Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Vieni meco - 1913
Lettura del testo

VIENI MECO PER LE SUORE MISSIONARIE AMERICANE IN USO NELLA CONGREGAZIONE DELLE FIGLIE DI SANTA MARIA DELLA PROVVIDENZA IN COMO (1913)

XXXVI. LA DIVINA PROVVIDENZA

«»

[- 795 -]

XXXVI.

LA DIVINA PROVVIDENZA

 

[71]Riconoscetela in tutte le vostre azioni grandi e piccole; riconoscetela in ogni savio pensiero della mente, in ogni buon affetto del cuore.

Riconoscetela in ogni atto della persona vostra, perché siete figlie della gran madre, la divina Provvidenza.

Non le fate il più piccolo torto giammai.

Salutatela regina in casa vostra e non introducete persona che a lei non sia di - 796 -soddisfazione, né chiudete la porta a veruno che sapete essere caro alla divina Provvidenza, regina e madre.

Non le fate torto, benché piccolo, giammai e non mettete all'ultimo posto di casa chi deve stare al primo, il più povero, la persona più abbietta e abbandonata, perché dei pupilli e degli abbandonati custode è il Signore.

[72]E non temete disagio o povertà, perché l'invito, anzi il comando di preferire i più abbandonati vien da Dio, il quale intima espressamente: «Ricevi questo derelitto e nutrilo per me, che io te ne darò la mercede»47. Non fate torto alla divina Provvidenza e non preferitele persona offerta dall'uomo potente e ricco. Non la devono vincere le pretese degli uomini sopra i voleri di Dio. È scritto divino: «Quell'uomo è grande ed è beato il quale riconosce Gesù Cristo povero ed indigente, che è nella persona dei bisognosi desolati; costui è beato perché nel giorno del pericolo, l'estremo dei , il Signore lo libererà»48.

 Nemmeno voi, apostole della carità e missionarie, che avete il cuore di dispensare il più e il meglio che possedete ai bisogni di corpo o di spirito, non dubitate che nulla sia per mancarvi giammai. Ne siete assicurate omai. L'Altissimo, che veste[73] di vaghi colori i fiori, vestirà pur voi e colui che nutre gli uccelli e pasce i vermi della terra non dimenticherà voi; non siete voi molto più che degli uccelli del cielo o che i vermi della terra49? Voi, che avete lasciato patria e parenti e tutto per seguire Gesù Cristo, voi riceverete cento volte più e avrete in dono massimo la vita eterna50.





p. 796
47 Cfr. Lc 10, 35.



48 Cfr. Sal 40, 2.



49 Cfr. Lc 12, 22-28.



50 Cfr. Mt 19, 29.



«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma