Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Ricordini S. Zita
Lettura del testo

Ricordini di santa Zita (1888-1890)

Considerazione XXVII. La Vergine immacolata

«»

[- 246 -]
Considerazione XXVII.
La Vergine immacolata
[99] Mi rappresenterò il Signore che dopo aver scacciato Adamo ed Eva colpevoli dal paradiso terrestre 171 dice loro parole di speranza sul Salvatore, di lode alla Vergine immacolata.

Mi metto alla santa presenza di Dio e dirò: « Padre nostro etc., Ave, Maria... Gloria al Padre etc. » 172.

1. Considera in primo luogo che quando tu miri il Padre eterno intento a preservar la Vergine dalla colpa di origine in virtù dei meriti di Gesù Cristo, e lo Spirito Santo che opera per la santificazione di tal donna. E tu, quando don­na siffatta la scorgi con la bandiera sua di Immacolata e di - 247 -Vergine e madre del Salvatore percorrere tutta la terra e trarre a milioni cuori vergini a sé per offerirli a Gesù Cristo. E poi quando odi che tutto il mondo dei cristiani genuflesso innanzi a Maria supplica: « Santa Maria etc. ». E quando [100] finalmente 173 ti rappresenti Maria incoronata regina del cielo e della terra, sovrana degli angeli e degli uomini, allora con affetto purissimo ricorda pure che Maria è la vera madre di Gesù ­Cristo, l’avvocata dei peccatori, la salute degl’infermi, l’aiuto dei cristiani, lei 174 la santa Maria che intercede per il devoto femmineo sesso appo Dio.
2. Considera che come è grande e potente tal madre, così ella ti vuol un bene sommo, mentre ti amò costantemente e ti ricevé in adozione per figlia ai piedi della croce 175. Le sei costata tanti dolori; pensalo or tu: ad una madre più le son cari i figli che più le son costati di pene e più sono miseri. Ell’è la madre dei disperati, il rifugio dei peccatori, ed è per eccellenza la madre di quei che amano e sperano. Basta sol che [101] tu a lei pensi, ed ella moltiplica inverso te le prove di sua dilezione.
3. Considera che però ad esser buona figlia di Maria si richiede che tu abbia buona volontà per non offender Iddio con qualsiasi peccato mortale. Abbia tu un tenerissimo affetto a Maria. E poi adoprati a publicar le sue lodi. Impiega tempo e vigilanza per le sue feste e novene. Falle qualche ossequio di digiuno, di mortificazione, specie al sabato a lei consacrato. Chi avrà trovata Maria avrà trovata la salute, ché Maria della salute in paradiso ne è la porta.
Orazione
Vergine immacolata, quanto siete bella! Quanto santa! E quanto mi siete potente al trono di Dio! Voi mi amate ed io vi amo. Siatemi madre, ed io che vi sia figlia dabbene. Aiutatemi ad amarvi e ossequiarvi tuttodì.
- 248 - Dopo la meditazione
Prenderò qualche buona risoluzione...
Ringrazierò il Signore dei lumi che mi ha dati nella presente meditazione e lo pregherò a darmi grazia di mettere in pratica le prese risoluzioni.




p. 246
171
Originale: terrestre /promise loro che la Vergine/.


172
Nell’originale il richiamo a questo testo introduttivo è inserito subito dopo il titolo della Considerazione.


p. 247
173
Originale: quando [100] quando finalmente.


174
Originale: lei /che/.


175
Originale: croce. /Gli/.


«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma