Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Visita ad un pers. illustre. S.Girolamo Emiliani
Lettura del testo

VISITA AD UN PERSONAGGIO ILLUSTRE SAN GIROLAMO EMILIANI NEL SUO EREMO DI SOMASCA

IX. Carattere dell'uomo di Dio

«»

- 14 -

IX.

Carattere dell'uomo di Dio

  Il divin Salvatore dicevalo a tutti: "Chi vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, tolga la sua croce e mi segua"10.

Agli apostoli suoi domandava di poi: "Siete poi disposti a bere il calice dei patimenti che io sono per assorbire? 11". [26]E udito che sì, li confermò nell'apostolato. Dal monte delle beatitudini predicava: "Beati sono i poveri di spirito. Beati i mondi di cuori. Beati quelli che desiderano il bene. Beati quelli che soffrono persecuzioni per amore della giustizia"12.

Ah, il cristiano che soffre è oggetto di meraviglia agli angeli ed agli uomini13.

  Eccolo il carattere dell'uomo di Dio. Si riassume in questo motto: "Mortificarsi e patire". Girolamo Emiliani, eccolo il modello dell'uomo di Dio! Girolamo amò la povertà perché da ricco e glorioso si fece mendicante e servo. Girolamo fu mondo di cuore perché una cosa sola desiderò in questa vita: piacere in tutto al Signore. Onde nell'Emiliani si accese una fiamma di santo desiderio d'ogni bene. E nel suo cuore bramò tanto di sostenere patimenti per il Signore, che niente più. Patire con amore in pro di chi si ama è la più dolce consolazione quaggiù.

  Girolamo ripeteva di continuo: "Fatemi [27]degno della vostra croce, o Signore". Però quando lui patrizio vedevanlo gli amici a mendicare e che lo deridevano, Girolamo ne godeva in cuor suo. Quando quelli stessi della famiglia distoglievanlo, l'Emiliani rafforzava i suoi buoni propositi. In mezzo alle penurie di fame o di sete, di carestia o di contagio, udivasi talora sclamare: "Son tante le consolazioni che il Signore mi manda al cuore, che già non saprei se in maggior copia

 - 15 -

sieno in me i godimenti che le pene". Quando le cure soverchie opprimevanlo, diceva a se stesso: "Io non ho ancor sostenuto fino al sangue"14. Con questo confortavasi a tener nella destra la vita sua e offerirla a Dio in ogni atto della vita.

Poteva quest'uomo del Signore non essere giocondato da Dio fino all'ultimo? Lo fu, lo fu. Vedetelo: oh, quanto consola scorgere il cristiano giusto che abbandona questa terra!





p. 14
10 Mt 16, 24.



11 Cfr. Mt 20, 22.



12 Cfr. Mt 5, 3-10.



13 Cfr. 1 Cor 4, 9.



p. 15
14 Cfr. Eb 12, 4.



«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma