Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Ricordini S. Zita
Lettura del testo

Ricordini di santa Zita (1888-1890)

Consideraz‹ione› XXVIII. Una volta nell’anno

«»

[- 248 -]
Considerazione XXVIII.
Una volta nellanno
[102]Rappresentati santa Margherita da Cortona che dato un severo addio al mondo si ritrae alla solitudine per provvedere all’anima propria.
Mi metto alla santa presenza di Dio e dirò: « Padre nostro etc., Ave, Maria... Gloria al Padre etc. ».
1. Considera che la gente del mondo si pretende che una volta nell’anno 176, o sia di tempo in tempo, possa anche commettere qualche 177 sciocchezza di diletto. E tu che non vuoi e non devi essere del mondo ma di Dio, tu almeno una volta nell’anno traiti alla solitudine per attendere all’anima tua. Gli Esercizii spirituali detti di sant’Ignazio [103] operano miracoli di conversioni sui peccatori, prodigi di grazia nelle anime tiepide, e le anime già fervorose le fanno camminar con ali di aquila alla contemplazione delle celesti verità. Però intanto che gli uomini si applicano ai loro divertimenti, e tu applicati a conversare almeno per qualche con Dio.
2. Considera che benché per caso a te non sia dato di poterti applicare per otto giorni intieri a quest’unico intento degli spirituali Esercizii, nondimeno se potrai almeno al mattino ed - 249 -alla sera ascoltare qualche tratto di parola di Dio e raccoglierti più seriamente che tu possa al grande affare dell’anima tua, non dubitare che ciò medesimo non ti aiuti grandemente nel tuo progresso spirituale.
3. [104] Però a questo periodo di tempo degli spirituali Esercizii tu devi tener volto lo sguardo spesso nel corso del­l’anno. Nei momenti difficili pensa a quell’ora che tu converserai con Dio e il Signore che parlerà teco. E quando il dubbio agita il cuor tuo, e tu pensa subito a quell’ora in cui, Dio aiutandoti, potrai tu far­ti intendere ed egli parlare a te sul da farsi in casi gravi della vita.
Orazione
O buon Signore, come siete buono e misericordioso in richiamarmi per ascoltare la vostra voce. Io cammino con furia, quasi travolta dalle angustie e dalle sollecitudini del gran mondo. Oh se potrò far sosta e dirigere più diritti e veloci i passi miei inverso al cielo!
O Maria madre di Gesù, siatemi Madre. O Maria porta del cielo, fatemi trovar la vita!...
Dopo la meditazione
Prenderò qualche buona risoluzione...
Ringrazierò il Signore dei lumi che mi ha dati nella presente meditazione e lo pregherò a darmi grazia di mettere in pratica le prese risoluzioni.




p. 248
176
Originale: nell’anno /possa anche/.


177
Originale: qualche /pazzia/.


«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma