Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Fiore di virtù
Lettura del testo

Un fiore di virtù da terra trapiantato nel paradiso (1887-1888)

32. Le passeggiate

«»

[- 167 -]
32.
Le 88 passeggiate
[I-44] Le menti giovanili corrono a Dio, ma per mezzo delle cose sensibili: Insensibilia... Se questo è per l’uomo, pel fanciullo tanto più, nel quale la fantasia precede la ragione e l’accompagna. Nel corso dell’anno si danno giorni 89 ai quali si attacca il periodo di più mesi; la mente giovanile guarda e dice: « Se io sarò savia otterrò questo e più altro », e intanto si sprona al bene. Diceva suor Chiara con amorevol sorriso: « Fate bene e vi accompagnerà poi la superiora ad un’amena passeggiata... Vedremo... faremo... troverete cose di alta soddisfazione ». Ed era fedele in attendere perché mancando non sarebbe più stata ascoltata.
La passeggiata era un tormento per la suor Chiara 90 ed una gioia insieme pel godimento che scorgeva nelle altre. Oh quello spirito dolce di anima santa! Come effondeva suoi sentimenti, espandeva il cuore, faceva osservare, istruiva!... Menaggio, Rez­zonico, Sorico erano gli approdi più comuni. Si mangia con gusto un povero nonnulla e si ritorna a sera; visita alla chiesa, un - 168 -cantico sacro... ecco, egli è un pellegrinaggio carissimo. I paesi dicono fortunato questo luogo che ha ricevuto un collegio di donne pie, il Signor per esse ci benedica. Compiuta la giornata, ivi è l’alimento per un periodo più o meno lungo. Sia lode a Dio.




p. 167
88
Originale: Le /piccole accademie/.


89
Originale: danno /periodi/ o giorni /al quale/.


90
Nell’interlinea sopra a suor Chiara è apposto « per sé ».


«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma