Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Fiore di virtù
Lettura del testo

Un fiore di virtù da terra trapiantato nel paradiso (1887-1888)

26. Amor di suor Chiara alle sue consorelle

«»

[- 163 -]
26.
Amor di suor Chiara alle sue consorelle
[I-38] L’affetto di suor Chiara per le sue consorelle non era amor di genio, di argomento sensibile e temporale, ma era amore specialmente spirituale. Nelle sorelle mirava la grandezza della vocazione, la devozione dell’abito e la sublimità dell’ufficio. Considerava uno ad uno gli stenti di povertà e di lavoro indefesso e tutta ardeva di brama per sollevarle. Vedeva e godeva. Ma non mostrava sensibile l’affetto suo, ché avrebbe temuto menomare la virtù delle dilette sue.
In mirare certi difetti o di carattere o di incompatibilità ne ardeva di cruccio vivo, ma tutto nascondeva in cuor suo. E quand’erane incaricata di parlarne, discorreane con tanta forza di cuore e 79 di soavità, e sì di cuore che di subito le ­sorelle si arrendevano in tutto alla sua discrezione. Benché la più giovane per età e per servizio, ella dominava su tutte e intieramente. Né il suo dominio punto sarebbe apparso giammai.




p. 163
79
Originale: cuore, di forza e.


«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma