidare, fiducie cristiane
10374   3Apio  II1- 914                   | quando si convertì lord Fielding665, che già ¶ aveva
10375   3Apio  II1- 914(665)              |              Originale: Fieldinh; cfr. Rohrbacher XV, p.
10376   I1913    7,   VI - 722            |       per raccogliere i fieni selvatici: i figli
10377   2Apio  II1- 200                   |   in  ./. cuore odiasse fierissimamente il cugino, nondimeno a
10378   3Apio  II1- 771                   |     insolente e assalti fierissimi di Satana. Di  ripassò
10379   CLAPe  II2- 537                   |      di san Gerolamo da Fiesole. I due santi uomini in ¶
10380   1Friv  III- 832                   |    a poco diventava più fievole, e l'accento: "Salvatemi
10381   1Friv  III- 845                   |  non punto sospetta del Figaro: "La ¶ preoccupazione
10382   MeMus  III- 804                   |     del massimo Lario e figgevano il loro sguardo a queste
10383   3OrFr  II2- 133                   |  benefattori lettere di figliazione, per mezzo ¶ delle quali
10384   I1912   19      ,   VI - 699      |    dell’istituto ‹delle Figlie› di santa Maria della
10385   CfrMo  II2- 266                   |    un Giovanni Vigio, ¶ figlioccio e parente di lei, e
10386   I1907    3,   VI - 447            |   Prese ‹ad› avviare le figliole alla frequenza dei santi
10387   I1894    2,    IV- 120            |        si compone delle figliolette di ¶ tenera età dagli
10388   Gpont  II1- 977                   |  lui i fedeli dicendo: "Figliolini, ell'è l'ultim'ora e
10389   SILou    I-1046                   |  sera, inghiottivano le figliuolette con un ¶ sorso di quell'
10390   2Apio  II1- 189                   |      con affetto così: “Figliuolini, ell'è l'ultima ora, e
10391   1Cagr  II2- 410                   |    trovato pure un vaso figulino contenente una coppa di
10392   I1883   13,   VI -  35            |    di lui tutta la vita figurandocelo presente nella sua
10393   IlFon  III- 908                   | dalle cose del mondo e, figurandotiessere in cielo omai,
10394   I1883   18,   VI -  46            |     degnamente con Dio, figuratevelo lui G‹esù› C‹risto› in
10395   2PaAn    I- 568                   | a morte Gesù sol perché figurava ¶ esser peccatore,
10396   3Apio  II1- 561                   |       In quest'adunanza figuravano le grandi assise ¶ d'
10397   I1912   40,   VI -1000            |    poltiglia e poi mi ¶ figuravo di distribuirla ai
10398   3Apio  II1- 925                   | questa medaglia; ¶ essa figurerebbe male accanto alla mia
10399   I1883   13,   VI -  35(127)       |  Originale: pregare /ci figureremo
10400   I1883   44,   VI - 118(457)       |          Originale: Si /figuri appunto
10401   I1888   13      ,   VI - 221      |  se insieme fosse cotal figurino che ti si presenta in
10402   3Apio  II1- 840                   |      di discernenti, di figuristi. Certo <Della> Barre523
10403   3Apio  II1- 888                   |        Benedetto di San Filadelfo, AngelaMerici604,
10404   I1913   13,   VI - 756            |   giorno lavorava nelle filande. L’economia si spingeva
10405   I1913   12,   VI - 747            |        per dar luogo ai filandieri ed alle filandiere in
10406   1PaAn    I- 258                   | quella dei cosid<d>etti filantropi. Questi ¶ fanno un po'
10407   1PaAn    I- 363                   |          I così dettifilantropici del tempo nostro, che
10408   4Croc  II2- 432                   |    è il calcolatore, il filantropo, il ¶ semplice uomo di
10409   I1889    9,   VI - 296            |     di vite disporle in filari distinti per esaminarne
10410   2Apio  II1- 225                   |        successore a san Filastrio, era contemporaneo dei
10411   SILou    I-1100                   | culto in Francia, una ¶ filatessa di invenzioni per
10412   I1893    7,    IV-  95(14)        |        per avvolgere il filato su rocchetti e poterlo ¶
10413   Gpont  II1- 981(56)               |              Originale: Filemone; cfr. Rohrbacher III, p.
10414   2Apio  II1- 324                   |     RisposeNarsete: “Filerò una matassa che non
10415   1Cagr  II2- 401                   |      ed esclama: "Quale filicità per ¶ me ed insieme
10416   I1910    0,   14,   VI - 605      |          di Genzone, di Filighera, dove le suore della
10417  II1911   IV- 676                   | parentes thesaurizare ¶ filiis99 e desse hanno in animo
10418   I1912    2      ,   VI - 645(6)   |    quot ipse ¶ habuerit filios et quomodo eosdem
10419   2Apio  II1- 195                   | sotterfugi, e venuti in Filippopolisi adunarono in
10420  I1889b   30,   VI - 343            |  alle ingord‹igie›, san Fi‹lip­po› |malannò| 63 . 3.
10421 III1915   IV-1395                   |      12. Sac. Sperandio Filisetti~ ~13. Sac. Riccardo
10422   1Apio  II1-  57                   |        molti del popolo filisteo, sì ¶ che Israello poté
10423   1Apio  II1-  97                   |   Ocello147 di Lucania, Filolao, Empedocle, ¶ Archita.~ ~
10424   I1891    8,   VI - 373            |  con il corredo di note filologiche, storiche, ermeneutiche,
10425   I1910    6,    1,   VI - 543      |    in ispecie, chiamate Filomene, ricordo che la Serva di
10426   2PaAn    I- 409                   |    s'addentrano trovano filoni d'oro purissimo. Onde ¶
10427   3Apio  II1- 751                   |   che Aristotile stesso filosofando sognò. "L'uomo -- disse
10428   2Apio  II1- 310                   |         nella Gallia il filosofarecristiano. San Remigio
10429   SchMi  III- 793                   |  e dei gallicani, dei ¶ filosofastri e dei liberali che
10430   Vmeco  III- 270                   |  dunque?", interrogò il filosofastro. E Udino rispose: "
10431   SNA89  III-1155                   |  riceviamo.~ ~ 2. ¶ Non filosofate mai sopra le vostre
10432   2Apio  II1- 259                   |  fu sopra certa Ipazia, filosofessa, che ¶ si reputava
10433  I1889b   48,   VI - 359            |       dalla Chiesa. 12. Filosofic‹ament›e o teolog‹icamente›,
10434   2Apio  II1- 432                   | in pezzi”. Soggiunsegli Filoteo: “Ebbene, ¶ richiama
10435   2PaAn    I- 451                   | disposizione di lasciar filtrare l'acqua, certamente
10436   I1889   IV-  30                   |   accorge che penetrano filtri di acqua.~ ~«Usate ¶
10437   I1889   IV-  46                   |     i vantaggi morali e finanziari che ne derivano
10438   3Apio  II1- 930                   |        nella gestionefinanziaria: "Il presidente di
10439   I1912   21,   VI - 983            |     che ci fa sistemare finanziariamente (a ¶ proposito di Monte
10440  II1911   IV- 450                   | largo, ¶ perché entrino finche sono in tempo.~ ~Circa
10441   TMort    I-1300                   |  li coprirono di saette finchè li videro spirare. E ¶
10442  I1889b    6,   VI - 320            |      come fanciullo che finendo di scapricciarsi ritorna
10443   AnPar  III- 449                   |    quale ansia da una ¶ finestruccia guarda ~ ~  ./. al regno
10444  II1911   IV- 500                   |       ad intendere le ¶ finezze del divino amore.~ ~ Il
10445   AnPar  III- 496                   |     da lei. Se altra si finga tua madre e venga <a>
10446   2PaAn    I- 428                   |       Appunto, appunto! Fingasi che uno aspiri per
10447   2Apio  II1- 424                   |     Noi per esser salvi fingeremmo”. Aggiunsero i capitani: “
10448   I1913    4,   VI - 712            |         il quale sapeva fingersimalato a morte per
10449   2Apio  II1- 335                   |  un poveraccio ¶ ché si fingesse c<i>eco e facesse poi il
10450   2Apio  II1- 293                   |      e con un atto solo fingessero di abiurarlo. ¶ Inorridì
10451   2Apio  II1- 424                   |   replicò il califfo -- fingetevi musulmani e vi ¶
10452   MFerv    I-1175                   |         5. E finalmente fingiti che il Signore a
10453   SAFam  III-  77                   |      allora altresì non finiamo di dolerci e di
10454   I1883   42,   VI - 112            | purissimo di devozione! Finiamola: ché tante sollecitudini
10455   3OrFr  II2- 241                   |        et per te coepta finiatur. Per Christum etc.~ ~ R/
10456   2PaAn    I- 472                   |  poi allegrezze che non finiranno mai più in eterno! Oh
10457   2PaAn    I- 437                   |        e così <costoro> finirebbero con ¶ disfarsene ancor
10458   I1875 Corso,   13,   VI - 918     |           E così non la finirei più, se più volessi
10459   I1883   32,   VI -  89            |       e del come io non finisca ¶ ancora di conoscerlo.
10460  I1891b    4      ,   VI - 432      | il tabacco?... « Non lo finisco - darollo a te lo
10461   MFerv    I-1154                   |  se stesso e in~ ~  ./. finitamentebeato. Tu poi un
10462   50Rmi  III-1119                   |     sempre?... Insomma, finitela e fatela finire... Voi
10463   FIPop  II2-  88                   |     contra ai tartari e finitimi dalla fortissima
10464   1Apio  II1-  62                   |       e delle nazionifinittime. Da tutte parti traeva
10465   2Apio  II1- 474                   |      predicò pure nella Finlandia, nella Irlanda ed in
10466   Gpont  II1-1055                   |         Il ¶ cappellano Finmeisen nel Baden229 dal pergamo
10467  II1911   IV- 526                   |       per le  ./. volpi finte che sono e gridano:
10468   Vmeco  III- 315                   |   luce, o se ¶ hanno un fioco di luce è per fissar lo
10469  I1891b    4      ,   VI - 431      | pregare?... ». Ed ei: « Fioi de can, prego perché
10470   1Apio  II1-  58                   |       un sasso con la ¶ fionda colpì il gigante in
10471   I1907    8,   VI - 457            |   valenti del contorno, Fioravanti e Bonalumi, ma
10472  II1913   IV- 813(3)                |             illustrato; Fiorellini di cielo, ¶ ossia storia
10473  I1889b   23,   VI - 337            |      San Gio‹vanni› dei Fiorentini e san Filippo. 5. Age
10474   I1910    0,   15,   VI - 606      | ottenne nell’anno 1901. Fiorentissimo sempre l’asilo infantile
10475  II1909   IV- 375                   | in ¶ un'altra casa dove fiorisca la disciplina
10476   3OrFr  II2- 127                   |    dove suoni il nome o fioriscano ¶ le istituzioni del
10477   CLAPe  II2- 569                   |   è? Il corpo di Andrea fiorisce come un giglio odoroso;
10478   SAFam  III-  48                   |          ben presto nei fioriti prati di Gerusalemme,
10479   2Apio  II1- 409                   |      fino ad Amorio413, fioritissima città ¶ d'Asia e patria
10480   I1910    0,   20,   VI - 609      |   in gigantesca e bella fioritura e annosa piantagione di
10481   3Apio  II1- 931                   |      fu in<n>affiata da fiotti di sangue; se bramate  ./. 
10482   3Apio  II1- 741(359)              |          Probabilmente: Firenze¸cfr. nota 352
10483   3OrFr  II2- 237                   |     corporis~ ~ virtute firmans perpeti.~ ~ ~ ~  ./. 
10484   2Apio  II1- 304                   |     inganno Macedonio a firmar la nullità del Concilio
10485   3Apio  II1- 856                   |   1790 trentavescovi firmarono uno scritto celebre con
10486   3Apio  II1- 765                   |     nelle quali prime a firmarsi sono le costituzioni per
10487  II1899   IV- 256                   |  ne redige un verbale e firmasi dalla superiora ¶
10488   Gpont  II1-1078                   |  che in Pechino284 si ¶ firmasse la pace, ma nel
10489   1PgDo  II2- 361                   |     che i due ¶ sovrani firmassero una tregua di dieci anni
10490   I1913   14,   VI - 764            |        Ringrazio » e si firmava: Arcivescovo cardinale
10491   2Apio  II1- 352                   |   il futuro ponteficefirmerà la Ectesi o esposizione,
10492   Gpont  II1-1083                   |        Pecci penetrando fisamente, ¶ scorgevane la società
10493   SILou    I-1059                   |  a Dio ed alla Vergine, fisandosi in eterno godimento ¶
10494  I1889b   52,   VI - 363            |    Curto 93 e più altri fiscali fermi nel proposito di
10495   SILou    I-1130                   | loro ¶ cantici sacri ai fischi delle locomotive. Agli
10496   Svegl  III- 660                   |  fuoco di fornace che ¶ fischia, che s'arrabbia, che si
10497   CLAPe  II2- 532                   |   con rapidità veloce e fischiano o stridono con ¶ suono
10498   1Friv  III- 860                   |     la neve a turbinifischiava per la montagna ed i
10499  II1913   IV- 786                   |  questo ci scanserà dal fisco o sia dai governi gelosi
10500  II1913   IV- 839                   |           Guardate fise e adorabonde e guardate
10501   I1889     ,   VI - 265            |     del mondo agricolo: fisiologia vegetale, geologia
10502   CLAPe  II2- 576                   | solenne di traslazione, fissandone il giorno ai 9 giugno ¶
10503   CfrMo  II2- 267                   |   di poi casualmente. E fissandosi in volto mal si
10504  II1898   IV- 201                   |      terrene cose per ¶ fissarlo nelle celesti.~ ~2.
10505   CLAPe  II2- 567                   |      perché ricreava in fissarne i lineamenti, ma fuori
10506   1PaAn    I- 203                   | Quando gli occhi suoi ¶ fissaronsi alla immagine del
10507   MeMus  III- 815                   |   Insomma ecco le sale. Fissati in quegli specchi, ¶
10508   I1910   11,    1,   VI - 562      |       il metodo di vita fissatosi dalla Serva di Dio,
10509   I1912   43,   VI -1002            |            tanto più mi fissavo nell’idea di ciò che
10510 III1899   IV-1072                   |  di ¶ vocazione, non di fissazione.~ ~f) Le lotte che i
10511   3PaAn    I- 643                   |    Avranno le ¶ tenebre fisse nell'interno di sé.
10512   1PaMa    I-  28                   |   e gli occhi ¶ miei si fisseranno in lui e non in altri:
10513   I1875 Corso,   14,   VI - 925     |    nostro Iddio, quando fisseremo i nostri sguardi nel ¶
10514   Svegl  III- 730                   |     alla custodia mia e fisserò il piede sopra la ¶
10515   ASGot  II2-  30                   |  alla fatica. Un giorno fissollo con speciale diletto in
10516   I1889   IV-  36                   |     che è nel piede, la fistola che si è intromessa nel ¶
10517  I1891b    2,    1,   VI - 402      | pluribus intentus minor fit ad singula sensus, non
10518   3PaAn    I- 643                   |     esteriori saranno ¶ fittissime. Immaginatevi una
10519   I1883   21,   VI -  52(201)       |  ultima voce peraltro è fittizia e inventata per tale
10520  II1913   IV- 799                   |     grato di virtù sarà fiutato dalle figlie della ¶
10521   1PaMa    I-  22                   |  i ¶ carnefici che o lo flagellano o lo crocefiggono non è
10522   4Croc  II2- 455                   |   Dopo questo, il primo flagellante si rialzava e cominciava
10523 1/2BPEL  III-1180                   |  Ave.~ ~ I ¶ soldati lo flagellarono alla colonna, senza
10524   3Apio  II1- 650                   |         piazza ¶ che lo flagellassero pure aspramente. In
10525   3Apio  II1- 925                   |    caduta morta. Furono flagellate con cinquantacolpi
10526   Gpont  II1-1071                   |     è in contraddizione flagrante e ¶ irreconciliabile
10527   I1875 Corso,    3,   VI - 840     |     se ne ¶ sentiste un flato di quel puzzo
10528   SILou    I-1111                   |      di Castres. SuorFlavia, rattrappita da diciotto
10529  I1889b   46,   VI - 357(85)        |      dolebat de suis et flebat amare: “Deus mihi
10530   Asant  III- 236                   |     il sacerdote dica: "Flectamus genua" l'inserviente
10531  I1889b   22,   VI - 336            |            1. Si vis me flere prius dolendum est tibi ».
10532   4Croc  II2- 435                   | Era al ¶ tutto integro, flessibile, fresco e senza il
10533   3Apio  II1- 928                   |          con tono e con flessibilità, 78 lingue con i loro
10534   2Apio  II1- 290(222)              |              Originale: Fleteo; cfr. Rohrbacher IV, p.
10535   2Apio  II1- 480                   |        Abbone, abate di Fleurì, ¶ approfondisce lo
10536   I1883   50,   VI - 132            |    sclama: « Fulcite me floribus, stipate me malis quia
10537   Vmeco  III- 375                   |      i loro regni ¶ già floridissimi; quelli erano passati
10538   3Apio  II1- 636                   |              E' regnofloridissimo e pacifico". "Ma se è
10539   3Apio  II1- 873                   |         di Avignone.~ ~ Flotte e Basseville camminando10540  II1911   IV- 568                   |  dinanzi e ¶ correranno fluenti quasi ad invitarvi.~ ~
10541   1Apio  II1-  27                   | sorgente,~ ~ onde peste fluì, che scempio feo~ ~
10542   Svegl  III- 631                   |   pioggia, e ¶ questa è fluida e scorre dove è guidata.
10543   IlFon  III- 937                   |  vino nel colore, nella fluidità, ¶ nel sapore. Nella
10544   SILou    I-1122                   |  che una subita vigoria fluisce nelle sue gambe ed ella ¶
10545   3PaMa    I- 162                   |     della Cattolicità e fluiscono nel cuore dei fedeli ¶
10546   1Apio  II1-  12                   |  da  ./. sei in ¶ sei i flussi16 e riflussi che sono
10547   Gpont  II1-1069                   | trovassimo come pargoli fluttuanti, né ¶ venissimo aggirati
10548  I1891b    4      ,   VI - 436      | è malato? Mi davano una focaccetta, pomi ‹di› terra a lesso
10549   2Apio  II1- 150(39)               |           a Porto, alle foci ¶ del Tevere
10550   SAFam  III-  16                   | Laonde lo stesso chiaro Focione, quando in pubblico ¶
10551   4Croc  II2- 433                   |    di me un grandissimo foco di amore pei poverelli ¶
10552   I1913   17,   VI - 793            |    sono stati due vasti focolari ¶ della insurrezione che
10553   Mfior    I- 971                   |    come la fiamma di un foconcino, in Maria ardeva come l'
10554   2Apio  II1- 161                   |       si converte e con focosa vena scrive l'
10555   2Apio  II1- 161                   |  virtù della pazienza?” Focosissimo era Tertulliano. Scrisse
10556   3OrFr  II2- 180(151)              |   convento di lasciarsi foderare la tonaca di ¶ una pelle
10557   9Ferv  II2- 348                   |     populique ac devoti foeminei sexus precibus se ¶
10558   3OrFr  II2- 239                   |       Francisci meritis foetunovae prolis
10559   3Apio  II1- 830                   |  vescovo studiava per ¶ foggiarsi un breviario proprio e
10560   3Apio  II1- 827                   |    mistica, nella quale foggiava ¶ un modo di santità che
10561   I1889    7,   VI - 293            |       dormono, dare una fogliolina a chi ancora non è sazio
10562   TMort    I-1311                   |  al mattino, china le ¶ foglioline al mezzodì e si china
10563   3Apio  II1- 627                   | gettato semivivo in una fogna. Baldovino soprav<v>isse
10564   CLAPe  II2- 499(45)               |       Un Padre Atanasio Foico agostiniano fu ¶
10565   1PgDo  II2- 375(37)               |          di santa Maria Folcorina, [...] di santa Maria
10566   I1883   26,   VI -  69            |    salir al cielo tutta folgorante di luce e con lo ¶
10567   CLAPe  II2- 498                   |   da Samolaco, vergine; Foliani39 Francesco, gesuita da
10568   SILou    I-1132                   |     di Damas, monsignor Folicaldi, vescovo d'Amata, ¶
10569   CLAPe  II2- 576                   |  potius quam ¶ verborum foliis ad bene vivendum suadens
10570   2PaAn    I- 427                   |   nella divina grazia". Follediscorso! "Chi è
10571   IlMon  III- 997                   |    ne'  festivi ed il folleggiare nelle veglie delle ¶
10572   I1883   33,   VI -  91            | parte delle pulci o dei folletti o dei viaggi. Certa
10573   CLAPe  II2- 534                   |    Contro ¶ uno spirito folletto~ ~ I ¶ manichei del 1400
10574   3PaAn    I- 659                   |  o infermo o maligno lo fomenta. Il pericolo di morte l'
10575   2PaAn    I- 482                   |     invidiuzze e poi si fomentano i capricci e le
10576   SAFam  III-  40                   |          son disposti a fomentar le ¶ liti e le discordie
10577   SAFam  III-  38                   |        le ¶ gelosie, di fomentare i disordini, le liti, i
10578   1Friv  III- 825                   |   dei fuochi di bengala fomentavano un focherello ¶ nelle
10579   I1912    5,    1,   VI - 664      |      di Dio ella sempre fomentò in se medesima
10580   3Apio  II1- 814                   |            spirituale e Fondamenti della vita spirituale. A
10581   I1883    7,   VI -  22            |      altre le ho fatto, fondandovi un ¶ monastero di
10582   3Apio  II1- 916                   |   luogo, con ciò solo ¶ fondano una casa regolare; se
10583   I1910    0,    2,   VI - 590      | una casa col­legiale da fondarsi nella borgata di Trinità
10584   IlMon  III-1021                   |  migliore di quello che fondasi  ./. sulla carità ¶
10585   1Apio  II1-   9                   |  dirgli: "Tu la ¶ terra fondasti sopra la propria
10586 III1915   IV-1390                   |   di S. ¶ Giuseppe che, fondatasi in modo affatto
10587   PCris  II2-  59(12)               |        di verificare la fondatezza storica di tali ¶
10588   I1883     ,   VI -   4            |       di più nell’opera fondazionale, dovettero dissuaderlo
10589   I1910    0,   14,   VI - 605      |     il vostro superiore fonderà casa anche qui a
10590   2Apio  II1- 245                   | entro al quale dovevasi fondere il ¶ regno della Chiesa,
10591   I1889    9,   VI - 299            | partita di bestiame, di fondiario, di spese, di imposte e
10592   I1910    0,   26,   VI - 613      |      di Carpignago e  fondossi pure asilo infantile con
10593 III1899   IV-1045                   |   hannobisogno di tanti fonemi per ravvivarle; ./. d)
10594   Nscuo  III- 601                   |  opportuno è il sistema fonico, che insinua l'
10595  II1913   IV- 828                   |      e conservano ¶ nel fonografo la voce e il canto per
10596   3OrFr  II2- 237                   | altissimi donum Dei,~ ~ fons vivus, ignis, charitas,~ ~
10597   2Apio  II1- 378(375)              |              Originale: Fontanella; cfr. Rohrbacher ¶ VI,
10598   3Apio  II1- 903(632)              |              Originale: Fontenaibleau; cfr. Rohrbacher XV, p.
10599   2Apio  II1- 378                   |  Ragenfredo, abate di ¶ Fontenella375, faceva sostenere
10600   I1883   23,   VI -  57            |   grazia somiglia certe fonticelle che bollono con gran ¶
10601   3OrFr  II2- 116(4)                |         cfr. Lorenzo Di Fonzo, Bonaventura da ¶
10602 III1899   IV-1095                   |      in maggior parte i foraggi.~ ~ 3. Il porcile deve
10603   I1889   10,   VI - 301            | trapiantata fornisce un foraggio copiosissimo agli
10604   I1910    3,    3,   VI - 525      | rimase come colomba nel forame della sua pietra  7 e
10605   I1912    2,   VI - 965            |  volta in congregazione foranea a Como monsignor Valfrè
10606   TMort    I-1298                   |            Lazare, veni foras. Amico mio diletto,
10607  I1891b    4      ,   VI - 436(105) |            È la padella forata per cuocere le
10608   9Ferv  II2- 337                   |   globetto di ¶ metallo forato con entro spugna
10609   2Apio  II1- 286                   |    barbari. Parlava con forbitezza la lingua del Lazio. Fu
10610   3OrFr  II2- 188                   |     non faceva discorsi forbiti ¶ e studiati, ma non si
10611   PAS86  III-1046                   | Vile! E tu rispondi con Forbonnais: "Io non devo e nessun
10612   CLAPe  II2- 483                   |   sono le località di ¶ Forcola, di Talamona, di Bema,
10613   3PaAn    I- 702                   | fuoco. Si alzano con il forcone. Si voltano or ¶ sopra
10614   I1875 Corso,    5,   VI - 857     |      nelle vie come nei fori si trovano interessati a
10615   SchMi  III- 750                   |    carissima primavera, foriera di speranza e arra di
10616   3Apio  II1- 532                   |  di stelle che appaiono foriere di un giocondissimo .~ ~
10617   I1875  Rifl,    8,   VI - 949     |     e di Elia. 3. Segni forieri del giudizio. 4. Castigo
10618   1Friv  III- 830                   |         Fontana 1972. A Forio ¶ poi 6791. I più
10619   2Apio  II1- 385                   |        di Iesi384, di ¶ Forlimpopoli, di Forlì, di Bobbio, di
10620 III1899   IV- 992                   |   facilmente a promesse formali.~ ~p) Serbi integra la
10621   Asant  III- 233                   |     in esso additate tu formane cibo ¶ alla mente,
10622 III1910   IV-1246                   |       per questi rimedi formanti una famiglia di forti,
10623   I1913    7,   VI - 724            |   mi struggo, ho dovuto formarmi una grammatica sulla
10624  I1889b   43,   VI - 355            |   amico. Questo bisogna formarselo e con questo aver un
10625 III1910   IV-1335                   |       i ¶ mietitori per formarsene un criterio valevole per
10626  II1913   IV- 771                   |          Sappiate ¶ pur formarvi dei bozzetti di fatti
10627   3OrFr  II2- 229                   |  discretorii, nei quali formasi così un tesoro ¶ di
10628  II1911   IV- 490                   | persino che i superiori formassero sospetti e giudizi ¶
10629   I1912   12      ,   VI - 689      |      per la convinzione formatasi che quivi avrebbe potuto
10630 III1899   IV-1090                   |      di compere i vuoti formatisi.~ ~e) La guardarobiera
10631 III1915   IV-1422(66)               |           di ¶ opuscoli formativi e devozionali, fu una
10632 III1905   IV-1171(23)               |       Giacomo Barbieri, formatosi alla sua scuola, a
10633  II1911   IV- 640                   |       si danno le prime formazioni e si ¶ perfezionano le
10634   I1910    1,   11,   VI - 630      |    al fianco del tempio formeranno la dimora ¶ prima dei
10635   1PaAn    I- 266                   |     prima di morire, ne formereste un bacino simile alle ¶
10636   AMFel  III- 196                   |      le loro lagrime ne formeresti un lago da farvi ¶
10637   SNA89  III-1164                   |      non è altro che un formicaio di menzogne e vani
10638   I1883   27,   VI -  71            |   la sua potenza su me ­formichetta. Il padre Giambattista
10639   2Apio  II1- 496                   |       rimestatori che ¶ formicolavano. Procurò ai svedesi un
10640   2Apio  II1- 343                   |    parimenti una bestia formidanda con denti di ferro per
10641  II1913   IV- 856                   |     esercitanti  ./. si formino una tessera delle ¶
10642  I1889b   21,   VI - 335            |  e persone, ma modis et formis. 10. Difficoltà maggiori
10643   3Apio  II1- 639                   |    la terra". Domenico, formoso di volto, colorito di
10644   2Apio  II1- 301                   |         a Dio”. Intanto formularono  ./. un canone per
10645  II1911   IV- 408                   |    405). Queste erano ¶ formulate con contenuto e stile
10646   I1894    0,    IV- 143            |         in proposito si formuleranno secondo le circostanze
10647 III1899   IV-1091                   |       VI.~ ~DELLA SUORA FORNAIA~ ~ ~ ~Anche il forno per
10648   3Apio  II1- 807                   |          Maria Vittoria Fornari istituiva ¶ le
10649   I1910    1,    2,   VI - 619      | pasta che poi cuoce una fornata di pane a distribuirsi
10650   I1875            ,   VI - 819     |        collana. Pur non fornendo la certezza del­l’
10651   SAFam  III-  24                   |  incendi o nei pubblici forni per fabbricare, ¶ com'
10652   1PaAn    I- 246                   |   o di bestemmiare o di fornicare ovvero di rubare, sarà
10653 III1915   IV-1421                   |      quelle adulte, che forniranno i soggetti più sicuri e
10654   Vmeco  III- 368                   |    possono con facilità fornirlo. E poi dobbiamo al ¶
10655   2PaAn    I- 552                   |       e degli strumenti fornitigli si abusa a ¶ tutto
10656   SILou    I-1095                   |    e del posto suo di ¶ fornitore dei reali palazzi. Ma il
10657   2Apio  II1- 223                   |      Il ¶ prete Evagrio fornivalo di libri ed egli,
10658   3Apio  II1- 840                   |   percorrevano in grida forsennate. Le donne, aiutate da
10659   I1910    1,   16,   VI - 635      |     elegit ut confundat fortia 80 . Chi non vorrebbe
10660   I1912    6      ,   VI - 670      |            e con questo fortificandosi a sostenere le traversie
10661 III1910   IV-1310                   |        allora <bisogna> fortificarlo anche quotidianamente
10662   MeMus  III- 798(4)                |           è la località fortificatadove nel 1528 era
10663   Svegl  III- 699                   | questo uopo siete state fortificate nella Cresima. Ed il ¶
10664   3Apio  II1- 546                   |      finché ¶ i turchi, fortificatisi nelle pianure di Dorilea
10665   1Apio  II1-  51                   |      città di Gerico si fortificavano entro le mura. Ma ¶
10666   2PaAn    I- 572                   |       alla città eguali fortificazioni. Però quel pio re, ¶
10667   ITSac    I- 880                   |   e Dio la diresse e la fortificò, perché operasse le
10668 III1899   IV- 985                   |    Badi ¶ che vis unita fortior. Parli sovente nella
10669   Asant  III- 251                   |   Ch. Quia tu es, Deus, fortitudo mea: quare me repulisti
10670   3PaMa    I- 158                   |     si convertivano.~ ~ Fortunatissimi i cristiani spirituali
10671   3PaMa    I- 149                   |   piantò il suo regnofortunatissimo ed ora noi siamo
10672   I1883   17,   VI -  45            |          Per 20 anni ho fortuneggiato quasi in mare procelloso
10673   I1907   17,   VI - 480            |  circostanze più o meno fortunose finalmente aprì l’adito
10674  I1891b    4      ,   VI - 429(84)  |    Forma dialettale per foruncolo
10675   CLAPe  II2- 587                   |        al cuore per non forviare giammai. Andrea, padre
10676   2Apio  II1- 371                   | Pazzi!” Ma gli altri lo forzano ad ¶ accettare. Si
10677   I1883   22,   VI -  54            |   che alcuni confessori forzavanla a non pensar punto a
10678   I1887     ,   VI - 154            |     dell’ospizio, se si forzavano le figlie ad entrare.
10679   1Apio  II1-  10                   |     Era ¶ una luce o di fosforo o di gas ovvero di
10680   3Apio  II1- 656                   |  riempire di macchine i fossati, ma i viterbiesi
10681   Vmeco  III- 356                   |     pareva che il cuore fossegli passato da uno ¶ stilo e
10682   I1883   29,   VI -  82            |          qualunque cosa fossele apposta. Morta, fu
10683   3Apio  II1- 658(187)              | si ¶ vedevano, sembrava fosser montagne, perciocché la
10684   I1883    4,   VI -  14            |      viveva io come non fossevi al mondo che Dio solo ed
10685  II1899   IV- 295(12)               |  la torba, combustibile fossile di bassa qualità, che
10686   2Apio  II1- 500                   |      per la Chiesa di ¶ Fossombrone, rispose sé non
10687   2Apio  II1- 296                   |         di Sabellio, di Fotino, di Eutiche. Accenna che
10688  II1913   IV- 828                   |    nel mese di agostofotografate la incoronata Regina del
10689   I1913   15,   VI - 776(108)       |       in riproduzione ¶ fotografica e tradotto ne La Divina
10690   1PaAn    I- 227                   |      giuri il sacerdote Fournet. E quegli si fa a ¶
10691   SILou    I-1121                   |      sofferente è Maria Fourtic di Pontacq, una buona
10692   3Apio  II1- 564(46)               |              Originale: Foutaines; cfr. Rohrbacher VIII,
10693   I1912   18      ,   VI - 696(55)  | intimam cum Deo unionem fovisse meditando per longa
10694   2Apio  II1- 434                   |      tuttavia lo scisma foziano. Miseri, i quali non
10695   FIPop  II2-  76                   |   Costantino Mutinelli, Fr. C. M., ¶ Biografia di
10696   I1888   16      ,   VI - 226(114) |   Originale: volto /del fra‹...›
10697   CfrMo  II2- 251                   |       nelle montagne di Frabosa verso la parte di
10698   3Apio  II1- 666                   | scoglio. La nave pareva fracassata omai; Luigi scherzando
10699   3Apio  II1- 926                   |       morendo, ¶ furono fracassate con colpi sulla persona
10700   1Friv  III- 824                   |  terza e i corpi furono fracassati e sepolti nelle ¶
10701   I1883   39,   VI - 106            |      umido ¶ e al buio, fra­cassato e rotto nella persona e
10702   SAFam  III-  42                   | saran suoni di ¶ voci e fracassi e nulla più. Che se per
10703   1PaAn    I- 346                   |   precipitò dunque e si fracassò le membra e con le ¶ sue
10704   I1889    4,   VI - 281            |     amano anche materie fracide perché il sanno che 84
10705   I1910   17      ,   VI - 576(36)  |          apud incolas ¶ Fracisci, Campidulcini et
10706   2PaAn    I- 598                   |          4. I peccatori fradici poi li condannerà dopo
10707   CLAPe  II2- 496                   |   sul vertice del monte Fraello. Nel 1670 ¶ erano36
10708   VpeIl  II2-  20                   |    cielo.~ ~ Deposto il fragil velo,~ ~ or ¶ splende in
10709   MFerv    I-1234                   | io stato un colpevolefragilissimo".~ ~ Francesco Saverio
10710   I1889   10,   VI - 302            |     Ma sovrat‹t›utto la fragola, il lampone, il melone,
10711   1Friv  III- 858                   |             scoscese in fragorose valanghe ¶ seppellendo
10712   Vmeco  III- 392                   |  di giubilo risuonavano fragorosi, inni e ¶ cantici
10713   I1883   49,   VI - 130            |    sunt ubera tua vino, fragrantia ¶ unguentis ~optimis » (
10714   3Apio  II1- 648                   | fu trovata olezzante di fragrantissimo odore.~ ~ ~ ~ Il
10715 III1899   IV-1041                   |  guardisi ¶ dal lasciar fraintendere che parla in argomento
10716   I1912   17,   VI - 979            |      per gli ¶ altri se fraintendono la sua parola ». Non si
10717   CLAPe  II2- 566                   |     affatto delle umane fralezze, un raggio di gioia
10718   SAFam  III-  12                   |   di esse, come anche ¶ framassoniche son le dottrine che s'
10719   SchMi  III- 745                   |      con 1500camere, framezzate da terrazze che giravano
10720   I1889     ,   VI - 265            | vii e viii, sintetici e frammentari, il pensiero procede
10721   I1889   IV-  16                   |  23-61) risente della ¶ frammentarietà di uno schema. Perciò,
10722   1Apio  II1-  91                   | palazzi con 1500 camere frammezzate ¶ di terrazze, che
10723   1Friv  III- 830                   |   di tratto in trattoframmezzati da casini di campagna
10724   Gpont  II1-1075                   |    patria. I socialisti frammischiandosi attentavano per mutare
10725   1Cagr  II2- 397                   |         pietà, ma ¶ per frammischiarsi ai buoni e corromperli
10726   Svegl  III- 713                   |  quel molto male che vi frammischiate in ¶ eseguirle. Voi
10727   1Apio  II1-  84                   | popolo del Signore sono frammischiati alle genti di tutto ¶ il
10728   2Apio  II1- 452(477)              |              Originale: Framone; cfr. Rohrbacher ¶ VI,
10729   1Friv  III- 841                   |      1. ¶ La Gazette de France del 14 luglio 1884 aveva
10730   I1910    0,   24,   VI - 612      |      Ticino, la signora Franceschina vedova Rossi, sentita la
10731   I1912   23,   VI - 986            |  contrari: don Rua, don Francesia, eccetera. Don Bosco
10732   I1889   IV-  37                   |  discorsi brevi, parole franche, modischietti, come si
10733   2Apio  II1- 302                   |  Gondebaldo non ebbe la franchezzza per mantener l'ordine. ¶
10734   SchMi  III- 766                   |          un libretto di franchigia e dicevansi ¶
10735   3OrFr  II2- 240                   |   O patriarca pauperum, Francisce, tuis precibus auge
10736   3OrFr  II2- 236                   | patrem ¶ nostrum beatum Franciscum tres Ordines instituere
10737  II1909   IV- 387                   | cui si possa ¶ avere il francobollo in queste circostanze.~ ~
10738   3Apio  II1- 562                   |   spense la famiglia di Franconia.~ ~ 11. Qualche miglior
10739   1Friv  III- 854                   |              condensato frange le pareti della stessa
10740   MeMus  III- 818                   |         ricco, il quale frangendosi ricade in ¶ una pioggia
10741   1Apio  II1-  93                   |          re di Sicilia, frangeva l'oste nemica dei ¶
10742   Gpont  II1-1055                   |      sacri. Allora ¶ il Fransoni231 stringendo la destra
10743  I1889b   37,   VI - 349            |    è facile che uno sia franteso. 4. Chi è molto rigoroso
10744   I1913    4,   VI - 711            |    pericolo di rimanere frantumato fra le ¶ ruote, di
10745   2Apio  II1- 248                   |    mano ad una mazza lo frantumò. Fuori n'uscirono turme
10746   Gpont  II1-1055(231)              |              Originale: Franzoni; cfr. Balan I, p. 723
10747   I1891   17,   VI - 376            |         che anche vi si frapponevano da altri ci pareva
10748   CLAPe  II2- 553                   |     or come osate voi ¶ frapporvi? Lasciatemi in pace od
10749   3Apio  II1- 658                   |  avanti partire si  ./. frappose mediatore al pontefice
10750   I1912    8      ,   VI - 682      |  superare le difficoltà frapposte dei soliti avversari del
10751   I1910    5      ,   VI - 531      |          che si fossero frapposti ad ¶ una professione di
10752   4Croc  II2- 431(4)                |      cfr. ErmenegildoFrascadore, Frati della Carità, in
10753   3Apio  II1- 615(133)              |              Originale: Frascate; cfr. Rohrbacher ¶ VIII,
10754   PCris  II2-  61                   |           capanne con ¶ frasche per i suoi. Di tempo in
10755   1Friv  III- 859                   |  a ~ ~  ./. Venáus, a ¶ Frassinere, a Sparone, a Mentoulles
10756  II1913   IV- 818                   |      profittare di ogni frastaglio di tempo, di ogni
10757   3PaAn    I- 695                   |  rondini, quando troppo frasto<r>nino, facilmente si
10758   I1912   45,   VI -1003            |    seminario teologico; fratellastri di lui, don Antonio e
10759   I1912    2,   VI - 969            |  Corso, frequentata dai fratelloni 12 che invece di fargli
10760   3Apio  II1- 712                   |  una ¶ congregazione di frati-uniti. Giovanni Cantacuzeno307,
10761   4Croc  II2- 431                   | parlo soprat<t>utto dei fraticelli Bigi, ¶ spirituale
10762 III1905   IV-1151                   |      frater adiuvatur a fratre10. Allora ¶ più
10763   CLAPe  II2- 576                   |   maii, per venerabilem fratrem ¶ Dominicum de Ardenno".~ ~
10764   CLAPe  II2- 576                   |       patris ac beatifratris Andreae de Pischeria,
10765   3OrFr  II2- 215(229)              |      sive modus vivendi Fratrum de ¶ Poenitentia tertii
10766   1Cagr  II2- 397                   |     Giunse in ¶ Sicilia fratto nella salute, compresso
10767   Mfior    I-1020                   | la croce, le bestie, la frattura delle ¶ ossa, la
10768   3Apio  II1- 861                   |        di Beauvais ebbe fratturate le gambe e gli altri
10769   2Apio  II1- 297                   | Acacio al quale succedé Fravita. Gli intrusi furono
10770   3Apio  II1- 919(683)              |              Originale: Frayssinoux, ripetuto nel paragrafo; ¶
10771   I1910    2      ,   VI - 512      |  che facevano la scuola frazionale. I maestri so che se ne ¶
10772   P14Ab  II2- 602                   |   atterrò a colpi delle frecce della sua dottrina e li ¶
10773  II1899   IV- 289                   | all'uopo nelle giornate freddissime invernali e da ¶
10774   2Apio  II1- 451                   |    Dimorando in climifreddissimi, vestivano semplici
10775   I1913    9,   VI - 735            |    un saluto che riuscì fredduccio perché non credevano
10776   2Apio  II1- 354                   |        che con la madre Fredegonda aveva ucciso ¶ nove
10777   I1912    5,    2,   VI - 668      | le sue ¶ consorelle, si fregava le mani esclamando: «
10778   I1883   25,   VI -  65            |     curiose di cui si ¶ fregiano le imagini, e non già le
10779   3OrFr  II2- 159                   |    vera porpora che può fregiare la dignità dei re e dei ¶
10780   2Apio  II1- 509                   |       Che valgono cappe fregiate d'oro con gioielli
10781   2Apio  II1- 396                   |  calici e di vasi d'oro fregiati di ¶ pietre preziose. In
10782   3Apio  II1- 727                   |   guerriero, il quale è fregiato con decorazioni d'oro e
10783   3Apio  II1- 807                   | cingevano con corone di fregio la religione, che fu
10784   3Apio  II1- 878(583)              |              Originale: Frejus; cfr. Rohrbacher XV, p.
10785   3Apio  II1- 878                   |          è sbarcato a ¶ Fréjus!"583. Un mese di poi s'
10786   SILou    I-1080                   |  di ¶ Mazan, diocesi di Frèjus, son descritte nei
10787   3Apio  II1- 865(567)              |              Originale: fremaio; cfr. Rohrbacher XV, p.
10788   CLAPe  II2- 544                   |    udì che due ¶ popoli frementi circondavano la chiesa.
10789   SAFam  III-   9                   | è a dire se i carbonari fremessero più che prima di rabbia10790   CLAPe  II2- 579                   |          a tai discorsi fremettero ma si contennero.~ ~
10791   SAFam  III-  89                   |    cocente in viso e ne fremo d'orrore. Or i giovani e
10792   MFerv    I-1257                   | corpo colle austerità e frenano i mali desideri dello
10793   3PaMa    I- 139                   |   abbattere i peccati e frenar le cause del peccato,
10794   Gpont  II1-1062                   |  tirannia e ¶ conveniva frenarle. Il Döllinger scrisse il
10795   3PaAn    I- 720                   |         sapete ¶ almeno frenarli, se non potete
10796   2PaAn    I- 582                   |   arriva. La lingua non frenata è come una serpe che
10797   2Apio  II1- 392                   | nella vernata 763.~ ~4. Frenesie di Costantino.~ ~5.
10798   2Apio  II1- 299                   |     in un atto di rissa frenetica”.~ ~ Un diacono
10799 III1915   IV-1417                   |         che con ¶ bontà frequenta le case di Milano e le
10800   I1886   IV-   9                   | Comunione si esortino a frequentarla il più spesso possibile
10801   SAFam  III-  85                   |       ti distolgano dal frequentarle. E trovi ¶ altresì in
10802   CLAPe  II2- 579                   |   conobbero l'inganno e frequentarono ¶ meno il sepolcro del
10803   2Apio  II1- 352                   |      si lagna che pochi frequentassero il meditare intorno ¶
10804 III1899   IV-1042                   |     di buonicompagni frequentati.~ ~c) Talvolta una
10805   I1913    1,   VI - 706            |  del secolo passato era frequentatissimo, ma ora lo è assai meno,
10806   I1912    9      ,   VI - 684(34)  |                         Frequentatori di osterie; da crotto,
10807   Gpont  II1- 978                   |        epperò voi ¶ non frequenterete scuola veruna di
10808   9Ferv  II2- 348                   |            Mediolani, ¶ frequentioribus cleri populique ac
10809 III1899   IV- 951                   |   lo spirito nel cibofrequentissimo delle meditazioni, delle
10810   3Apio  II1- 868                   |    credono e tremono. ¶ Fréron574 diceva di lui: "Tutta
10811   3Apio  II1- 868(574)              |              Originale: Frèron; cfr. ROHRBACHER XV, p,
10812 III1899   IV-1092                   |  consumi nello stato di freschezza.~ ~e) Dovendola spedire
10813   2Apio  II1- 234                   |          negli anni più freschi”. Ma il discorso di
10814   4Croc  II2- 470                   |  acqua di ¶ certa fonte freschissima che era nelle vicinanze
10815   I1889   11,   VI - 307            | ed ha ¶ alcuni che sono freschissimi. Il pericarpio contiene
10816 III1899   IV-1092                   |    non si mangi caldo o freschissimo da veruno.~ ~5. Nella
10817   I1907   22,   VI - 503            |   intimidite... Erano i frescori serali e suor Agnese
10818   2Apio  II1- 247                   |  dei barbari. La regina Fretigilde dei marcomanni ¶ era
10819   IlFon  III- 926                   | con ¶ tripudio, movendo frettolosi i passi e battendo le
10820 III1915   IV-1388                   |   i seguenti: soverchia frettolosità nel ¶ compire i più
10821   2Apio  II1- 337                   |     i santi Leobardo, ¶ Friardo, Giuliano, Caluppano,
10822   3Apio  II1- 922                   |   impunemente il popolo friborghese nelle sue istituzioni,
10823   3Apio  II1- 728                   |     alla Vergine, a san Fridolino334, e ¶ non avevano fine
10824   SchMi  III- 773(63)               |  Esponto, in ambedue le Frige; cfr. Rohrbacher iv, p.
10825   I1913   14,   VI - 764(91)        |   all’ingegnere Eugenio Frigerio, Pianello del Lario, 26
10826   I1913    8,   VI - 727            |        si contentava di friggere in padella una misura di
10827   2Apio  II1- 319                   |      molti fuggirono, i frigi si bruciarono a vicenda
10828   3Apio  II1- 865                   | vendemmiatore, brumaio, frimaio567... Furono ¶ istituiti
10829   2Apio  II1- 367                   |    per evangelizzare la Frisa357 e l'ottenne10830   3Apio  II1- 606                   |       Portavano 12 mila frisi ¶ e danesi. Giorni di
10831   MeMus  III- 798(4)                |     Originale: abate di Fristemborgo. Theodul Schlegel (†
10832   3OrFr  II2- 158                   |        e risse, nulla91 frodare e non brandire armi se
10833   2Apio  II1- 487(555)              |              Originale: Froelano, ripetuto nel paragrafo
10834   2Apio  II1- 397(395)              |     il Casto, figlio di Froila, cui era padre Alfonso I
10835   CLAPe  II2- 506                   |      un bacio su quelle fronticine e ¶ intanto s'odono
10836   I1887     ,   VI - 139            |   brillava in su quella frontina, aureola che crebbe poi
10837   I1910   20      ,   VI - 582      |   dal fascicolo stesso. Frontini Giuseppina depone
10838   I1889   11,   VI - 306            |       accurate! Le cime fronzute, i succhioni, i rami
10839   2Apio  II1- 442                   |    d'Avignone, e contro Frotario di Bourges464. Intima
10840   2Apio  II1- 442(464)              |     d'Avignone e contro Frotasio di Bourgeoi; cfr.
10841   I1912   19      ,   VI - 698      |    della Serva di Dio a frotte conveniva la gente da
10842   I1912   12      ,   VI - 689(44)  | vita instituto atque in fructibus ¶ postea collectis » (f.
10843  I1891b    2,    1,   VI - 403      |        sono dediti alla frugalità per una parte, per altra
10844   Svegl  III- 628                   |       Quando sentistefrugar nelle camere avete detto
10845   50Rmi  III-1102                   |      i padri vostri?... Frugate ¶ in quegli scrigni e
10846   3Apio  II1- 893                   |   tratto di via Pio vii frugò nelle ¶ tasche e si
10847   SILou    I-1140(17)               |   Salve, ¶ magna parens frugum, Saturnia tellus, /
10848   3Apio  II1- 658(187)              |          IX, p. 805: «I frumenti e gli orzi li avevan
10849  I1891b    3,   10,   VI - 421      |       dei viveri. 3. Il frumentone a cento lire. 4. Cenere
10850   Vmeco  III- 330                   |   intorno alla terra un fruscio di minaccia vola all'
10851   1PaAn    I- 327                   |   usurai si partironofrustati, ma non si legge che
10852   2PaAn    I- 419                   |          manderovvi i ¶ frusti di cibo se avanzino e
10853   I1907   17,   VI - 481            |         naturalmente si frustra e perisce, e deve ¶
10854   I1907   17,   VI - 481            |     e perisce, e devefrustrarsi e perire, perire vittima
10855   I1912    2      ,   VI - 648      |  per il timore di avere frustrato il tempo e le intenzioni
10856   1Apio  II1-  98                   | liberi. A Lacedemone si frustravano venti volte in un anno
10857   Gpont  II1- 987                   | siffatte mariolerie e ¶ frustrazioni non possono nemmeno
10858   I1889   11,   VI - 307            |       del vecchio che ¶ fruttano a tutte le età, come l’
10859   1Cagr  II2- 390                   |    passi! Essi ci hanno fruttato in copia benedizioni.
10860   Mfior    I-1006                   |   quale è in un orto di frutte che in sé non sono, no,
10861   MFerv    I-1177                   | questa terra che domani frutterà le piante amenissime dei
10862   I1910    0,   30,   VI - 616      |   di acque, di orti, di frutteti; conta un centinaio di
10863   1Apio  II1-  11                   |       il seme, e piante fruttifere che diano il frutto ¶
10864   1Friv  III- 837                   |         pingue titolofruttifero si acquista nel
10865   I1889    1,   VI - 271            |    al seme: « Stanati e fruttifica », e il manda con ali od
10866   I1889    1,   VI - 267            |     E ¶ sette industrie fruttificano il suolo della terra: si
10867   I1889    4,   VI - 280            |      sono sempre le più fruttuose. Volete in questo
10868   3OrFr  II2- 209(218)              |              Originale: Fubbio; cfr. C. Chalippe, Vita
10869   Svegl  III- 644                   |      che presto scagliò fucilata contro il santo
10870   Svegl  III- 721                   | che altri loro scarichi fucilate. Non ¶ importa che ad
10871   Gpont  II1-1057                   | mesi, ¶ narrano di 8968 fucilati, di 10604 feriti, di
10872   Gpont  II1-1073                   |  Juarez condannare alla fucilazione nel giorno 19 giugno
10873   I1912   19      ,   VI - 698(58)  |           b) cujus loci fuerint concurrentes in hac
10874   MeMus  III- 798(4)                |   xiii, 1956, col. 221. Fürstemberg è la località
10875   MeMus  III- 798(4)                |    ed.1928, p. 240: «Fürstemborgo»; nell’ed. 1933, p. 138: «
10876   3Apio  II1- 889(610)              |   des Papstes durch den Fürsten ¶ Bisinarck, Düsseldorf,
fuerunt
10878   MeMus  III- 798(4)                | nell’ed. 1933, p. 138: «Füstemborgo
10879   Svegl  III- 627                   |     ad un tizzone per ¶ fugarla. E facciamo guerra alla
10880   1Apio  II1-  51                   |   e li opprimevano. Per fugarli appienooccorreva  ./. 
10881   2PaAn    I- 541                   |        E intanto, per ¶ fugarlo più confuso, venne a
10882   2Apio  II1- 230                   |  occhio di disdegno, il fugarono a sassate ed ei venne in
10883   CLAPe  II2- 485                   |  agli incendi ¶ finché, fugati dal pontefice san Leone,
10884   ITSac    I- 885                   |     dei sacri Cantici: "Fuge, dilecte mi61. Non è
10885   3Apio  II1- 705                   | la presero d'un tratto, fuggendone disperatamente ¶ i
10886   3Apio  II1- 528                   |       dignità ed ¶ egli fuggendosene venne a Grenoble,
10887   1Apio  II1-  60                   |       appare a Giacobbe fuggente e questi in onore dello ¶
10888   SAFam  III-  14                   |      lontano. Ah ¶ sì!, fuggiam davvero, o cristiani,
10889   ITSac    I- 858                   |     sua mostruosità, lo fuggiresti ben tosto con
10890   2PaAn    I- 609                   | divino. Non è possibile fuggirgli, perché è Dioforte.
10891   SNA89  III-1157                   |   le conversazioni e il fuggirle sono due estremi
10892  II1898   IV- 206                   | la bruttezza del male e fuggirlo.~ ~3. Argomenti della
10893   4Croc  II2- 432                   |    che non ¶ sapevo ove fuggirmi e nascondermi per non
10894   IlFon  III- 950                   |    È proprio bisogno di fuggirne. Che cosa è scritto? "
10895   4Croc  II2- 444                   |  cuore ripeteva: "Me ne fuggirò... Verrà tempo, io ¶ lo
10896   VpeIl  II2-   4                   |   governatore impaurito fuggissene, ma Girolamo, rannodati
10897   4Croc  II2- 430                   |   padre Lodovico, te ne fuggisti e io me ne ¶ trovo
10898   3PaAn    I- 715                   |     fra le foglie, ¶ la fuggita. Il re le dona una di
10899   3PaAn    I- 779                   |        Fuggite, dunque. Fuggitele le glorie del mondo. Son
10900   SchMi  III- 753                   |  i ¶ costantinopolitani fuggivansene ai monti, forastieri
10901   4Croc  II2- 460                   |      in ogni  un pane fuggivasene dimenando la coda. ¶
10902   IlFon  III- 977                   |     da Dio. Dal peccato fuggo più che allo incontro d'
10903   PAS86  III-1031                   |      ha mirato a queste fughe, a queste cacciate del
10904   I1912   14      ,   VI - 692(48)  |   castitatem atque in ¶ fugiendis periculis licet remotis,
10905   I1883   50,   VI - 132            |      felicità sclama: « Fulcite me floribus, stipate me
10906   9Ferv  II2- 315                   |          in Santa Maria Fulcorina17, a Santa Maria di
10907   MFerv    I-1167                   |        quando un angelo fulgente si presenta ai pastori
10908   SAFam  III-  54                   |     siam tosto, come da fulgidissimo sole, rischiarati a
10909 III1899   IV-1091                   |   lo si purifichi dalla fuliggine almeno due volte ¶ all'
10910   PCris  II2-  65(20)               |              Originale: Fuligno; cfr. C. Chalippe, Vita
10911   2Apio  II1- 269                   |         san Celestinofulmina di scomunica l'eretico e
10912   1PaAn    I- 215                   |  ritorniamo? Potrebbe ¶ fulminarci Iddio alla replica di
10913   3Apio  II1- 559                   |    loro conviti privati fulminarono di ¶ scomunica Enrico.
10914   I1883   38,   VI - 105            |           ira e perfino fulminata scomunica perché le
10915   I1913    8,   VI - 729(25)        |           Originale: la fuma
10916   I1913    8,   VI - 729            |   tabacco è da uomo, il fumarlo è da bellimbusto ».
10917   3Apio  II1- 874                   |  Santa Sede. Il p<adre> Fumé579, generale dei
10918   3Apio  II1- 874(579)              |              Originale: Fumè; cfr. Rohrbacher ¶ XV,
10919   Gpont  II1-1055(229)              |           Il cappellano Fummeisen in Baviera ; cfr. Balan
10920   3PaMa    I- 167                   |  sempre il vero, perché fundamenta eius in montibus ¶
10921   3OrFr  II2- 236                   |      ut ea supra petram fundata ab omnibus mundi, carnis
10922   CLAPe  II2- 567                   |  quae fecit vivus, et ¶ funere pressus prodigia". Lo
10923   2Apio  II1- 433                   |     ricoperto od i lini funerei ¶ che toccarono il suo
10924   MFerv    I-1206                   |      non ne rimanganofunestamente scandalizzati". Intanto
10925   2Apio  II1- 171                   |         9. Altre eresie funestavano la ¶ Chiesa del
10926   PAS86  III-1049                   |    pietà! E qual cecità funestissima si è questa di voler
10927   1Apio  II1-  32                   |   vedere avvenimento di funestissimo lutto.~ ~ ./. Abramo
10928   2Apio  II1- 501                   |  morrete”.~ ~ Un errore funestò la Chiesa, ¶ quello di
10929 III1905   IV-1167                   |    i quali generalmente fungono da parroci missionari.~ ~
10930  II1913   IV- 798                   |   legate dalla triplice funicella della fede, della
10931  II1899   IV- 214                   | quasi con ¶ altrettante funicelle spirituali, le figlie
10932   I1913   14,   VI - 773            |   latteria, che tuttora funziona a ¶ vantaggio di quegli
10933  II1913   IV- 844(8)                |        dell'Immacolata, funzionante dal 1898. Per le case di
10934   3Apio  II1- 914                   |  a san Devi e tolse <a> funzionarlo, facendosi ¶ consecrare
10935   2Apio  II1- 510                   |  a ¶ luogo dei canonici funzionassero nelle cattedrali.
10936   I1910    1,   11,   VI - 630      | prima dei sacerdoti che funzioneranno la chiesa, mentre dall’
10937   I1912    3,    4,   VI - 660      |   acceso in camera un ¶ fuocherello, essendo io presente,
10938   2Apio  II1- 371                   | accettare. Si accostano fuoribondi a Costantinopoli e l'
10939   PCris  II2-  50                   |  nascosto ¶ per un mese fuorvia, finché rientrò.~ ~ I ¶
10940   50Rmi  III-1101                   |   intenzione. O se pure fuorviassero, noi ci atterremo al ¶
10941   1Cagr  II2- 399                   |  siamo noi. Pietà per i fuorviati! Otteneteci misericordia
10942   AnPar  III- 468                   |        8. Perché tu non fuorvii mai, ¶ santa Chiesa come
10943   2Apio  II1- 252                   | che san Girolamo diceva furbesca. Rufinopar che sia
10944   1Friv  III- 841                   |        i banditi12 ed i furbi che pensano più a se
10945   Gpont  II1-1018                   |     che non sia un gran furfante...". Ai ¶ re grida: Il
10946   SchMi  III- 751(28)               |              Originale: Furgeau; cfr. Rohrbacher xi, p.
10947   Gpont  II1- 967                   |  erigono dal capo della furibonda ¶ sono i dieci
10948   1PaAn    I- 257                   |  prodigiosa. Quando poi furonsi satollati riprese Gesù: "
10949   Vmeco  III- 385                   | i timori in perderla, i furori in ¶ vedersela strappare
10950   2Apio  II1- 365                   | monasteri e mandano san Furseo nella Francia per
10951   CanSu  II2- 281                   |           una ¶ lagrima furtiva sclamavano: "Ecco l'
10952   CLAPe  II2- 483                   |   Bormio colle valli di Furva, di Pedenosso, di Cepina
10953   SILou    I-1054                   |     trovavasi avere due fuscelli di ¶ legne per accendere
10954 III1910   IV-1281                   |  Nell'occhio nemmeno un fuscellino si tollera e dalla mente
10955 III1910   IV-1277                   |  di persona umana.~ ~Un fuscello minimo farebbe male all'
10956   3Apio  II1- 734                   |      la vita. Quando un Fust345 con Schoeffer
10957   SAFam  III-  57                   | assai, "verberibus ¶ et fustibus comprimite", intesero
10958   I1889    1,   VI - 270            | orlo, corolla, e dentro fusticini ritti 17 , stami,
10959   I1889    1,   VI - 269            |      si impediscono nel fusticino della pianta, e ¶ perché
10960   I1883   42,   VI - 114            |  non corrisponde  ./. a futilità... non brama esser
10961   2Apio  II1- 301(240)              |              Originale: Futo, ripetuto nel paragrafo;
10962  I1889b   24,   VI - 338            |       buoni esempi. 15. G‹...› C‹...› ammalò e morì. 16
10963   2Apio  II1- 303(244)              |              Originale: Gabad; cfr. Rohrbacher IV, p.
10964   1Apio  II1-  51                   |        da una parte e i gabaoniti ¶ dall'altra strinsero i
10965   I1910    0,   21,   VI - 610      |        Il buon Giuseppe Gabba 37 , educato in famiglia
10966   SAFam  III-  62                   |               di comune gabbamondi, artigianiingiusti,
10967   SAFam  III-  72                   |       raggirare da ¶ un gabbamondo o rinunciano per
10968   Gpont  II1- 986                   | i ¶ governi e i popoli, gabbano il suffragio universale
10969   CfrMo  II2- 269                   | mi hai già troppe volte gabbato, ¶ or non ti posso né
10970   2Apio  II1- 371                   |      governare che il ¶ gabelliere Teodosio. Moviamogli
10971   MeMus  III- 819                   |       dire dagli stessi gabellieri che sedevano già un  a
10972   3Apio  II1- 868(572)              |              Originale: Gaboud; cfr. ROHRBACHER XV, p.
10973   MeMus  III- 801                   | Ivi stesso si legge:~ ~ GabrieliMedici ingenii et
10974   1Apio  II1-  52                   | alle tribù di Ruben, di Gad, di Manasse.~ ~ ./. La
10975  I1891b    4      ,   VI - 427(80)  |      della figlia Maria Gaetana, nata il 1 gennaio 1839
10976   AnPar  III- 510                   |     coi Franceschi, coi Gaetani e con più altri ¶ dell'
10977   1Friv  III- 857                   |    le armi a difenderla gagliardamente. Ora, in ¶ questo
10978   2Apio  II1- 385                   |        difendevansi con gagliardissimo sforzo. Stefano, sempre ¶
10979   1Apio  II1-  15                   |      torna ¶ alla prima gaiezza. Al sentirlo fornito di
10980   SAFam  III-  22                   |   la vestirono con gran gala. Intanto la buona donna
10981   3Apio  II1- 820                   | Il missionario Clemente Galanoscriveva Conciliazione
10982   3Apio  II1- 758                   | i voleva essere prode e galante. Viveva in una corte
10983   I1893   10,    IV-  97            |    della modista o di ¶ galanteria.~ ~Si ¶ ha per proposito
10984   I1910    0,   26,   VI - 613      |      del ¶ signor Luigi Galbarini sindaco di Carpignago e
10985   3Apio  II1- 702                   |   Visconti, il padre di Galeazzo, di Marco, di Luchino280,
10986   3Apio  II1- 556                   | impresa erano giunte 70 galee di genovesi, ¶ guerrieri
10987   3Apio  II1- 936                   |      Mamiani, Sterbini, Galetti si ingloriavano dicendo: "
10988   2Apio  II1- 130(11)               |              Originale: Galigola; cfr. Rohrbacher II, p.
10989   2Apio  II1- 247(169)              |     che tutti sanno, il Galland, dotto ¶ veneziano,
10990   I1889   11,   VI - 308            |   il lampone le piccole galle. Al nocciuolo insidia il
10991   I1887     ,   VI - 140            |  che 5 si eleva su su e galleggia poi in mezzo all’
10992   Vmeco  III- 407                   | sangue che sopra poteva galleggiarvi un ¶ vascello. A riparo
10993   MeMus  III- 806                   |  oggi è quest'arena ivi galleggiavano un  le navi maggiori
10994   2Apio  II1- 293                   |     nazion degli armeni galleggierà nel lago del proprio
10995   SILou    I-1141                   |                RegnumGalliae, regnum Mariae. Salvete,
10996   2Apio  II1- 366                   |          nelle spiaggie galliche arenò. I pagani le
10997   3Apio  II1- 850                   | La principessa AmaliaGallitzin porgevagli aiuto copioso
10998   3Apio  II1- 879                   |        Diede l'esercito gallo-batavo di 30 mila ¶ ad Augereau
10999   3Apio  II1- 837                   |      e d'amicizia ¶ con Galvani da Bologna e con
11000   3Apio  II1- 717                   |       La beataChiara Gambacorti, il beato Pietro di
11001   I1907   22,   VI - 505(230)       |    Acqua - Sr. Adelaide Gamberini - Caterina Guanella
11002   1Apio  II1-  16                   |   mare.~ ~ Nei fiumi il gambero fa nascer le ¶ uova
11003   Gpont  II1-1093                   |       Grévy299, Ferry e Gambetta, i ¶ quali o lasciarono
11004   3Apio  II1- 904                   |             che dava il gambetto alla ¶ terra!...".
11005   1Apio  II1-  12                   |     che si posano sopra gambi modestissimi. Prendono
11006   I1913   12,   VI - 749            |        sino al ponte di Ganda per ritornarsene a
11007   ASGot  II2-  34(8)                |  Ecclesiae [monasterii] Gandersheimensis collectis nonnullis
11008   3Apio  II1- 836                   |  popolo.~ ~ ~ ~ Lorenzo Ganganelli, che fu il ¶ pontefice
11009   1Apio  II1-   4                   |          e da Catterina Gantener, Renato Francesco. Il ¶
11010   2Apio  II1- 346                   | l'abbatté. Pervenuto in Ganzac318 si trovò di fronte al
11011   3Apio  II1- 876                   | In questa città, come a Gap, il ¶ popolo incontrava
11012   I1894    0,    IV- 144            |    si ¶ sono costituite garanti.~ ~ Gli artigianelli che
11013  II1899   IV- 313                   |  casa ne sia pienamente garantita.~ ~e) ¶ Queste si
11014 III1910   IV-1263                   | di un nuovo membro, sia garantito della buonariuscita
11015   I1910   10,    1,   VI - 557      | a dire il vero, poco mi garba; ma lei ¶ non lo farà
11016 III1899   IV-1036                   |      i) Si profitti con garbata industria di cotali
11017   I1913    8,   VI - 726            |        sempre per altro garbate e serie di un Leopoldo
11018   I1875 Corso,   14,   VI - 923     |  e che  abbia trovato garbatezza di albergatori, compagni
11019 III1899   IV-1034                   |  usino a vicenda tratti garbati, sieno pronti agli orari
11020   Gpont  II1-1075                   |   1862, ¶ presieduta da Garcia Moreno, diè libertà alla
11021   MSMed  III-  98                   |          e Notredame du Gard, dove rimase dal 1883 al
11022   9Ferv  II2- 328(47)               |              Originale: Gardano; in G. P.Giussano,
11023   9Ferv  II2- 328                   |     errori. Quelli ¶ di Gardone47 in Val Trompia, duri
11024   9Ferv  II2- 328(47)               |  san Carlo, ii, p. 54: “Gardono”, ma non si ¶ accenna
11025   3OrFr  II2- 127                   |  di Benedetto, così ora gareggia ¶ nell'apprestare
11026   4Croc  II2- 469                   |  in ¶ Israello le quali gareggiando in affetto verso al loro
11027   3OrFr  II2- 167                   |    talché sommi artisti gareggiarono chi meglio ne ¶
11028   4Croc  II2- 470                   |      che popoli di fede gareggiassero fra di ¶ loro in prove
11029  II1913   IV- 797                   | megliorallegratevene... gareggiate con loro. Il bene non è
11030  II1899   IV- 254                   |  Queste alla loro volta gareggino in virtù colle superiore
11031   ASGot  II2-  34                   | abbadie tergersensi, le garensi, le weldensi, i conventi
11032   I1910    0,    1,   VI - 589      | fra i rumori delle armi garibaldinedopo un corso di
11033   I1913    9,   VI - 733(34)        |  radicale fondato dal ¶ garibaldino chiavennasco Carlo
11034   2Apio  II1- 338                   |             figlia di ¶ Garibaldo duca di Baviera, si
11035   2Apio  II1- 453                   |           alle rive del Garigliano per sommettere tutta l'
11036   3Apio  II1- 680(220)              |              Originale: Garlo; cfr. Rohrbacher X, p.
11037   I1913    9,   VI - 732            |           per cui ne fu garrito dal signor sindaco Del
11038   SILou    I-1071                   |     la mamma dolcemente garrivalo perché saltellava, ed
11039   I1910   11      ,   VI - 559      |         Io e la ¶ mamma garrivamo la Serva di Dio, ma essa
11040   4Croc  II2- 459                   |  agli importuni i quali garrivanlo con pretesto di zelo --
11041   1PaAn    I- 206                   |     ancora più. Ma è un garzoncello che tutti sorpassa in
11042   3PaAn    I- 729                   |     negli opifici dei ¶ garzoni, o si faceva innanzi al
11043   3OrFr  II2- 177                   |       fa di mestieri di gastigarlo, trattarlo come un ¶
11044  II1911   IV- 572(63)               |                         Gaston de Ségur (1820-1881),
11045   SILou    I-1077                   |          cronica, una ¶ gastrite ed una malattia organica
11046   I1913   21,   VI - 802            |        Articolo XXI. ‹A Gatteo›~ Le domande si
11047   2PaMa    I- 125                   |   sicut dixit alleluia. Gaude, dunque, et laetare,
11048   I1912    2      ,   VI - 645(6)   |          qua apud alios gauderet, quot ipse ¶ habuerit
11049   1Friv  III- 842                   |  visitò pure Parigi. Il Gaulois accennando ai luoghi di
11050 III1899   IV-1021(34)               |         François Xavier Gautrelet (1807-1866) e si diffuse
11051   SILou    I-1048                   |    dalle ghiacciaie del Gavarnie precipita una corrente
11052   3Apio  II1- 780                   |     ed eglino ¶ intanto gavazzavano in lussuria, i poveri si
11053   IlMon  III-1004                   |     del Tartano sono il Gavedo, il Lemma, il Budria, ¶
11054   1PgDo  II2- 356                   |   3/929 / Sac. Eugenius Gaviraghi / Notarius Actuarius (
11055   1Friv  III- 824                   |   avvicina ad un lume a gaz e prendefuoco. In un
11056   1Friv  III- 841                   | e la scienza~ ~ 1. ¶ La Gazette de France del 14 luglio
11057   3Apio  II1- 746(372)              |              Originale: Gazza; cfr. Rohrbacher ¶ XI,
11058   2PaAn    I- 510                   |  maestri di novità, a ¶ gazzettieri di bugia, a romanzieri
11059   3PaAn    I- 642(30)               |                         Gd 13
11060   2Apio  II1- 226(138)              |       gli soevi [...] i gebidi; cfr. Rohrbacher IV, p.


0-accor | accos-amass | amat-asper | aspet-beltr | belze-casti | casto-compr | compu-corri | corro-dicat | dicea-dormi | dorno-facen | facer-gebid | gebit-immag | imman-infra | infre-ispir | isple-malau | malav-mostr | motas-oscur | osera-piega | piegh-profi | profl-refiz | refra-rinch | rinco-salis | salit-sees | sega-sopra | sopre-strof | strom-traev | traff-venut | verac-«sovr
IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma