Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Ricordini S. Zita
Lettura del testo

Ricordini di santa Zita (1888-1890)

Considerazione IV. Prudenza di un’anima fedele

«»

- 202 -
Considerazione IV.
Prudenza di unanima fedele
[11] Mi metto alla santa presenza di Dio e dirò: « Padre nostro etc., Ave, Maria... Gloria al Padre etc. ».

1. La Zita, anima prudente, si comporta rispettosamente con i capi di casa, soavemente con le figlie, brevemente con i figli. Quanto ai capi di casa, ricorda che sono in luogo di Dio e comandano in luogo di Dio e son da obbedire come rappresentanti di Dio. Porgi loro ad ogni circostanza saluto cordiale ed ossequente, ascoltane con volto ilare i comandi e ne previeni per quanto è in te i loro giusti desideri. Se un giorno 19 tu sii tentata a credere che i padroni gravino sopra di te la destra, tu non lo credere di leggeri: piuttosto riconosciti tu mancante di umiltà e di pazienza e prega san Francesco di Sales [12] ad ottenerti più viva fiamma di carità, che un amore tenerissimo inverso al prossimo, esso è il più bel dono che il Signore possa fare ai mortali quaggiù.
2. Con sincero affetto recati pure inverso alle figlie de’ tuoi padroni. Ma con queste non così intensamente che un affetto dapprima puro non si converta poi in affetto sensibile o, che sarebbe peggio, in una tenerezza sentimentale. Però conversa raro e con brevità: abborri da qualsiasi pettegolezzo e più che ad altro pensa a compiere esatto l’ufficio tuo. Guardati che verun degli affetti tuoi o d’altri si strappi a Dio per donarlo alla creatura.
3. Considera parimenti che con i figli di famiglia è bene che tu ti mostri spigliata e 20 cortese, ma senza spendere una - 203 -parola oltre il convenevole. [13] Non conviene che tu riferisca punto dei figli o delle figlie se i genitori non te ne facciano un espresso comando, e in argomento di cosa che tu non 21 comprometta poi la persona e l’ufficio tuo.
Orazione
Insegnatemelo voi un modo più acconcio di condotta. Fate che io ripeta sovente a me: « In caso consimile che farebbe o che direbbe il mio divin Redentore e Maestro? ».
E voi che siete la Mamma mia, o Vergine prudentissima, volgetemi benevolo il guardo vostro.
Dopo la meditazione
Prenderò qualche buona risoluzione...
Ringrazierò il Signore dei lumi che mi ha dati nella presente meditazione e lo pregherò a darmi grazia di mettere in pratica le prese risoluzioni.




p. 202
19
Originale: Se /ti sembra che/ un giorno /si facciano pretenziosi non lo creder di leggeri/. Il successivo brano a credere [...] di leggeri è scritto nella parte inferiore della pagina precedente ed inserito a questo punto del testo con un richiamo.


20
Originale: spigliata e /e faconda, ma siffattamente che appena tu abbia risposto all’ufficio tuo, tosto che tu sia disobbligata [13] da ulteriori convenienze e subito ti ritragga alle diverse mansioni che ti incombono/.


p. 203
21
Originale: non /possa/.


«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma